Buoni fruttiferi prescritti: il termine ultimo per goderne

I buoni fruttiferi postali prescritti alla soglia della data ultima per la riscossione. Poste italiane comunica ai clienti la fase decisiva.

Poste Italiane
Poste Italiane (Adobe)

I buoni fruttiferi postali prescritti nel periodo più acuto di pandemia scaturita dalla circolazione del covid andranno in scadenza, ai fini dell’eventuale riscossione in data 30 settembre, praticamente oggi. Poste italiane attraverso i suoi usuali canali ha comunicato per tempo ai propri clienti tutte le informazioni necessarie per prendere coscienza della situazione ed agire di conseguenza. L’avviso in questione riguarda esclusivamente i buoni fruttiferi cartacei. La data limite è in pratica arrivata.

Tali  buoni fruttiferi postali  originariamente con data di prescrizione tra il 1° febbraio 2020 ed il 31 luglio 2021 non potranno essere riscossi come detto entro il 30 settembre 2021. Superata questa data, non sarà più possibile ricevere il capitale investito e nemmeno gli interessi maturati. Il Ministero dell’economia, inoltre ricorda che la prescrizione in questione decorrerà  esclusivamente dalla data di scadenza o di rimborsabilità del titolo. Per il calcolo della data di prescrizione determinante sarà quindi  quella di scadenza del buono stesso.

Buoni fruttiferi in prescrizione: quale tipologia di buono andrà in scadenza

Cosi come anticipato la data di scadenza riguarda esclusivamente i buoni fruttiferi cartacei. Per quanto riguarda quello dematerializzati, di fatto virtuali le condizioni risultano essere assolutamente diverse. Anche per questi ultimi, inoltre, il rimborso potrà avvenire anticipatamente sia per quel che riguarda la cifra complessiva del buono sia per quella parziale, a patto che si rispetti il taglio minimo ed i multipli. I clienti di Poste italiane insomma dovrebbero aver ricevuto tutte le informazioni del caso in merito alla questione.

LEGGI ANCHE >>> Buoni fruttiferi: il parere della legge in merito alla spinosa questione

L’azienda postale, inoltre ha comunicato che per ogni altro tipo di informazione in merito sarà possibile chiedere delucidazioni direttamente presso i numerosissimi uffici postali presenti su tutto il territorio nazionale, oppure recandosi sulla pagina web di Poste italiane. Inoltre sarà possibile chiamare sempre per lo stesso motivo il numero di telefono gratuito 800.00.33.22 per ogni evenienza. La data insomma è arrivata ed è giunto il momento per i clienti Poste italiane di provvedere ai propri interessi. Il momento, insomma è decisivo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *