Metaverso, le grandi aziende fiutano l’affare e acquistano terreni virtuali

Immobili virtuali, terreni, eventi e business, ruotano oggi intorno ad ambienti completamente virtuali in grado di influire e compenetrare l’economia reale.

cripto metaverso meta

Il metaverso creato da Facebook è un esempio del potenziale economico dei mondi virtuali partecipati da migliaia di utenti online.

Fino ad alcuni anni fa comprare asset in mondi virtuali sembrava un’operazione al limite della fantascienza. Oggi invece la tendenza dei mondi virtuali o metaverso ha il potenziale di realizzare una rendita che dipenderà dalla partecipazione di utenti, aziende e sponsor.

Esistono diverse piattaforme pensate per ospitare utenti che interagiscono all’interno della realtà virtuale. Ognuno ha il potenziale di creare attraverso sistemi semplificati di programmazione come le API, oggetti, immobili e mappe che possono cominciare ad accumulare valore. Proprio come in un mercato tradizionale la tendenza sarà semplicemente determinata dall’interesse e dalla domanda degli utenti che vogliono offrire un servizio all’interno di un multiplayer massive game personalizzabile.

È possibile valutare l’acquisto di un terreno virtuale o di un immobile come un buon investimento per il futuro? Generalmente acquistare spazi virtuali in mondi digitali, come ad esempio Decentraland consente di accedere un sistema che unisce, videogiochi, social network, blokchain e criptovalute.

Cosa unisce videogiochi, social network, blockchain e criptovalute?

Oggi giorno questi elementi hanno ognuno un mercato sufficientemente consolidato che può creare un aggregato economico di notevole importanza. Valutare i singoli mercati non è però sufficiente per capire quali sono i risvolti delle sinergie di questi settori. Il metaverso non è un servizio sufficientemente radicato tra i consumatori per fornire risultati prevedibili e a lungo termine.

Tuttavia, ci sono una serie di ragioni per pensare che entro i prossimi cinque anni il metaverso comincerà ad attrarre numerosi investitori. Esistono molti tipi di mondi virtuali ma quello di Facebook ha l’ambizione e il potenziale di diventare, almeno su breve termine il più grande. La mossa di Zuckerberg in questo contesto ha mostrato quanto determinata sia la sua azienda nel diventare il nuovo protagonista di quello che è il futuro del social network.

Il metaverso è realtà digitale alternativa che combina realtà virtuale, realtà aumentata e realtà estesa. Queste tecnologie permettono all’utente di interagire in modo più intuitivo con il mondo digitale, con differenze rispetto al tipo e grado di ampliamento del mondo reale. La realtà può essere integrata da singoli oggetti digitali o completamente sovrapposta a un ambiente ideato virtualmente.

Tramite questa tecnologia gli esseri umani sono in grado di lavorare, giocare e interagire digitalmente. Questa simbiosi è resa possibile dalla capacità di queste tecnologie di integrare elementi digitali nella realtà analogica tramite un’interfaccia. Questo tipo di interfaccia tra uomo e macchina presenta un grande potenziale per le aziende dei più svariati settori, creando valore aggiunto e vantaggi competitivi.

Gli investimenti e le aspettative di Facebook sullo sviluppo del Metaverso

Metaverso è un termine che è divenuto popolare dopo che Facebook ha deciso di reinventare il suo marchio per riflettere la sua nuova strategia di mercato. Questa sarà incentrata sulla integrazione di Facebook, oggi chiamato Metavers, in una realtà virtuale immersiva. Oggi una delle più popolari piattaforme social media sta cercando di connettere persone ed eventi superando le distanze fisiche.

Mark Zuckerberg crede fermamente che il metaverso sarà il nuovo erede di internet e progetta device come visori 3D in grado di supportarne lo sviluppo. A questo fine la società ha investito circa 10 miliardi di dollari per sviluppare nel prossimo anno le tecnologie necessarie per costruire il metaverso.

Di conseguenza, sempre più investitori stanno esplorando opportunità di investimento in questo nuovo spazio in rapida crescita. L’acquisto di terreni virtuali nei principali mondi digitali è una di queste opportunità. Lo spazio virtuale è disponibile in quantità limitata e potrebbe essere in futuro sempre più ambito.

Gli asset immateriali permetteranno di ospitare eventi virtuali, come conferenze e concerti, funzionando grazie anche alla blockchain e i NFT. Questi possono essere usati per accedere ad eventi o fungere per ogni situazione che richiede una prova d’acquisto per un bene o un servizio.

LEGGI ANCHE>>Tre cripto-alternative al Metaverso di Facebook che stanno per esplodere

La nascita di un’economia completamente digitale, Non Fungibile Tokens e immobili virtuali

Per esempio, nel metaverso c’è un museo virtuale con vere e proprie opere create da artisti riconosciuti. Comprare una di queste opere digitali significa a tutti gli effetti possedere un NFT. I Non Fungibile Tokens sono pezzi unici basati sulla stessa tecnologia delle criptovalute. Le stesse criptovalute sostengono al fianco delle valute tradizionali le attività economiche nel metaverso: tra queste ad esempio Mana e Land.

Le aziende tradizionali e il settore finanziario è già da tempo interessato all’acquisto o allo scambio di derivati basati su fondi di investimento basati su società coinvolte nel metaverso. Tra queste ad esempio Republic Realm, uno dei più attivi investitori e sviluppatori del settore immobiliare virtuale. L’azienda ha ultimamente investito 4,3 milioni di dollari per acquistare un pezzo di terra sulla piattaforma The Sandbox. Questa servirà per proporre eventi virtuali con la partecipazione di personalità in grado di attrarre sponsorizzazioni.

Gli avatar del metaverso possono avere vestiti di marca?

Tra le aziende interessate c’è ad esempio Nike che attende di osservare gli sviluppi del mercato per proporre il suo marchio su accessori e abbigliamento degli avatar. Un’altra azienda interessata a investire su uno dei metaversi è Gucci, che organizza versioni digitali della mostra Gucci Garden regalando e vendendo versioni digitali di capi e accessori del marchio di alta moda.

In questa fase economica è evidente l’interesse delle aziende e degli investitori per l’infrastruttura delle piattaforme e degli ecosistemi del metaverso. Gli investimenti successivi comprenderanno gli asset specifici, le criptovalute e i NFT su cui ruotano le economie delle piattaforme. Gli investimenti finali sono invece destinati alle singole applicazioni su cui ruota l’interazione sociale, sul marketing di un particolare servizio, su un influencer o un marchio all’interno del metaverso.

Se queste piattaforme desteranno un grado di interesse sufficiente nel pubblico, le aziende intendono creare spazi come centri commerciali virtuali e altre proprietà affittabili. In questi luoghi Nike potrebbe ad esempio aprire un negozio o una celebrità potrebbe costruire un immobile o ospitare un evento.

Anche Nvidia e Microsoft sviluppano prodotti e servizi per l’indotto del metaverso

Altre aziende popolari che hanno tutto l’interesse a contribuire all’indotto del metaverso sono Nvidia e Microsoft.

Nvidia tramite la sua piattaforma Omniverse fornisce strumenti software di cui le aziende hanno bisogno per creare i propri metaversi. L’azienda unisce la sua esperienza nel settore hardware con quella dell’intelligenza artificiale e dei software di simulazione grafica per andare incontro alle necessità dei futuri creatori di contenuti per questi mondi digitali.

Microsoft ha costruito Mesh, una piattaforma di realtà mista che alimenterà Microsoft Teams e altre applicazioni. Gli utenti saranno in grado di accedere a Mesh sul visore per la realtà aumentata HoloLens 2 dedicato ai servizi dell’azienda. La piattaforma sarà accessibile naturalmente anche da visori per la realtà virtuale, nonché da telefoni cellulari, tablet o PC.

Sul fronte degli investimenti esiste già adesso la possibilità di fare trading sugli ETF del Ball Metaverse Index, il primo indice progettato a livello globale per monitorare le prestazioni del Metaverso. L’Indice è costituito da un portafoglio basato su società quotate a livello globale, che sono attivamente coinvolte nell’indotto del settore. A questo proposito è possibile investire su Roundhill Ball Metaverse, un fondo indicizzato sull’omonimo indice.

Alla luce del crescente interesse per il metaverso, il potenziale ritorno sull’investimento sembra promettere buoni rendimenti, ma solo qual ora si riesca a investire al momento giusto. A questo punto bisogna tenendo in considerazione tutti i rischi di un settore innovativo, con le caratteristiche a metà tra un videogioco e un social network.

Le informazioni presenti in questo articolo non sono da intendersi come un invito all’investimento né alla speculazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *