Analisi Fondamentale: guida compelta per principianti

L’analisi fondamentale (FA) misura il valore intrinseco di un titolo esaminando i fattori economici e finanziari correlati.

Il valore intrinseco è il valore di un investimento basato sulla situazione finanziaria della società emittente e sulle attuali condizioni economiche e di mercato.

analisi fondamentale trading mercati investire
Adobe Stock

Gli analisti fondamentali studiano tutto ciò che può influire sul valore del titolo, da fattori macroeconomici come lo stato dell’economia e le condizioni del settore a fattori microeconomici come l’efficacia del management della società.

L’obiettivo finale è quello di determinare un numero che un investitore possa confrontare con il prezzo attuale di un titolo per capire se il titolo è sottovalutato o sopravvalutato dagli altri investitori.

Per una guida completa alla scelta del broker più sicuro e adatto alle proprie esigenze e strategie, oltre ai parametri vitali da valutare nella scelta, corri a leggere il nostro articolo:
Come scegliere il broker per il trading sullo stock market: guida per il 2023

Cos’è l’analisi fondamentale

L’analisi fondamentale viene solitamente effettuata da una prospettiva macro e micro per identificare i titoli che non sono correttamente prezzati dal mercato.

Gli analisti in genere studiano, nell’ordine:

  • Lo stato generale dell’economia
  •  La forza del settore specifico
  •  La performance finanziaria della società che emette il titolo.

In questo modo si ottiene un valore di mercato equo per il titolo.

Quali sono le fonti per l’analisi fondamentale

La maggior parte delle società pubbliche, e molte di quelle private, pubblicano le relazioni annuali nelle sezioni dedicate alle relazioni con gli investitori dei loro siti web, evidenziando le decisioni finanziarie prese e i risultati ottenuti nel corso dell’anno.

Per esempio, potreste eseguire un’analisi fondamentale del valore di un’obbligazione esaminando fattori economici come i tassi di interesse e lo stato generale dell’economia. Quindi, si valuterebbe il mercato obbligazionario e si utilizzerebbero i dati finanziari di emittenti obbligazionari simili. Infine, analizzereste i dati finanziari della società emittente, compresi i fattori esterni come le potenziali variazioni del suo rating.

L’analisi fondamentale utilizza i ricavi, gli utili, la crescita futura, il rendimento del capitale proprio, i margini di profitto e altri dati per determinare il valore sottostante di una società e il suo potenziale di crescita futura.

Valore intrinseco

Uno degli assunti principali alla base dell’analisi fondamentale è che il prezzo corrente di un’azione spesso non riflette pienamente il valore della società se confrontato con i dati finanziari disponibili al pubblico. Un secondo presupposto è che il valore riflesso dai dati fondamentali dell’azienda è più probabile che si avvicini al valore reale del titolo.

Il valore intrinseco ha un significato diverso nella valutazione delle azioni rispetto al trading di opzioni. Il pricing delle opzioni utilizza un calcolo standard per il valore intrinseco, mentre per un’azione può essere calcolato in molti modi diversi.

Stimare il valore intrinseco di un titolo

Per esempio, supponiamo che le azioni di una società siano scambiate a 20 dollari e che un analista, dopo un’approfondita ricerca sulla società, stabilisca che il valore dovrebbe essere di 24 dollari. Un altro analista fa la stessa ricerca ma decide che il valore dovrebbe essere di 26 dollari.

Molti investitori considerano la media di queste stime e ipotizzano che il valore intrinseco del titolo possa essere vicino ai 25 dollari. Spesso gli investitori considerano queste stime molto rilevanti perché vogliono acquistare azioni che scambiano a prezzi significativamente inferiori a questi valori intrinseci.

Ciò porta a un terzo presupposto fondamentale dell’analisi fondamentale: Nel lungo periodo, il mercato azionario rifletterà i fondamentali. Il problema è che nessuno sa quanto sia lungo il “lungo periodo”. Potrebbe trattarsi di giorni o di anni.

L’analisi fondamentale si basa proprio su questo. Concentrandosi su una particolare attività, un investitore può stimare il valore intrinseco di un’azienda e trovare opportunità di acquisto a sconto o di vendita a premio. L’investimento si ripagherà quando il mercato si adeguerà ai fondamentali.

L’analisi fondamentale viene utilizzata soprattutto per le azioni, ma è utile per valutare qualsiasi titolo, dalle obbligazioni ai derivati. Se si considerano i fondamentali, dall’economia in generale ai dettagli dell’azienda, si effettua un’analisi fondamentale.

Confronto tra analisi tecnica e fondamentale

L’analisi tecnica, che esamina i dati di mercato passati come il prezzo e il volume per prevedere la direzione dei prezzi, è molto diversa da questo tipo di studio. I modelli di prezzo e il movimento dei prezzi vengono utilizzati nell’analisi tecnica per costruire gli indicatori.

I dati finanziari rilasciati dall’azienda di cui si esamina il titolo sono alla base della ricerca fondamentale. I dati vengono utilizzati per costruire metriche e indici che mostrano l’andamento di un’azienda rispetto ad altre imprese di dimensioni simili.

Analisi fondamentale: Un approccio quantitativo e qualitativo

Il termine “fondamentali” è difficile da definire, poiché può riferirsi a tutto ciò che ha a che fare con la salute finanziaria di un’azienda. Questi possono comprendere qualsiasi cosa, dalla quota di mercato di una società al calibro del suo management, oltre a cifre come le vendite e gli utili.

Si possono distinguere due tipi di componenti fondamentali: qualitativi e quantitativi. I significati finanziari di queste frasi sono simili alle definizioni più conosciute nei seguenti modi:

  • Quantitativo
    dati che possono essere rappresentati con rapporti, cifre, numeri o formule.
  • Qualitativo
     standard, carattere o qualità di qualcosa piuttosto che la sua quantità.

In questo senso, i numeri sono basi quantitative. Sono gli attributi quantificabili di un’azienda. I bilanci sono la fonte principale di dati quantitativi. È possibile misurare con precisione ricavi, profitti, attività e altro ancora.

Le basi qualitative non sono altrettanto concrete. Possono essere costituite dalla notorietà del marchio di un’azienda, dai brevetti, dalle tecnologie uniche e dal calibro dei suoi dirigenti.

Non esiste una superiorità intrinseca tra analisi qualitativa e quantitativa. Molti esperti le prendono in considerazione collettivamente.

punto di fulcro trading mercati
Adobe Stock

Per una guida completa alle stock, cosa sono e come si negoziano le azioni sui mercati, quali rischi e opportunità comportano e come possiamo partire con il piede giusto evitando gli errori più frequenti, corri a leggere la nostra guida:
Cosa sono le azioni: guida al trading nello stock market

Fondamenti qualitativi da tenere in considerazione

Gli analisti tengono sempre conto di quattro elementi importanti quando analizzano un’azienda. Invece di essere quantitativi, sono tutti qualitativi. Tra questi ci sono:

Il business plan dell’azienda

Che cosa fa esattamente l’azienda? Non è così semplice come sembra. Un’azienda guadagna vendendo pollo da fast-food, se questo è il suo modello di business? Oppure vive solo di diritti di franchising e royalties?

Un vantaggio sulla concorrenza

La capacità di un’azienda di mantenere un vantaggio competitivo è un fattore chiave nel determinare il suo successo a lungo termine. Forti vantaggi competitivi, come la posizione dominante di Microsoft nel sistema operativo dei PC e il nome del marchio Coca-Cola, creano un fossato intorno a un’azienda, consentendole di tenere a bada i rivali e di registrare crescita e redditività. Gli azionisti di un’azienda possono trarre grandi benefici per molti anni se l’azienda riesce a ottenere un vantaggio competitivo.

Supervisione

Per alcuni, il fattore più importante quando si effettua un investimento in una società è la sua gestione. È logico: se i dirigenti dell’azienda non portano avanti la strategia come previsto, anche il modello aziendale più solido fallirà. Per gli investitori al dettaglio è difficile incontrare e valutare il management di persona, ma possono esaminare il curriculum dei membri del consiglio di amministrazione e dei dirigenti sul sito web della società. Quanto successo hanno ottenuto nelle loro precedenti posizioni? Hanno recentemente venduto una parte consistente delle loro azioni?

Regole aziendali

Le regole che indicano gli obblighi e i legami tra azionisti, amministratori e dirigenti sono definite governance aziendale. Le norme e i regolamenti aziendali, lo statuto dell’azienda e l’atto costitutivo stabiliscono e specificano queste politiche. Il vostro obiettivo è avere a che fare con un’azienda gestita in modo efficiente, equo, onesto ed etico.

Settore

È opportuno prendere in considerazione anche il settore di appartenenza di un’azienda. Questo include la base di clienti del settore, la quota di mercato tra le imprese, lo sviluppo del settore nel suo complesso, la concorrenza, le leggi e i cicli economici. Un investitore può avere una migliore comprensione della salute finanziaria di un’azienda imparando a conoscere il funzionamento del settore.

Uno sguardo ai fondamenti quantitativi

I bilanci

Una società rilascia informazioni sulla propria performance finanziaria attraverso i bilanci. Gli analisti fondamentali basano le loro raccomandazioni di investimento sui dati quantitativi dei conti finanziari. Il conto economico, lo stato patrimoniale e il rendiconto finanziario sono i tre documenti finanziari più importanti.

Il prospetto dei saldi

Le attività, le passività e il patrimonio netto di un’azienda sono elencati nello stato patrimoniale a una data specifica.Le tre sezioni – attività, passività e patrimonio netto – devono bilanciarsi in base alla seguente formula, che spiega perché si chiama bilancio:

Passività + patrimonio netto = attività.

Le risorse che un’azienda possiede o controlla in un determinato momento sono definite attività.Si tratta di beni quali denaro, azioni, attrezzature e strutture. L’intero valore del finanziamento che l’azienda ha utilizzato per acquistare tali attività è rappresentato dal lato opposto dell’equazione.

Il finanziamento è dato dal capitale proprio o dalle passività. Le passività sono impegni o debiti che devono essere pagati.Il patrimonio netto, invece, è l’intera somma di denaro che i proprietari hanno investito nell’azienda, compresi gli utili non distribuiti, che sono i profitti rimasti dopo il pagamento delle passività correnti, dei dividendi e delle imposte.

Il conto economico

Il successo di un’organizzazione in un determinato periodo di tempo è misurato dal conto economico, mentre il bilancio esamina una società in modo istantaneo. Sebbene le società quotate in borsa presentino relazioni solo su base trimestrale e annuale, in teoria si potrebbe avere un bilancio di un mese o addirittura di un solo giorno.

I ricavi, i costi e i profitti derivanti dalle attività dell’azienda per quel periodo sono riportati nel conto economico.Rendiconto del flusso di cassaIl rendiconto dei flussi di cassa è una registrazione dei flussi di cassa cumulativi in entrata e in uscita di un’azienda. Il rendiconto dei flussi di cassa evidenzia di solito le seguenti attività legate alla liquidità:

  • Liquidità da investimenti (CFI):I ricavi dalla vendita di attività a lungo termine, attrezzature e altre imprese, nonché la liquidità utilizzata per gli investimenti.
  • Cassa da finanziamenti (CFF): Importi dati o ricevuti come risultato di prestiti ed emissioni di denaro.
  • Flusso di cassa operativo (OCF): L’ammontare di denaro ricevuto dalle normali attività commerciali

L’incapacità di un’azienda di controllare le proprie condizioni finanziarie rende cruciale il rendiconto dei flussi di cassa. I contabili aggressivi possono alterare gli utili in vari modi, ma è difficile falsificare la valuta bancaria. Per questo motivo, alcuni investitori considerano il rendiconto dei flussi di cassa di una società come un indicatore più cauto del suo successo.

Per determinare il valore e le prospettive future di un’azienda, l’analisi fondamentale si avvale di indici finanziari ricavati dalle informazioni contenute nei bilanci aziendali.

In sintesi

  • L’analisi fondamentale è un metodo per determinare il valore reale o “di mercato” di un titolo.
  • Gli analisti fondamentali cercano i titoli attualmente scambiati a prezzi superiori o inferiori al loro valore reale.
  • Se il valore equo di mercato è superiore al prezzo di mercato, il titolo è considerato sottovalutato e viene raccomandato di acquistare.
  • Se il valore equo di mercato è inferiore al prezzo di mercato, il titolo è considerato sopravvalutato e la raccomandazione potrebbe essere di non comprare o di vendere se il titolo è detenuto.
  • Gli analisti tecnici, invece, studiano le tendenze storiche dei prezzi dei titoli per prevedere le tendenze future a breve termine.

 

*NB: Le riflessioni e le analisi condivise sono da intendere ad esclusivo scopo divulgativo. Quanto esposto non vuole quindi essere un consiglio finanziario o di investimento e non va interpretato come tale. Ricorda sempre che le scelte riguardo i propri capitali di rischio devono essere frutto di ricerche e analisi personali. L’invito è pertanto quello di fare sempre le proprie ricerche in autonomia.