Rischio: le 5 misurazioni principali e come gestirlo

Le misure di rischio sono variabili statistiche che hanno dimostrato di essere predittori storici del rischio di investimento e della volatilità. Inoltre, le misure di rischio sono componenti significative della moderna teoria di portafoglio (MPT).

La Modern Portfolio Theory (MPT) è un approccio accademico e finanziario ben accettato e ampiamente utilizzato per valutare la performance di una società o di un fondo azionario rispetto al suo indice di riferimento. Il termine “misure di rischio” si riferisce a misure statistiche utilizzate in passato per anticipare il rischio e la volatilità degli investimenti.

rischio metriche
Adobe Stock

Le misure di rischio sono anche componenti significative della moderna teoria del portafoglio (MPT), che è un tipico strumento finanziario per valutare la performance degli investimenti. Sharpe ratio, alfa, beta, R-quadro e deviazione standard sono le cinque principali misure di rischio. Anche lo Sharpe ratio è incluso in questo elenco.

Sono disponibili cinque misure di rischio primarie, ognuna delle quali offre un approccio diverso alla valutazione del livello di rischio associato agli asset presi in considerazione. Le cinque misure incluse in questa discussione sono lo Sharpe ratio, l’alfa, il beta, l’R-quadro e la deviazione standard. Quando si effettua una valutazione del rischio, le misure di rischio possono essere utilizzate singolarmente o in combinazione tra loro.

Quali sono i principali strumenti per valutare rischi e performance degli investimenti

Quando si confrontano due possibili investimenti, è essenziale esaminare investimenti comparabili per stabilire quale sia l’investimento con il livello di rischio più elevato.

Cos’è la Alpha

La metrica Alpha viene utilizzata per valutare il rischio rispetto al mercato o a un particolare indice di riferimento. Ad esempio, se l’S&P 500 è considerato il benchmark di un determinato fondo, l’attività del fondo sarà confrontata con l’attività registrata dall’indice selezionato. Si afferma che il fondo ha un alfa positivo se la sua performance è superiore a quella del benchmark. Si ritiene che il fondo abbia un alfa negativo se la sua performance è inferiore a quella del benchmark e del benchmark stesso.

Beta Il beta è una misura che confronta la volatilità o il rischio sistemico di un fondo con il mercato o con l’indice di riferimento scelto. Quando il beta di un fondo è pari a uno, significa che si prevede che il fondo si muoverà nella stessa direzione del benchmark. È generalmente accettato che i beta inferiori a uno siano meno volatili del benchmark, mentre i beta superiori a uno sono ritenuti più volatili del benchmark.

Il quadrato R

La percentuale del movimento di un investimento che può essere attribuita alle fluttuazioni del suo indice di riferimento è ciò che valuta la metrica di valutazione R-Squared. Un valore di R-quadrato indica il grado di correlazione esistente tra l’investimento esaminato e il benchmark ad esso correlato. Un valore di R-quadro pari a 95, ad esempio, è considerato una forte correlazione, mentre un valore di R-quadro pari a 50 può essere considerato un basso coefficiente di correlazione.

Il Treasury Bill degli Stati Uniti serve come benchmark per i titoli a reddito fisso, mentre l’indice S&P 500 serve come benchmark per gli investimenti azionari.

Deviazione standard

La deviazione standard è un metodo che fornisce una misura della volatilità di un investimento. È un metodo che misura la dispersione dei dati rispetto al valore medio dell’insieme di dati.

Nel contesto degli investimenti, la deviazione standard è una metrica statistica che determina il grado di deviazione del rendimento dell’investimento rispetto ai rendimenti normali o medi previsti.

Sharpe ratio

Una misura della performance che tiene conto dei rischi ad essa collegati è lo Sharpe ratio. Si ottiene sottraendo dal tasso di rendimento sperimentato il tasso di rendimento di un investimento che non comporta alcun rischio, come ad esempio un titolo del Tesoro degli Stati Uniti.

Il risultato viene poi diviso per la deviazione standard dell’investimento a cui è collegato e serve a misurare se il rendimento di un investimento è il risultato di un investimento prudente o dell’assunzione di un rischio eccessivo.

Come si può ridurre il rischio di investire in azioni

Quando si tratta di investire in azioni, ci sono diversi modi per ridurre il rischio. Alcuni di questi modi includono la conduzione di ricerche approfondite prima di selezionare un titolo, la diversificazione del portafoglio, l’investimento in base alla propria tolleranza al rischio, un orizzonte di investimento a lungo termine, la non eccessiva preoccupazione per la volatilità e la valutazione periodica del proprio portafoglio.

In che modo le azioni sono soggette a rischio

uando si tratta di azioni, il pericolo più significativo è che si finisca per perdere il denaro investito.Non è mai possibile prevedere l’andamento di un’azione. Il prezzo di un’azione potrebbe non salire mai, ma c’è sempre la possibilità che scenda, con il risultato di perdere l’intero valore dell’investimento. Se si acquista un’azione, si corre il rischio di perdere tutto il proprio denaro.

Cosa sono le metriche di rischio

Nel contesto di un titolo o di un portafoglio di investimento, le metriche di risk sono metodologie quantitative utilizzate per stimare la perdita potenziale dell’attività.Gli investitori sono in grado di identificare i possibili ribassi esaminando i titoli azionari con l’aiuto delle misure di rischio.

Per riassumere, la linea di fondoIl processo di trading e di investimento è impegnativo.Il processo di selezione dei titoli o degli asset appropriati può essere difficile, così come può essere difficile determinare quando è opportuno acquistare un titolo e quando è opportuno venderlo.Esiste un’ampia gamma di parametri che possono essere utili per effettuare una scelta, in particolare quelli che valutano i rischi.L’utilizzo delle misure sopra menzionate può essere di grande aiuto agli investitori per prendere le decisioni di investimento più appropriate.

Cosa si intende con “rendimento corretto per il rischio” (Risk-Adjusted Return)

Quando si calcola il profitto o il potenziale profitto di un investimento, il rendimento corretto per il risk è un calcolo che tiene conto del livello di rischio che deve essere accettato per ottenere il risultato desiderato. Il livello di rischio viene valutato in relazione a quello di un investimento quasi del tutto privo di rischio, tipicamente i Treasury degli Stati Uniti.

È possibile descrivere la stima del rischio come un numero o un rating, a seconda dell’approccio utilizzato. È possibile applicare i rendimenti corretti per il rischio a singole azioni, fondi di investimento e interi portafogli di investimenti.

Il rendimento di un investimento viene misurato utilizzando un rendimento corretto per il risk, che tiene conto della quantità di rischio sostenuta per ottenere il rendimento.I rapporti di Sharpe e Treynor, l’alfa, il beta e la deviazione standard sono alcuni degli approcci che possono essere utilizzati per valutare la performance corretta per il rischio.Ognuno di questi metodi produce un risultato leggermente diverso dagli altri. In ogni caso, gli investitori calcolano i rendimenti corretti per il rischio per stabilire se il rischio che stanno correndo vale il beneficio che prevedono di ricevere.

Come funziona il Risk-Adjusted Return

Il risk-adjusted return è un metodo per calcolare l’ammontare dei profitti che l’investimento ha generato in relazione all’ammontare del rischio che l’investimento ha comportato nel corso di un certo periodo di tempo. Nel caso in cui due o più investimenti producano lo stesso rendimento in un determinato periodo di tempo, l’investimento che presenta il minor rischio avrà un rendimento aggiustato per il rischio più elevato.Il successo delle tecniche di trading, degli hedge fund e persino dei consulenti di trading può essere confrontato con l’uso di un rapporto MAR, di cui gli analisti possono disporre.

Alfa, beta, R-quadro, deviazione standard e rapporto Sharpe sono tutti esempi di quantificazione del rischio spesso utilizzati nel settore degli investimenti. Ogni volta che si confrontano due o più possibili investimenti, è importante utilizzare la stessa misura di risk per ogni investimento preso in considerazione. Questo vi permetterà di avere una prospettiva sulla performance relativa di ciascun investimento.

Dato che le varie valutazioni del risk forniscono risultati analitici molto diversi per gli investitori, è essenziale avere una chiara comprensione del tipo di rendimento corretto per il rischio che si sta prendendo in considerazione.

investimento attivo passivo
Adobe Stock

Risk-Adjusted Return: quali sono i metodi per il calcolo

Di seguito sono elencate le misure utilizzate più di frequente.

Sharpe ratio

La misura del profitto generato da un investimento superiore al tasso privo di rischio per unità di deviazione standard è denominata Sharpe ratio. La formula per calcolarlo prevede che si prenda il rendimento dell’investimento, si deduca il tasso privo di rischio e si divida il numero risultante per la deviazione standard dell’investimento.

Se tutti gli altri fattori rimangono invariati, è preferibile un rapporto Sharpe maggiore. Per il periodo di tempo appropriato, il tasso privo di rischio viene calcolato calcolando il rendimento di un investimento con un livello di rischio molto basso, che spesso è il titolo del Tesoro a 10 anni (T-bond).

A titolo di esempio, supponiamo che il Fondo comune di investimento A abbia avuto una deviazione standard del 10% e un rendimento del 12% nel corso dell’anno precedente. Il fondo comune B ha generato un rendimento del 10% nello stesso periodo, con una deviazione standard del 7%. Inoltre, il tasso privo di rischio era del 3%. Per determinare la Sharpe ratio si utilizzerebbe la seguente formula:

Fondo comune di investimento A: (12% meno 3%) diviso per 10% uguale a 0,9.
Il 7% del 10% meno il 3% è uguale a uno per il Fondo comune B.

Il Fondo comune B ha avuto un rendimento corretto per il rischio migliore rispetto al Fondo comune A, il che significa che ha guadagnato di più per unità di rischio totale rispetto al Fondo comune A.Questo nonostante il Fondo comune A abbia avuto un rendimento totale superiore.

Il Treynor ratio

Il Treynor ratio è calcolato allo stesso modo del rapporto di Sharpe, ma il denominatore del Treynor ratio tiene conto del beta dell’investimento. Come nel caso dello Sharpe ratio, un Treynor ratio più elevato è vantaggioso.

Prendendo in considerazione l’esempio del fondo di prima e ipotizzando che ogni fondo abbia un beta di 0,75, i calcoli sono i seguenti:

  • Fondo comune di investimento A: (12% meno 3%) diviso 0,75 è 0,12
  • Fondo comune di investimento B: 10% meno 3% diviso 0,75 è 0,09

In base a questo scenario, il Fondo comune A ha un rapporto Treynor maggiore rispetto al Fondo B, il che indica che il fondo genera un rendimento maggiore per ogni unità di rischio sistematico.

Alcune misure aggiuntive di aggiustamento del rischio

Di seguito sono elencate alcune misure aggiuntive di aggiustamento del rischio comunemente utilizzate:

  • L’alfa si riferisce al modo in cui il rendimento di un investimento si confronta con il rendimento di un benchmark.
  • Il rendimento di un investimento rispetto al mercato generale è definito beta. Si presume che il mercato abbia un beta pari a uno; se un investimento ha un beta superiore a uno, è associato a maggiori fluttuazioni rispetto al mercato nel suo complesso.Un valore inferiore a uno indica che l’investimento varia meno del mercato.
  • La deviazione standard è il grado di volatilità dei rendimenti di un investimento rispetto al rendimento medio dello stesso. Deviazioni standard maggiori indicano che i rendimenti sono più distribuiti, mentre deviazioni standard minori indicano che i rendimenti sono più concentrati.
  • La parte della performance di un investimento che può essere spiegata dalla performance di un indice viene definita valore R-quadro. Fattori eccezionali da considerareEvitare il rischio non è sempre una buona cosa quando si tratta di investire, quindi bisogna fare attenzione a non reagire in modo eccessivo a questi dati, soprattutto se il periodo di tempo che si sta valutando è piuttosto breve.

È possibile che un fondo comune di investimento limiti la performance reale che un investitore desidera vedere in mercati forti se il fondo ha un rischio inferiore al suo benchmark. È anche possibile che un fondo che assume un livello di rischio maggiore rispetto al suo benchmark generi rendimenti più elevati. Infatti, è risaputo che i fondi comuni di investimento a più alto rischio possono subire maggiori perdite nei momenti di volatilità, ma è anche possibile che superino i loro benchmark nel corso di interi cicli di mercato.

Lo Sharpe Ratio è la stessa cosa del rendimento corretto per il rischio?

Il rendimento corretto per il rischio di un’attività può essere misurato in diversi modi, uno dei quali è lo Sharpe ratio. Se le informazioni sono disponibili, si possono utilizzare le metriche comuni per analizzare il rischio e i rendimenti associati agli investimenti immobiliari. Per calcolare lo Sharpe ratio, è necessario conoscere la deviazione standard dell’immobile e il suo rendimento medio. È possibile calcolare il rendimento corretto per il rischio dell’immobile utilizzando il tasso fissato dal Tesoro per un periodo di 10 anni.

In sostanza, le misurazioni del rendimento aggiustato per il rischio sono utilizzate dagli analisti per determinare il livello di rischio di un’attività rispetto a un investimento generalmente accettato a basso rischio. Il tasso del Tesoro a 10 anni viene spesso utilizzato come tasso privo di rischio, mentre per l’analisi del rischio vengono utilizzate diverse altre metriche. Non esiste una metrica superiore alle altre; tuttavia, ve ne sono alcune che sono più desiderabili di altre.