“Quota 100” sta per scadere: ci saranno dei lavoratori molto svantaggiati

Dopo infinite discussione fra coloro che erano a suo favore e quelli che invece erano assolutamente contrari, “Quota 100” sta per terminare il suo ciclo. Vediamo che effetti questo avrà sui lavoratori.

Come andare in pensione

La tanto discussa, amata, odiata, “Quota 100” sta vivendo ormai i suoi ultimi giorni visto che i termini per aderirvi stanno per scadere. E questo comporterà che alcune categorie di lavoratori saranno penalizzate dalla fine di questa opzione per un pensionamento anticipato.

Cosa è “Quota 100” e quando scadrà

La cosiddetta “Quota 100” è stata introdotta con l’articolo 14 del DL 4/2019, convertito con legge n. 26/2019, a partire dal 2019 in via sperimentale, limitatamente al triennio 2019/2021. Prevede la facoltà di andare in pensione al raggiungimento dei 62 anni, unitamente a 38 anni di contributi. La sperimentazione si rivolge a tutti i lavoratori, dipendenti e autonomi assicurati all’INPS, che entro il 31 dicembre 2021 raggiungano i predetti requisiti. L’articolo 14, comma 1 del predetto DL, dispone che il diritto acquisito entro il 31 dicembre 2021 può essere esercitato anche successivamente alla predetta data (principio della cristallizzazione del diritto a pensione). Ciò significa che il lavoratore che abbia raggiunto i requisiti anagrafici e contributivi entro il 31 dicembre 2021 può scegliere di andare in pensione anche in un momento successivo senza perdere questa possibilità.

Vediamo ora quali lavoratori saranno maggiormente penalizzati dalla fine di “Quota 100” nel prossimo anno.

Quali sono i lavoratori più penalizzati dalla fine di “Quota 100”?

Gli impiegati statali pagheranno pegno più di tutti. In quanto il prototipo del lavoratore del pubblico impiego è quello di una persona occupata in modo stabile e duraturo. E quindi è maggiormente in grado, rispetto per esempio agli impiegati del settore privato, di accumulare e di maturare i fatidici 38 anni di anzianità contributiva.

Vale appunto la pena ricordare che “Quota 100 è stata una misura introdotta con il chiaro obiettivo di agevolare il pensionamento anticipato proprio dei lavoratori statali. Questo per incentivare il ricambio generazionale nella Pubblica Amministrazione nostrana. Un obiettivo che però è stato raggiunto solo in modo parziale, e anche questa considerazione ha contribuito a decretare la fine del provvedimento in questione.

Gli scenari di uscita anticipata dal 2022…

Visto che dal prossimo anno la “Quota 100” non ci sarà più, cosa cambia per andare a godersi il tanto sospirato “buen retiro” senza dover attendere la maturazione di tutti i requisiti di pensionamento di vecchiaia?

Al riguardo il Governo è al lavoro da tempo per introdurre eventuali dei nuovi meccanismi di pensionamento anticipato o per rafforzare le altre misure di anticipo pensionistico già esistenti. Come Opzione Donna e, soprattutto, come l’APE Sociale. L’esecutivo capitanato da Mario Draghi,dal prossimo anno sembra essere orientato a garantire l’uscita anticipata ai lavoratori svantaggiati e fragili. Con l’APE sociale rinnovata, rafforzata ed estesa.

LEGGI ANCHE>>>Come accedere alla pensione con solo 30 anni di contributi? Quello che in pochi sanno

Che cosa è l’APE Sociale

L’APE sociale, disciplinato originariamente dall’articolo 1, co. 179 della legge 232/2016, rappresenta una sorta di reddito ponte, ossia un sussidio economico, in favore di lavoratori in prossimità di pensione e in particolari condizioni lavorative.

Chiaramente, per accedervi è necessario essere in possesso di una determinata età anagrafica, oltre a un certo numero minimo di contributi. L’età minima di accesso, come anticipato, è pari a 63 anni. Esso vale soltanto per determinati lavoratori dipendenti, ossia coloro che sono iscritti all’Ago e ai fondi ad essa esclusivi o sostitutivi e i lavoratori gestioni speciali dei lavoratori autonomi. Vi rientrano anche i lavoratori della gestione separata dell’INPS.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *