L’Inps regala soldi, fino a 3600 euro: ecco a quali lavoratori

Una misura che in molti, forse nemmeno conoscono, ma che di sicuro farà molto parlare si se. Eccone i dettagli.

Un riconoscimento un sostegno, un aiuto o come lo si vuol chiamare per coloro i quali hanno visto davanti a se il baratro all’indomani della crisi innescata dalla pandemia di covid. La condizione vissuta nei primi mesi, quelli del lockdown, con le chiusure forzate, la ripresa lenta e quasi agonizzante per migliaia e migliaia di attività. Numerose realtà imprenditoriali costrette alla chiusura. Sogni spezzati dall’inesorabile andamento del virus che davanti a se non badava a niente lasciando alle sue spalle soltanto macerie. Intere economie dilaniate dalla pandemia e da ciò che ne è scaturito.

Numerose le forme di tutela per i lavoratori duramente colpiti dalla crisi, messe in campo dal Governo guidato da Mario Draghi. Il sostegno per quelle categorie maggiormente colpite dalla crisi è garantito dalla Legge di Bilancio n.178/2020, che ha previsto in merito un trattamento di sostegno del reddito proprio in favore di quella categoria di lavoratori. Le istruzioni fornite dall’Inps per accedere al relativo beneficio di natura economica sono ben precise e parlano di un contributo per niente esiguo che in ogni caso può rappresentare un valido aiuto in casi di profonda difficoltà, cosi come potrebbe essere per alcuni.

L’Inps regala soldi: a quanto ammonta il bonus per i lavoratori più bisognosi

Pochi giorni fa proprio l’Istituto Nazionale per la Previdenza Sociale ha confermato quelli che sono i tratti di una misura che andrà a consegnare, periodicamente fino a 3600 euro ai lavoratori che ne avranno i requisiti e soprattutto necessità, attraverso una semplice domanda. I soci lavoratori autonomi di cooperative della piccola pesca, degli armatori e dei proprietari armatori, nonché oltre a pescatori autonomi sono per ora coinvolti nell’operazione. Per gli altri bisognerà attendere nuove comunicazioni da parte dell’ente. Per il momento Inps guarda alle categorie al momento più sensibili.

LEGGI ANCHE >>> Legge 104, arrivano i bonus: ecco tutte le misure previste dall’Inps

Secondo la legge di bilancio i lavoratori in questione potranno accedere al trattamento in questione nel momento in cui possono essere documentati i seguenti requisiti:

  • riduzione del reddito da eventi riconducibili al COVID-19;
  • riduzione del reddito del primo semestre 2021 almeno pari al 33% rispetto al reddito del primo semestre del 2019.

Il sostegno al reddito vale 40 euro al giorno per un massimo di 90 giorni, per un trattamento al limite, cosi come anticipato di 3600 euro. La domanda può essere inoltrata attraverso la piattaforma Inps accedendo con Spid o con gli altri strumenti solitamente utili. Una misura che di certo consolerà migliaia di persone, in attesa di tempi migliori per quelle categorie professionali e non solo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *