Come si misura la volatilità con l’average true range (ATR)

Per quanto riguarda la disciplina dell’analisi tecnica, J. Welles Wilder è considerato uno dei cervelli più inventivi. Gli indicatori noti come true range e average true range sono stati introdotti da lui nel 1978. Questi indicatori vengono utilizzati per monitorare la volatilità dei prezzi.

Nonostante il fatto che molti tecnici li utilizzino meno frequentemente delle normali indicazioni, questi strumenti possono aiutare un tecnico a entrare e uscire dalle operazioni. Per contribuire ad aumentare la redditività, tutti i trader di sistema dovrebbero dare un’occhiata a questi strumenti.

atr volatilità
Adobe Stock

In un determinato giorno, la differenza tra il prezzo più alto e quello più basso di un’azione viene definita range del titolo. Esso fornisce indizi sul grado di volatilità di un titolo. Quando l’intervallo è minimo, indica una volatilità minima, mentre quando l’intervallo è ampio, indica una volatilità elevata. Sia per le opzioni che per le materie prime, l’intervallo si misura nello stesso modo in cui si misura per le azioni, ossia sottraendo il massimo dal minimo.

Una distinzione tra il mercato azionario e quello delle materie prime è che le principali borse dei futures mirano a evitare movimenti di prezzo eccessivamente imprevedibili, imponendo un limite alla quantità di oscillazioni del mercato in un singolo giorno. Questa è una delle differenze fondamentali tra i due mercati. Un altro nome per questo è limite di blocco, e si riferisce all’importo massimo che il prezzo di una merce può fluttuare in un singolo giorno. Negli anni ’70, quando l’inflazione raggiunse livelli mai visti prima, i mercati di una serie di materie prime, tra cui grano, pancetta di maiale e altre, erano soggetti a movimenti limite.

Quando ciò accadeva, un null market iniziava con un limite al rialzo e non vi erano più scambi. Alla luce del fatto che i movimenti di limite e il range giornaliero mostravano una volatilità eccezionalmente bassa in mercati che in realtà erano più turbolenti di quanto non fossero mai stati, il range fu ritenuto una misura insoddisfacente della volatilità.

L’evoluzione dei mercati

In quel periodo, quando i mercati dei futures erano meno organizzati di adesso, Wilder entrò nel mercato come trader di futures. I mercati spostavano regolarmente i loro limiti verso l’alto o verso il basso e l’apertura di gap era un evento comune nel mercato. L’implementazione di alcuni dei sistemi che stava progettando divenne quindi più impegnativa per lui.Secondo la sua ipotesi, i periodi di bassa volatilità sarebbero stati seguiti da periodi di alta volatilità. Partendo da questa ipotesi, si potrebbe costruire un sistema di trading intraday.

Per illustrare come questo potrebbe portare a dei profitti, è importante tenere presente che l’alta volatilità dovrebbe seguire la bassa volatilità.Il range giornaliero può essere confrontato con una media mobile a 10 giorni del range, che ci permette di determinare se il range è volatile o meno. Nel caso in cui l’intervallo di oggi sia inferiore a quello dei dieci giorni precedenti, abbiamo la possibilità di aggiungere il valore di tale intervallo al prezzo di partenza e quindi di acquistare un breakout.

Quando un’azione o una commodity esce da un piccolo intervallo, è probabile che continui ad avanzare nella direzione del breakout per un periodo di tempo considerevole dopo che si è verificato. Il problema dell’apertura dei gap è che nasconde la volatilità quando si osserva l’intervallo giornaliero. Questo è considerato uno svantaggio. Nel caso in cui una commodity inizi con un limite al rialzo, il range sarà piuttosto limitato.

L’aggiunta di questo valore relativamente minore all’apertura del giorno successivo è probabile che determini un volume di scambi più elevato.La volatilità dovrebbe diminuire in seguito a un movimento di limite, periodo in cui i trader desiderano esplorare i mercati che offrono migliori opportunità di trading. Questo perché è probabile che la volatilità diminuisca.

Qual è il calcolo della media del true range

Per risolvere questo problema, Wilder ha elaborato il range reale. Lo ha fatto prendendo in considerazione il gap e calcolando la volatilità giornaliera con una precisione maggiore di quella ottenibile con il calcolo del range standard. Il valore massimo che può essere determinato risolvendo le tre equazioni riportate di seguito è il range reale.

1. TR = H  L

2. TR = H  C 

3. TR = C.1  L

dove:

TR = the true range

H = today’s high

L = today’s low

C.1 = chiusura del giorno precedente

L’equazione #2 rappresenterà in modo appropriato la volatilità del giorno misurata dal massimo alla chiusura precedente se il mercato ha registrato un gap superiore.

Questo a condizione che il gap sia superiore alla chiusura precedente.I giorni che iniziano con un gap al ribasso possono essere considerati sottraendo il minimo del giorno dalla chiusura precedente, come mostrato nell’equazione numero tre.

Average True Range (ATR)

Una media mobile semplice (SMA) o una media mobile esponenziale dell’intervallo effettivo costituiscono l’intervallo reale medio (ATR), che è una misura dell’intervallo reale. Per chiarire il concetto, Wilder ha utilizzato un average true range a 14 giorni. Spetta ai trader decidere se impiegare periodi più brevi o più lunghi per il loro trading.

Sebbene le durate più brevi possano determinare un aumento dell’attività di trading, i timeframe più lunghi saranno più lenti e porteranno molto probabilmente a una riduzione del numero di segnali di trading. Di seguito è riportata una visualizzazione degli indicatori TR e ATR.

Mettere in pratica l’Average True Range (ATR)

I trader sono concordi nell’affermare che la volatilità presenta cicli distinti e, sulla base di questa idea, l’Average True Range (ATR) può essere utilizzato per stabilire i segnali di entrata. Al fine di temporizzare le proprie operazioni, i trader a breve termine ricorrono spesso ai metodi di breakout dell’ATR. Quando l’average true range (ATR) o un multiplo dell’ATR viene aggiunto al prezzo di apertura del giorno successivo, questo metodo compra quando i prezzi salgono al di sopra di quel livello. L’inverso è vero per le operazioni short, che prevedono la detrazione dell’average true range (ATR) o di un multiplo dell’ATR dal prezzo di apertura, per poi entrare nel mercato quando il livello viene violato.

Entrando nel mercato all’apertura dopo una giornata che ha chiuso al di sopra della chiusura più l’ATR o al di sotto della chiusura meno l’ATR, la strategia di breakout dell’ATR può essere utilizzata come sistema a più lungo termine. Ciò si ottiene entrando nel mercato all’inizio.

L’ATR nella pratica

I concetti alla base dell’ATR possono essere utilizzati anche per definire gli stop delle strategie di trading, e questo metodo è in grado di funzionare indipendentemente dal tipo di ingresso utilizzato.La nota tecnica di trading “turtle” prevede degli stop basati sull’ATR (Average True Range). Un altro esempio di stop che utilizza l’ATR è l'”uscita a lampadario”, inventata da Chuck LeBeau.Questo particolare stop prevede il posizionamento di un trailing stop a partire dal massimo dell’operazione o dalla massima chiusura della transazione.

Un’impostazione tipica per la distanza tra il prezzo massimo e il trailing stop è di tre ATR (Average True Range).Il prezzo aumenta e viene trasportato verso l’alto.È imperativo che gli stop sulle posizioni lunghe non vengano mai abbassati, poiché ciò sarebbe controproducente per l’obiettivo di avere uno stop in posizione.

L’average true range (ATR) è uno strumento flessibile che può aiutare i trader a individuare le posizioni di entrata e uscita e a valutare la volatilità.Grazie a questo concetto, è possibile costruire un intero sistema di trading.Gli studenti del mercato che si dedicano seriamente ai loro studi devono prendere in considerazione questo indicatore.

trading analisi tecnica
Adobe Stock

Gli indicatori di mercato che riflettono la volatilità del mercato dei titoli

Quando si tratta di monitorare la volatilità e di determinare i momenti migliori in cui uscire o entrare nelle operazioni, i trader e gli analisti si affidano a un’ampia gamma di indicatori. L’alta volatilità è tipicamente un disincentivo per le operazioni pericolose. Tuttavia, una maggiore ansia durante i cambiamenti significativi del mercato può anche offrire opportunità di acquisto e fornire un campo di trading eccezionale per gli investitori esperti. Questo perché l’alta volatilità può creare opportunità di acquisto.

D’altro canto, i periodi di bassa volatilità, spesso accompagnati dalla compiacenza degli investitori, possono essere un segnale d’allarme che indica condizioni di mercato spumeggianti e possibili picchi di mercato. Quando si tratta di determinare i livelli relativi di volatilità, il Cboe Volatility Index (VIX), l’average true range (ATR) e le Bollinger Bands® sono tra gli strumenti che vengono utilizzati più spesso.

La volatilità può essere quantificata utilizzando diversi metodi, come le Bande di Bollinger, l’Average True Range (ATR) e il VIX.

L’indice di volatilità (VIX)

L’indice di volatilità (VIX) è una statistica prodotta dal prezzo delle opzioni e indica l’attuale volatilità implicita rappresentata in una striscia di opzioni per l’indice S&P 500.

Quando si parla di grafici, l’average true range (ATR) è un indicatore che mostra l’ampiezza degli intervalli di negoziazione giornalieri di un’azione o di una commodity in un periodo di tempo.

Un valore elevato indica che l’azione o la commodity è stata più volatile.

Le Bande di Bollinger

Le Bande di Bollinger, sviluppate da John Bollinger, sono utili per identificare periodi di trading sia calmi che esplosivi.

Indice di volatilità Cboe, numero unoL’indice di volatilità della Commodity Futures Trading Commission è uno degli indicatori più seguiti della volatilità del mercato.L’indice viene prodotto utilizzando un algoritmo di determinazione dei prezzi delle opzioni e rappresenta la volatilità implicita o prevista che viene prezzata in una striscia di opzioni a breve termine sull’indice S&P 500. L’indice viene aggiornato nel corso della giornata di contrattazione e rappresenta la volatilità attuale. Viene aggiornato durante la giornata di trading ed è noto con il simbolo VIX. Anche l’indice è noto con il suo simbolo.

Le percezioni di volatilità delle principali istituzioni, misurate dal VIX, sono utilizzate da altri trader per ottenere una lettura della volatilità attesa del mercato nei giorni successivi.Ciò è dovuto al fatto che le grandi istituzioni rappresentano una quota significativa del trading di opzioni sull’indice S&P.

Ci sono momenti in cui il Cboe Volatility Index è sceso a una sola cifra e altri in cui è rimbalzato a più di 75. Tuttavia, per la maggior parte del tempo, il Cboe Volatility Index è stato in grado di fornire una lettura della volatilità prevista dal mercato nei giorni a venire. Tuttavia, per la maggior parte del tempo, rimane tra 12 e 35. In generale, i livelli del VIX superiori a 30 implicano una volatilità crescente, mentre i valori che si collocano nella fascia bassa indicano una volatilità moderata.

I trader sono attivamente impegnati nella negoziazione di derivati sul VIX, tra cui futures e opzioni.Esistono anche fondi negoziati in borsa con effetto leva basati sull’indice di volatilità. Alcuni esempi di questi fondi sono il ProShares Ultra VIX Short-Term Futures ETF (UVXY) e la sua controparte, il ProShares Short VIX Short-Term Futures ETF (SVXY).

L’indicatore Average True Range (ATR)

Mentre l’indice di volatilità (VIX) viene utilizzato per valutare la volatilità dello S&P 500, l’indicatore average true range è un indicatore tecnico grafico creato da J. Welles Wilder Jr. e può essere utilizzato per qualsiasi azione, fondo negoziato in borsa, coppia di valute, commodity o contratto futures (compresi i contratti futures). L’ATR è una media mobile esponenziale (EMA) a 14 giorni del True Range, che si calcola determinando prima quello che Wilder chiamava “intervallo vero” e poi creando l’ATR.Il range reale può essere determinato utilizzando il valore massimo prodotto da una delle tre equazioni seguenti:

Il massimo del giorno corrente meno il minimo del giorno corrente è la formula per calcolare il true range. Il true range è uguale al massimo del giorno corrente meno la chiusura del giorno precedente. Il true range è uguale alla chiusura del giorno precedente meno il minimo del giorno corrente.

Successivamente, l’ATR viene costruito sotto forma di EMA, che si calcola utilizzando il valore maggiore scoperto dopo aver risolto le tre equazioni.L’aumento della volatilità è il risultato diretto di intervalli di trading più ampi, che si manifestano con un ATR più grande. I valori bassi dell’ATR sono tipicamente indicativi di periodi di trading relativamente tranquilli o non degni di nota.5.

Bande di Bollinger

Un’ulteriore indicatore di volatilità sono le Bollinger Bands. Questo indicatore è composto da due linee o bande che si trovano due deviazioni standard sopra e sotto la media mobile a 20 giorni. La media mobile a 20 giorni è rappresentata da una linea che si trova tra le due bande. Le bande mostrano una volatilità maggiore quando si allargano, mentre le bande mostrano una volatilità minore quando si restringono. Così come l’ATR può essere applicato a qualsiasi grafico di azioni o materie prime, le Bande di Bollinger possono fare lo stesso.

Conclusioni

I massimi e i minimi sono modelli ciclici associati alla volatilità del mercato. Gli analisti tengono d’occhio la direzione in cui si muove il mercato se c’è un picco significativo di volatilità, poiché potrebbe essere un segnale di una tendenza futura del mercato.

Per analizzare i livelli complessivi di volatilità dell’indice S&P 500, l’indice di volatilità (VIX) è uno strumento prezioso. Tuttavia, l’average true range (ATR) e le Bollinger Bands® possono essere utilizzati per analizzare azioni, materie prime, FX, indici o futures utilizzando diversi software grafici.