Perchè la deflazione è un veleno per le economie

La deflazione: un contesto deflazionistico è quello in cui il livello totale dei prezzi in un’economia diminuisce, mentre allo stesso tempo aumenta il potere d’acquisto della moneta.

Un aumento della produzione e della disponibilità di prodotti e servizi, un calo della domanda totale o aggregata, o una diminuzione dell’offerta di moneta e credito sono tutti fattori potenziali che potrebbero essere alla base di questo fenomeno.

deflazione
Adobe Stock

A differenza dell’inflazione, che si verifica quando i prezzi continuano ad aumentare, la deflazione si verifica quando il livello generale dei prezzi in un Paese continua a diminuire. Un aumento della produttività, un calo della domanda complessiva o una diminuzione del volume del credito nell’economia sono tutte cause potenziali della deflazione. Esistono molte altre cause potenziali.

La deflazione è indubbiamente una tendenza benefica per l’economia nella maggior parte dei casi; tuttavia, è anche possibile che si verifichi in concomitanza con una contrazione dell’economia in determinate circostanze. La deflazione può provocare una breve crisi finanziaria e un periodo di liquidazione degli investimenti speculativi, definito come deflazione da debito. Ciò si verifica in un’economia dominata da bolle dei prezzi delle attività che sono guidate dai prezzi delle attività.

Per una guida completa alla scelta del broker più sicuro e adatto alle proprie esigenze e strategie, oltre ai parametri vitali da valutare nella scelta, corri a leggere il nostro articolo:
Come scegliere il broker per il trading sullo stock market: guida per il 2023

Cos’è la deflazione e come funziona

La variazione dei prezzi al consumo può essere notata nei dati economici raccolti nella maggior parte dei Paesi confrontando le variazioni di un paniere di varie materie prime e prodotti con un indice. Ciò consente di osservare le variazioni dei prezzi al consumo. Per determinare il tasso di inflazione negli Stati Uniti, l’indice dei prezzi al consumo (CPI) è l’indice a cui si fa più spesso riferimento. Il livello complessivo dei prezzi è diminuito, il che indica che l’economia è in fase di deflazione. Ciò si verifica quando l’indice di un periodo è inferiore a quello del periodo precedente.

Il fatto che i prezzi siano diminuiti in modo generalizzato è uno sviluppo positivo, poiché fornisce ai clienti un maggiore potere d’acquisto. In misura limitata, diminuzioni minori dei prezzi di particolari voci, come i prodotti alimentari o l’energia, hanno persino un’influenza positiva sull’aumento della spesa nominale dei consumatori. Una riduzione diffusa e consistente di tutti i prezzi non solo consente alle persone di consumare di più, ma ha anche il potenziale di favorire la crescita e la stabilità economica, rafforzando il ruolo della moneta come riserva di valore e promuovendo un vero risparmio. Oltre a permettere alle persone di consumare di più.

Ciononostante, in determinate circostanze, una rapida deflazione potrebbe essere accompagnata da una perdita di produzione economica a breve termine.

La relazione tra deflazione e debito

In generale, ciò può verificarsi quando un’economia è fortemente gravata dal debito e dipende dalla continua espansione dell’offerta di credito per gonfiare i prezzi delle attività finanziando investimenti speculativi. Successivamente, quando il volume dei contratti di credito diminuisce, i prezzi delle attività scendono e gli investimenti speculativi vengono liquidati, può verificarsi anche questa situazione.

In alcuni ambienti questa strategia viene anche definita “deflazione da debito”. La deflazione, d’altra parte, è spesso una caratteristica positiva di un’economia robusta e in espansione, che indica progresso tecnologico, maggiore benessere e standard di vita più elevati.

Quali sono le ragioni e le conseguenze della deflazione

L’inflazione, come dice l’adagio comune, è il risultato di una quantità eccessiva di denaro che persegue una quantità insufficiente di prodotti nell’economia. D’altro canto, la deflazione può essere interpretata come un aumento dell’offerta di prodotti e servizi inseguito da una quantità di denaro costante o in lenta crescita.

La deflazione può essere determinata sia da un aumento dell’offerta di beni e servizi sia da un mancato aumento (o calo) dell’offerta di denaro e credito. Ciò indica che la deflazione può essere provocata da uno qualsiasi di questi approcci. Indipendentemente dalle circostanze, se i prezzi sono in grado di muoversi verso il basso, ciò si tradurrà in una diminuzione generale del livello dei prezzi.

Nella maggior parte dei casi, il progresso tecnico, la scoperta di nuove risorse o il miglioramento della produttività sono i fattori che portano a una crescita dell’offerta di prodotti e servizi in un’economia. Il valore dei guadagni dei consumatori e dei redditi aziendali continua a crescere nel tempo, consentendo loro di acquistare, utilizzare e consumare più prodotti e servizi di qualità superiore. Di conseguenza, il potere d’acquisto del consumatore aumenta e il suo tenore di vita migliora. L’economia e la società nel suo complesso trarranno indubbiamente beneficio da questo processo.

Il 2% è il tasso d’inflazione annuale che il governo degli Stati Uniti cerca di raggiungere

Tuttavia, ci sono poche prove che ciò si verifichi durante i normali periodi di crescita economica, accompagnati da un calo dei prezzi dovuto a miglioramenti nella produttività, nella tecnologia o nella disponibilità di risorse. Alcuni economisti hanno espresso il timore che il calo dei prezzi possa paradossalmente ridurre i consumi, inducendo i consumatori a trattenere o ritardare gli acquisti per pagare prezzi più bassi in futuro. Tuttavia, non vi sono prove che ciò si verifichi effettivamente.

Inoltre, la maggior parte dei consumi è costituita da beni e servizi che non sono facilmente rinviabili al futuro anche se i clienti lo desiderano.Si tratta di beni come cibo, vestiti, servizi abitativi, trasporti e assistenza sanitaria.

Oltre a questi requisiti fondamentali, i consumatori sceglierebbero di ridurre la spesa corrente per beni di lusso e discrezionali solo se prevedono che il tasso di riduzione dei costi sarà superiore alla loro naturale preferenza temporale per il consumo attuale rispetto a quello futuro. Gli articoli che vengono abitualmente finanziati attraverso l’assunzione di prestiti significativi sarebbero l’unica categoria di spesa dei consumatori che subirebbe un impatto negativo dal calo dei prezzi. Ciò è dovuto al fatto che il valore effettivo del debito fisso dei consumatori crescerà nel tempo con il continuo calo dei prezzi.

Polemiche, speculazioni e deflazione del debito

Quando si verificano determinate circostanze, la deflazione può verificarsi anche durante e dopo periodi di crisi economica all’interno dell’economia.

In un’economia altamente finanziarizzata, in cui una banca centrale, un’altra autorità monetaria o il sistema bancario in generale si impegnano nella continua espansione dell’offerta di moneta e credito nell’economia, la dipendenza dal credito di nuova creazione per finanziare le operazioni commerciali, la spesa dei consumatori e la speculazione finanziaria si traduce in una continua inflazione dei prezzi delle materie prime, degli affitti, dei salari, dei prezzi al consumo e dei prezzi delle attività.Questo perché l’economia espande costantemente l’offerta di denaro e credito.

Invece di pagare profitti e dividendi basati su un’attività economica fondamentalmente solida, una quantità crescente di attività di investimento sta iniziando a prendere la forma di speculazione sull’apprezzamento dei prezzi di attività finanziarie e di altro tipo.

Quando si tratta di finanziare le operazioni continue, le attività commerciali tendono a fare sempre più affidamento sulla circolazione e sulla rotazione del credito appena emesso piuttosto che sul risparmio effettivo. Inoltre, i consumatori stanno gradualmente arrivando a finanziare una parte maggiore delle loro spese ricorrendo a prestiti consistenti piuttosto che autofinanziandosi con risparmi permanenti.

Nella maggior parte dei casi, l’oro è considerato una copertura efficace contro l’inflazione, ma ha anche il potenziale per essere una copertura efficace contro la deflazione.

La deflazione e la soppressione dei tassi di interesse

Questo processo inflazionistico comporta tipicamente la soppressione dei tassi d’interesse di mercato, il che influisce sui giudizi relativi al tipo e all’orizzonte temporale dei progetti d’investimento delle imprese, al di là delle semplici modalità di finanziamento. Il problema si aggiunge al fatto che questo processo è tipicamente associato all’inflazione. Al primo accenno di problemi, si creano le condizioni necessarie perché la deflazione del debito inizi a prendere piede.

Un vero e proprio shock economico o una correzione dei tassi di interesse di mercato possono mettere sotto pressione imprese, consumatori e speculatori fortemente indebitati in quel momento. Entrambi questi eventi hanno il potenziale per causare pressione. Tra di loro c’è chi fatica a far fronte ai pagamenti di una serie di impegni finanziari, tra cui prestiti aziendali, mutui, prestiti auto, prestiti scolastici e debiti da carte di credito, oltre a prestiti rotativi, rifinanziamenti e altre opzioni di finanziamento.

Le conseguenze della deflazione

Le conseguenti morosità e inadempienze hanno portato alla liquidazione dei debiti e alla svalutazione dei crediti inesigibili da parte degli istituti di credito, che hanno iniziato a intaccare parte dell’offerta di credito accumulata che circolava nell’economia.

È possibile che i depositanti vogliano ritirare il loro denaro in contanti nel caso in cui la banca collassi, poiché i bilanci della banca diventano più instabili. È possibile che si verifichi una corsa agli sportelli, che si verifica quando una banca ha prestiti e passività eccessive rispetto alle sue riserve di liquidità e non è in grado di soddisfare i propri impegni per il futuro. Il fallimento delle istituzioni finanziarie comporta la rimozione della liquidità, di cui i mutuatari già indebitati hanno sempre più bisogno.

trading futures
Adobe Stock

Per una guida completa alle stock, cosa sono e come si negoziano le azioni sui mercati, quali rischi e opportunità comportano e come possiamo partire con il piede giusto evitando gli errori più frequenti, corri a leggere la nostra guida:
Cosa sono le azioni: guida al trading nello stock market

Meno soldi per tutti

A seguito di questa riduzione della disponibilità di denaro e credito, i consumatori, le imprese e gli investitori speculativi avranno una minore capacità di continuare a prendere in prestito denaro e a far salire i prezzi dei beni e dei prodotti di consumo.Di conseguenza, i prezzi potrebbero smettere di crescere o addirittura iniziare a scendere.

Come conseguenza della deflazione dei prezzi, il calo dei prezzi esercita una pressione ancora maggiore su imprese, consumatori e investitori già indebitati. Ciò è dovuto al fatto che il valore nominale delle loro obbligazioni rimane invariato, ma il valore nominale equivalente dei loro ricavi, guadagni e garanzie diminuisce.In quel momento, il ciclo del debito e della deflazione dei prezzi inizia ad autoalimentarsi in un ciclo di feedback.

Nel breve termine, questo processo di deflazione del debito includerà un’ondata di fallimenti personali, fallimenti di singole imprese e un aumento del numero di disoccupati.L’economia entra in recessione e la produzione rallenta a causa della diminuzione dei consumi e degli investimenti finanziati dal debito.

Domande frequenti

Cosa significa quando un’economia è deflazionata?

Quando i prezzi di prodotti e servizi diminuiscono in tutta l’economia, questo fenomeno è noto come deflazione.Il risultato è un aumento della capacità di acquisto dei clienti. È l’inverso dell’inflazione e può essere considerato dannoso per una nazione, poiché può indicare un declino dell’economia, come durante la Grande Depressione e la Grande Recessione negli Stati Uniti, che può portare a una recessione o a una depressione. È anche possibile che forze positive, come i progressi della tecnologia, portino alla deflazione.

Rispetto all’inflazione, la deflazione è peggiore?

Dipende. Nel caso in cui sia provocata da cause sfavorevoli, come la mancanza di domanda o il calo di efficienza dei mercati, la deflazione potrebbe essere molto più dannosa dell’inflazione. Nel caso in cui sia determinata da ragioni positive, come i progressi della tecnologia che portano a una riduzione dei prezzi di prodotti e servizi, la deflazione può essere preferibile all’inflazione in alcune circostanze.

In tempi di deflazione, quali sono i modi per guadagnare?

L’acquisto di obbligazioni investment grade, di titoli azionari di largo consumo, di azioni a dividendo e di liquidità sono tutte opzioni per gli investitori che desiderano proteggersi dal rischio di deflazione. Un portafoglio diversificato può offrire protezione contro diversi scenari economici.

Conclusioni

La deflazione, anche se di modesta entità, è un sottoprodotto dello sviluppo economico ed è benefica per l’economia. D’altra parte, se c’è una bolla del debito alimentata dalla banca centrale che si diffonde in tutta l’economia e poi la bolla scoppia, è possibile che si verifichi una rapida diminuzione dei prezzi con una crisi finanziaria e una recessione.

È un sollievo sapere che il periodo di deflazione del debito e la recessione che ne consegue sono solo brevi e possono essere completamente evitati se si riesce a fermare il persistente impulso ad aumentare l’offerta di denaro e credito. Non è la deflazione a rappresentare una minaccia per l’economia di una nazione. Ma è il periodo di inflazione che alla fine sfocia nella deflazione del debito a rappresentare la minaccia maggiore. È possibile che, purtroppo, nel corso dell’ultimo secolo o più, il persistente e ricorrente gonfiamento di questa forma di bolla del debito da parte delle banche centrali sia diventato la norma.

In definitiva, ciò indica che la deflazione continuerà a essere correlata ai danni che queste politiche creano all’economia finché continueranno a essere attuate in questo arco di tempo.