Banconota di Alessandro Volta: chi ricorda questo piccolo tesoro? Quanto vale oggi

Banconote lire
Banconote lire (Adobe)

Una delle banconote ricordate con forse maggior affetto dagli italiani. Banconota che segnato il suo tempo, forse anche per il potere d’acquisto negli anni detenuto. Andata in pensione con l’avvento dell’euro nel 2002, la 10mila lire ha sempre mantenuto quel fascino indiscusso che ha caratterizzato la sua esperienza. Diversi i volti che ne hanno caratterizzato l’immagine. L’ultimo, il più recente e forse nell’immaginario pubblico il più familiare è certamente quello di Alessandro Volta, caratterizzato da quel particolare dettaglio cromatico.

Il mondo del collezionismo negli anni ha di certo fatto passi da gigante, per lo meno per quel che riguarda il seguito coltivato anno dopo anno. Il web e le sue infinite possibilità di ricerca, la concreta consapevolezza di poter acquisire informazioni di ogni tipo, di poter scovare in ogni angolo nuovi esemplari di questa o quella moneta o banconota ha fatto sicuramente in modo che il tutto acquisisse un seguito nettamente più numeroso, anno dopo anno. Il contesto è quasi del tutto rivoluzionato oggi.

10mila lire: l’immagine di Alessandro Volta ha praticamente segnato un’epoca

Diecmila lire
Diecimla lire (Adobe)
Protagonista assoluto di questa nuova versione di banconota, adottata nel 1984 e stampata fino al 1998 è Alessandro Volta, l’uomo che ha praticamente concepito la prima pila al mondo ed ha scoperto il gas metano. Ritirata nel 2002 con l’arrivo dell’euro questa banconota ha caratterizzato, è proprio il caso di dirlo tutti gli anni ottanta, in alcuni casi identificati anche grazie all’immagine di questa affasciante banconota. Rappresentato inoltre, insieme a Volta, il Tempo Voltiano, edificio costruito nel centenario della sua nascita 1927 nella citta natale dell’illustre italiano.LEGGI ANCHE >>> Questa banconota è rara e ricchissima: gli hanno offerto 300 mila euro ma non la vende

Gli esemplari ricercati dai collezionisti di tutto il mondo, e quindi quelli di maggior valore sono quelli che fanno parte delle cosiddette serie sostitutive. Queste banconote furono realizzate per prendere il posto degli esemplari in circolazione danneggiati. Di conseguenza risultano essere molto più rari. A contraddistinguerli è la lettera X ad inizio serie. La serie che ha come inizio le lettere XA, ad esempio, in perfette condizioni può arrivare a valere anche 1300 euro. Ovviamente condizioni peggiori fanno man mano diminuire il prezzo. XB può valere fino a 650 euro in ottime condizioni, XC 600 euro, XD 400 euro. Un vero e proprio tesoro, insomma, per chi si ritrova tra le mani questa meravigliosa banconota

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *