Return on Equity (ROE): cos’è e come si calcola

Il ROE, acronimo di Return on Equity, è una misura del successo finanziario di un’azienda determinata dividendo l’utile netto per il patrimonio netto.

Il rendimento del capitale proprio (ROE) è noto anche come rendimento del patrimonio netto. Ciò è dovuto al fatto che il patrimonio netto è uguale alle attività di un’azienda meno il suo debito.

roe return on equity
Adobe Stock

Il rendimento del capitale proprio (ROE) è una metrica utilizzata per valutare la redditività di un’azienda e l’efficacia con cui genera profitti. Quando il rendimento del capitale proprio (ROE) è più elevato, indica che la gestione di un’azienda è più efficace nel creare ricavi e crescita dal capitale proprio di cui dispone.

Che cos’è il ROE e perché è così importante

Il rendimento del capitale proprio (ROE) misura l’utile netto di una società diviso per il suo patrimonio netto. * Il rendimento del capitale proprio è una misura della redditività di un’azienda. La misura della redditività di un’azienda e dell’efficacia con cui realizza i profitti è definita rendimento del capitale proprio (ROE).

Quando il rendimento del capitale proprio (ROE) è più elevato, indica che l’azienda riesce a trasformare il capitale proprio in profitti. Dividendo l’utile netto per il valore del patrimonio netto, è possibile calcolare il rendimento del capitale proprio. Il rendimento del capitale proprio (ROE) di un’azienda varia a seconda del settore o dell’industria in cui opera.

Quando sia l’utile netto che il patrimonio netto di un’azienda sono positivi, è possibile calcolare il rendimento del patrimonio netto (ROE), espresso in percentuale. È importante notare che il calcolo dell’utile netto tiene conto dei dividendi pagati agli azionisti ordinari, dei dividendi pagati agli azionisti privilegiati e degli interessi distribuiti ai finanziatori. Il rendimento del capitale proprio è la media dell’utile netto e del capitale proprio.

Rendimento totale del capitale (ROE) = Patrimonio netto / Average shareholder equity

Il reddito netto

L’importo dei ricavi, dei costi netti e delle imposte che un’azienda ottiene in un determinato periodo di tempo viene definito reddito netto dell’organizzazione. Il calcolo del patrimonio netto medio consiste nel sommare il patrimonio netto presente all’inizio del periodo. È importante che l’inizio e la fine del periodo corrispondano al periodo in cui viene prodotto il reddito netto.

Nel conto economico, che è un riepilogo delle attività finanziarie svolte nei dodici mesi precedenti, si trova l’utile netto conseguito nell’ultimo anno fiscale. Lo stato patrimoniale, che è un bilancio consuntivo delle variazioni delle attività e delle passività di un’azienda, è la fonte del patrimonio netto.

Considerando la disparità esistente tra il conto economico e lo stato patrimoniale, è generalmente accettato che il metodo ottimale per calcolare il rendimento del capitale proprio sia quello di basarsi sulla media del capitale proprio per un determinato periodo di tempo.

Quali sono i metodi per calcolare il rendimento del capitale proprio (ROE)

Per determinare il rendimento del capitale proprio (ROE), occorre innanzitutto confrontare la percentuale di utile netto con l’importo totale del capitale proprio degli azionisti.

Il calcolo dell’utile netto consiste nel sottrarre l’intero ammontare dei costi, che comprende interessi e imposte, dall’ammontare totale dei ricavi netti. Rispetto ad altri metodi di determinazione della redditività, come il reddito lordo o il reddito operativo, è il metodo di misurazione più conservativo da esaminare per un’azienda, poiché tiene conto di un numero maggiore di spese.

Dal momento che che l’utile netto viene realizzato in un periodo di tempo, mentre il patrimonio netto è un conto del bilancio che di solito si riferisce a un unico periodo, un analista dovrebbe prendere in considerazione un saldo medio del patrimonio netto. Un metodo comune per ottenere questo risultato è quello di calcolare la media dei saldi del patrimonio netto all’inizio e alla fine del periodo.

Cosa indica nello specifico il rendimento del capitale proprio (ROE)

La deviazione standard dei peer di un titolo determina se il rendimento del capitale proprio (ROE) è considerato soddisfacente o insoddisfacente. Ad esempio, le società di servizi pubblici hanno una quantità significativa di attività e di debiti nei loro bilanci, ma hanno solo pochi utili netti da mostrare per le loro operazioni. Nel settore delle utilities, un tipico rendimento del capitale proprio (ROE) potrebbe essere inferiore al 10%. È possibile che un’azienda tecnologica o di vendita al dettaglio abbia livelli di ROE standard del 18% o più, pur avendo conti di bilancio inferiori rispetto all’utile netto.

Una buona regola è quella di puntare a un rendimento del capitale proprio (ROE) pari o leggermente superiore alla media del settore dell’azienda, che si riferisce alle imprese che operano nello stesso settore. A titolo di esempio, supponiamo che nel corso degli ultimi anni TechCo abbia costantemente mantenuto un rendimento del capitale proprio del 18%, che è di gran lunga superiore alla media del suo settore.

Un gruppo industriale o un settore può presentare indici di ROE relativamente alti o bassi. Tuttavia, una scorciatoia tipica per gli investitori è quella di considerare qualsiasi valore inferiore al 10% come pessimo e qualsiasi valore vicino alla media di lungo periodo dell’S&P 500 (13,29% al quarto trimestre del 2022) come un rapporto accettabile.

Rendimento azionario e performance del titolo

Il ROE può essere utilizzato per determinare sia i tassi di crescita sostenibili sia i tassi di crescita dei dividendi, a condizione che il rapporto sia approssimativamente uguale o leggermente superiore alla media del suo gruppo di pari. Il ROE può essere un utile punto di partenza per stimare i tassi di crescita futuri delle azioni e i tassi di crescita dei dividendi, nonostante le potenziali difficoltà. Poiché questi due calcoli sono funzione l’uno dell’altro, il confronto tra aziende simili può essere fatto più facilmente.

Moltiplicando il ROE di un’azienda per il suo retention ratio si ottiene una stima del suo tasso di crescita futuro. La percentuale dell’utile netto che l’azienda trattiene o reinveste per finanziare l’espansione è nota come retention ratio.

S&P 500, ROE al 21.17%

Nel 2022, il ROE delle società dello S&P 500 era in media del 21,17%.Un tasso di crescita sostenibile e due ROE
Supponiamo che due aziende abbiano lo stesso utile netto e lo stesso rendimento del capitale proprio (ROE), ma indici di ritenzione diversi. Ciò implica che i rispettivi tassi di crescita sostenibile (SGR) saranno diversi. L’SGR è il ritmo al quale un’azienda può espandersi senza dover ricorrere a prestiti per finanziarla. Il ROE moltiplicato per il retention ratio (o il ROE moltiplicato per uno meno il payout ratio) è la formula utilizzata per calcolare l’SGR.4

Ad esempio, l’azienda A ha un retention ratio del 70% e un rendimento del capitale proprio del 15%. L’azienda B ha un retention ratio del 90%, ma anche un rendimento del capitale proprio del 15%. Il tasso di crescita sostenibile per l’azienda A è del 10,5% (15% * 70%). Il SGR per l’azienda B è del 13,5% (15% * 90%).

Se un’azienda si espande meno rapidamente di quanto possa mantenere, potrebbe essere a buon mercato, oppure il mercato potrebbe prendere in considerazione pericoli importanti. Qualsiasi tasso di crescita significativamente superiore o inferiore al tasso sostenibile richiede ulteriori ricerche.

roe return on equity
Adobe Stock

Il rendimento del capitale proprio come strumento per l’identificazione dei problemi

È ragionevole chiedersi perché un rendimento del capitale proprio (ROE) leggermente superiore alla media o alla media sia preferito a uno che è doppio, triplo o addirittura superiore alla media del suo gruppo di pari. Azioni con ROE elevato: non sono forse più convenienti?

Quando i risultati di un’azienda sono così straordinari che il suo utile netto è di gran lunga superiore al suo patrimonio netto, potrebbe essere vantaggioso avere un ROE eccezionalmente alto. Tuttavia, un capitale proprio ridotto rispetto all’utile netto, segno di rischio, è spesso la causa di un ROE eccezionalmente elevato.

Profitti variabili

Le fluttuazioni degli utili sono un possibile problema di un ROE elevato. Supponiamo che la società LossCo sia stata in perdita per diversi anni. Le perdite di ogni anno sono indicate come “perdite a nuovo” nella sezione del patrimonio netto del bilancio. Il valore di queste perdite è negativo e riduce il patrimonio netto.

Supponiamo per il momento che LossCo sia tornata a essere redditizia dopo aver registrato una perdita nell’anno precedente. Dopo anni di perdite, il denominatore del calcolo del ROE è ora molto piccolo, il che fa apparire il ROE ingannevolmente alto.

Debito in eccesso

L’indebitamento eccessivo è un secondo problema che può determinare un ROE elevato. Poiché il patrimonio netto è uguale alle attività meno i debiti, il ROE di un’azienda può migliorare se l’azienda ha contratto molti prestiti. È possibile che il capitale proprio diminuisca per le aziende con livelli di indebitamento più elevati. Un caso frequente è quello in cui un’azienda si indebita molto per riacquistare le proprie azioni. Questo può potenzialmente ingigantire gli utili per azione (EPS), ma non ha alcun effetto sui tassi di crescita o sulle prestazioni effettive.

Diminuzione del patrimonio netto

In definitiva, un ROE artificialmente elevato può essere prodotto attraverso un reddito netto negativo e un patrimonio netto negativo. Tuttavia, il ROE non dovrebbe essere determinato se un’azienda è in perdita o ha un patrimonio netto negativo.

La causa più frequente di un patrimonio netto negativo è l’eccessivo indebitamento o la redditività irregolare. Questa restrizione, tuttavia, non si applica alle aziende prospere che hanno riacquistato le proprie azioni con il flusso di cassa. Questa è un’alternativa al pagamento dei dividendi per molte aziende, e può finire per ridurre il patrimonio netto fino al punto in cui il calcolo diventa negativo (i riacquisti vengono dedotti dal patrimonio netto).

Valori negativi o anormalmente elevati del ROE dovrebbero essere sempre considerati un segnale di allarme che giustifica un ulteriore esame. Raramente, un programma di riacquisto di azioni sostenuto dai flussi di cassa e una gestione superiore possono essere la causa di un rapporto ROE negativo; tuttavia, questo è lo scenario meno frequente. Non è possibile valutare un’azienda con un rendimento del capitale proprio (ROE) negativo rispetto ad altri titoli azionari con un rapporto ROE positivo.

Limiti al rendimento del capitale proprio (ROE)

Un ROE elevato non è necessariamente una cosa positiva. Un ROE elevato può essere il segno di diversi problemi, tra cui guadagni irregolari o debito elevato. Una variazione significativa del ROE da un periodo all’altro potrebbe essere segno di procedure contabili irregolari.

Un’azienda con un rendimento del capitale proprio (ROE) negativo a causa di una perdita netta o di un patrimonio netto negativo non può essere analizzata o contrapposta ad altre aziende con un ROE positivo. Poiché in questo caso non c’è rendimento, il termine “ROE” è fuorviante. Sarebbe più corretto classificare la perdita sul patrimonio netto.

Il ROE spesso non è adatto a confrontare aziende di diversi settori. Poiché le imprese hanno margini operativi e modalità di finanziamento diversi, il ROE varia da un settore all’altro. Inoltre, le aziende più grandi e più efficienti potrebbero non essere paragonabili a quelle più piccole. Il ROE è solo una delle diverse misure disponibili per la ricerca sugli investimenti e identifica solo una frazione dell’intero bilancio di un’azienda. Questo vale per tutti gli strumenti utilizzati nell’analisi degli investimenti. Prima di effettuare un investimento, è essenziale comprendere appieno la salute finanziaria di un’azienda utilizzando una serie di misure finanziarie.

Rendimento del capitale investito vs. rendimento del capitale proprio

Mentre il rendimento del capitale proprio (ROE) misura la capacità di guadagno di un’azienda in relazione al capitale proprio detenuto dagli azionisti, il rendimento del capitale investito (ROIC) fa un passo avanti.

L’obiettivo del ROIC è quello di determinare l’utile netto di un’azienda dopo i dividendi, tenendo conto di tutte le fonti di capitale, compreso il debito e il patrimonio netto. Mentre il ROIC misura il grado di utilizzo di tutto il capitale disponibile da parte di un’azienda per generare ricavi, il ROE esamina il grado di utilizzo del patrimonio netto da parte di un’azienda.

Come usare Excel per calcolare il ROE

Il rendimento del capitale proprio (ROE) di un’azienda si determina dividendo l’utile netto per il capitale proprio detenuto dagli azionisti. Ecco come impostare il calcolo del ROE in Microsoft Excel:

  • Per iniziare, in Excel, fate clic con il tasto destro del mouse sulla colonna A. Quindi, spostate il puntatore a sinistra e fate clic sulla larghezza della colonna. Quindi, fare clic su OK dopo aver modificato il valore della larghezza della colonna al valore predefinito di 30 unità. Questa procedura deve essere ripetuta per le colonne B e C.
  • Digitare quindi il nome di una società nella cella B1 e il nome di un’altra società nella cella C1. Scrivete poi “Return on Equity” nella cella A4, “Shareholders’ Equity” nella cella A3 e “Net Income” in “A2”.
  • Nella cella B4, scrivete la formula per il “rendimento del capitale proprio” = B2/B3, e nella cella C4, inserite la formula = C2/C3.
  • Una volta terminato, riempite le celle B2, B3, C2 e C3 con i numeri appropriati per “Utile netto” e “Patrimonio netto”.

Come identificare un buon ROE

Come per la maggior parte degli altri indicatori di performance, anche il ROE “buono” varia a seconda del settore e dei rivali dell’azienda. Mentre il rendimento medio a lungo termine del capitale proprio (ROE) per le prime dieci aziende dello S&P 500 è stato di circa il 18,6%, i ROE specifici del settore possono variare considerevolmente.

A parità di condizioni, un settore caratterizzato da un’intensa concorrenza e da un elevato fabbisogno di attività per la generazione di ricavi avrà probabilmente un ROE medio più basso. Al contrario, i settori con un numero ridotto di partecipanti e un basso fabbisogno di asset per la generazione di ricavi potrebbero avere un ROE medio maggiore.