Proroga Sismabonus, super sconto al 110% per l’acquisto di case antisismiche, meglio affrettarsi

Con il decreto PNRR2 numero 36 del 2022 è stata comunicata la proroga Sismabonus per chi acquista case antisismiche entro il 31/12.

Lo sconto previsto dal Sismabonus per l’acquisto di case antisismiche ammonta al 110%, purché tutti i rogiti siano effettuati entro il 31/12/2022 e il preliminare sia sottoscritto entro il 30 giugno.

Proroga Sismabonus
Adobe Stock

 

La proroga è stata approvata con emendamento dal decreto PNRR2 e riguarda le compravendite effettuate entro il 31 dicembre. Tuttavia, nel suddetto decreto sono stati anche fissati i requisiti necessari per poter accedere a questo super sconto.

Attualmente, le nuove disposizioni sono state comunicate con un emendamento approvato, sul quale il Governo ha già posto la sua fiducia. In ogni caso, l’emendamento approvato stabilisce che le compravendite di unità immobiliari antisismiche potranno godere della detrazione al 110% legata alla Sismabonus.

Per poter beneficiare di questa agevolazione è necessario che l’acquisto riguardi unità immobiliari antisismiche, che fanno parte di edifici demoliti e ricostruiti dalle imprese al 30 giugno 2022.

Oggi daremo un’occhiata tutti i requisiti necessari per poter accedere al Sismabonus.

Proroga Sismabonus: incredibile vantaggio per chi acquista un immobile antisismico

L’emendamento approvato al decreto PNNR2 dispone che per gli acquisti delle unità immobiliari antisismiche, per le quali è possibile beneficiare dell’agevolazione prevista dal Sismabonus, sono previsti i seguenti requisiti:

  • Aver sottoscritto il contratto preliminare di vendita entro il 30 giugno 2022 e che questo sia stato regolarmente registrato;
  • Aver versato gli acconti beneficiando del meccanismo dello sconto in fattura o attraverso la cessione del credito di imposta;
  • Ottenuto la dichiarazione di ultimazione dei lavori strutturali;
  • Ottenuto il collaudo dei lavori e l’attestazione del collaudatore statico, utile al raggiungimento della riduzione di rischio sismico.
  • È necessario che l’immobile sia accatastato almeno in categoria F4.

Per la stipulazione dell’atto definitivo di compravendita è stato porporato il termine al 31 dicembre 2022.

Caratteristiche della detrazione

La detrazione fiscale prevista dal Sismabonus acquisti è stata introdotta dal comma 1-quater dell’articolo 16 del decreto-legge numero del 2013.

Le disposizioni normative prevedono che le compravendite di immobili nuovi, per i quali sono stati eseguiti interventi edilizi di demolizione e ricostruzione per la riduzione del rischio sismico, possono beneficiare di una detrazione di imposta.

Per beneficiare della detrazione al 110% occorre che il rogito sia sottoscritto davanti ad un notaio entro il 30 giugno. Per coloro che non riescono ad effettuare quest’operazione entro la suddetta data, sono comunque previste delle aliquote di detrazione, ma leggermente inferiori.

Di fatto, l’aliquota relativa alla detrazione di imposta varia in base alla riduzione del rischio sismico che si è riusciti ad ottenere in seguito agli interventi di ristrutturazione.

In particolare, con la proroga Sismabonus è possibile ottenere una detrazione pari al:

  • 75% nel caso in cui sia avvenuta una demolizione che ha portato alla riduzione di una classe di rischio sismico;
  • 85% se la demolizione ha contribuito a ridurre di due classi il rischio sismico.

Entrambi le aliquote di detrazione di imposta sono applicabili sul prezzo d’acquisto dell’immobile oggetto del rogito. In ogni caso, è previsto un limite massimo di spesa pari a €96.000 per ogni singola unità immobiliare.

Per poter beneficiare della detrazione prevista dal Sismabonus è necessario che l’immobile oggetto di compravendita sia realizzato in una delle zone a rischio sismico di classe 1, 2 o 3.

Per utilizzare questa importante agevolazione sugli acquisti occorre che il rogito di acquisto degli immobili antisismico sia stipulato entro il 31 dicembre 2022. Tuttavia, il contratto preliminare di vendita dell’immobile regolarmente registrato deve essere sottoscritto entro il 30 giugno 2022.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *