Le 7 strategie dei professionisti per il trading di Futures

Strumento di trading comune, i futures traggono il loro prezzo dall’attività finanziaria sottostante. Una strategia di trading chiara, che riduca il rischio e tenga alla larga il trading emotivo, è essenziale per iniziare a operare con i contratti futures in modo redditizio.

I nostri migliori metodi di trading sui futures, insieme a una spiegazione di ciascuno, sono inclusi in questo articolo. Quando si fa trading sul mercato dei futures, sono incluse le cose da evitare e le posizioni di entrata e uscita.

trading futures
Adobe Stock

I contratti finanziari più diffusi sono certamente futures. Questi strumenti richiedono a entrambe le parti di negoziare un’attività a una data futura e a un prezzo predeterminati.I trader di futures sono vincolati dalle condizioni del contratto futures al momento della sua scadenza, indipendentemente dal prezzo di mercato corrente, a differenza dei trader di opzioni che hanno il diritto ma non la responsabilità di eseguire la loro opzione.

I contratti futures sono uno strumento utilizzato dai trader per generare speculazioni di mercato redditizie. Il valore di mercato corrente dell’attività sottostante, la data di scadenza del contratto e altri fattori ne determinano il prezzo. Le materie prime fisiche come il petrolio, l’oro, il rame e il gas naturale, così come gli strumenti finanziari come le azioni e le valute, sono comuni attività sottostanti ai contratti futures.

Cosa sono i contratti futures e come funzionano

Poiché i contratti future sono standardizzati, la quantità dell’attività sottostante è sempre specificata con precisione.Un contratto future che misura esattamente 62.500 sterline è disponibile per la sterlina britannica, 10.000 MMBtu (milioni di unità termiche britanniche) per il gas naturale, 1.000 barili statunitensi per il petrolio greggio e 100 once troy d’oro.

I contratti futures sono utilizzati soprattutto a fini speculativi e di copertura. Ad esempio, acquistando un contratto futures sul mais con un prezzo e una data di esecuzione fissi, un agricoltore può desiderare di coprirsi dal calo dei prezzi del mais. In questo modo, l’agricoltore è consapevole del prezzo a cui può vendere la sua produzione in anticipo.

I contratti futures sono utilizzati dai trader per speculare sul mercato e trarre profitto dalle variazioni di prezzo dello strumento sottostante, al rialzo o al ribasso. Poiché la maggior parte dei contratti futures possono essere scambiati frequentemente attraverso una borsa, spesso non vengono conservati fino alla data di esecuzione. Il prezzo del contratto future è determinato dal prezzo corrente di mercato dello strumento sottostante.

#1 – Strategia di pullback

La tecnica del pullback, basata sui pullback dei prezzi, è una potente tattica di trading sui futures. Quando il prezzo si rompe al di sopra o al di sotto di un livello di supporto o di resistenza in un mercato in movimento, inverte la rotta e torna a testare quel livello. Questo fenomeno è noto come pullback.

Il prezzo rompe un livello di resistenza noto durante un rialzo, inverte e ritesta il livello di barriera. Un trader entrerebbe con una posizione lunga nella direzione del trend rialzista sottostante una volta terminato il retest. Il prezzo si rompe al di sotto di un livello di supporto noto durante le tendenze al ribasso, inverte e re-testa il livello ancora una volta. Un trader che entra in una posizione corta nella direzione del ribasso sottostante lo fa perché si tratta di una ritirata.

Quando i trader iniziano a registrare guadagni, il prezzo si allontana dal breakout originale e si creano dei pullback. Per entrare a un prezzo più vantaggioso e far salire il prezzo, gli operatori di mercato che hanno perso il primo movimento di prezzo aspettano che il prezzo torni al livello di supporto/resistenza rotto.

I pullback secondo l’analisi tecnica

I pullback sfruttano una caratteristica significativa osservata nell’analisi tecnica. Un livello si trasforma in un livello di resistenza o di supporto, a seconda della rottura di un livello di supporto o di resistenza significativo. È possibile che un livello di supporto si rompa e che un livello di resistenza si rompa prima di diventare nuovamente un livello di supporto. Sebbene possa essere osservato anche su durate più brevi, come quelle a 30 minuti o a 1 ora, questo fenomeno è particolarmente evidente su timeframe più elevati, come quello giornaliero.

Per trarre vantaggio dai pullback, i trader dovrebbero impostare gli ordini di stop-loss appena al di sotto del livello di supporto che in precedenza era una resistenza durante i trend rialzisti. L’obiettivo dovrebbe essere quello di raggiungere i massimi recenti.
In modo simile, durante un downtrend, gli stop-loss dovrebbero essere posizionati al di sopra del livello di supporto o di resistenza precedentemente testato, e gli obiettivi di profitto dovrebbero essere stabiliti vicino ai minimi recenti.

#2 – Scambio di range

Lo scambio di range è la pratica di negoziare il rimbalzo di un grafico da livelli di supporto e resistenza significativi. Alcuni mercati, come le azioni, prediligono il trend, mentre altri mercati, come le valute, preferiscono muoversi in un range.
La maggior parte dei partecipanti al mercato sono ancora esseri senzienti con memoria ed emozioni. Gli operatori di mercato si riferiscono a un livello di prezzo come a un livello di resistenza quando il mercato sta lottando per superarlo.

Una volta che il prezzo colpisce nuovamente lo stesso livello, i trader inizieranno a prendere profitto e altri entreranno nel mercato con posizioni short. Queste eserciteranno un’ulteriore pressione di vendita sullo strumento finanziario e probabilmente faranno scendere il prezzo.

Tuttavia, quando il prezzo trova difficoltà a rompere al di sotto di un determinato livello e vi ritorna, gli operatori di mercato che hanno operato allo scoperto possono iniziare a prendere profitto, mentre altri possono iniziare a comprare a quei prezzi più bassi. Di conseguenza, è probabile che si verifichi una maggiore pressione di acquisto sullo strumento finanziario, con conseguente aumento del prezzo. Questi livelli vengono chiamati “livelli di supporto“.

Come fare trading sul range

La prima cosa da considerare quando si fa trading sul range è se il mercato è effettivamente in un range (laterale). L’attuale contesto di mercato è probabilmente un mercato range se non ci sono massimi o minimi più alti nel prezzo, che sono entrambi indicatori di un mercato in movimento.
In alternativa, si possono utilizzare indicatori tecnici che seguono le tendenze, come l’indicatore ADX. Se l’ADX è inferiore a 25, indica che non c’è una tendenza nel mercato.

Se state acquistando il mercato, posizionate i vostri livelli di stop-loss appena al di sotto di un importante livello di supporto, o appena al di sopra di un importante livello di resistenza se state shortando il mercato. Nel caso in cui il livello di supporto o di resistenza viene infranto, non si vuole continuare l’operazione, quindi si deve impostare il livello di stop-loss in prossimità di tale livello, lasciando però uno spazio di manovra per i falsi breakout, la volatilità e il rumore del mercato. È consigliabile posizionare gli obiettivi di profitto in prossimità dei livelli tecnici significativi, delle zone S/R e dei massimi e minimi recenti.

trading algoritmico
Adobe Stock

#3 – Trading sui Breakout

Tra i trader di futures, il breakout trading è una delle strategie di day trading più apprezzate.Il breakout trading, come suggerisce il nome, consiste nel trarre profitto dalla volatilità del mercato che si verifica quando il prezzo rompe i livelli tecnici come i livelli orizzontali S/R, le trendline, i canali e i pattern grafici.

I pattern a rettangolo, a bandiera, a triangolo, a testa e spalle, che generalmente indicano la continuazione della tendenza di fondo, così come i doppi top e bottom, sono pattern grafici popolari utilizzati per il trading dei breakout.

Subito dopo un breakout, il mercato diventa tipicamente più volatile, poiché molti ordini che erano in sospeso vengono evasi. Chi fa trading sui breakout cerca di trarre profitto dall’aumento della volatilità posizionandosi nella direzione della rottura.

Cosa succede durante un breakout

Gli ordini ancora in sospeso, come gli stop all’acquisto e alla vendita, si trasformano in ordini di mercato non appena il prezzo raggiunge la soglia prestabilita. In questo modo, i trader possono approfittare della volatilità successiva senza dover attendere il vero breakout.

Il livello tecnico in cui il prezzo ha effettuato il breakout è spesso il punto in cui vengono posizionati i livelli di stop-loss, leggermente al di sopra per le opzioni short o leggermente al di sotto per quelle long. I mercati subiscono spesso dei pullback verso il livello tecnico rotto, consentendo ai trader esistenti di aumentare le loro posizioni aperte e di accogliere nuovi partecipanti al mercato.Gli obiettivi di take-profit variano a seconda del tipo di breakout.

Un disegno testa e spalle, ad esempio, prevede un obiettivo di profitto pari all’altezza del pattern, che si determina proiettando il pattern dal punto di breakout e misurando dalla neckline alla sommità della testa. L’obiettivo di profitto per i modelli a triangolo e a rettangolo è uguale all’altezza del modello, misurata dalla base. I trader possono anche scegliere di basare gli obiettivi di profitto alternativi sui livelli di supporto e resistenza a breve termine o sui massimi e minimi delle oscillazioni recenti.

#4 – Trading sui fondamentali

Sebbene questo articolo spieghi principalmente le tattiche di trading tecnico sui futures, è necessario sapere che la maggior parte delle oscillazioni di prezzo ad alta volatilità derivano da cambiamenti nei fondamentali dello strumento sottostante. I fondamentali stabiliscono i livelli critici di supporto e resistenza, nonché l’inizio e la fine delle tendenze.

I trader di futures esperti devono tenersi aggiornati sui cambiamenti fondamentali apportati allo strumento finanziario che negoziano. I trader fondamentali spesso basano l’80% delle loro scelte di trading sull’analisi fondamentale e il 20% sull’analisi tecnica.

L’analisi tecnica è utile in quanto l’analisi fondamentale non ha livelli di prezzo precisi su cui operare, e questo è uno dei suoi principali difetti. L’analisi tecnica viene utilizzata per definire i livelli di stop-loss e gli obiettivi di profitto, mentre l’analisi fondamentale viene utilizzata per decidere se andare long o short.

I comunicati macroeconomici e le informazioni fondamentali

Seguire i comunicati microfondamentali è un metodo di trading fondamentale semplice ma potente.Esaminate le tendenze dei tre rapporti precedenti.Ad esempio, le statistiche sul mercato del lavoro, le indagini sull’inflazione e i rapporti sulla crescita economica possono avere un’influenza significativa sui tassi di cambio se si negoziano futures su valute. Questi rapporti sono utilizzati dalle banche centrali per modificare le loro politiche monetarie.Le banche centrali spesso abbassano i tassi di interesse per stimolare l’attività economica quando la crescita economica rallenta, l’inflazione rimane bassa e il tasso di disoccupazione aumenta. Al contrario, le banche centrali spesso aumentano i tassi di interesse per evitare il surriscaldamento dell’economia quando la crescita economica è forte, i rapporti sull’inflazione sono vicini all’obiettivo e i mercati del lavoro sono solidi.

Gli aumenti dei tassi si traducono in un apprezzamento della valuta, mentre le diminuzioni dei tassi provocano un calo del valore della valuta nazionale.

I trader potrebbero farsi un’idea della direzione delle politiche della banca centrale tenendo d’occhio questi rapporti e i tre precedenti. Cosa è più probabile, un aumento o un taglio dei tassi?Utilizzate l’analisi tecnica per mettere a punto i punti di entrata e di uscita dopo aver preso la direzione del vostro trading dall’analisi fondamentale.
Lo stesso approccio può essere utilizzato anche in altri mercati, come i futures su materie prime, metalli e azioni.

#5 – Buyer and Seller Interest

Per determinare se acquistare o vendere un contratto future, i trader utilizzano i dati di interesse di acquirenti e venditori. La finestra Depth of Market (DoM), che visualizza la quantità di ordini di acquisto e di vendita aperti per un contratto future a vari punti di prezzo, indica l’interesse di compratori e venditori.
La liquidità del titolo sottostante è indicata dalla profondità del mercato; una maggiore liquidità è indicata da un numero maggiore di ordini di mercato a ciascun prezzo e viceversa.

Poiché si visualizza la quantità di ordini in sospeso per i titoli o le valute sottostanti, alcuni broker si riferiscono alla Profondità di mercato come all’order book. Questi elenchi vengono aggiornati in tempo reale per riflettere l’attività di trading più recente del mercato. I grandi ordini di compravendita non avranno un impatto significativo sul prezzo di un’azione altamente liquida come Amazon.Tuttavia, anche ordini di compravendita modesti possono avere un forte impatto sul prezzo se la profondità e la liquidità del mercato sono scarse.I trader possono sviluppare metodi di trading efficaci in base agli ordini o alla profondità delle informazioni di mercato.

#6 – Strategie trend-following

I metodi trend-following sono tra i migliori per il trading di futures. Sono abbastanza semplici da seguire, hanno un track record di successo e funzionano (di solito). Che cos’è dunque un approccio trend-following? Come suggerisce il nome, queste tattiche cercano di muoversi nella direzione del trend sottostante. Un approccio trend-following cercherebbe posizioni long appropriate solo se la tendenza fosse al rialzo.Analogamente, un approccio trend-following cercherebbe posizioni short solo se la tendenza è al ribasso.Gli adagi “compra basso, vendi alto” e “il trend è tuo amico” vi saranno forse familiari, ma come fa un trader a determinare quale “basso” è abbastanza basso e quale “alto” è abbastanza alto?

Per rispondere a questa domanda cruciale, discutiamo brevemente della formazione delle tendenze. Durante un trend rialzista, il prezzo raggiunge massimi e minimi più alti, e ogni minimo più alto indica un movimento contrario al trend.Queste oscillazioni in controtendenza sono correzioni dei prezzi che derivano da venditori che iniziano a premere su un rialzo eccessivo o da azioni di presa di profitto.

Durante una ripresa, la parte inferiore della correzione dei prezzi, o il minimo superiore, è l’occasione ideale per acquistare. È il momento esatto per far ripartire il rialzo sottostante.Lo stesso vale per le tendenze al ribasso; la differenza è che si inizia una posizione di vendita ai picchi dei massimi inferiori.

#7 – Strategie per fare trading contro il trend

Prendere posizione contro la tendenza di fondo è noto come trading in contro-trend. Un trader in controtendenza, ad esempio, cercherebbe occasioni di acquisto e di vendita in concomitanza con le tendenze al rialzo e al ribasso, rispettivamente. Gli obiettivi di beneficio per i trader in controtendenza sono spesso fissati al 50% dell’avanzamento dell’impulso o a un livello significativo di Fibonacci.

Cercano di trarre vantaggio dalla correzione dei prezzi che segue ogni movimento impulsivo. Solo i trader esperti dovrebbero utilizzare i metodi di trading in controtendenza, poiché sono in genere più rischiosi delle altre tattiche trattate in questo articolo.