Pensione Quota 102 dal 2022: possibile il cumulo dei contributi? Con quale penalizzazione?

Da gennaio parte la pensione Quota 102 che sostituisce la pensione anticipata Quota 100, ma sarà possibile il cumulo e la ricongiunzione dei contributi? 

Pensione Quota 102 dal 2022: possibile il cumulo dei contributi e qual è la penalizzazione?
Pensione Quota 102 dal 2022: possibile il cumulo dei contributi e qual è la penalizzazione?

La nuova misura inserita nella Legge di Bilancio in sostituzione di Quota 100, prevede un requisito anagrafico di 64 anni di età e un requisito contributivo di 38 anni. In effetti, dovrebbe essere uguale alla pensione Quota 100 in base al calcolo e all’accesso a questa nuova misura. Un Lettore chiede agli Esperti di Trading.it chiarimenti sul cumulo o ricongiunzione contributiva versata in più casse previdenziali. In effetti, il nostro Lettore valuta la possibilità di accedere alla Quota 102, quando la misura sarà attiva.

Pensione Quota 102 dal 2022: possibile il cumulo dei contributi e qual è la penalizzazione?

La Quota 102 permetterà di raggiungere il requisito contributivo richiesto per l’accesso alla misura (38 anni) utilizzando il meccanismo di cumulo, ricongiunzione o totalizzazione.

La misura pensionistica inserita nella Legge di Bilancio, a sostituzione della Quota 100, entrata con il decreto legge n. 4/2019, è in vigore solo per un anno, dal primo gennaio 2022 fino al 31 dicembre 2022. Le modalità di erogazione e di accesso non cambiano, l’unica differenza con la precedente misura consiste nell’incremento di un due anni sul requisito anagrafico. Infatti, passa da 62 a 64 anni. Restano invariate tutte le altre regole, quindi, anche la possibilità di perfezionare il requisito contributivo con il cumulo contributivo.

LEGGI ANCHE>>>Pensione Quota 102 un ‘regalo’ in attesa della tagliola Fornero

Cumulo, ricongiunzione e totalizzazione

Ricordiamo che il cumulo e la totalizzazione sono strumenti gratuiti. La pensione è calcolata con il sistema “pro quota“, in base alle regole delle diverse gestione in cui sono presenti i versamenti contributivi.

Invece, la ricongiunzione contributiva è onerosa a carico del lavoratore. Se si sceglie questo strumento, bisogna pagare una quota che serve a riversare tutti i contributi previdenziali in un’unica cassa. L’ente che si sceglie dovrà ricongiungere tutti i contributi versati con le varie regole di calcolo.

Infine, la Quota 102 non è una misura penalizzante, in quanto è calcolata con il sistema misto (contributivo più retributivo), come una la pensione ordinaria.

Può influire nel calcolo l’indice basato sull’età, ma in questo caso la differenza non dovrebbe essere sostanziale, in quanto la Quota 102 dista solo tre anni dalla pensione di vecchiaia (67 anni).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *