Come si valuta una start up?

start up
Adobe Stock

Come è possibile valutare una start up? L’approccio alla valutazione aziendale non è mai semplice per nessuna organizzazione. Il compito di assegnare una valutazione è particolarmente impegnativo per le nuove imprese che hanno pochi o nessun reddito o profitto e un futuro tutt’altro che garantito.

La valutazione di aziende mature, quotate in borsa e con ricavi e utili costanti, si basa in genere su un multiplo degli utili al lordo di interessi, imposte, svalutazioni e ammortamenti (EBITDA) o su altri multipli specifici del settore. Tuttavia, è molto più difficile assegnare un valore a una nuova impresa che non è quotata in borsa e che potrebbe non iniziare le vendite prima di diversi anni.

 

Importanti suggerimenti * Nel caso in cui stiate cercando di ottenere un finanziamento per la vostra nuova impresa o stiate pensando di investire denaro in una di esse, è essenziale accertare il valore dell’organizzazione. Quando si tratta di far decollare la propria attività, le start-up spesso si rivolgono agli angel investor per ottenere i finanziamenti necessari. Ma come si fa a determinare il valore di una nuova azienda?

È notoriamente difficile valutare in modo appropriato le startup, dal momento che non hanno ancora un reddito operativo o forse nemmeno un prodotto commercializzabile, e che spenderanno denaro per far muovere le cose. Mentre alcuni metodi, come i flussi di cassa scontati, possono essere utilizzati per determinare il valore sia delle imprese di nuova costituzione sia di quelle già esistenti da tempo, altri criteri, come il cost-to-duplicate e lo stage valuation, sono esclusivi delle nuove iniziative.

La valutazione delle start up

Per una serie di ragioni significative, è essenziale comprendere a fondo un’impresa in fase di avviamento e assegnarle un valore accettabile. Lo scopo delle valutazioni è quello di fornire agli investitori e agli stakeholder le informazioni essenziali per compiere una scelta informata. La valutazione dell’attrattività di una start-up e del potenziale ritorno sull’investimento è favorita da queste informazioni.

Per sostenere il loro sviluppo, le nuove imprese hanno bisogno di capitali da fonti esterne. Le valutazioni sono una componente essenziale delle operazioni di raccolta fondi, perché consentono di determinare la quantità di denaro da raccogliere e la quota di proprietà da fornire agli investitori. Il processo di valutazione delle start up non solo aiuta gli investitori a determinare se investire o meno. Ma li aiuta anche a decidere quanta quota di proprietà avranno nell’impresa in base alle previsioni sul futuro dell’azienda. Inoltre, gli investitori hanno la possibilità di scegliere tra una serie di titoli consentiti dalla Securities and Exchange Commission (SEC), a seconda delle informazioni di valutazione.

La salute finanziaria di una start-up e i fattori di valore sono resi noti dalle valutazioni, che sono particolarmente preziose per i membri del team interno dell’azienda. Oltre a contribuire alla pianificazione strategica e alla definizione degli obiettivi, le valutazioni forniscono anche assistenza nel processo decisionale interno in materia di budgeting, allocazione delle risorse e allocazione del capitale. Il management delle imprese in fase di avviamento può utilizzare le valutazioni per valutare l’efficacia del modello aziendale, identificare le aree che richiedono miglioramenti e distribuire le risorse per favorire la crescita.

Gli ostacoli nella valutazione delle start up

Quando si cerca di determinare il valore di un’impresa in fase di avviamento, è necessario superare una serie di ostacoli, nonostante il fatto che le valutazioni siano di grande importanza. È possibile che si presentino le seguenti difficoltà, ma l’elenco non è esaustivo.

  • Mancanza di informazioni finanziarie pregresse
    È comune che le nuove imprese non dispongano di informazioni finanziarie storiche, il che rende difficile valutarne le prestazioni, la produzione di ricavi e la redditività prevista. A causa della mancanza di dati, i metodi di valutazione convenzionali potrebbero essere meno utili di quanto sarebbero altrimenti. È difficile prevedere lo sviluppo futuro delle startup, poiché operano in mercati in continuo cambiamento, il che rende difficile anticipare la loro redditività futura. La difficoltà di stimare le dimensioni del mercato affrontabile e la capacità dell’azienda di conquistare quote di mercato è fonte di incertezza nella valutazione.
  • Mancanza di confronto
    Le startup propongono spesso tecnologie rivoluzionarie o strategie aziendali uniche che possono non avere standard comprovati o comparabili. Questo può portare a un’incertezza nella valutazione. A causa di questa peculiarità, è difficile trovare aziende equivalenti o comparabili in termini di valore. D’altro canto, è possibile che le aziende comparabili abbiano ottenuto liquidità solo attraverso offerte esenti, che comportano l’emissione di titoli non quotati sui mercati pubblici2.
  • Affidamento su numerosi round di investimento
    Per sostenere la propria crescita, le start up fanno spesso affidamento su numerosi round di investimento. Il processo di valutazione può diventare più complicato perché le valutazioni possono cambiare tra i diversi round di raccolta fondi a causa di fattori quali l’opinione degli investitori, le condizioni di mercato e l’evoluzione dell’azienda.
  • Soggettività e pregiudizi
    Il processo di valutazione delle start up comporta un certo grado di soggettività, in quanto si basa principalmente su ipotesi, tendenze di mercato e opinioni degli investitori. I diversi gradi di tolleranza al rischio e le proiezioni di crescita dei vari investitori possono portare a valori diversi l’uno dall’altro. È prassi comune per le società di consulenza o di ricerca fornire elenchi di start-up con i rispettivi valori.

