Cos’è l’indice dei prezzi al consumo (CPI) e a cosa serve

L’indice dei prezzi al consumo (CPI) tiene conto della variazione dei prezzi pagati mensilmente dai consumatori negli Stati Uniti. Per determinare l’indice dei prezzi al consumo (CPI), il Bureau of Labor Statistics (BLS) utilizza una media ponderata dei prezzi di un paniere di prodotti e servizi che riflette l’importo totale speso dai consumatori negli Stati Uniti.

L’Indice dei prezzi al consumo (CPI) è uno degli indicatori di inflazione e deflazione più utilizzati. L’indice dei prezzi al consumo (CPI) utilizza una metodologia di indagine, campioni di prezzi e pesi dell’indice diversi rispetto all’indice dei prezzi alla produzione (PPI), che misura le variazioni dei prezzi percepiti dai produttori di prodotti e servizi negli Stati Uniti.

CPI Consumer Price Index
Adobe Stock

Quando si tratta di misurare l’inflazione, l’Indice dei prezzi al consumo (CPI) è la metrica più utilizzata, seguita da vicino da politici, mercati finanziari, imprese e consumatori. D’altra parte, un indice comparabile che copre i salariati e gli impiegati è utilizzato per gli adeguamenti al costo della vita delle prestazioni governative. L’indice dei prezzi al consumo (CPI) è comunemente citato perché si basa su un indice che copre il 93% della popolazione degli Stati Uniti.

Per calcolare l’indice dei prezzi al consumo (CPI), vengono raccolte mensilmente circa 80.000 quotazioni di prezzo da circa 23.000 aziende di vendita al dettaglio e di servizi, oltre a 50.000 unità abitative in affitto. Nella stima della variazione dei costi di alloggio, vengono presi in considerazione gli affitti delle abitazioni. Questo include le abitazioni occupate dai proprietari, che rappresentano circa un terzo dell’Indice dei prezzi al consumo.

Cos’è l’Indice dei prezzi al consumo (IPC) e a cosa serve

Il Bureau of Labor Statistics (BLS) raccoglie mensilmente oltre 80.000 prezzi da circa 23.000 aziende di vendita al dettaglio e di servizi. Nonostante entrambi gli indici CPI calcolati a partire dai dati contengano la parola “urbano”, quello più completo e frequentemente citato è quello che comprende il 93% della popolazione degli Stati Uniti.

Sulla base di un’indagine sui prezzi degli affitti di 50.000 unità abitative, vengono calcolati i prezzi delle categorie di alloggio, che rappresentano un terzo dell’IPC complessivo. Questa indagine viene poi utilizzata per calcolare la crescita dei prezzi degli affitti e degli equivalenti dei proprietari.

La categoria degli equivalenti dei proprietari è un modello che rappresenta l’equivalente dell’affitto per le abitazioni occupate dai proprietari, al fine di riflettere accuratamente la percentuale della spesa dei consumatori destinata ai costi dell’abitazione. Vi sono alcune imposte che non sono incluse nell’Indice dei prezzi al consumo (CPI), come le imposte sul reddito e la determinazione del prezzo di beni come azioni, obbligazioni o polizze di assicurazione sulla vita. Sono invece incluse le tasse sugli utenti e le imposte sulle vendite o sulle accise.

Come vengono calcolati gli indici di prezzi al consumo (CPI)

Gli indici CPI sono calcolati sulla base dei dati e la metodologia tiene conto degli effetti di sostituzione. Gli effetti di sostituzione si riferiscono alla tendenza dei consumatori a trasferire la spesa da articoli e categorie che sono diventati comparativamente più costosi. Inoltre, la metodologia modifica i dati sui prezzi per tenere conto delle variazioni nella qualità e nelle caratteristiche dei prodotti. Negli indici dell’Indice dei prezzi al consumo (IPC), la ponderazione delle categorie di beni e servizi corrisponde ai modelli di acquisto più attuali dei consumatori, generati da un’indagine separata.

Nei dodici mesi terminati ad agosto 2023, l’indice dei prezzi al consumo (CPI-U) è aumentato del 3,7%. Rispetto al mese precedente, l’indicatore ha registrato un aumento dello 0,6%.8 categorie distinte di indici dei prezzi al consumo (CPI)

Ogni mese, il Bureau of Labor Statistics (BLS) rilascia due indici. Il CPI-U, acronimo di Consumer Price Index for All Urban Consumers, è rappresentativo del 93% della popolazione degli Stati Uniti che non risiede in regioni rurali isolate. Gli acquisti effettuati da individui che risiedono in case agricole, istituzioni o siti militari non sono coperti da questa disposizione. L’indice dei prezzi al consumo (CPI-U) è la base su cui si fondano i dati CPI regolarmente pubblicati e significativi per i mercati finanziari.

L’indice dei prezzi al consumo per le donne (CPI-W)

L’indice dei prezzi al consumo per i salariati e gli impiegati urbani (CPI-W) è un altro indice pubblicato dal Bureau of Labor Statistics. L’indice dei prezzi al consumo per le donne (CPI-W) comprende il 29% della popolazione degli Stati Uniti che risiede in case in cui la maggior parte del reddito proviene da lavori che pagano una paga oraria o da lavori impiegatizi.

L’indice dei prezzi al consumo per le donne (CPI-W) è il modo in cui i pagamenti della Previdenza Sociale, insieme ad altre prestazioni governative e pensioni, vengono adeguati per tenere conto delle variazioni del costo della vita.

Inoltre, adegua le aliquote dell’imposta federale sul reddito per garantire che i contribuenti non siano soggetti a un’aliquota marginale più elevata a causa dell’inflazione.

Quali sono le formule relative all’Indice dei prezzi al consumo (CPI)

Il calcolo dell’Indice dei prezzi al consumo (CPI-U), che viene utilizzato più spesso, prevede due formule principali. La prima viene utilizzata per accertare il costo attuale del paniere medio ponderato di articoli, mentre la seconda viene utilizzata per esaminare la variazione da un anno all’altro.

Formula annuale dell’IPC

Per determinare l’indice annuale dei prezzi al consumo (CPI), il Bureau of Labor Statistics (BLS) divide il valore di un determinato paniere di articoli di oggi con il valore dello stesso paniere dell’anno precedente:

Moltiplicando il valore del paniere dell’anno in corso per il valore del paniere dell’anno precedente, si calcola l’indice annuale dei prezzi al consumo (CPI). Prendendo il valore del paniere nell’anno precedente e moltiplicandolo per il valore del paniere nell’anno in corso, l’indice annuale dei prezzi al consumo (CPI) è pari a 100.

In precedenza si è detto che il paniere di prodotti e servizi utilizzato per il calcolo dell’Indice dei prezzi al consumo (IPC) è una raccolta di prodotti popolari che vengono spesso acquistati dagli americani. Ogni singolo componente del paniere ha un peso proporzionale al modo in cui viene venduto. L’indice dei prezzi al consumo (CPI) annuale è spesso espresso come numero intero, e l’importo è tipicamente superiore a 100 (supponendo che i prezzi sul mercato stiano aumentando ora).

Successivamente, il Bureau of Labor Statistics (BLS) calcola il tasso di inflazione utilizzando sia l’indice dei prezzi al consumo (CPI) dell’anno in corso che quello dell’anno precedente.

Utilizzando la formula:

Tasso di inflazione = Nuovo indice dei prezzi al consumo meno Indice dei prezzi al consumo precedente × 1 0 0 Tasso di inflazione = Indice dei prezzi al consumo precedente100 moltiplicato per il nuovo IPC meno l’IPC precedente

È possibile calcolare il tasso di inflazione per un mese specifico o per un intero anno; in ogni caso, è necessario scegliere il periodo corrente e quello precedente adatti.Il tasso di inflazione è spesso espresso in percentuale ed è tipicamente positivo (presuppone che i prezzi sul mercato stiano aumentando in questo momento).

Quali sono le otto categorie principali che compongono l’Indice dei prezzi al consumo

Oltre alla variazione non corretta da un anno all’altro, la pubblicazione mensile dell’Indice dei prezzi al consumo (CPI) da parte del Bureau of Labor Statistics (BLS) inizia con la variazione rispetto al mese precedente per il CPI-U complessivo e per le sue importanti sottocategorie. Le statistiche complete fornite dal Bureau of Labor Statistics (BLS) mostrano le variazioni di prezzo per un’ampia gamma di prodotti e servizi, organizzati secondo otto categorie di spesa generali.

Le stime delle variazioni di prezzo per un’ampia gamma di prodotti, tra cui pomodori, condimenti per insalata, riparazioni di automobili e biglietti per eventi sportivi, sono fornite per sottocategorie. Gli aggiustamenti ai prezzi di ogni sottocategoria sono presentati sia con che senza considerare la stagionalità.

Oltre agli indici CPI nazionali, il Bureau of Labor Statistics (BLS) pubblica anche i dati CPI per le regioni, le sottoregioni e le aree metropolitane significative degli Stati Uniti. I dati metropolitani sono suscettibili di oscillazioni più ampie e sono utili soprattutto per individuare le variazioni dei prezzi in base a fattori locali. I dati metropolitani sono esposti a variazioni maggiori.

È importante tenere presente che alcune sottocategorie possono essere difficili da identificare all’interno dei rispettivi gruppi primari.Per esempio, le automobili sono considerate all’interno della categoria dei beni di prima necessità.

inflazione
Adobe Stock

Quali sono le applicazioni dell’Indice dei prezzi al consumo (IPC)

L’inflazione è misurata dall’Indice dei prezzi al consumo (IPC), spesso utilizzato dagli operatori del mercato finanziario. Anche la Federal Reserve utilizza l’IPC per regolare la propria politica monetaria. Sia i consumatori che le imprese utilizzano l’Indice dei prezzi al consumo (IPC) per formulare giudizi istruiti sull’economia. Poiché l’Indice dei prezzi al consumo (IPC) tiene conto della variazione del potere d’acquisto dei consumatori, è spesso una componente importante nelle trattative sui compensi.

La Federal Reserve (Fed)

La Federal Reserve (Fed) prende decisioni di politica economica sulla base dell’Indice dei prezzi al consumo (IPC). Poiché la Federal Reserve ha fissato il suo tasso di inflazione target al 2%, ha la possibilità di attuare una politica monetaria espansiva per rilanciare l’economia nel caso in cui la crescita del mercato rallenti, oppure può attuare una politica monetaria restrittiva nel caso in cui l’economia (e quindi i prezzi) aumentino troppo rapidamente. Quando l’indice dei prezzi al consumo (CPI) rivela tassi di inflazione superiori al previsto, la Federal Reserve modifica il tasso dei Fed funds.

Le altre organizzazioni governative

Negli Stati Uniti circa 70 milioni di persone ricevono prestazioni di Social Security e Supplemental Security Income (SSI). Gli aggiustamenti del costo della vita (COLA), basati sull’IPC, hanno un effetto sui pagamenti governativi che vengono effettuati a loro favore. Anche i pagamenti delle pensioni federali, i sussidi per i pasti scolastici e le aliquote dell’imposta sul reddito sono inclusi nel loro campo di applicazione.

Un’abitazione

I tassi stabiliti dagli enti governativi hanno spesso un effetto sui tassi dei mutui, così come sui tassi di altri tipi di debito a lungo termine. I tassi salgono in genere se l’indice dei prezzi al consumo (CPI) aumenta e il governo effettua aggiustamenti politici nel tentativo di ridurre l’inflazione.I dati dell’Indice dei prezzi al consumo (IPC), d’altra parte, possono essere utilizzati dai proprietari per determinare con precisione gli aumenti annuali degli affitti per gli inquilini.14:15

Mercati delle transazioni finanziarie

I prezzi nel mercato finanziario sono determinati da un numero infinito di fattori. L’indice dei prezzi al consumo (CPI) è uno di questi fattori, poiché le azioni della Federal Reserve hanno un’influenza diretta sulla crescita economica, sugli utili delle aziende e sulla capacità di spesa dei consumatori.

Quando l’Indice dei prezzi al consumo (IPC) è più alto, è tipicamente indicativo di una politica governativa meno rigorosa. Inoltre, ciò indica che gli individui hanno una migliore capacità di spesa e che il debito è spesso più semplice da ottenere a un costo inferiore. Se, invece, l’Indice dei prezzi al consumo (IPC) diminuisce o si riduce, ciò può indicare che il governo potrebbe allentare la politica che opera per stimolare l’economia.

Mercati dell’occupazione

Per distinguere i cambiamenti fondamentali da quelli che riflettono le variazioni dei prezzi, l’Indice dei prezzi al consumo (IPC) e i suoi componenti sono utilizzati anche come deflattore per altri indicatori economici, come le vendite al dettaglio e le misure delle retribuzioni orarie/settimanali. I rapporti sull’Indice dei prezzi al consumo (IPC) sono una risorsa che i dipendenti possono consultare quando si rivolgono ai loro datori di lavoro per ottenere un aumento basato sulle variazioni dei tassi di lavoro e dei prezzi in tutto il paese.

Si tenga presente che l’Indice dei prezzi al consumo (IPC) viene compilato utilizzando i dati dell’intero Paese; è possibile che i dipendenti traggano maggiore beneficio dall’accesso ai dati della propria comunità per avere una migliore comprensione della propria situazione. Inoltre, la retribuzione di alcuni lavoratori tutelati da accordi di contrattazione collettiva potrebbe essere legata alle fluttuazioni dell’indice dei prezzi al consumo (IPC).

L’indice dei prezzi al consumo (CPI) è riportato dal Bureau of Labor Statistics (BLS) su base mensile.Il sito web del Bureau of Labor Statistics (BLS) fornisce un calendario dei comunicati precedenti e futuri, e l’indice dei prezzi al consumo (CPI) viene sempre pubblicato alle 8:30 ora orientale.

Tasso di disoccupazione rispetto all’Indice dei prezzi al consumo (IPC)

In senso lato, l’Indice dei prezzi al consumo (IPC) e il tasso di disoccupazione sono spesso associati in modo inverso. Sebbene non sia sempre così in tutte le economie, la Federal Reserve (Fed) si sforza spesso di abbassare una delle due statistiche cercando contemporaneamente di mantenere l’equilibrio con l’altra. A titolo di esempio, per rivitalizzare l’economia, la Federal Reserve ha adottato attività straordinarie di vigilanza e regolamentazione in risposta all’epidemia di COVID-19.

Di conseguenza, il mercato del lavoro è migliorato e, a marzo 2022, è tornato ai tassi esistenti prima dell’epidemia. Ciononostante, le stime dell’IPC hanno raggiunto il livello più alto degli ultimi decenni a seguito di questa spinta.

Poiché i calcoli dell’Indice dei prezzi al consumo (IPC) erano superiori al livello previsto, la Federal Reserve ha iniziato ad aumentare i tassi di interesse e a diminuire l’ammontare degli acquisti di attività specifiche. Da un lato, lo scopo di queste politiche è quello di ostacolare l’espansione dell’economia, rendere più costoso per i consumatori l’assunzione di debiti e porre un freno all’espansione dell’offerta monetaria.

Dall’altro lato, questi costi più elevati possono gravare sulle famiglie e ridurre la redditività delle imprese. Se tutto il resto rimane invariato, la Federal Reserve rischia di aumentare involontariamente i tassi di disoccupazione ogni volta che si sforza di abbassare l’indice dei prezzi al consumo (IPC).