Money Flow Index (MFI): la guida completa all’indicatore

Il Money Flow Index (MFI) è un tipo di oscillatore tecnico che utilizza contemporaneamente i dati di prezzo e di volume per determinare se un’attività è in un momento di ipercomprato o ipervenduto. Un altro utilizzo di questa tecnica è il rilevamento delle divergenze, che indicano un cambiamento nella tendenza dei prezzi. L’oscillatore oscilla all’interno di un intervallo compreso tra 0 e 100.

A differenza degli oscillatori tradizionali, come il Relative Strength Index (RSI), il Money Flow Index prende in considerazione sia i dati di prezzo che quelli di volume. A differenza dell’RSI, che prende in considerazione solo i dati di prezzo. Per questo motivo l’MFI viene talvolta definito dagli analisti come RSI ponderato per il volume.

money flow index
Adobe Stock

Un esempio di indicatore tecnico è il Money Flow Index (MFI), che utilizza sia i dati di prezzo che quelli di volume per fornire indicazioni che indicano se un mercato è ipercomprato o ipervenduto. Sebbene vengano utilizzati come soglie anche i numeri 90 e 10, una lettura dell’MFI superiore a 80 è considerata ipercomprata, mentre una lettura dell’MFI inferiore a 20 è considerata ipervenduta.

È importante notare una divergenza tra l’indicatore e il prezzo. Ad esempio, se l’indicatore aumenta mentre il prezzo diminuisce o rimane invariato, il prezzo può iniziare a salire.

Per una guida completa alla scelta del broker più sicuro e adatto alle proprie esigenze e strategie, oltre ai parametri vitali da valutare nella scelta, corri a leggere il nostro articolo:
Come scegliere il broker per il trading sullo stock market: guida per il 2023

Come si calcola il Money Flow Index (MFI)

Per il Money Flow Index si utilizzano le seguenti formule:

Money Flow Index = 100 − [100/(1 + Money Flow Ratio)]

Dove:

Money Flow Ratio = (14 Period Negative Money Flow)/(14 Period Positive Money Flow)

Raw Money Flow =Typical Price * Volume

Typical Price = (High + Low + Close)/3

Come si determina il Money Flow Index (MFI)

Quando si tratta di calcolare l’indice del flusso monetario, ci sono diverse procedure da seguire. Se si intende farlo a mano, si consiglia di utilizzare un foglio di calcolo.

  • Determinare il prezzo medio di ciascuno dei 14 periodi precedenti.
  • È importante indicare se il prezzo medio è stato superiore o inferiore al periodo precedente per ogni periodo successivo. In questo modo si potrà determinare se il movimento del denaro grezzo è al rialzo o al ribasso.
  • Moltiplicare il prezzo medio per il volume di quel periodo è la formula per calcolare il primo ricavo. Per determinare se il periodo è stato di rialzo o di ribasso, utilizzare valori negativi o positivi (per maggiori informazioni, vedere il passo precedente).
  • Per calcolare l’indice di flusso di denaro, sommare tutti i flussi di denaro positivi che si sono verificati nel corso dei 14 periodi precedenti e dividere il totale per l’ammontare dei flussi di denaro negativi che si sono verificati nello stesso periodo di tempo.
  • Determinare il Money Flow Index (MFI) applicando il rapporto scoperto nel quarto passo.
  • Continuate a fare i calcoli quando ogni nuovo periodo si conclude, utilizzando solo i dati degli ultimi 14 periodi.
  • Quali informazioni si possono ricavare dal Money Flow Index?
  • In caso di divergenza, il Money Flow Index è uno degli strumenti più importanti da avere a disposizione. Quando l’oscillatore va nella direzione opposta a quella del prezzo, questa configurazione è nota come divergenza. Ciò sembra indicare che l’attuale tendenza dei prezzi potrebbe subire un’inversione.

Come identificare un’inversione del prezzo

Un’indicazione di inversione del prezzo verso il basso sarebbe, ad esempio, un Money Flow Index (MFI) molto alto che inizia a scendere sotto il valore di 80 mentre il titolo sottostante continua a crescere. Ciò indicherebbe che il prezzo ha iniziato a invertire la rotta. In alternativa, un’indicazione di inversione del prezzo al rialzo è rappresentata da una lettura dell’MFI molto bassa che supera il valore di 20 mentre il sottostante continua a vendere. Questo fenomeno si verifica quando la lettura dell’MFI è molto bassa.

È inoltre comune che i trader tengano d’occhio le divergenze più ampie utilizzando numerose onde nel prezzo e nell’MFI. Ad esempio, un titolo raggiunge il suo punto più alto a 10 dollari, poi scende a 8 dollari e quindi rimbalza a 12 dollari. Il prezzo ha raggiunto due massimi storici di fila, rispettivamente a 10 e 12 dollari. Nel caso in cui MFI faccia un minimo superiore nel periodo in cui il prezzo raggiunge i 12 dollari, l’indicatore non confermerà il nuovo massimo. È possibile che questo indichi un calo dei prezzi.

I gradi di ipercomprato e ipervenduto del mercato sono spesso utilizzati per indicare potenziali opportunità di trading.Sono rari i movimenti inferiori a 10 e superiori a 90. Quando l’MFI torna sopra 10, indica un’operazione long, mentre quando scende sotto 90, indica un’operazione short. I trader esperti, naturalmente, tengono d’occhio entrambi gli indicatori.

Come comportarsi in zone di ipercomprato e ipervenduto

Può anche essere utile fare altre mosse per uscire da un territorio che è stato ipercomprato o ipervenduto. Quando un’attività è in trend rialzista, ad esempio, un calo al di sotto di 20 (o anche di 30) e poi una risalita al di sopra di esso potrebbe essere un’indicazione che un pullback è terminato e che la ripresa dei prezzi sta iniziando.Una tendenza al ribasso serve allo stesso scopo. C’è la possibilità che una ripresa a breve termine possa portare l’MFI a 70 o 80, ma quando scende al di sotto di questo livello, può essere il momento giusto per iniziare un’operazione short per prepararsi a un altro calo.

Cosa lo distingue: tra il Relative Strength Index (RSI) e il Money Flow Index (MFI) ci sono i seguenti elementi:Esiste una forte connessione tra l’MFI e l’RSI. L’MFI tiene conto del volume, mentre l’RSI non lo fa. Questa è la principale distinzione tra i due. L’analisi dei volumi è considerata un’indicazione di punta da coloro che ne sostengono l’uso. Di conseguenza, essi ritengono che l’IFM produrrà segnali e li avviserà di potenziali inversioni in modo più tempestivo rispetto all’RSI. Questi indicatori non fanno altro che combinare diverse componenti e, di conseguenza, produrranno segnali in periodi diversi. Non esiste un indicatore superiore all’altro, ma semplicemente diverso.

momentum trading mercati
Adobe Stock

Per una guida completa alle stock, cosa sono e come si negoziano le azioni sui mercati, quali rischi e opportunità comportano e come possiamo partire con il piede giusto evitando gli errori più frequenti, corri a leggere la nostra guida:
Cosa sono le azioni: guida al trading nello stock market

Quali sono le limitazioni relative all’indice Money Flow

Esiste la possibilità che l’IFM fornisca indicazioni errate. In questo caso, l’indicatore esegue un’azione che segnala la presenza di un’opportunità di trading favorevole; tuttavia, il prezzo non si muove nel modo previsto, dando luogo a una transazione non andata a buon fine. È possibile, ad esempio, che una divergenza non porti a un’inversione di prezzo.

Inoltre, l’indicazione potrebbe non avvertire l’utente di qualcosa di significativo. A titolo esemplificativo, sebbene una divergenza possa causare un’inversione di prezzo in alcuni casi, non è garantito che una divergenza sia presente per ogni caso di inversione di prezzo. Per questo motivo, si consiglia vivamente ai trader di astenersi dall’affidarsi a una sola indicazione e di avvalersi invece di molti altri metodi di analisi e di gestione del rischio.

Come funziona il Money Flow index

Un metodo per determinare il money flow index è quello di prendere la media dei prezzi massimi, minimi e di chiusura e poi moltiplicare questo numero per il volume giornaliero.Confrontando questo risultato con quello del giorno precedente, i trader possono sapere se il flusso di denaro è positivo o negativo per il giorno in corso. La presenza di un flusso di denaro positivo indica che i prezzi sono destinati a salire, mentre la presenza di un flusso di denaro negativo indica che i prezzi sono destinati a scendere. Un esempio che illustra un flusso di denaro negativo tra il primo e il secondo giorno è il seguente:

  • Il massimo di oggi è stato di 6,50 dollari e il minimo di 6,0 dollari.
  • 6,3 dollari è il prezzo di chiusura.
  • Volume su base giornaliera: 500,000. Azioni di azioni 500,000 moltiplicate per 65 dollari più 6 0 dollari più 633 dollari equivalgono a 31,333,333 tre. Il massimo del secondo giorno è stato di 6 dollari. Al minimo: 58 dollari
  • Paga vicino a 6,50 dollari
  • Il volume giornaliero è di 300,000
  • Le azioni del titolo: 300,000 moltiplicato per 666 dollari più 58 dollari più 653 dollari equivale a 1 otto dollari, 900,000
  • Primo giorno: massimo di 65 dollari e minimo di 60 dollari.
  • Al momento: 63 dollari
  • Volume giornaliero: Pari a 500.000 azioni moltiplicate per tre.
  • 65$ più 60$ più 63$ equivalgono a 31.333.333$.
  • Il secondo giorno il massimo è stato di 66 dollari.
  • Il prezzo minimo è di 58 dollari e il prezzo di chiusura è di 65 dollari.
  • Volume giornaliero: 300.000 azioni 300.000 moltiplicato per tre equivale a $66 più $58 più $65 uguale a $18.900.000

La scomposizione del money flow index

Nel caso in cui un’azione venga acquistata a un prezzo più alto (noto anche come uptick), si verifica un flusso di denaro positivo. Quando la transazione successiva viene acquistata a un prezzo inferiore (noto anche come downtick), si verifica un flusso di denaro negativo.

Il flusso di denaro netto è positivo se durante la giornata sono state acquistate più azioni in fase di rialzo rispetto a quelle in fase di ribasso.

Ciò è dovuto al fatto che un maggior numero di investitori era pronto a pagare un premio per il titolo, il che si tradurrebbe in un flusso di denaro netto più elevato. È possibile che nel prossimo futuro si verifichi un’inversione dei prezzi se il flusso di denaro è negativo quando il prezzo di una società è in crescita.Il flusso di denaro è un elemento che gli investitori tengono d’occhio poiché il volume degli scambi è spesso ritenuto un indicatore anticipatore del prezzo, che può aiutare a individuare le prime opportunità di trading.

Il flusso di denaro e gli indicatori del flusso di denaro

L’oscillatore del flusso di denaro Chaikin è utilizzato da un numero significativo di trader quando sono interessati a incorporare il flusso di denaro nelle selezioni di trading. Inoltre, l’indicatore, che è stato sviluppato da Marc Chaikin, non solo genera valori per la pressione di acquisto e di vendita allo stesso modo di altri indicatori di flusso di denaro, ma fa anche uso di due medie mobili esponenziali per valutare il momentum in modo analogo a come opera l‘indicatore di divergenza della media mobile di convergenza (MACD).

L’indice del flusso di denaro (MFI) è un altro strumento che i trader utilizzano di solito quando sono interessati ad analizzare il prezzo e il volume. Questo indicatore prende il flusso di denaro netto positivo e lo divide per il flusso di denaro netto negativo. Il numero risultante viene quindi tracciato come una linea, che i trader possono confrontare con il prezzo di un titolo per determinare se l’asset è sufficientemente ipercomprato o ipervenduto.Si ritiene che i prezzi siano in ipercomprato se l’indicatore è superiore a 80.

Le circostanze di ipervenduto sono indicate da un numero inferiore a 20. Per migliorare l’efficienza degli indicatori di money flow e limitare il numero di falsi segnali di trading, si raccomanda di utilizzare altri indicatori tecnici in combinazione con essi. Ogni indicatore indicatore tecnico andrebbe usato sempre e solo in combianzione con altri strumenti per trovare eventuali occasioni date da divergenze e confluenze. Le occasioni di trading e investimento migliori vengono individuate con una saggia combianzione di diversi indicatori e oscillatori, oltre che di strategie testate e preparate in anticipo.

 

*NB: Le riflessioni e le analisi condivise sono da intendere ad esclusivo scopo divulgativo. Quanto esposto non vuole quindi essere un consiglio finanziario o di investimento e non va interpretato come tale. Ricorda sempre che le scelte riguardo i propri capitali di rischio devono essere frutto di ricerche e analisi personali. L’invito è pertanto quello di fare sempre le proprie ricerche in autonomia.