L’Isee corrente: a cosa serve il prezioso documento

Tutti ormai siamo abituati a richieder il certificato Isee per accedere alle consuete attività o richieste alla pubblica amministrazione.

Calcolo reddito
Calcolo reddito (Adobe)

Nuove modifiche per ottenere quello che si definisce Isee corrente. L’Isee classico (Indicatore della situazione economica equivalente) relativo al nucleo familiare, mostra una situazione reddituale che può essere utile all’accesso a bonus e prestazioni da parte dello Stato, mostra la situazione ferma a due anni precedenti. Discorso del tutto diverso per quello corrente, che mostra la situazione ad un solo anno precedente. Tale informazione mostra una situazione reddituale del nucleo familiare ancora più veritiera.

Per richiedere l’Isee, ottenerne la certificazione è necessario presentare la dichiarazione sostituiva unica (DSU), in cui è indicata la situazione reddituale e patrimoniale del nucleo familiare che di fatto richiede l’Isee. Nella DSU, è contenuta quindi la situazione reddituale e patrimoniale facente riferimento a due anni precedenti.  Viene da se considerare che ad esempio in riferimento all’Isee 2021 avremo una DSU in cui sono indicati dati relativi alla situazione reddituale e patrimoniale relativa al 31 dicembre 2019.

DSU per Isee: quali canali possono essere utilizzati per la presentazione del documento

La DSU per fare poi richiesta dell’ISEE può essere richiesta, presentata attraverso i seguenti canali usuali:

  • all’ente che eroga la prestazione sociale agevolata
  • al comune
  • a un CAF
  • all’INPS.

Per quel che riguarda invece l’Isee corrente ci troviamo di fronte ad una dichiarazione basata sui redditi percepiti negli ultimi 12 mesi. La presentazione di tale certificazione è prevista in caso di eventi avversi, tra i quali:l

  • a perdita del posto di lavoro
  • l’interruzione di un trattamento previdenziale, assistenziale e indennitario
  • ovvero una rilevante variazione del reddito del nucleo familiare (superiore al 25%).

LEGGI ANCHE >>> Bonus per tutti senza ISEE fino a 8.000 euro, e si ottiene subito

Dal 10 settembre, inoltre, è stata introdotta la possibilità di ottenere l’Isee corrente non esclusivamente nel caso d modifiche della situazione reddituale, ma anche nel caso in cui ci sia una riduzione della situazione patrimoniale superiore al 20% rispetto a quella indicata nell’Isee in corso di validità. In questo caso è consentito quindi ricalcolare lo stesso Isee. Un vantaggio per i cittadini, un ulteriore vantaggio, insomma, che di certo non farà che piacere ai contribuenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *