Gli effetti devastanti dell’inflazione: non c’è rimedio?

Gli effetti di un’inflazione elevata e fluttuante possono avere un impatto significativo su un’economia. Le imprese, i lavoratori e i clienti hanno la responsabilità di prendere in considerazione l’impatto dell’aumento generale dei costi quando prendono decisioni di acquisto, vendita e pianificazione aziendale.

È possibile che gli operatori economici facciano una previsione errata sul tasso di inflazione futuro, il che comporterebbe l’introduzione di un’ulteriore fonte di incertezza nell’economia. Si prevede che la quantità di tempo e di risorse impiegate per fare ricerca, fare stime e modificare il comportamento economico aumenterà fino a raggiungere il livello dei prezzi in generale. I fondamentali economici reali, invece, costano invariabilmente all’economia nel suo complesso.

inflazione
Adobe Stock

Esiste la possibilità che anche un tasso di inflazione basso, costante e facilmente prevedibile, che alcuni ritengono ideale sotto altri aspetti, possa comportare problemi significativi per l’economia. Ciò è dovuto al modo, alla provenienza e al momento in cui il nuovo denaro entra nell’economia. Ogni volta che il denaro fresco e il credito vengono introdotti nell’economia, vengono sempre depositati in possesso di determinate persone o aziende del mondo degli affari. Quando le persone spendono il denaro appena creato, il processo di adeguamento del livello dei prezzi alla nuova offerta di denaro continua. Il nuovo denaro circola quindi nell’economia, passando da una persona all’altra e da un conto all’altro.

È vero che l’inflazione fa aumentare alcuni prezzi inizialmente, mentre ne fa aumentare altri successivamente. È a causa di questo spostamento sequenziale del potere d’acquisto e dei prezzi, che viene definito effetto Cantillon, che il processo di inflazione non solo determina un aumento del livello generale dei prezzi nel corso del tempo.Tuttavia, quando si tratta di prezzi relativi, salari e tassi di rendimento, provoca anche distorsioni lungo la strada.

L’inflazione è positiva o negativa?

In generale, gli economisti sono consapevoli che le distorsioni dei prezzi relativi che si discostano dal loro equilibrio economico sono dannose per l’economia. Gli economisti austriaci, invece, ritengono che questo processo sia un fattore significativo nel verificarsi di cicli di recessione nell’economia.

Vantaggi:

  • Aumento del valore di rivendita degli asset
  • Quando l’inflazione è al suo livello ottimale, la spesa è incoraggiata.

Aspetti negativi

  • I clienti devono pagare un prezzo più alto per beni e servizi
  • L’economia deve essere soggetta a un aumento dei prezzi.
  • Fa sì che alcuni prezzi aumentino inizialmente, mentre altri lo fanno più tardi.

Come funziona la gestione del tasso di inflazione

Il regolatore finanziario di un Paese è colui che ha l’importante compito di garantire che l’inflazione sia tenuta sotto controllo. Gli atti di una banca centrale o di altri comitati che regolano la quantità e il ritmo di espansione dell’offerta di moneta sono definiti politica monetaria. La politica monetaria è un processo che si realizza attraverso l’implementazione di misure che la riguardano.

Negli Stati Uniti, la Federal Reserve cerca di raggiungere la massima occupazione, la stabilità dei prezzi e tassi di interesse moderati a lungo termine come parte dei suoi obiettivi di politica monetaria. Ognuno di questi obiettivi è strutturato con l’intento di promuovere un ambiente finanziariamente solido. La Federal Reserve (Fed) degli Stati Uniti ha il compito di trasmettere efficacemente i suoi obiettivi di inflazione a lungo termine per mantenere un tasso di inflazione costante nel lungo periodo, che è generalmente considerato positivo per l’economia.

La capacità delle imprese di prepararsi al futuro è facilitata dalla stabilità dei prezzi o da un livello di inflazione generalmente costante, in quanto sono consapevoli di ciò che devono aspettarsi. Per quanto riguarda la massima occupazione, che è definita da variabili non monetarie che cambiano nel tempo e sono quindi soggette a variazioni, la Federal Reserve ritiene che ciò contribuisca a promuovere la massima occupazione.

Di conseguenza, la Federal Reserve non stabilisce un obiettivo particolare per l’occupazione massima, e i livelli di occupazione sono per lo più decisi dalle valutazioni delle imprese. Nonostante il fatto che in ogni momento vi sia una certa instabilità dovuta al fatto che le persone lasciano il proprio lavoro e ne iniziano uno nuovo, l’occupazione massima non indica che non vi sia disoccupazione.

Lo spettro dell’iperinlfazione

Il termine iperinflazione è spesso usato per indicare un tasso di inflazione mensile del cinquanta per cento o superiore. Inoltre, quando l’economia si trova in uno stato di grave difficoltà, le autorità monetarie adottano misure straordinarie. Prendiamo ad esempio gli Stati Uniti d’America all’indomani della crisi finanziaria del 2008. Nell’ambito di un programma di acquisto di obbligazioni noto come quantitative easing (QE), la Federal Reserve ha mantenuto i tassi di interesse a zero o quasi.

Chi si opponeva al programma sosteneva che avrebbe portato a un’impennata del tasso di inflazione del dollaro statunitense; tuttavia, l’inflazione ha raggiunto il suo punto più alto nel 2007 per poi diminuire gradualmente negli otto anni successivi. Nonostante vi siano diverse e complesse ragioni per cui il quantitative easing (QE) non ha portato all’inflazione o all’iperinflazione, la risposta più diretta è che la recessione stessa è stata un contesto deflazionistico di grande rilievo e il quantitative easing ha sostenuto gli impatti della recessione.

Alla luce di ciò, le autorità statunitensi hanno cercato di mantenere l’inflazione a un livello di circa il 2% annuo. Inoltre, la Banca Centrale Europea (BCE) ha intrapreso un quantitative easing aggressivo per combattere la deflazione nell’eurozona. Di conseguenza, in molte regioni si sono registrati tassi di interesse negativi. Questo perché si teme che la deflazione possa diffondersi nell’eurozona, con conseguente stagnazione economica.

Inoltre, i Paesi che registrano tassi di crescita più elevati sono in grado di tollerare tassi di inflazione più alti e continuare a crescere. Il piano dell’India prevede una tolleranza superiore del 6% e una tolleranza inferiore del 2%, mentre l’obiettivo del Brasile è del 3,25% (con una tolleranza superiore del 4,75% e una inferiore dell’1,75%). L’obiettivo dell’India è leggermente superiore a quello del Brasile.

triple top bottom trading
Adobe Stock

Prendere precauzioni contro l’inflazione

Poiché la crescita dei prezzi azionari incorpora gli effetti dell’inflazione, le azioni sono tradizionalmente considerate la copertura più efficace contro l’inflazione. Una parte significativa dell’influenza immediata sui prezzi si verifica nelle attività finanziarie valutate in valuta nazionale, come le azioni. Ciò è dovuto al fatto che gli aumenti dell’offerta di moneta in quasi tutti i paesi contemporanei assumono la forma di iniezioni di credito bancario attraverso il sistema finanziario.

Per proteggere i propri investimenti dagli effetti dell’inflazione, esistono strumenti finanziari specializzati che possono essere utilizzati. Tra questi vi sono i Treasury Inflation-Protected Securities (TIPS), titoli del Tesoro a basso rischio legati all’inflazione. Ciò significa che il capitale investito aumenta in base al tasso di inflazione.a 24

Inoltre, si può scegliere di investire in un fondo comune di investimento TIPS o in un exchange-traded fund (ETF) basato sui TIPS. È probabile che sia necessario un conto di intermediazione per avere accesso ad azioni, fondi negoziati in borsa (ETF) e altri fondi che possono contribuire a mitigare i rischi associati all’inflazione. A causa dell’ampia gamma di agenti di cambio disponibili, la scelta di uno di essi può essere una procedura lunga e laboriosa. Nonostante non sembri sempre così, l’oro è considerato da molti una copertura contro l’inflazione.

Esempi di inflazione estrema

Dato che tutte le valute del mondo sono moneta fiat, l’offerta di moneta potrebbe espandersi rapidamente per motivi politici, il che porterebbe a un aumento significativo del livello generale dei prezzi. L’iperinflazione che si verificò nella Repubblica di Weimar in Germania all’inizio degli anni Venti è l’esempio più noto di questo fenomeno.

Durante la Prima Guerra Mondiale, i Paesi che ne uscirono vincitori vollero delle riparazioni dalla Germania. Tuttavia, queste riparazioni non potevano essere pagate in carta moneta tedesca, poiché il valore di questa moneta era discutibile a causa del fatto che il governo aveva preso in prestito denaro. L’intenzione della Germania era quella di produrre banconote di carta, utilizzarle per acquistare valuta estera e poi usare il denaro per pagare i propri obblighi.

Questa strategia fu responsabile della rapida svalutazione del marco tedesco, che fu accompagnata dall’iperinflazione come risultato dell’evolversi della situazione.

La risposta dei consumatori tedeschi al ciclo fu quella di fare ogni sforzo per spendere i loro soldi il più velocemente possibile, con l’idea che il valore del loro denaro sarebbe diminuito quanto più a lungo avessero aspettato tra un acquisto e l’altro. La quantità di denaro che inondava l’economia continuava ad aumentare e il suo valore continuava a crollare, al punto che gli individui tappezzavano le pareti con banconote quasi inutili. Episodi simili si sono verificati in Perù nel 1990 e in Zimbabwe tra il 2007 e il 2008.

Domande frequenti

Inflazione: Quali sono le cause?

In generale, sono tre i fattori principali che contribuiscono all’inflazione: l’inflazione da domanda, l’inflazione da costo e l’inflazione incorporata. Il fenomeno noto come inflazione da domanda descrive le circostanze in cui non vengono prodotti abbastanza beni o servizi per soddisfare la domanda, il che comporta un aumento del costo di tali beni e servizi.

Dall’altro lato, l’inflazione da spinta dei costi si verifica quando i costi di produzione di beni e servizi aumentano, costringendo le imprese ad aumentare i prezzi per fidelizzare i clienti. Il fenomeno chiamato inflazione incorporata, spesso definito come spirale prezzi-salari, si verifica quando i lavoratori chiedono una maggiore retribuzione per tenere il passo con il rapido aumento delle spese di vita. Questo, a sua volta, incoraggia le imprese ad aumentare i prezzi per compensare le spese crescenti dei salari, il che si traduce in una reazione a catena di aumenti dei salari e dei prezzi che si rafforza da sola.

Come ci si deve sentire di fronte all’inflazione?

Un’inflazione troppo alta è generalmente ritenuta dannosa per l’economia, mentre un’inflazione troppo bassa è considerata controproducente. Un numero significativo di economisti è favorevole a un livello di inflazione moderato o basso, il cui tasso medio annuo si aggira intorno al 2%.

In generale, un’inflazione più elevata è dannosa per i risparmiatori perché riduce il potere d’acquisto del denaro risparmiato. D’altra parte, può essere vantaggiosa per i mutuatari, poiché il valore delle loro obbligazioni esistenti, se aggiustato per l’inflazione, diminuisce nel tempo.

Quali effetti ha l’inflazione sull’economia?

L’inflazione può avere un impatto sull’economia in diversi modi.Ad esempio, se l’inflazione fa diminuire la valuta di una nazione, ciò potrebbe essere vantaggioso per gli esportatori, in quanto può rendere i loro prodotti più economici se valutati nella valuta di altre nazioni.

D’altro canto, ciò potrebbe essere dannoso per gli importatori, in quanto comporterebbe un aumento del costo dei prodotti fabbricati in altri Paesi. Un aumento dell’inflazione potrebbe anche spingere i clienti a spendere di più, poiché vorranno acquistare i prodotti il prima possibile, prima che i loro prezzi continuino a salire. D’altra parte, coloro che risparmiano potrebbero scoprire che il valore dei loro risparmi diminuisce con il tempo, il che limiterebbe la loro capacità di spendere o investire in futuro.

C’è una ragione per cui l’inflazione è ancora così alta?

Nel 2022 si è registrato un aumento significativo dei tassi d’inflazione negli Stati Uniti e nel resto del mondo, che hanno raggiunto i livelli più alti dall’inizio degli anni Ottanta. Nonostante non vi sia un’unica causa per questo improvviso aumento dei prezzi in tutto il mondo, una confluenza di eventi ha contribuito agli elevati livelli di inflazione osservati.

All’inizio del 2020, la pandemia COVID-19 ha provocato blocchi e altre misure restrittive che hanno causato una significativa interruzione delle catene di approvvigionamento globali. Queste azioni includevano la chiusura di impianti e strozzature nei porti marittimi di tutto il mondo. Nel frattempo, i governi aumentavano i sussidi di disoccupazione ed emettevano assegni di stimolo nel tentativo di mitigare l’impatto finanziario negativo che queste misure avrebbero avuto sui singoli e sulle imprese più modeste. Quando la vaccinazione COVID-19 fu ampiamente disponibile e l’economia iniziò a riprendersi a ritmo sostenuto, la domanda superò rapidamente l’offerta, stimolata in parte dai fondi di stimolo e dai tassi di prestito a basso costo.L’offerta, invece, aveva ancora difficoltà a tornare ai livelli precedenti all’epidemia di COVID.

A seguito dell’invasione dell’Ucraina da parte della Russia all’inizio del 2022, la Russia si è vista attribuire una serie di sanzioni economiche e restrizioni commerciali. Queste sanzioni e restrizioni hanno limitato la quantità di petrolio e gas disponibile per il mondo, poiché la Russia è un importante produttore di combustibili fossili. Contemporaneamente, il prezzo dei prodotti alimentari è aumentato a causa dell’impossibilità di esportare gli ingenti raccolti di grano dell’Ucraina. L’aumento dei prezzi dei carburanti e dei generi alimentari ha comportato aumenti analoghi anche lungo la catena del valore.

Conclusioni

Nonostante l’inflazione sia un fenomeno naturale e il governo degli Stati Uniti si sforzi di raggiungere un tasso di inflazione annuo del 2%, l’inflazione può essere pericolosa quando cresce a un ritmo eccessivamente rapido. Gli articoli diventano più costosi a causa dell’inflazione, soprattutto nel caso in cui gli stipendi non aumentino nella stessa misura dell’inflazione. Inoltre, il valore di alcuni beni, in particolare i contanti, può diminuire a causa dell’inflazione. La politica monetaria è il mezzo con cui i governi e le banche centrali cercano di tenere sotto controllo l’inflazione.