Fai come Netflix: crea un ambiente ideale per i tuoi dipendenti

Netflix è uno dei popolari servizi di streaming video, che offre cinema e serie TV originali che hanno rivoluzionato il settore. Fondata nel 1997, è stata pioniera del settore e ha rapidamente guadagnato una particolare reputazione anche per la sua cultura aziendale.

televisione intrattenimento

Netflix sembra più di ogni altra azienda essere riuscita a farsi amare dai suoi dipendenti, per avere creato un ambiente umano, flessibile e comprensivo delle necessità personali di chi ci lavora. La cultura aziendale incoraggia ed esalta tutte le qualità personali che possono portare una comunità a collaborare e produrre nel modo più efficace possibile.

I tre valori di Netflix a fondamento della produttività dei dipendenti

I valori di Netflix possono essere sintetizzati in coraggio, altruismo, empatia. L’azienda ha scritto un manifesto in cui incoraggia a prendere decisioni sagge, identificare le cause dei problemi prima di discuterne e pensare in modo strategico.

Ogni decisione va presa comunicando e agendo in modo aperto e comprensibile, trattando gli altri con rispetto indipendentemente dal loro grado all’interno dell’azienda. Al fine di avvantaggiare la creatività, lo scambio di idee e ottimizzare tutte le fasi dell’attività produttiva, Netflix incoraggia il dibattito costruttivo fondato sulla curiosità e sugli approcci alternativi ai problemi.

L’innovazione passa anche dal coraggio di esprimere il proprio di vista contribuendo anche ai settori non direttamente di propria competenza. L’altruismo si manifesta ispirando gli altri nel fare del proprio meglio per il gruppo, aiutando i colleghi e condividendo le informazioni in modo aperto e proattivo.

L’ambizione di Netflix una cultura aziendale con al centro la responsabilità

L’ambizione di Netflix è quella di realizzare una cultura aziendale basata sulla libertà e la responsabilità. In questo senso chi apprezza la libertà può assumersi la piena responsabilità delle azioni e delle decisioni, ponderando ogni sua decisione in considerazione dei suoi effetti.

Netflix con la sua politica aziendale e i suoi valori punta a costruire rapporti di fiducia come parte integrante della vita lavorativa. È possibile imparare più velocemente l’uno dall’altro mostrando che siamo fallibili e aperti alle constatazioni degli altri. Dare e ricevere feedback rende i rapporti meno stressanti e formali, creando rapporti sinceri che avvantaggiano l’azienda quando si tratta di collaborare attivamente al suo miglioramento. Viste queste premesse, grazie allo spirito di squadra che la contraddistingue Netflix ha potuto chiedere una riduzione della paga ai propri dipendenti per far fronte ai momenti di difficoltà finanziaria.

In definitiva Netflix si vuole differenziare creando una cultura che, per usare una similitudine, fa in modo che le persone che vedono la spazzatura sul pavimento dell’ufficio non la ignorino lasciando che sia qualcun altro a raccoglierla. Netflix si sforza di essere l’azienda in cui le persone in ufficio si chinino a raccoglierla così come farebbero a casa propria.

LEGGI ANCHE>>Disney vs Netflix: guerra aperta tra i big dell’intrattenimento

Il ruolo di Bozoma Saint John direttrice della divisione marketing di Netflix

A contribuire alla politica di Netflix contribuendo a ispirare le persone più che gestirle, c’è Bozoma Saint John, direttrice della divisione marketing dell’azienda.

Bozoma è una manager nonché imprenditrice che ha avuto notevoli riconoscimenti a livello internazionale. La manager con una lunga esperienza nel campo del marketing ha ricoperto un ruolo di primo piano nel settore. Ha lavorato per Uber, Apple Music, iTunes e PepsiCo in cui è rimasta impiegata per nove anni.

Bozoma nata in Ghana, ha iniziato la sua carriera lavorando in diverse agenzie pubblicitarie a vario titolo. La svolta della sua carriera è avvenuta nel 2005 quando è diventata Senior Marketing Manager di PepsiCo. Bozoma ha guidato l’avventura pubblicitaria dell’azienda sponsorizzata attraverso festival musicali. In questo contesto è stata responsabile della creazione del dipartimento di marketing per la musica e l’intrattenimento. Questo ha aiutato l’azienda ad accedere ai mercati legati a musica e spettacolo.

Ha in seguito assunto posizioni di crescente responsabilità lavorando per Beats Music, un servizio di streaming musicale online che è stato poi acquisito da Apple per 3 miliardi di dollari. L’azienda della mela ha in seguito assunt Saint John. La manager grazie alla sua passata esperienza è arrivata a dirigere la divisione globale del marketing per iTunes e Apple Music.

LEGGI ANCHE>>Brunello Cucinelli: come l’impegno per un capitalismo etico ha reso esclusivo il suo brand

I riconoscimenti di Saint John figura di spicco e potenziale nuovo CEO di Netflix

Tra novembre 2009 e gennaio 2011, Saint John è stata anche Vice Presidente del Marketing e dell’E-commerce per Ashley Stewart, un marchio di moda noto per il suo abbigliamento femminile plus size. Tra i suoi riconoscimenti internazionali nel 2021 è stata nominata tra le 50 leader femminili africane più influenti nel settore manageriale. Bozoma è inoltre presente nella lista Forbes CEO next 50 che raccoglie i manager che si preparano a poter essere nominati amministratore delegato.

Nel 2014, Saint John è stato inserito nell’American Advertising Hall of Achievement. Il premio più prestigioso del settore che premia i pubblicitari che si sono distinti per il loro talento di età pari o inferiore ai quarant’anni. La manager spicca per il suo approccio idealista, la sua sensibilità per i diritti civili e la sua voglia di innovare le aziende con cui entra a contatto.

Bozoma Saint John è stata nominata CMO di Netflix nel giugno 2020 ed è la prima dirigente afroamericana del suo livello nell’azienda.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *