Price Rate of Change (ROC) Indicator: la guida per il 2024

Il Price Rate of Change (ROC) è un indicatore tecnico basato sul momentum e viene utilizzato per determinare la variazione percentuale del prezzo che si è verificata tra il prezzo attuale e il prezzo che esisteva un numero specifico di periodi fa.

La lettura semplice dell’indicatore ci dice che se le variazioni di prezzo sono al rialzo, l’indicatore ROC si sposta verso l’alto in area positiva, mentre se le variazioni di prezzo sono al ribasso, si sposta in territorio negativo. L’indicatore ROC è tracciato contro lo zero e si muove verso l’alto in territorio positivo.

roc trading
Adobe Stock

Divergenze, situazioni di ipercomprato e ipervenduto e incroci di linee centrali sono tutte caratteristiche che possono essere identificate con l’uso dell’indicatore Price Rate of Change (ROC).

Le tendenze al rialzo sono spesso confermate da un ROC crescente superiore a zero, mentre le tendenze al ribasso sono indicate da un ROC decrescente inferiore a zero.
Il costo relativo del capitale (ROC) sarà vicino allo zero quando il prezzo si consolida.In questo scenario, è essenziale che i trader tengano d’occhio il movimento generale dei prezzi, perché il ROC fornirà ben poche informazioni, ad eccezione della conferma del consolidamento.

Per una guida completa alla scelta del broker più sicuro e adatto alle proprie esigenze e strategie, oltre ai parametri vitali da valutare nella scelta, corri a leggere il nostro articolo:
Come scegliere il broker per il trading sullo stock market: guida per il 2023

Cos’è il Price Rate of Change (ROC) e come si calcola

Una formula che può essere utilizzata per calcolare l’indicatore Price Rate of Change è la seguente:

ROC = (Closing Price.p) / ​(Closing Price.p-n) × 100

Dove:

Closing Price.p= Prezzo di chiusura nei periodi più recenti

Closing Price.pn = Prezzo di chiusura prima del periodo più recente analizzato

Come funziona il calcolo del Price Rate of Change (ROC)

La scelta del valore “n” è la fase più importante del processo di calcolo del ROC. Il valore nove è un esempio di n piccolo che può essere scelto dai trader a breve termine. Chi investe per un periodo di tempo più lungo può scegliere un valore come 200. Il valore “n” indica il numero di volte in cui il valore è stato calcolato. Il valore n indica il numero di periodi di tempo trascorsi dall’ultima analisi del prezzo corrente. Il ROC reagisce più rapidamente alle variazioni di prezzo quando i valori sono più piccoli; tuttavia, ciò può comportare un maggior numero di falsi segnali.Un numero più alto indica che il ROC reagirà più lentamente, ma indica anche che i segnali possono avere una maggiore importanza quando arrivano.

  • Scegliere un valore n da utilizzare. Può essere sostituito da un numero qualsiasi, come 12, 25 o 200.I trader a breve termine spesso scelgono una cifra più piccola, mentre gli investitori che mantengono le loro posizioni per un periodo di tempo più lungo di solito utilizzano un valore maggiore.
  • Determinare il prezzo a cui si è concluso l’ultimo periodo.
  • Determinare il prezzo alla fine del periodo n periodi fa.
  • Compilate la formula del ROC utilizzando i prezzi ottenuti nelle fasi due e tre.
  • Prendete il valore ROC aggiornato e calcolatelo alla fine di ogni periodo.
  • Sperimentate il trading con una valuta simulata.
  • Determinare il valore di un ipotetico investimento al giorno d’oggi.

Il Price Rate of Change (ROC) è un importante indicatore di momentum

Il Price Rate of Change (ROC) è classificato come indicatore di momentum o di velocità in quanto valuta l’intensità del momentum dei prezzi utilizzando il tasso di variazione. A titolo di esempio, se il prezzo di un’azione alla fine delle contrattazioni di oggi è di 10 dollari e il prezzo di chiusura di cinque giorni fa era di 7 dollari, il costo relativo del capitale (ROC) a cinque giorni è di 42,85, calcolato come segue:

((107)÷7)×100=42.85

Il ROC viene visualizzato su un grafico in una finestra separata che si trova sotto il grafico del prezzo, proprio come la maggior parte degli oscillatori momentum. Per discriminare tra numeri positivi e negativi si utilizza la linea dello zero, contro la quale viene visualizzato il ROC. La pressione di acquisto o il momentum nella direzione del rialzo sono indicati da numeri positivi, mentre la pressione di vendita o il momentum nella direzione del ribasso sono indicati da valori negativi sotto lo zero. I valori che crescono in qualsiasi direzione, sia positiva che negativa, indicano che il momentum sta aumentando, mentre i valori che tornano verso lo zero indicano che il momentum sta diminuendo.

Successivamente, i crossover della linea dello zero possono essere utilizzati per indicare i cambiamenti di tendenza. A seconda del valore di n utilizzato, questi segnali possono apparire molto presto in un cambiamento di tendenza (quando il valore di n è basso) o molto tardi in un cambiamento di tendenza (quando il valore di n è maggiore). Soprattutto in prossimità della linea dello zero, il ROC è incline a un comportamento “whipsaw”. Di conseguenza, questo segnale spesso non viene utilizzato per motivi di trading, ma solo per segnalare ai trader che è in corso un potenziale cambiamento di tendenza.

Che cosa si intende con “momentum” nell’analisi dei mercati finanziari

Il momentum si riferisce al tasso di accelerazione, ovvero alla velocità con cui cambia il prezzo di un asset. L’obiettivo del metodo del momentum trading è quello di entrare in una tendenza quando questa si sta rafforzando.

In breve, il momentum è l‘inerzia del trend di prezzo a continuare a salire o scendere per un determinato periodo di tempo, generalmente tenendo conto delle informazioni relative sia al prezzo che al volume. Il momentum viene spesso quantificato nell’analisi tecnica utilizzando un oscillatore, che aiuta a identificare le tendenze.

In sintesi:

  • In finanza, il momentum è la capacità di un trend di prezzo di continuare la sua traiettoria attuale.
  • Le fluttuazioni del volume degli scambi e altri indicatori tecnici possono dimostrare la continuazione di un forte momentum in una tendenza al rialzo o negativa.
  • Utilizzando il metodo del momentum investing, i trader acquistano titoli in crescita e li vendono quando sembrano aver raggiunto il loro massimo.
  • Pertanto, il momentum trading si riferisce a un approccio che segue gli altri; tuttavia, le tendenze dei prezzi non sono mai sicure di continuare.

Come si identifica il momentum

Consideriamo il momentum come un treno: All’inizio un treno va abbastanza lentamente, poi accelera. Cessa di accelerare, ma continua a muoversi a un ritmo più veloce dopo aver raggiunto il suo obiettivo. Il treno rallenta e decelera verso la fine del viaggio, anche se possono essere necessari molti chilometri di binari perché i freni si inseriscano prima che si fermi completamente. La parte centrale del viaggio, quando il treno viaggia alla massima velocità, è il momento ottimale per gli investitori di momentum.

La performance è ciò che gli investitori di momentum sembrano perseguire. Essi investono in titoli azionari che si muovono in una direzione o nell’altra nel tentativo di generare rendimenti alfa. I titoli caldi sono quelli che stanno aumentando di valore. Come indicato dall’aumento nel tempo, alcuni sono più caldi di altri. Un titolo in calo è freddo.

Il momentum è una strategia di trading che gli investitori possono utilizzare per capitalizzare la mentalità del branco del mercato. Il momentum trading impiega la tecnica del “buy high, sell higher” (compra alto, vendi alto) in contrapposizione al “buy low, sell high” (compra basso, vendi alto). Un momentum trader prende spesso una posizione lunga o corta in una società nella speranza che il suo slancio continui in direzione positiva o negativa se assiste a un’accelerazione del prezzo, degli utili o dei ricavi del titolo. Anziché basarsi sul valore sottostante di un’azione, questa tecnica si avvale delle fluttuazioni di prezzo a breve termine.

Fare trading sfruttando gli indicatori di momentum

Quando viene utilizzata, la decisione dell’investitore di acquistare o vendere è influenzata dall’andamento del prezzo di un’attività. Un investitore che desidera utilizzare un approccio basato sul momentum prende una posizione lunga in un’attività o in una società che sta aumentando di valore. Entra nel mercato con una posizione corta se il titolo è in ribasso. Il momentum investing mira a vendere al ribasso e ad acquistare al ribasso, oppure a comprare al rialzo e a vendere al rialzo, in contrapposizione alla teoria di trading convenzionale del “buy low, sell high”. Gli investitori del momentum si concentrano sulla tendenza stabilita dalla rottura del prezzo più recente, piuttosto che analizzare il modello di continuazione o di inversione.

trading futures
Adobe Stock

Per una guida completa alle stock, cosa sono e come si negoziano le azioni sui mercati, quali rischi e opportunità comportano e come possiamo partire con il piede giusto evitando gli errori più frequenti, corri a leggere la nostra guida:
Cosa sono le azioni: guida al trading nello stock market

Come capire i livello di ipercomprato e ipervenduto

Inoltre, vengono utilizzati i livelli di ipercomprato e ipervenduto. Non si tratta di un livello costante, ma cambia a seconda dell’oggetto che viene scambiato. In passato, i trader volevano sapere quali fossero i livelli ROC che causavano le inversioni di prezzo e quindi guardavano a questi valori. I trader scoprono spesso valori sia positivi che negativi in situazioni in cui il prezzo si è invertito con un certo grado di coerenza. Quando il ROC raggiunge nuovamente questi valori severi, i trader saranno in stato di massima allerta e osserveranno che il prezzo inizi a invertire per confermare l’avvertimento del ROC. È possibile prendere in considerazione la possibilità di effettuare un’operazione una volta che il segnale ROC è stato stabilito e il prezzo ha invertito la rotta per convalidare il segnale ROC.

Inoltre, il ROC viene spesso utilizzato come indicatore di divergenza, che indica la possibilità di un’imminente trasformazione della tendenza. Quando il prezzo di un’azione o di un’altra attività va in una direzione mentre il suo rendimento sul capitale investito (ROC) si muove nella direzione opposta, questa circostanza è nota come divergenza.Il ROC suggerisce una divergenza ribassista rispetto al prezzo, che indica un probabile cambiamento di tendenza verso il basso.

Ad esempio, se il prezzo di un’azione aumenta per un certo periodo di tempo mentre il ROC si muove gradualmente verso il basso, il ROC indica che il prezzo si sta muovendo nella direzione opposta. Nel caso in cui il prezzo scenda ma il ROC salga, vale la stessa idea di fondo. È possibile che questo indichi una ripresa dei prezzi. La divergenza è un segnale di temporizzazione tristemente noto per il fatto che può persistere per un periodo di tempo considerevole e non si traduce necessariamente in un’inversione di prezzo.

Qual è la differenza tra l’indicatore Momentum e il Price Rate of Change (ROC)

Sebbene i due indicatori siano abbastanza vicini tra loro, forniranno risultati comparabili se si utilizza lo stesso valore n in ciascuno di essi. Il ROC si distingue per il fatto che divide la differenza tra il prezzo attuale e il prezzo di n periodi fa per il prezzo di n periodi fa. Questa è la distinzione chiave. In base a ciò, si tratta di una percentuale. Nella maggior parte dei casi, non viene inclusa nei calcoli dell’indicatore di momentum.

Invece, la differenza di prezzo viene semplicemente moltiplicata per 100, o il prezzo attuale viene diviso per il prezzo di n periodi fa, e poi il risultato viene moltiplicato per 100. Nonostante il fatto che questi due indicatori finiscano per fornire storie molto simili tra loro, ci sono alcuni trader che potrebbero avere una certa preferenza per uno rispetto all’altro, poiché potrebbero produrre letture leggermente diverse.

La formula dell’indicatore di Momentum è la seguente:

Momentum indicator = (Closing Price.p) / ​(Closing Price.p-n) × 100

Dove:

Closing Price.p= Prezzo di chiusura nei periodi più recenti

Closing Price.pn = Prezzo di chiusura prima del periodo più recente analizzato

Quali sono i limiti imposte dall’utilizzo dell’indicatore del Price Rate of Change (ROC)

Nonostante alcuni analisti tecnici ritengano che l’azione dei prezzi più recente sia più importante per determinare il probabile movimento futuro dei prezzi, il calcolo dell’indicatore ROC dà lo stesso peso al prezzo più recente e a quello di n periodi fa. Questo è uno dei potenziali problemi che possono sorgere quando si utilizza l’indicatore ROC.

Inoltre, l’indicatore tende a oscillare, soprattutto in prossimità della linea dello zero. Il motivo è che quando il prezzo si consolida, le variazioni di prezzo si riducono e l’indicatore si avvicina allo zero. Questo tipo di periodi può portare a diversi falsi segnali per i trade di tendenza, ma può aiutare a rafforzare il consolidamento del prezzo.

Nonostante l’indicatore possa essere utilizzato per i segnali di divergenza, spesso i segnali nascono troppo presto. Anche quando il ROC inizia a divergere, il prezzo può continuare a muoversi in direzione della tendenza per un periodo di tempo considerevole. Di conseguenza, la divergenza non dovrebbe essere considerata un segnale di trading; piuttosto, potrebbe essere utilizzata per aiutare la conferma di un trade se sono presenti ulteriori segnali di inversione da altri indicatori e metodologie di ricerca.

 

*NB: Le riflessioni e le analisi condivise sono da intendere ad esclusivo scopo divulgativo. Quanto esposto non vuole quindi essere un consiglio finanziario o di investimento e non va interpretato come tale. Ricorda sempre che le scelte riguardo i propri capitali di rischio devono essere frutto di ricerche e analisi personali. L’invito è pertanto quello di fare sempre le proprie ricerche in autonomia.