Debiti fiscali: attenzione, se non si saldano si rischia il pignoramento dello stipendio

Cosa succede se si hanno dei debiti con il Fisco? È importante conoscere tutti gli strumenti di tutela, perché si rischia di fare i conti con sanzioni molto salate.

Molti cittadini ricevono avvisi da parte dell’Agenzia delle Entrate, relativi al mancato pagamento delle imposte, tra cui l’Iva.

debiti
Foto Canva

Cosa succede se non si presenta ricorso entro 60 giorni dall’avviso? Trova applicazione la legge sul sovraindebitamento? La cartella esecutiva, inoltre, si prescrive? Ecco cosa fare per evitare il pignoramento dello stipendio.

Innanzitutto, la cartella esattoriale si prescrive nei termini previsti per l’imposta a cui si riferisce, anche se è esecutiva. Tutti i provvedimenti esecutivi, infatti, se non attivati entro i termini previsti dalla legge, si prescrivono e perdono di efficacia.

Ma analizziamo la normativa e scopriamo in che modo i contribuenti possono difendersi.

Per ulteriori chiarimenti, consulta: “Hai debiti da pagare e non sai come fare? Il saldo e stralcio oggi è una possibile soluzione“.

Debiti fiscali: come opera la prescrizione?

Il termine di prescrizione cambia in base al tipo di tributo che deve essere pagato. Ad esempio, per Irpef, Iva, Irap ed imposta di registro, il credito del Fisco per la loro riscossione si prescrive in 10 anni. Trova applicazione, infatti, la disciplina dell’art. 2946 del codice civile, ai sensi del quale “salvo i casi in cui la legge dispone diversamente, i diritti si estinguono per prescrizioni con il decorso di dieci anni”.

Tornando all’ipotesi in cui si riceva un avviso da parte dell’Agenzia delle Entrate, se la cartella esattoriale ed il successivo pignoramento non vengono contestati entro i termini sanciti dalla normativa, allora l’unica alternativa possibile, per evitare conseguenze più gravi, è la composizione della crisi.

Attraverso tale strumento, per mezzo dell’Organismo di composizione della crisi, il contribuente può chiedere ed avere una riduzione dell’importo del credito preteso dal Fisco. A tal fine, il legale e l’Organismo dovranno depositare una proposta in Tribunale. La proposta consente la sospensione delle procedure esecutive già avviate, fino a quando il giudice non deciderà sulla possibilità di riduzione del debito.

Per scoprire un’importante opportunità, consulta: “Vuoi rateizzare i pagamenti dei debiti con F24 ma non sai se è possibile? Ecco la risposta“.

In che modo ottenere uno sconto sul debito

Affinché la procedura vada a buon fine, è necessario allegare tale documentazione:

  • il piano;
  • i debiti esistenti e vantati dall’Erario;
  • le capacità reddituali e immobiliari del contribuente moroso.

Solo dopo aver effettuato tutti gli adempimenti richiesti, il giudice potrà valutare l’idoneità del piano presentato. Se accoglie la proposta del contribuente, ordina, anche senza il consenso dei creditori, la cancellazione di una parte del debito.

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

In questo modo, quindi, i cittadini possono ottenere tutela giudiziaria e proteggere il proprio patrimonio e lo stipendio da eventuali pignoramenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *