Trading on line: pugno duro della Consob, 500 siti oscurati

Mano pesante della Consob che passa al setaccio i siti meno sicuri per quel che riguarda il trading. Molti oscurati cosi come già successo.

Ftsemib

Il proliferare di siti web che offrono l’opportunità di fare del trading, di giocare cioè con titoli ed azioni, passione, se cosi può dire, esplosa improvvisamente anche per tantissimi comuni cittadini che hanno o hanno avvertito l’azzardo di puntare parte dei propri soldi sulle dinamiche che di fatto fa il mercato. Ad oggi numerosi sono i siti web utilizzati per investire in titoli e quant’altro, cosi come sono numerosi i siti che invece puntano a truffare i cittadini spacciandosi per affidabili mentre in realtà nascondono pericolosissime trappole.

I siti web oscurati dalla Consob, intervenuta a monitorare eventuali frodi e movimenti sospetti avvalendosi dei nuovi poteri assegnati dal decreto crescita. In questo caso la stessa Consob può disporre l’inibizione di siti web che offrono servizi finanziari senza la necessaria documentazione. I siti oscurati di recente sono i seguenti:

  • Lithe Group Ltd (sito web https://platinex.co e relativa pagina https://client.platinex.co/dasboard);
  • Renaissance Invest LTD (sito web www.renaissanceinvestltd.co);
  • Tremisa Ltd (sito web www.askemarket.com);
  • Investus FG” (sito web https://investusfg.com e relativa pagina https://secure.investusfg.com);
  • Kiplar Ltd (sito web www.kiplar.org).

Consob all’attacco: duri provvedimenti contro siti web di trading senza documentazione

A partire da luglio 2019 i siti oscurati dalla Consob sono ben 510. Pertanto si chiama allo stesso tempo gli investitori, i comuni cittadini in alcuni casi a fare attenzione alle operazioni che si prova ad effettuare. Accertarsi che l’operatore attraverso il quale si eseguono determinate operazioni sia autorizzato per tali offerte oltre alla presentazione del prospetto informativo. Nel caso specifico distinguiamo tre diverse tipologie di quello che viene definito abusivismo finanziario:

  • svolgimento abusivo dell’attività di promotore finanziario (e dell’offerta fuori sede)– l’esercizio professionale, da parte di una persona non iscritta all’Albo dei promotori finanziari, dell’offerta fuori sede (ad esempio a casa dei clienti) come agente, dipendente o mandatario di un intermediario;
  • offerta abusiva di prodotti finanziari e attività pubblicitaria relativa all’offerta al pubblico – quando, ad esempio,  viene posta in essere o pubblicizzata un’offerta di prodotti finanziari (es. azioni, obbligazioni, contratti derivati, fondi comuni d’investimento, polizze assicurative a carattere finanziario, ecc.) senza la pubblicazione e il deposito presso la Consob o altra Autorità di un prospetto informativo, laddove la legge lo preveda.

LEGGI ANCHE >>> Le variazioni dell’equity line possono rivelare la qualità di una strategia di trading

Altro consiglio prezioso è quello di denunciare prontamente un’azienda che si ritiene poco sicura o comunque sospetta alla Consob ed alle forze dell’ordine. Bloccare in caso di sospetta truffa carta di credito o in ogni caso il prodotto associato al conto utilizzato per i vari investimenti. Consigli preziosi che possono evitare pesanti situazioni di potenziale truffa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *