Alla scoperta di Bollinger Bands e Average Directional Index (ADX)

L’uso delle Bollinger Bands è una tecnica di analisi tecnica caratterizzata da un insieme di linee di tendenza. Sono rappresentate come due deviazioni standard, sia in positivo che in negativo, da una media mobile semplice (SMA) del prezzo di un titolo e, a seconda delle preferenze dell’utente, possono essere modificate verso l’alto o verso il basso.

Le Bande di Bollinger® sono state create da John Bollinger, un trader tecnico, con l’intento di fornire agli investitori una maggiore probabilità di riconoscere quando un asset è ipervenduto o ipercomprato.

bollinger bands adx
Adobe Stock

Lo scopo delle Bande di Bollinger è quello di fornire indicazioni che indichino se un mercato è ipervenduto o ipercomprato. Una media mobile semplice, chiamata banda centrale, nonché una banda superiore e una inferiore sono le tre linee che compongono le Bande di Bollinger. È possibile apportare modifiche alle bande superiore e inferiore, che normalmente sono due deviazioni standard in più o in meno rispetto a una media mobile semplice di venti giorni.

Quando il prezzo entra costantemente in contatto con la banda di Bollinger superiore, ciò può indicare che il mercato è ipercomprato. È possibile che venga comunicato un segnale di ipervenduto se il prezzo continua a toccare la banda inferiore.
Una banda di Bollinger

Come si determina il valore delle Bollinger Bands

La prima cosa da fare per calcolare le Bande di Bollinger è calcolare la media mobile semplice (SMA) del titolo. Nella maggior parte dei casi, per questo calcolo si utilizza una SMA a 20 giorni. Come dato iniziale, una media mobile semplice (SMA) a 20 giorni considera la media dei prezzi di chiusura dei primi 20 giorni.

Nei dati successivi, si sottrae il primo prezzo, lo si aggiunge al prezzo del 21° giorno, si calcola la media e così via. Dopodiché, si determina la deviazione standard del prezzo di acquisto del titolo. Uno dei concetti più importanti nei campi della statistica, dell’economia, della contabilità e della finanza è la deviazione standard, che è una misura quantitativa della variazione media.

Utilizzando un particolare insieme di dati, la deviazione standard è una metrica statistica che determina quanto i valori si discostano da un valore medio. La radice quadrata della varianza, che è la media delle variazioni al quadrato della media, può essere utilizzata per calcolare la deviazione standard. Successivamente, si moltiplica il valore della deviazione standard per due, quindi si aggiunge e si toglie tale importo da ciascun punto lungo la SMA. Le bande superiori e inferiori sono prodotte da questi elementi.

In che modo si può imparare dalle Bollinger Bands

Un numero significativo di trader ritiene che il mercato sia più ipervenduto quando i prezzi si avvicinano alla banda inferiore e che sia più ipercomprato quando i prezzi si avvicinano alla banda superiore. Quando si tratta di utilizzare le bande come metodo di trading, John Bollinger ha una serie di 22 principi che i trader devono rispettare.

Lo squeeze

Lo “squeeze” è la forza trainante della strategia di trading delle Bande di Bollinger®. Si parla di “squeeze” quando le bande si avvicinano e la media mobile diventa più vincolata. I trader percepiscono uno squeeze come un probabile indicatore di un futuro aumento della volatilità e di potenziali opportunità di trading. Uno squeeze indica un periodo di bassa volatilità ed è considerato una potenziale causa di volatilità futura.

D’altra parte, maggiore è la distanza tra le bande, maggiore è la probabilità di un calo della volatilità e maggiore è la probabilità di abbandonare un’operazione. Nessuno di questi criteri costituisce un segnale di trading. Le bande non solo non mostrano quando potrebbe verificarsi il cambiamento, ma non indicano nemmeno in quale direzione si muoverà il mercato.

Il breakout

Circa il novanta per cento dell’attività di prezzo che si svolge tra le due bande è un breakout. Se si verifica un breakout al di sopra o al di sotto delle bande, è degno di nota. Un numero significativo di investitori commette l’errore di interpretare il raggiungimento o il superamento di una delle bande come un segnale di acquisto o di vendita. Tuttavia, il breakout non è un segnale di trading. I breakout non implicano nulla sulla direzione o sull’entità del movimento di prezzo che si verificherà in futuro.

Le Bande di Bollinger® sono utilizzate per creare una fascia intorno alla media mobile semplice a 20 giorni del titolo nel grafico sottostante. Questa fascia comprende una banda superiore e una inferiore, oltre alle fluttuazioni giornaliere del prezzo del titolo. La deviazione standard è una misura della volatilità e, quando i mercati diventano più volatili, le bande si allargano. D’altro canto, quando i mercati sono meno volatili, le fasce si restringono.

Alcune restrizioni relative alle Bollinger Bands

Uno degli indicatori che dovrebbe offrire ai trader informazioni sulla volatilità dei prezzi si chiama Bollinger Bands. Bollinger Bands® non è un sistema di trading che opera in modo indipendente.Con l’aiuto di altri due o tre indicatori non correlati che offrono indicazioni di mercato più dirette e di indicatori basati su altre forme di dati, John Bollinger raccomanda di utilizzare questi indicatori insieme ad essi. La divergenza/convergenza della media mobile (MACD), il volume in equilibrio e l’indice di forza relativa (RSI) sono alcuni degli approcci tecnici che predilige.

Poiché le Bande di Bollinger sono derivate da una media mobile semplice, danno lo stesso peso ai dati di prezzo più vecchi e a quelli più recenti. Ciò significa che le nuove informazioni possono essere diluite da dati non più rilevanti. L’utilizzo di una media mobile semplice a 20 giorni e di due deviazioni standard è piuttosto casuale e potrebbe non essere applicabile a tutti gli individui in ogni circostanza.Gli operatori di mercato devono apportare le necessarie modifiche alle loro ipotesi di SMA e deviazione standard e tenerle sotto controllo.

In che modo si può imparare dalle Bollinger Bands

Sulla base dei prezzi, le Bande di Bollinger forniscono ai trader un’idea della direzione in cui si muove il mercato.A tal fine, vengono utilizzate tre bande: una banda rappresenta il livello superiore, un’altra banda rappresenta il livello inferiore e la terza banda rappresenta la media mobile. La possibilità che il mercato sia ipercomprato è indicata dal fatto che i prezzi si stanno avvicinando alla banda superiore. D’altro canto, se i prezzi si avvicinano alla banda inferiore o a quella più bassa, ciò potrebbe indicare che il mercato è ora ipervenduto.

Quando si parla di Bande di Bollinger, quali sono gli indicatori più efficaci?Se utilizzati in combinazione con altre indicazioni, molti indicatori tecnici offrono i migliori risultati. Le Bande di Bollinger sono spesso utilizzate insieme all’indicatore di forza relativa (RSI) e all’indicatore BandWidth, che misura la larghezza delle bande rispetto alla banda centrale. Per individuare le Bollinger Squeeze, i trader utilizzano il BandWidth.

Domande frequenti sulle Bollinger Bands

Le Bollinger Bands sono precise?

Poiché le Bollinger Bads sono state progettate per utilizzare un intervallo di +/- due deviazioni standard intorno a una media mobile semplice (SMA), dovremmo prevedere che il movimento di prezzo osservato rientrerà in queste bande per circa il 95% del periodo.

Qual è il time frame più efficace da utilizzare con le Bollinger Bands?

In genere, quando si utilizzano le Bande di Bollinger si utilizza una media mobile a 20 giorni. In conclusione, le Bollinger Bands possono essere uno strumento utile per i trader nel determinare il livello relativo di una posizione di ipervenduto o di ipercomprato di una società. Inoltre, fornisce ai trader indicazioni su quando è opportuno entrare e uscire da una posizione.

Quando i prezzi delle azioni passano al di sotto della banda di Bollinger inferiore, i trader sono spesso in grado di approfittare di situazioni di ipervenduto e di trarre vantaggio quando il prezzo delle azioni risale verso la linea centrale della media mobile. Questo perché l’acquisto in questo momento consente di massimizzare i profitti.

azioni media capitalizzazione
Adobe Stock

Che cos’è l’Average Directional Index (ADX)

Alcuni trader utilizzano l’indice direzionale medio, spesso noto come ADX, un indicatore di analisi tecnica che li aiuta a valutare la forza di un trend.

I due segni di accompagnamento, l’indicatore direzionale negativo (-DI) e l’indicatore direzionale positivo (+DI), indicano entrambi che la tendenza può essere al rialzo o al ribasso. La tendenza può essere positiva o negativa.Di conseguenza, l’ADX è spesso composto da tre linee distinte.Queste linee vengono utilizzate per determinare se un’operazione debba essere effettuata long o short, o se debba essere effettuata del tutto.

L’ADX è stato inizialmente sviluppato da Welles Wilder per essere utilizzato nei grafici giornalieri delle materie prime; tuttavia, attualmente viene utilizzato dai trader tecnici in diversi mercati per valutare la forza di una tendenza dominante.Oltre alla trendline, l’ADX utilizza un’ulteriore indicazione direzionale, un indicatore direzionale positivo (+DI) e uno negativo (-DI).

Secondo Wilder, quando l’ADX è superiore a 25, la tendenza è forte; quando l’ADX è inferiore a 20, la tendenza è debole o il prezzo è senza tendenza.La tendenza si rafforza quando l’ADX è superiore a 25.

Il prezzo potrebbe non essere in trend, ma ciò non significa che non si stia muovendo. Sebbene sia possibile che non lo sia, è anche possibile che il prezzo stia subendo un cambiamento di tendenza o che sia troppo volatile perché sia evidente una direzione precisa.

Come leggere e interpretare i valori dell’ADX

Quando l’ADX è superiore a 25, indica una tendenza forte, mentre quando è inferiore a 20, indica una tendenza debole. I trader possono produrre segnali di trading utilizzando gli incroci tra le linee -DI e +DI rispettivamente.Ad esempio, se la linea +DI si incrocia con la linea -DI e l’ADX è superiore a 20, o idealmente a 25, si tratta di un potenziale segnale di acquisto. Inoltre, l’ADX dovrebbe essere superiore a 25. In alternativa, se il -DI si incrocia con il +DI e l’ADX è superiore a 20 o 25, si presenta la possibilità di avviare un potenziale trade short. Questo perché il -DI è un indicatore rialzista.

Gli incroci sono anche uno strumento che può essere utilizzato per uscire dalle operazioni esistenti. Quando il -DI incrocia il +DI, ad esempio, si dovrebbe uscire dalla posizione long.Nel frattempo, quando l’ADX è inferiore a 20, l’indicatore indica che il prezzo non è in trend e che è possibile che non sia il momento migliore per effettuare un’operazione.

Un confronto tra l’Average Directional Index e l’indicatore Aroon

L’indicazione ADX è composta da un totale di tre linee, mentre l’indicatore Aroon è composto da due sole linee. Entrambi gli indicatori sono paragonabili in quanto presentano linee che mostrano movimenti positivi e negativi, che aiutano a determinare la direzione del trend (direzione del trend). Oltre all’ADX, anche la lettura o il livello di Aroon è utile per determinare la forza del trend. D’altra parte, poiché i calcoli sono diversi, i crossover su ciascuno degli indicatori avverranno in momenti completamente diversi.

Domande frequenti sull’ADX

Quali sono gli svantaggi dell’uso di ADX?

I crossover possono verificarsi spesso, a volte anche troppo frequentemente, quando si utilizza l’ADX. Questo può portare a confusione e alla potenziale perdita di denaro in operazioni che vanno rapidamente nella direzione opposta senza alcun preavviso. Tutti questi casi sono definiti falsi segnali e sono più frequenti quando le letture dell’ADX sono inferiori a 25. Detto questo, ci sono casi in cui l’ADX raggiunge un livello superiore a 25, ma questo evento momentaneo è seguito da un’inversione del prezzo.

L’ADX, come qualsiasi altro indicatore, deve essere abbinato all’analisi dei prezzi e a eventuali altri indicatori per filtrare i segnali e controllare il rischio.

Cosa costituisce un buon indice direzionale per la media?

Un ADX superiore a 25 è di natura potente. Se l’ADX è inferiore a 20, indica che la tendenza è debole o che il prezzo non è affatto in tendenza.

L’ADX è un indicatore affidabile?

La risposta è sì; ma, se abbinato ai prezzi, offre indicazioni superiori per le strategie di investimento. Dopo aver determinato se i prezzi sono in tendenza o non in tendenza, gli investitori dovrebbero innanzitutto utilizzare l’ADX per identificare la condizione e poi selezionare il metodo di trading più adatto alla situazione.

Qual è l’indicatore più appropriato da utilizzare insieme all’ADX?

Se abbinato ad altri indicatori tecnici, come ad esempio l’indice di forza relativa (RSI), l’ADX ha il massimo grado di efficacia. A differenza dell’ADX, che misura la forza della tendenza, l’indice di forza relativa (RSI) fornisce una componente temporale della tendenza, che può essere utile per effettuare entrate e uscite.

Per riassumere, la linea di fondoPer accertare l’intensità di una tendenza e la direzione in cui si sta muovendo, i trader tecnici utilizzano l’indice di movimento direzionale medio, spesso noto come ADX. Per valutare se un mercato è in fase di trading o di range, i trader possono utilizzare l’ADX. Una volta ottenuta questa informazione, possono successivamente utilizzare l’approccio di trading tecnico appropriato.

Poiché questo metodo ha il potenziale per avere successo pur comportando un basso livello di rischio, è una tecnica popolare tra i trader. Elementi come la media mobile semplice parabolica (SAR), le medie mobili e gli inviluppi sono esempi di ulteriori indicatori di analisi tecnica paragonabili all’ADX.