ISEE basso? Ecco le 5 agevolazioni da non perdere

Per chi ha un ISEE basso sono previste bene 5 agevolazioni che non hanno nulla a che fare con l’Assegno Unico. Scopriamo di cosa si tratta.

Avere l’ISEE basso, in alcuni casi, non è un dramma, perché permette di accedere ad una serie di agevolazioni che altrimenti sarebbero precluse.

ISEE basso? Ecco le 5 agevolazioni da non perdere

L’ISEE è un indicatore della situazione economica equivalente di un nucleo familiare. In sostanza, si tratta di un’attestazione che misura la situazione economica di una famiglia e certifica il patrimonio e il reddito della stessa.

L’attestato permette di accedere ad una serie di agevolazioni. Alcune di queste sono state introdotte, prorogate e modificate dalla Legge di Bilancio 2022. Questi sussidi sono volti ad aiutare le famiglie in difficoltà economica.

Di conseguenza avere un ISEE basso permette di accedere a bonus, sconti ed esenzioni di diverso tipo.

ISEE basso: bonus e agevolazioni disponibili

Per accedere ai bonus e agli sconti messi a disposizione dal Governo, in favore delle famiglie con un ISEE basso, è necessario avere il suddetto attestato.

Esso è composto dalla Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU), che contiene tutte le informazioni reddituali e patrimoniali del nucleo familiare. Il suddetto documento permette di elaborare l’indicatore ISEE, che ha validità annuale e dunque scade il 31/12 di ogni anno.

Per accedere alle agevolazioni, previste per chi ha un ISEE basso nel 2022, è necessario recarsi presso un CAF o sul sito dell’Inps per ottenere un indicatore valido per l’anno in corso.

Le agevolazioni disponibili per le famiglie in difficoltà economica sono molteplici e riguardano:

  • Il reddito di cittadinanza
  • La pensione di cittadinanza
  • Il bonus prima casa per i giovani under 3
  • Il bonus affitto
  • Bonus energia, ovvero lo sconto in bolletta di luce, acqua e gas
  • Esenzione ticket sanitario
  • Bonus bebè
  • Bonus asilo nido
  • Bonus baby sitting
  • Reddito di emergenza
  • Bonus digitalizzazione
  • Bonus scuola, libri e tasse
  • Assegno di maternità
  • Assegni familiari
  • Sconto sui trasporti pubblici.

La lista delle agevolazioni e dei bonus disponibili e piuttosto lunga e prevede diversi indicatori ISEE per accedervi. In alcuni casi, come ad esempio per il bonus asilo nido, l’accesso è concesso a tutti i contribuenti, ma prevede una divisione in fasce di reddito.

Agevolazioni per chi ha un reddito basso

Per i nuclei familiari che hanno un ISEE basso ci sono 5 nuove agevolazioni. Esse sono state introdotte in seguito alla crisi economica causata dalla pandemia di Covid-19 e alla guerra tra Ucraina e Russia.

Ci stiamo riferendo al:

  • Bonus sociale per il quale è stato innalzato il tetto massimo da €8.000 a €12.000. In questo modo, è possibile, per oltre 5,2 milioni di famiglie, accedere alla suddetta agevolazione. La novità del 2022 riguarda il riconoscimento automatico dell’agevolazione, pertanto non sarà necessario effettuare alcuna domanda. Sara compito dell’INPS incrociare i dati che ha a disposizione ed erogare il bonus.
  • Asilo nido si tratta di uno rimborso che permette di recuperare una parte delle spese relative all’iscrizione e alle rette mensile degli asili per l’infanzia. Come anticipato, questo beneficio varia in base ai redditi e prevede tre fasce di ISEE.
  • Bonus casa under 36 è dedicato ai giovani che hanno intenzione di acquistare la loro prima abitazione. Per poter accedere a questo beneficio è necessario essere nati dopo il 1986 e avere un ISEE inferiore a €40.000. Inoltre, il valore dell’immobile non può superare i €250.000.
  • Bonus psicologo, si tratta di un aiuto introdotto dal Decreto Milleproroghe che ha lo scopo di sostenere le persone che hanno riscontrato dei disagi psicologici in seguito alla crisi sanitaria causata dal Covid-19. Il bonus eroga un voucher di €600, che permette di pagare fino a 12 sedute dallo psicologo o dallo psicanalista.
  • Reddito di emergenza è un’agevolazione istituita in seguito alla crisi sanitaria causata dal Coronavirus. Esso è riconosciuto ai nuclei familiari residenti in Italia, con un patrimonio immobiliare inferiore a €10.000. Per poter accedere alla suddetta misura è necessario avere un ISEE inferiore a €15.000.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *