Cos’è la capitalizzazione di mercato: qui si gioca tutta la partita

Il valore di un’azienda è determinato dalla sua capitalizzazione di mercato, anche chiamata comunemente market cap, che misura il numero di azioni emesse dall’azienda e il prezzo al quale gli investitori sono disposti ad acquistarle. Lo stesso termine può essere usato anche per le commodity o qualsiasi bene negoziato sui mercati.

L’intero valore delle azioni di una società forma la capitalizzazione di mercato, chiamata anche come market cap. Grazie alla capitalizzazione di mercato, gli investitori possono valutare un’azienda in base al valore che il pubblico ritiene abbia. La creazione di un portafoglio diversificato può essere facilitata dall’investimento in diverse capitalizzazioni di mercato.

capitalizzazione di mercato
Adobe Stock

Iniziare a muovere i primi passi sui mercati finanziari e nel mondo degli investimento è un’attività davvero complessa e faticosa. Molti difatti cedono subito e passano a dare tutto in gestione ad un consulente, spesso pagato dalla banca per spingerci a comprare ciò che fa più comodo all’istituto. Ma alcuni concetti molto basilari possono darci già una piccola idea di cosa sta succedendo ai nostri soldi, come possiamo gestire la diversificazione del nostro portafogli in modo più sicuro e produttivo e difendersi dalle tante occasioni che si presentano come ottime, ma poi si rivelano dei problemi anche scomodi da gestire.

La capitalizzazione di mercato delle imprese nella quali stiamo investendo è già un ottimo punto di partenza per comprendere le diverse caratteristiche delle esposizioni che dovremo bilanciare nel nostro portafogli. Large-cap, mid-cap, small-cap, con tutto le loro rispettive sottocategorie. Partiamo subito con la nostra rapida esposizione delle diverse caratteristiche delle aziende secondo la loro capitalizzazione di mercato.

Per una guida completa alle stock, cosa sono e come si negoziano le azioni sui mercati, quali rischi e opportunità comportano e come possiamo partire con il piede giusto evitando gli errori più frequenti, corri a leggere la nostra guida:
Cosa sono le azioni: guida al trading nello stock market

Che cos’è la capitalizzazione di mercato

L’intero valore delle azioni di una società viene a formare la capitalizzazione di mercato, nota anche come market cap. Se un’azienda ha pubblicato 10 milioni di azioni e il prezzo di ogni azione è di 100 dollari, la capitalizzazione di mercato dell’azienda è di 1 miliardo di dollari.

La capitalizzazione di mercato totale si determina moltiplicando il numero di azioni attualmente in circolazione per il prezzo delle azioni al momento. Si tratta di tutte le azioni in circolazione, comprese quelle accessibili al pubblico in generale e quelle riservate, accessibili e controllate da gruppi particolari.

Qual è il  significato del termine “market cap

La capitalizzazione di mercato di un’azienda è una misura che semplifica la complessità della situazione finanziaria di una società. Essa dà agli investitori la possibilità di valutare un’azienda in base al valore che il pubblico in generale ritiene di avere. Maggiore è il valore, più “grande” è l’azienda. Quando si tratta di investire in azioni di un’azienda, le dimensioni e il valore dell’impresa possono fornire indicazioni sul grado di rischio che si può prevedere, nonché sui potenziali tassi di rendimento dell’investimento in un periodo di tempo.

In base alla loro capitalizzazione di mercato, le aziende pubbliche sono classificate in base alle loro dimensioni:

  • Le Large-cap con 10 miliardi di dollari o più di capitalizzazione di mercato.
  • Le mid-cap vanno da 2 a 10 miliardi di dollari.
  • Le small-cap vanno da 250 milioni a 2 miliardi di dollari.

Con questa classificazione, gli investitori sono in grado di sviluppare un portafoglio ben bilanciato e ottimizzato per la crescita nel lungo periodo.

È fondamentale tenere presente che la soglia non è chiaramente definita; le componenti di maggior valore di un segmento potrebbero confondersi con quelle di minor valore del segmento successivo. A breve procederemo con una analisi più approfondita dei principali segmenti di capitalizzazione del mercato. Gli indici e i gestori di fondi possono utilizzare un insieme di criteri più ampio o più ristretto, oppure avere diverse definizioni di capitalizzazione di mercato. È inoltre possibile che il prezzo delle azioni di un’azienda cambi al punto da farla passare a una categoria di capitalizzazione di mercato superiore o inferiore.

Sottogruppi di capitalizzazione di mercato

Almeno dieci miliardi di dollari di capitalizzazione di mercato

In genere, le società a grande capitalizzazione sono quelle che esistono da molto tempo, hanno successo e sono note al grande pubblico. Esempi di tali organizzazioni sono:

  • Microsoft Corporation.
  • Johnson & Johnson.
  • JPMorgan Chase & Co.
  • Exxon Mobil.
  • General Mills.
  • AutoZone
  • Etsy.

In generale, le società a grande capitalizzazione sono più stabili di quelle più piccole grazie alla loro lunga storia. Quando si tratta di distribuire dividendi, sono affidabili e spesso non attirano l’attenzione dei media come potrebbero fare altri titoli azionari più appariscenti. È proprio questa natura discreta che rende le azioni a grande capitalizzazione interessanti per gli investitori. Le azioni a grande capitalizzazione sono noiose, il che significa che non subiscono variazioni così violente come quelle delle società a piccola o media capitalizzazione.

Esistono diversi fondi comuni di investimento che seguono le azioni a grande capitalizzazione, come l’iShares S&P 100 ETF, il Vanguard Value ETF e lo Schwab U.S. Large-Cap Value ETF. Alcuni broker mettono a disposizione strumenti che consentono agli investitori di cercare e individuare altri fondi che seguono aziende con specifiche capitalizzazioni di mercato.

Da 2 a dieci miliardi di dollari per le imprese a media capitalizzazione (Mid-cap)

Le imprese a media capitalizzazione sono spesso in fase di rapida espansione, a differenza delle società a grande capitalizzazione, che hanno già conosciuto un enorme sviluppo. L’espansione comporta la possibilità di guadagni maggiori e più rapidi. Ma anche la possibilità di cali più gravi. Le società a media capitalizzazione sono un altro tipo di azienda spesso conosciuta, ma a differenza delle società citate in precedenza, non sono generalmente considerate dei colossi nazionali o mondiali. Ecco alcuni esempi di azioni a media capitalizzazione:

  • Il marchio Samuel Adams è prodotto dalla Boston Beer Company.
  • Cracker Barrel è un ristorante.
  • Hotel e resort noti come Wyndham.
  • Articoli sportivi venduti da Dick’s.
  • Machi conosciuti come Asana.

Le aziende a piccola capitalizzazione hanno un valore compreso tra i 250 milioni e i 2 miliardi di dollari.

Le azioni a piccola capitalizzazione sono in genere detenute da aziende molto giovani che hanno un potenziale di espansione significativo. Tuttavia, nonostante il fatto che queste azioni abbiano il potenziale per generare profitti sostanziali (una società a piccola capitalizzazione potrebbe infatti trasformarsi in una società a media o grande capitalizzazione), esse comportano anche il rischio di subire perdite ingenti.

Le piccole e medie imprese hanno spesso un numero limitato di fonti di reddito, dipendono dalla crescita complessiva dell’economia statunitense e sono più sensibili all’impatto di tasse e regolamenti rispetto alle organizzazioni più grandi e consolidate.Così come le large-caps sono le navi da crociera più grandi in grado di resistere ai mari più turbolenti, le small-caps sono le barche a vela che riescono a malapena a resistere a una sola onda.

Tuttavia, la prospettiva di crescita che offrono può essere vantaggiosa per il portafoglio di un investitore, a condizione che il potenziale ribasso sia mitigato dalla relativa stabilità delle azioni a grande capitalizzazione.Di seguito sono riportati alcuni esempi di azioni a piccola capitalizzazione:

  • Bed, Bath, and Beyond (un rivenditore al dettaglio).
  • GoPro.
  • Abercrombie & Fitch.

Le aziende a piccola capitalizzazione, che comprendono tutte le società citate, sono monitorate dall’indice Russell 2000. iShares Russell 2000 ETF e Vanguard Russell 2000 ETF sono due esempi di fondi che seguono l’indice Russell 2000. Ci sono molti altri prodotti che realizzano questo obiettivo.

Che cos’è un fondo negoziato in borsa (ETF) a piccola capitalizzazione

Società con azioni a micro e mega-capitale

Esistono altre due categorie di capitalizzazione di mercato, spesso note come micro-cap (comprendenti aziende con una capitalizzazione di mercato inferiore a 250 milioni di dollari) e mega-cap (comprendenti le principali società del mercato azionario, alcune delle quali si sovrappongono alle large-cap).

Tra gli investimenti considerati più rischiosi vi sono le azioni a micro-cap. Molte di esse non solo hanno un track record quasi inesistente, ma è anche probabile che non abbiano nemmeno beni, attività o redditi da dichiarare. Le mega-cap, invece, sono rappresentate dalle aziende più consolidate, che spesso dispongono di consistenti riserve di liquidità che possono aiutarle a superare le crisi economiche.

backtesting
Adobe Stock

Per una guida completa alla scelta del broker più sicuro e adatto alle proprie esigenze e strategie, oltre ai parametri vitali da valutare nella scelta, corri a leggere il nostro articolo:
Come scegliere il broker per il trading sullo stock market: guida per il 2023

Come includere la capitalizzazione di mercato nel proprio portafoglio d’investimento

In generale, più lungo è l’orizzonte di investimento, più rischiosa potrebbe essere la vostra allocazione. Questo perché un orizzonte temporale più lungo significa che il vostro portafoglio ha più opportunità di riprendersi dalla volatilità. Quando si tratta di bilanciare il portafoglio tra aziende con dimensioni di mercato diverse, più lungo è l’orizzonte temporale, più rischiosa potrebbe essere l’allocazione. Gli investitori a lungo termine, come quelli che stanno investendo denaro per una pensione lontana decenni, possono trarre profitto dal potenziale sviluppo delle aziende a piccola e media capitalizzazione, pur avendo abbastanza tempo per far fronte a flessioni impreviste.

È possibile che gli investitori che non desiderano assumersi un rischio così elevato preferiscano basare il proprio portafoglio su società a grande e mega-capitale meno volatili, riducendo al contempo la percentuale di partecipazioni in società a piccola e media capitalizzazione.

Anche nella gestione dei fondi comuni di investimento si utilizzano spesso i dati relativi alla capitalizzazione di mercato. Considerando che questi fondi possono possedere azioni di decine o addirittura centinaia di aziende diverse, gli investitori sono in grado di acquistare un gran numero di titoli in un’unica transazione. Poiché i fondi comuni di investimento spesso investono in categorie, gli investitori hanno la possibilità di acquistare fondi a piccola o grande capitalizzazione.

Capitalizzazione di mercato contro la capitalizzazione di mercato corretta per il flottante

A differenza della capitalizzazione di mercato, la capitalizzazione di mercato corretta per il flottante, talvolta indicata come capitalizzazione di mercato a flottante libero, viene calcolata utilizzando solo le azioni accessibili al pubblico. Le azioni bloccate, che includono quelle detenute da istituzioni e agenzie governative, non sono incluse in questo calcolo.

Un numero significativo di importanti indici azionari, come l’S&P 500 e il Dow Jones Industrial Average, nonché diversi fondi indicizzati e fondi negoziati in borsa, utilizzano i dati della capitalizzazione di mercato corretta per il flottante. Lo scopo della capitalizzazione di mercato corretta per il flottante è quello di fornire un quadro ancora più accurato di come il mercato ritiene e valuta le azioni di una determinata azienda. Per approfondire l’argomento, è opportuno analizzare i dati dello S&P 500.

Confronto tra la capitalizzazione di mercato e il capitale di rischio

Un’ulteriore distinzione da comprendere è che il valore d’impresa di una società non è la stessa cosa della sua capitalizzazione di mercato. Mentre la capitalizzazione di mercato è una misura del valore del patrimonio netto di una società, il valore d’impresa è una misura del valore complessivo dell’azienda, che tiene conto della liquidità, delle attività e degli obblighi della società. Sebbene sia più difficile da calcolare, il valore d’impresa offre un’immagine molto chiara del valore di un’azienda, pur essendo al contempo più difficile da calcolare.

Quando un’azienda viene acquistata a titolo definitivo, l’enterprise value viene solitamente utilizzato per stimare il prezzo al quale l’azienda verrebbe trasferita. Gli investitori esperti, invece, possono utilizzare l’enterprise value insieme ad altri dati di performance per stabilire se il prezzo di un’azione è ora sottovalutato o sopravvalutato rispetto ad altre aziende in qualche modo comparabili.

 

*NB: Le riflessioni e le analisi condivise sono da intendere ad esclusivo scopo divulgativo. Quanto esposto non vuole quindi essere un consiglio finanziario o di investimento e non va interpretato come tale. Ricorda sempre che le scelte riguardo i propri capitali di rischio devono essere frutto di ricerche e analisi personali. L’invito è pertanto quello di fare sempre le proprie ricerche in autonomia.