L’avversione al rimpianto nel trading: cos’è e come gestirla

L’evitamento del rimpianto, spesso chiamato anche come avversione al rimpianto, è un’ipotesi che tenta di spiegare la tendenza degli investitori a rifiutarsi di riconoscere di aver fatto un pessimo giudizio sui propri investimenti.

L’evitamento del rischio può indurre gli investitori a mantenere attività insoddisfacenti per un periodo di tempo eccessivamente lungo o a continuare ad aggiungere denaro nell’aspettativa che la situazione migliori e che le perdite vengano recuperate, limitando così la probabilità di provare sentimenti di rimpianto. Il comportamento che ne consegue viene spesso definito “escalation dell’impegno”.

psicologia mercati trading
Adobe Stock

Ciò che si deve dedurre è che l’evitamento del rimpianto si riferisce alla tendenza degli individui a prendere decisioni basate sulle emozioni piuttosto che sul ragionamento, al fine di evitare di provare rimpianto.

C’è la possibilità che gli investitori continuino a tenere il titolo in crisi o addirittura a investirvi ulteriore capitale, nella speranza che si riprenda e si risollevi in qualche modo. Queste azioni sono una manifestazione del desiderio di non avere rimpianti per l’acquisto dell’investimento.

Alla fine dei conti, l’investitore finisce per perdere più denaro di quanto ne avrebbe perso se avesse deciso di porre fine alle perdite in anticipo.

Come evitare i rimpianti quando si opera sui mercati finanziari

Si parla di evitamento del rimpianto quando una persona spende tempo, energia o denaro per evitare di pentirsi di un errore commesso in passato. Quando si tratta di assicurarsi che l’investimento iniziale non sia stato sprecato, le risorse investite possono spesso superare il valore dell’investimento stesso.

Un buon esempio è l’acquisto di un’automobile di qualità inferiore e la spesa per le riparazioni superiore al costo iniziale dell’automobile. In questo caso si preferisce ammettere che si è commesso un errore e che si sarebbe dovuto acquistare un’automobile nuova.

“Quando prendiamo decisioni sotto costrizione, quando prendiamo decisioni senza un contesto adeguato e quando prendiamo una decisione senza una sufficiente conoscenza o correlazione”, ha dichiarato George M. Blount, terapeuta finanziario e fondatore di nBalance Financial.

“È probabile che a causa di queste circostanze prendiamo decisioni irrazionali o inappropriate”, ha detto Blount. “La difficoltà può derivare semplicemente dal fatto che si prendono decisioni più in fretta del necessario, e lo si fa senza le informazioni chiave di cui si ha bisogno personalmente per non avere rimpianti o ansia alla fine del processo decisionale”.

avversione perdite
Adobe Stock

Per una guida completa alla scelta del broker più sicuro e adatto alle proprie esigenze e strategie, oltre ai parametri vitali da valutare nella scelta, corri a leggere il nostro articolo:
Come scegliere il broker per il trading sullo stock market: guida per il 2023

Astenersi dal commettere errori durante la crisi immobiliare

Nonostante i prezzi degli immobili fossero scesi al punto da non valere più l’ipoteca, molti proprietari di case recenti si sono rifiutati di rinunciare al mutuo durante la crisi immobiliare del 2008.

Uno studio condotto nel 2010 ha scoperto che, affinché i proprietari di casa prendessero in considerazione l’idea di abbandonare la propria abitazione, il valore delle loro proprietà doveva scendere al di sotto del 75% dell’importo ancora dovuto.

Se le scelte fossero state fatte esclusivamente sulla base di considerazioni logiche di tipo economico, un numero significativo di proprietari sarebbe uscito prima. Invece, hanno ritardato l’uscita perché avevano un legame emotivo con le residenze, e uno dei motivi per cui lo hanno fatto è che non volevano che il denaro che avevano investito in precedenza si riducesse a nulla.

Finanza comportamentale e prevenzione dei rimpianti

Lo studio delle ragioni alla base delle scelte illogiche delle persone in campo finanziario è il fulcro dell’area della finanza comportamentale. Il comportamento irrazionale può essere illustrato dalla pratica di evitare i rimpianti. Invece di prendere decisioni ragionevoli, il denaro viene investito o speso utilizzando il sentimento e l’emozione come motivazioni principali.

Gli investitori che mostrano questo tipo di comportamento attribuiscono un valore maggiore al denaro speso in passato rispetto a quello che verrà speso in futuro per recuperare il denaro speso in passato.

La fallacia dei costi irrecuperabili è un altro errore che può essere causato dall’avversione al rimpianto. Le persone cadono nella trappola dei costi sommersi quando basano le loro decisioni su azioni precedenti e sul desiderio di evitare di perdere il tempo o il denaro che hanno già impegnato. Invece di ridurre le perdite e scegliere l’opzione che offre i migliori risultati per il futuro, si cade in questa trappola.

Un numero significativo di investitori esita a riconoscere, anche a se stessi, di aver preso una decisione di investimento sbagliata. Modificare il proprio approccio viene percepito, il più delle volte inconsciamente, come un’ammissione di fallimento, che alla fine si traduce in un rimpianto. Di conseguenza, molti investitori tendono a mantenere il loro impegno in un investimento scadente o addirittura a investire ulteriori risorse per far apparire la loro decisione iniziale come redditizia.

La “Fallacia del Concorde”

Un’illustrazione della pratica di evitare il rimorso è nota come “fallacia del Concorde”. I governi del Regno Unito e della Francia hanno continuato a investire denaro nello sviluppo dell’aereo Concorde per un periodo di tempo considerevole, dopo che era diventato evidente che non c’era più una ragione economica per farlo.

Non volendo affrontare l’umiliazione di staccare la spina e riconoscere che il denaro già speso non avrebbe portato a un veicolo funzionale, i politici coinvolti non vollero partecipare.

L’auto prodotta di conseguenza, così come il denaro speso per il suo sviluppo, è quasi ampiamente considerata un fallimento commerciale.

Ridurre il rischio di evitare il rimpianto

È possibile ridurre la probabilità di partecipare a comportamenti controproducenti di evitamento del rimpianto acquisendo una conoscenza fondamentale della finanza comportamentale, costruendo una solida strategia di portafoglio e acquisendo la consapevolezza della propria tolleranza al rischio e delle motivazioni che ne sono alla base.

Mettere in atto regole di trading che siano immutabili. Se un’azione perde il sette per cento del suo valore, ad esempio, dovreste uscire dalla posizione. Impostate un trailing stop che blocca i profitti se l’operazione perde un determinato ammontare di guadagni se il titolo sale oltre un determinato livello.

TUtto questo si verificherà se il titolo sale al di sopra del livello. Assicuratevi che questi livelli abbiano delle restrizioni che non possono essere infrante ed evitate di fare trading sulle emozioni.

Inoltre, gli investitori hanno la possibilità di automatizzare completamente le loro tecniche di trading e di utilizzare algoritmi per la gestione e l’esecuzione delle operazioni. L’uso di tecniche di trading basate su regole riduce al minimo la probabilità che un investitore prenda una decisione basata sulla propria discrezionalità in base ai risultati di un investimento precedente.

L’uso dei robo-advisor è diventato sempre più popolare tra gli investitori grazie alla possibilità di accedere agli investimenti automatizzati e di fornire un’alternativa a basso costo ai consulenti tradizionali.

L’avversione per i rimpianti e i crolli del mercato

Il concetto di rimpianto, spesso noto come paura di perdere l’occasione (talvolta abbreviato in “FOMO”), è solitamente associato alla pratica degli investimenti.

Ciò diventa particolarmente evidente durante i lunghi mercati toro, caratterizzati da un aumento del valore delle attività finanziarie e da un livello di fiducia sempre elevato da parte degli investitori. Anche l’investitore più cauto e avverso al rischio può ignorare le avvisaglie di una crisi imminente per paura di perdere un’opportunità di guadagno.

Questo entusiasmo estremo degli investitori, che spinge i valori delle attività più in alto di quanto possano giustificare i fondamentali sottostanti, viene definito esuberanza irrazionale. Questa espressione è stata resa popolare da Alan Greenspan, che in passato è stato presidente della Federal Reserve (Fed) degli Stati Uniti.

Un modello di attività di investimento che si auto-perpetua potrebbe essere il risultato di questa fiducia mal riposta nell’economia. Gli investitori continuano a effettuare investimenti consistenti perché iniziano a ritenere che il recente aumento dei prezzi sia una proiezione del futuro.

Lo scoppio delle bolle degli asset, che alla fine sfocia nel panic selling, è un evento comune. L’esito successivo possibile è una grave recessione economica, che potrebbe seguire questo scenario. Il crollo del mercato azionario del 1929, il crollo del mercato azionario del 1987, il crollo del settore delle dot-com nel 2001 e la crisi finanziaria del 2007-2008 sono tutti esempi di questo fenomeno.

Domande frequenti (F.A.Q.)

Che cos’è esattamente il concetto di avversione al rimpianto?

L’avversione al rimpianto è possibile quando una persona spreca tempo, energia o denaro per evitare di pentirsi di una decisione iniziale che potrebbe comportare una perdita superiore al valore dell’investimento.

Un buon esempio è l’acquisto di un’automobile di qualità inferiore e la successiva spesa per le riparazioni, superiore al costo iniziale dell’automobile. In questo caso si preferisce ammettere che si è commesso un errore e che si sarebbe dovuto acquistare un’auto nuova.

Gli investitori si comportano in modo simile, evitando di fare operazioni o rimanendo aggrappati a investimenti perdenti per un periodo di tempo eccessivamente lungo, per paura di provare rimpianto.

È possibile evitare i rimpianti quando si investe in borsa?

È stato rilevato da una ricerca che i trader sono da 1,5 a 2 volte più propensi a vendere una posizione vincente troppo presto e una posizione perdente troppo tardi.Questo per evitare il rimpianto di aver perso le vincite o la base di costo originale investita nella posizione.

Esiste un modo per ridurre la quantità di rimpianti evitati?

È possibile ridurre la probabilità di partecipare a comportamenti controproducenti di evitamento del rimpianto acquisendo una conoscenza di base della finanza comportamentale, costruendo una solida strategia di portafoglio e acquisendo consapevolezza della propria tolleranza al rischio e del ragionamento che ne sta alla base.

 

*NB: Le riflessioni e le analisi condivise sono da intendere ad esclusivo scopo divulgativo. Quanto esposto non vuole quindi essere un consiglio finanziario o di investimento e non va interpretato come tale. Ricorda sempre che le scelte riguardo i propri capitali di rischio devono essere frutto di ricerche e analisi personali. L’invito è pertanto quello di fare sempre le proprie ricerche in autonomia.

Impostazioni privacy