Mutui, saperne di più: ecco come evitare di restare intrappolati

Accendere un mutuo è un momento che prima o poi generalmente capita nella vita di una persona. Come fare per non farsi inghiottire.

Mutuo
Mutuo (Adobe)

Acquistare una casa, è per certi versi l’obbiettivo principale di qualsiasi italiano. Ad un certo punto della vita di una persona, in questo caso, italiana, niente è più probabile che questi acquisti una casa. Il mattone, il concetto di proprietà che non può essere sostituito dalla possibilità di vivere in affitto, condizione presente soltanto in alcuni casi molto particolari. L’italiano tende ad acquistare, anche quando non può farlo, quando non ha i soldi per farlo. Cosa si fa in questi casi? Semplice, si accende un mutuo, per parte della cifra utile o se possibile per tutta la cifra, a trenta o forse anche più anni.

Accedere ad un mutuo non è certo la cosa più semplice di questo mondo, molto dipende dai periodi storici e quindi dalla disponibilità delle banche, spinte da determinate condizioni di favore o meno ad esporsi. La scelta dell’istituto dove chiedere di fatto il mutuo, la scelta dell’importo, considerare quale importo, tra l’altro, è possibile ottenere e fare poi tutti i calcoli del caso per capire o meno quanto possa essere fattibile la cosa. Insomma una operazione non da poco, che però potrebbe essere modificata nel tempo.

Mutui, saperne di più: cosa potrebbe succedere dopo aver iniziato il pagamento

Una volta acceso un mutuo possono essere messi in pratica dei passaggi che in qualche modo vanno a considerare nuovamente il peso stesso dell’intera operazione sulla nostra quotidianità. Un muto, ad esempio, può essere rinegoziato, andando cioè a modificare quelle condizioni che caratterizzavano l’originale contratto con la banca erogatrice. Si andrà a discutere nuovamente di tassi di interesse, durata dell’intero impegno e tipologia stessa del contratto. Fattori che quindi a andrebbero a risultare come enormemente vantaggiosi per il debitore, qualora questi riuscisse a strappare un accordo convincente.

LEGGI ANCHE >>> Legge 104, ottenere un mutuo diventa più semplice: ecco tutte le agevolazioni

Altra operazione assai importante può inoltre essere considerata quella che chiamiamo surroga. In pratica si tratta di una rinegoziazione che però prevede la possibilità di cambiare anche l’istituto di credito che ha concesso il mutuo stesso. Una opportunità, anche questa, non indifferente per il cittadino. Esiste poi la sostituzione che consiste nella chiusura del mutuo dopo aver avuto accesso ad un nuovo finanziamento da una seconda banca. Una operazione che potrebbe essere utile per ottenere ulteriori finanziamenti a condizioni completamente diverse. Aspetto anche questo molto interessante.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *