Perché la liquidità è un fattore fondamentale nel trading

Quando ci si riferisce a un’attività o a un titolo, il termine “liquidità” indica la facilità o all’efficienza con cui può essere convertito in contanti immediati senza influire sul prezzo di mercato dell’attività o del titolo.

Il contante stesso è l’attività più liquida di tutte. Pertanto, la disponibilità di fondi per eseguire tali conversioni è il fattore più importante per determinare se un mercato può muoversi in modo efficace o meno.

liquidità mercati
Adobe Stock

Quando la liquidità di un’attività aumenta, il processo di riconversione in contanti diventa meno difficile e più rapido.L’acquisizione di attività meno liquide richiede più tempo e può essere più costosa.La facilità con cui un’attività o un titolo può essere convertito in liquidità disponibile senza che ciò abbia alcun impatto sul prezzo di mercato dell’attività o del titolo è definita liquidità.Per quanto riguarda le attività, i contanti sono i più liquidi, mentre gli oggetti fisici sono i meno disponibili.

La liquidità di mercato e la liquidità contabile sono le due tipologie di liquidità più spesso considerate. I metodi più frequenti per determinare la liquidità sono il current ratio, il quick ratio e il cash ratio.

Cos’è la liquidità di un titolo o un asset negoziato sui mercati

In altre parole, la liquidità è un termine che indica la misura in cui un’attività può essere acquistata o venduta sul mercato a un prezzo che riflette accuratamente il suo valore intrinseco. Tutti concordano sul fatto che il contante è l’attività più liquida in quanto può essere trasformata in altre attività nel più breve tempo possibile e con il minimo sforzo aggiuntivo. Gli immobili, le opere d’arte e gli oggetti da collezione sono tutti esempi di beni tangibili il cui valore è relativamente volatile. Le altre attività finanziarie, che includono qualsiasi cosa, dalle quote di partnership alle azioni, possono essere collocate in diverse posizioni dello spettro di liquidità1.

Se qualcuno vuole un frigorifero che costa 1.000 dollari, ad esempio, il contante è l’attività che può essere utilizzata per ottenerlo nel modo più semplice e conveniente. È piuttosto improbabile che l’individuo riesca a trovare qualcuno disposto a scambiare il frigorifero con la sua collezione di libri rari se non dispone di contanti ma ha una collezione di libri valutata a 1.000 dollari. Tuttavia, dovrà vendere la collezione per ottenere il frigorifero con il denaro ottenuto.

Questo potrebbe andare bene se l’individuo è in grado di rimandare l’acquisto per un certo numero di mesi o addirittura anni, ma potrebbe essere problematico se l’individuo ha solo pochi giorni per completare l’acquisto.È possibile che sia costretto a vendere i libri a un prezzo ridotto piuttosto che aspettare un acquirente pronto a pagare l’intero valore dei libri. Un buon esempio di attività illiquida è una collezione di libri rari. La liquidità del mercato e la liquidità contabile sono i due parametri principali della liquidità del mercato.

La liquidità del mercato

Quando parliamo di liquidità del mercato, ci riferiamo al grado in cui un mercato, come il mercato azionario di un paese o il mercato immobiliare di una città, consente l’acquisto e la vendita di beni a prezzi coerenti e trasparenti. Il mercato dei frigoriferi in cambio di libri rari è talmente illiquido da non esistere, come dimostra l’esempio presentato prima.

Dall’altro lato, il mercato azionario si distingue per un livello di liquidità più elevato.Il prezzo che un acquirente offre per azione (il prezzo bid) e il prezzo che un venditore è disposto ad accettare (il prezzo ask) saranno molto vicini tra loro se una borsa ha un volume significativo di scambi che non è dominato dalla vendita. Di conseguenza, il prezzo di domanda sarà il prezzo che l’acquirente è disposto ad accettare.Per questo motivo, gli investitori non dovranno rinunciare a guadagni non realizzati in cambio di una vendita rapida.

Il mercato è più liquido quando lo spread tra i prezzi bid e ask si restringe; al contrario, quando lo spread si allarga, il mercato diventa più illiquido con l’effetto opposto.In misura molto maggiore rispetto ai mercati azionari, i mercati immobiliari sono spesso molto meno liquidi. Quando si tratta di altre attività, come i derivati, i contratti, le valute o le materie prime, la liquidità dei mercati è spesso determinata dalle dimensioni del mercato e dal numero di scambi aperti disponibili per la negoziazione di tali attività.

La liquidità della contabilità

Ai fini della contabilità, la liquidità si riferisce alla facilità con cui un individuo o un’organizzazione possono soddisfare i loro impegni finanziari utilizzando le attività liquide a loro accessibili. In altre parole, è la capacità di pagare i debiti quando diventano esigibili.

I beni del collezionista di libri rari sono in qualche modo illiquidi ed è molto probabile che in caso di necessità non valgano l’intero valore di 1.000 dollari. Questo è illustrato dallo scenario sopra riportato. Quando si tratta di investimenti, la valutazione della liquidità contabile implica un confronto tra le attività liquide e le passività correnti, definite come impegni finanziari con scadenza entro l’anno successivo.

La liquidità contabile può essere misurata utilizzando una serie di indici, ognuno dei quali definisce le attività liquide in modo diverso e con un diverso grado di precisione.Le aziende che hanno una grande liquidità possono essere identificate con l’aiuto di questi indici da analisti e investitori. Inoltre, viene considerata come un livello di profondità.

La valutazione della liquiditàUno degli elementi che gli analisti finanziari considerano è la capacità di un’azienda di far fronte ai propri impegni a breve termine utilizzando le proprie attività liquide. Inoltre, quando si utilizzano queste formule, è preferibile avere un rapporto superiore a uno.

Current Ratio

Il rapporto più semplice e meno rigoroso è il current ratio. Consiste nel confrontare le attività correnti, ovvero le attività che possono essere trasformate in contanti in un lasso di tempo ragionevole nell’arco di un anno, con le obbligazioni correnti. Nella sua formula, sarebbe:

  • Il current ratio
    Il current ratio si calcola dividendo le attività correnti per le passività correnti.
  • Acid-Test Ratio, anche chiamato Quick Ratio
    L’acid-test ratio, spesso indicato come quick ratio, è un po’ più severo. Le scorte e le altre attività correnti non sono incluse nel calcolo, poiché non sono liquide come le disponibilità liquide, i crediti e gli investimenti a breve termine.
    L’Acid-Test Ratio (variante) è calcolato dividendo le attività correnti, le scorte e i costi anticipati per le passività correnti.Rapporto di liquiditàQuando si parla di misure di liquidità, il rapporto di liquidità è il più preciso del gruppo. Fatta eccezione per i crediti, le scorte e le altre attività correnti, il rapporto definisce le attività liquide come i soli contanti o equivalenti.I crediti non sono inclusi in questa definizione.
  • Il Cash Ratio
    Rispetto al current ratio o all’acid-test ratio, il cash ratio è una valutazione più completa della capacità di un’organizzazione di mantenere la propria stabilità finanziaria in caso di emergenza, ovvero nello scenario peggiore.Ciò è dovuto al fatto che anche le imprese più redditizie possono trovarsi in difficoltà se non dispongono della liquidità necessaria per far fronte a circostanze impreviste.Questa è la formula: 3

Il rapporto di liquidità si calcola dividendo le disponibilità liquide per le passività correnti.

La liquidità nella pratica

Nell’ambito degli investimenti finanziari, la categoria delle azioni comprende alcuni degli asset più liquidi. Quando si parla di liquidità, tuttavia, non tutte le azioni sono uguali, nonostante il loro nome. Sui mercati azionari, ci sono alcune azioni che vengono scambiate più frequentemente di altre, il che indica che c’è una maggiore domanda per quelle azioni. In altre parole, raccolgono un’attenzione maggiore e più continua da parte di trader e investitori.

Alcuni degli altri elementi che possono fornire maggiori indicazioni sulla liquidità di una società sono l’ampiezza degli spread denaro-lettera, la profondità del mercato e i dati relativi al portafoglio ordini. Il volume degli scambi è uno dei fattori che possono fornire queste informazioni. Pertanto, nel valutare la liquidità, il volume è una componente importante da prendere in considerazione; tuttavia, non si dovrebbe dipendere solo da esso.

Il volume giornaliero, che può essere dell’ordine di milioni o addirittura di centinaia di milioni di azioni, è in genere la caratteristica che permette di identificare i titoli liquidi. Quando un titolo ha un volume elevato, indica che sul mercato c’è un gran numero di acquirenti e venditori. Ciò rende più semplice per gli investitori acquistare o vendere il titolo senza modificarne significativamente il prezzo. Il volume elevato è una misura dell’attività complessiva dei prezzi del mercato. L’opposto è vero per i titoli a basso volume, che possono essere più difficili da acquistare o vendere a causa del fatto che ci possono essere meno partecipanti al mercato e, di conseguenza, meno liquidità.

Amazon, Intel e altri

Il 13 marzo 2023, ad esempio, sono state scambiate 69,6 milioni di azioni di Amazon.com Inc. (AMZN) nelle rispettive borse. Al contrario, Intel Corporation (INTC) ha registrato un volume di sole 48,1 milioni di azioni, il che indica che è stata un po’ meno liquida rispetto alle altre società. Rispetto a queste tre società in quel particolare giorno, Ford Motor Company (F) ha registrato il volume più alto, pari a 118,5 milioni di azioni, che la rende la più attiva e, quindi, la più liquida delle tre.

slippage trading
Adobe Stock

Perché è importante avere liquidità

Quando il mercato manca di liquidità, è più difficile vendere attività o titoli o convertirli in denaro.Ad esempio, potreste essere gli orgogliosi proprietari di un tesoro di famiglia valutato 150.000 dollari ed estremamente raro e costoso. D’altra parte, se non c’è mercato per il vostro oggetto (cioè nessuno degli acquirenti è interessato ad acquistarlo), allora non ha molta importanza perché nessuno pagherà nemmeno una cifra vicina al suo valore di stima perché è molto poco liquido. È anche possibile che sia necessario incaricare una casa d’aste di fungere da intermediario e di individuare i soggetti che potrebbero essere interessati all’oggetto, un processo che richiede tempo e denaro.

I beni liquidi, invece, possono essere venduti rapidamente e prontamente per il loro intero valore e con costi di transazione minimi. Inoltre, le imprese devono disporre di liquidità sufficiente a soddisfare gli impegni a breve termine, come le buste paga o le bollette, altrimenti rischiano di andare incontro a una crisi di liquidità, che potrebbe portare alla dichiarazione di fallimento dell’azienda.

Quali sono gli asset o i titoli che presentano maggiore liquidità?

Il contante è l’attività più liquida, seguito dagli equivalenti di cassa, che comprendono conti del mercato monetario, certificati di deposito (CD) e depositi a tempo.Il contante è l’attività più liquida. Un alto grado di liquidità si riscontra nelle attività negoziabili, che comprendono azioni e obbligazioni quotate in borsa. Questi titoli possono essere venduti rapidamente tramite un broker. Inoltre, le monete d’oro e particolari oggetti da collezione possono essere facilmente scambiati per ottenere un valore monetario.

Quali sono gli esempi di titoli o asset liquidi?

Un alto grado di illiquidità è associato alla negoziazione di titoli negoziati Over the counter (OTC), come alcuni derivati complicati. Una casa, una multiproprietà o un veicolo sono tutti esempi di beni considerati piuttosto illiquidi per gli individui. Questo perché possono essere necessarie da poche settimane a diversi mesi per trovare un acquirente, e può essere necessario molto più tempo per completare l’affare e ottenere il denaro. Inoltre, le commissioni di intermediazione sono in genere estremamente elevate (ad esempio, il costo medio di un agente immobiliare è compreso tra il 5 e il 7%).

Come mai alcuni titoli hanno una liquidità maggiore di altri?Un elevato numero di transazioni giornaliere e un significativo interesse da parte di diversi operatori di mercato sono tipicamente indicativi di azioni considerate più liquide. Questi titoli attirano anche un maggior numero di market maker, che sono responsabili del mantenimento di un mercato più strettamente bilaterale.

Gli spread ask/bid per le azioni illiquide sono maggiori e la profondità del mercato è più limitata. Questi nomi sono tipicamente meno conosciuti, hanno un volume di scambi minore e spesso hanno un valore e una volatilità sul mercato inferiori alla media. Di conseguenza, a parità di condizioni, il titolo di una grande banca internazionale sarà spesso più liquido di quello di una piccola banca regionale.

Conclusioni

Nell’ambito delle attività finanziarie, la liquidità si riferisce alla facilità con cui un’attività o un titolo può essere convertito in denaro, e il denaro è l’attività più liquida in assoluto.Le azioni, le obbligazioni e molti altri strumenti negoziati in borsa sono esempi di altre varietà di attività liquide. In generale, le attività materiali sono meno liquide, il che significa che la loro vendita può richiedere più tempo, sforzi e potenziali investimenti finanziari (ad esempio, una casa).

Esistono due categorie principali di liquidità: la liquidità di mercato e la liquidità contabile. Per quantificare la liquidità, gli analisti finanziari utilizzano una serie di indici, tra cui il current ratio, il fast ratio, l’acid-test ratio e il cash ratio.Quando si tratta di pagare le fatture e gli impegni a breve termine e di evitare una crisi di liquidità, è essenziale che le persone e le imprese dispongano di liquidità sufficiente.