Come si valuta il valore delle start up

Il costo della duplicazione

Come suggerisce il nome, questa strategia consiste nel determinare la somma di denaro necessaria per creare una nuova attività identica a quella che viene offerta ora. Il presupposto è che un investitore accorto non pagherebbe più di quanto costerebbe replicare l’articolo. Per determinare il valore equo di mercato delle attività, questa tecnica prende spesso in considerazione le attività fisiche.

È possibile, ad esempio, calcolare il costo della duplicazione di una società di software calcolando l’intero tempo di programmazione impiegato nel processo di creazione del software. D’altro canto, possono essere le spese sostenute fino a quel momento per la ricerca e lo sviluppo, la protezione dei brevetti e lo sviluppo di prototipi per una startup ad alta tecnologia.

Grazie alla sua oggettività, il metodo del costo per duplicazione è spesso considerato un buon punto di partenza per la valutazione degli imprenditori. Considerando che si basa su registrazioni storiche delle spese che possono essere verificate.

Il problema più significativo di questa strategia è che non riflette accuratamente il potenziale futuro dell’azienda in termini di creazione di vendite, redditività e ritorno sugli investimenti. Questo è un aspetto su cui i fondatori dell’azienda saranno sicuramente d’accordo. Inoltre, il metodo del costo per duplicazione non tiene conto dei beni immateriali, come il valore del marchio, che l’azienda potrebbe già possedere anche nelle prime fasi di sviluppo. Poiché spesso sottovaluta il valore dell’impresa, viene talvolta utilizzato come stima “al ribasso” del valore dell’azienda. È possibile che l’infrastruttura fisica e le attrezzature dell’azienda costituiscano solo una minima parte del valore netto effettivo dell’impresa, quando le relazioni e il capitale intellettuale sono alla base della struttura organizzativa.

valore intrinseco mercato
Adobe Stock

Per una guida completa alla scelta del broker più sicuro e adatto alle proprie esigenze e strategie, oltre ai parametri vitali da valutare nella scelta, corri a leggere il nostro articolo:
Come scegliere il broker per il trading sullo stock market: guida per il 2023

I multipli di mercato

Questo metodo è popolare tra gli investitori in venture capital perché fornisce loro una rappresentazione abbastanza accurata della quantità di denaro che il mercato è disposto a pagare per una certa organizzazione aziendale. In sostanza, la tecnica del multiplo di mercato valuta l’azienda sulla base delle recenti acquisizioni di altre aziende del mercato paragonabili all’azienda in questione.

Immaginiamo che le aziende che sviluppano software per applicazioni mobili realizzino un fatturato cinque volte superiore al loro. Potete utilizzare un multiplo di cinque volte come base per la determinazione del prezzo della vostra attività di applicazioni mobili, modificando il multiplo in aumento o in diminuzione per tenere conto di altre qualità. Ciò è possibile se siete a conoscenza dell’importo che gli investitori reali sono disposti a pagare per un software mobile. Se, ad esempio, la vostra azienda di software per dispositivi mobili si trovasse in una fase di sviluppo precedente rispetto ad altre aziende comparabili, molto probabilmente otterrebbe un multiplo inferiore a cinque. Questo perché gli investitori si assumono un rischio maggiore quando investono in nuove imprese.

È necessario stabilire previsioni approfondite per determinare quali saranno le vendite o gli utili dell’azienda una volta raggiunta la fase matura della sua attività. Questo è necessario per valutare efficacemente un’azienda quando è ancora nelle prime fasi di attività. È frequente che i finanziatori concedano finanziamenti alle imprese se hanno fiducia nel prodotto e nel business plan dell’azienda, anche prima che questa abbia iniziato a generare profitti. In larga misura, il valore delle organizzazioni esistenti è determinato dalla loro redditività, ma il valore delle startup è spesso determinato dai multipli di fatturato dell’azienda.

Secondo alcuni, la strategia dei multipli di mercato è quella che fornisce stime di valore che sono la rappresentazione più accurata di ciò che gli investitori sono pronti a pagare. Purtroppo c’è un problema: può essere piuttosto difficile individuare transazioni comparabili secondo gli standard di mercato.

A volte è difficile individuare organizzazioni comparabili tra loro, soprattutto nel mercato delle startup. Le imprese in fase iniziale e non quotate in borsa, che probabilmente sono le più paragonabili a quelle da confrontare, spesso tengono segrete le specifiche dell’accordo.

Discounted Cash Flow (DCF)

Per la maggior parte delle startup, in particolare quelle che non hanno ancora iniziato a generare ricavi, la maggior parte del valore si basa sul potenziale futuro. L’analisi del flusso di cassa scontato è una tecnica importante per la valutazione. L’uso del flusso di cassa attualizzato (DCF) comporta una proiezione dell’ammontare del flusso di cassa che l’impresa genererà in futuro e quindi una stima del valore di tale flusso di cassa utilizzando un tasso di rendimento anticipato dell’investimento. Le startup sono spesso soggette a un tasso di sconto maggiore rispetto alle imprese consolidate, poiché esiste la possibilità significativa che l’impresa non sia in grado di generare flussi di cassa sostenibili in futuro.

Un problema del DCF è che la sua accuratezza dipende dalla capacità dell’analista di prevedere le circostanze future del mercato e di formulare ipotesi accurate sui tassi di crescita a lungo termine. Questo è un problema poiché il DCF è un metodo di previsione. Proiettare le vendite e la redditività per più di qualche anno è talvolta un gioco di congetture, data la natura della situazione. Inoltre, il valore generato dai modelli DCF è estremamente sensibile al tasso di rendimento previsto che viene utilizzato per attualizzare i flussi di cassa. A titolo di esempio, si consideri che l’inflazione porta a un aumento dei tassi di sconto, che a sua volta porta a una riduzione dei valori. Di conseguenza, il campo della macroeconomia è una componente importante dell’analisi dei flussi di cassa scontati.

Valutazione in base allo stadio di sviluppo

Infine, c’è la tecnica di valutazione in fase di sviluppo, spesso utilizzata dalle società di venture capital e dagli angel investor per arrivare rapidamente a un valore approssimativo dell’azienda. Queste “regole empiriche” sono normalmente stabilite dagli investitori e si basano sullo stadio di crescita commerciale in cui si trova l’azienda. Quanto più l’azienda è avanzata nel percorso di sviluppo, tanto minore è il rischio che corre e tanto più alto è il valore dell’azienda.

Va notato che gli intervalli di valore specifici variano da un’impresa all’altra e da un investitore all’altro. D’altra parte, è molto probabile che le imprese che non hanno altro che un business plan ricevano le valutazioni più basse da tutti gli investitori. Quando l’azienda è in grado di raggiungere con successo le sue tappe di sviluppo, gli investitori saranno desiderosi di assegnare un valore maggiore all’azienda.

Un numero significativo di società di private equity adotta una strategia che prevede l’erogazione di denaro supplementare all’azienda dopo che questa ha raggiunto un determinato livello di milestone. Un esempio è rappresentato dal fatto che il primo round di finanziamenti viene destinato alla retribuzione del personale che lavora allo sviluppo di un prodotto. Una volta dimostrato il successo del prodotto, viene concesso un ulteriore finanziamento per produrre l’idea su larga scala e immetterla sul mercato.

In che modo si può valutare il potenziale di crescita di una start up?

Quando si analizza il potenziale di crescita di una start-up, è necessario prendere in considerazione una serie di criteri, tra cui il mercato di riferimento, il vantaggio competitivo, la scalabilità del modello di business, i tassi di adozione da parte dei clienti, le tendenze del mercato e la capacità di realizzare in modo efficiente il piano aziendale.

Domande frequenti

Che ruolo ha la proprietà intellettuale?

Il valore di una start-up può essere notevolmente influenzato dalla proprietà intellettuale, che comprende brevetti, marchi e tecnologie proprietarie. Si ottiene un vantaggio competitivo, si salvaguardano le invenzioni e si aumenta la possibilità di aumentare le barriere all’ingresso per i rivali.

In che modo il team di gestione di una start up influisce sulla sua valutazione?

È possibile che l’esperienza, le conoscenze, i precedenti e la capacità del team di gestione di attuare la strategia aziendale abbiano un impatto sostanziale sulla valutazione di una start-up. Quando si tratta di determinare il valore di un’azienda, gli investitori considerano spesso la qualità del team di gestione.

Impostazioni privacy