Hai il pollice verde? Puoi ottenere agevolazioni economiche per i tuoi lavori di giardinaggio, scopri come

La pandemia e il tempo trascorso in casa, per chi si poteva permettere una relativa serenità nell’ambiente familiare, lontano, se fortunato dai contagi, ha permesso di riscoprire hobby dimenticati o accantonati a causa del frenetico ritmo lavorativo. C’è chi è dedicato alla cucina, e c’è chi ha deciso di investire il proprio tempo sulla cura del giardino.

In fondo, però, gli appassionati di giardinaggio, un po’ per esigenza di non trascurare lo spazio a disposizione, un po’ per diletto personale, ci sono sempre stati.

Bonus Verde
Bonus verde scopri come ottenerlo

Lo sapevi che esistono normative specifiche che ti consentono di recuperare il denaro speso, fino alla cifra di 40mila euro, se dimostri di avere effettuato lavori di ristrutturazione e rimessa a nuovo del tuo spazio verde? Nello specifico però si tratta di spazio in comune, quello condominiale.

La ragione sta nel fatto anche, probabilmente, di voler migliorare l’estetica e la pulizia dei condomini.

Bonus Verde 2022: scopriamo di cosa si tratta e come ottenerlo

Una bella iniziativa del nostro Governo, in vigore da alcuni anni, che si chiama appunto Bonus Verde. Naturalmente per rientrare nelle agevolazioni, occorre rispondere a determinati criteri e naturalmente anche presentare le regolari fatture. Quelle del materiale acquistato o del personale specializzato impiegato per svolgere determinate mansioni.

Bonus Verde 2022: ecco cosa accade nelle realtà condominiali

Il Bonus Verde riguarda le realtà condominiali, nello specifico fino a 8 abitazioni. Insomma siamo di fronte a una normativa che vale la pena conoscere, che interessa su tutti gli amministratori di palazzine o il cittadino che ha delega di coordinatore.

Detrazioni fino al 36%

Siamo di fronte a una detrazione, che arriva fino al 36%. Riguarda le spese documentate e sostenute per la “sistemazione a verde” di aree scoperte private di edifici esistenti, se spetta, appunto, anche nel caso in cui i lavori interessino le parti comuni condominiali.

Non dimenticare però che esistono bonus specifici per recuperare spese effettuate anche per la propria abitazione privata.

Regole ben precise da tenere presente

Attenzione le regole sono ben precise e vanno osservate come sempre rigorosamente per evitare di rimanere con un pugno di mosche nelle mani.

Cosa può fare il singolo condomino

Punto 1. Si può spendere, nel caso di un condominio, fino a 5mila euro di lavori per unità abitativa.

Punto 2. La detrazione spetta al singolo condomino nel limite della quota a lui imputabile, a condizione che la stessa sia stata effettivamente versata al condominio entro i termini di presentazione della dichiarazione dei redditi.

Quanto mi spetta rispetto alla mia unità abitativa?

Ne consegue che un singolo inquilino, in un complesso abitativo di 8 unità, con un tetto massimo di spesa di 40mila euro, può ricevere una detrazione personale fino a 5mila euro attraverso l’amministratore.

Ma è bene anche chiedersi quali opere sono contemplate nel Bonus Verde previsto dal Governo.

Le spese detraibili

Vediamolo nello specifico.

  • sistemazione della parte del suolo verde con pagamento consulenze e commissioni operai qualificati
  • acquisto di attrezzature per lo svolgimento dei lavori
  • acquisto materiali di “ornamento” come piante e fiori
  • Lavori specializzati come impianti di irrigazione

Sembra assurdo ma da tutto questo rimane fuori la manutenzione ordinaria.

Bonus Verde 2022: lo sapevi che puoi anche abbellire balconi e terrazzi?

Invece è incluso anche l’abbellimento del condominio, con la sistemazione dei balconi e dei terrazzi, può essere in parte detraibile.

Ovviamente occorrono, nel caso del condominio, documentazioni precise. Di tutto deve occuparsi l’amministratore (se presente) o dal delegato (se non presente l’amministratore).

Gli amministratori hanno il compito di consegnare a ciascun condomino la propria quota detraibile a seconda dello spazio della propria unità abitativa in base alla spesa sostenuta. Come quando per i lavori di un ascensore, se sei all’attico e hai l’appartamento più grande, ti tocca pagare di più degli altri.

E’ bene infine, si è proprietari di un appartamento, conoscere tutte le regole relative ai bonus esistenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *