Come si utilizzano i benchmark negli investimenti

L’analisi dell’allocazione, del rischio e del rendimento di un particolare portafoglio può essere ottenuta attraverso l’utilizzo di un benchmark, ovvero di uno standard o di una misura.

Per quanto riguarda l’analisi standard, i singoli fondi e portafogli d’investimento hanno spesso dei benchmark sviluppati. Per comprendere meglio l’andamento di un portafoglio rispetto ad altre categorie di mercato, si possono utilizzare diversi benchmark. Gli investitori utilizzano spesso l’indice S&P 500 come benchmark per la performance dei titoli. Ciò è dovuto al fatto che l’indice S&P 500 comprende 500 delle principali società quotate in borsa negli Stati Uniti.

benchmark mercato
Adobe Stock

D’altra parte, gli investitori hanno accesso a un’ampia gamma di benchmark, che possono decidere di utilizzare in base ai loro investimenti, al loro livello di tolleranza al rischio e al loro orizzonte temporale. L’analisi dell’allocazione, del rischio e del rendimento di un particolare portafoglio può essere ottenuta attraverso l’utilizzo di un benchmark, che è uno standard o una misura. Per comprendere meglio l’andamento di un portafoglio rispetto ad altre categorie di mercato, si possono utilizzare diversi benchmark.

È prassi comune utilizzare l’indice S&P 500 come benchmark per le valutazioni azionarie. Per determinare i rendimenti e il rischio delle obbligazioni si utilizzano i Treasury statunitensi.

Cosa sono i benchmark do mercato e come si utilizzano

Tra le componenti che costituiscono i benchmark vi è un portafoglio di titoli non gestiti rappresentativi di un determinato settore di mercato.Questi portafogli, chiamati indici, sono posseduti e gestiti da istituzioni. Standard & Poor’s (S&P), Russell e MSCI sono tre delle istituzioni più note e riconosciute per i loro servizi di gestione degli indici.

Gli indici rappresentano diversi tipi di attività finanziarie.Sia misure ampie, come il Russell 1000, sia classi di attività specializzate, come le azioni di crescita a piccola capitalizzazione negli Stati Uniti, le obbligazioni ad alto rendimento o i mercati emergenti, possono essere considerate esempi di benchmark. Come base per un approccio di replica, gli indici sono utilizzati da un numero significativo di fondi comuni di investimento del settore finanziario.

I gestori di portafoglio sono responsabili della gestione attiva dei fondi comuni, che sono pool di fondi di investimento investiti in una varietà di titoli, tra cui azioni, obbligazioni e strumenti del mercato monetario. I fondi comuni di investimento sono gestiti da gestori di portafoglio. L’obiettivo dei gestori del fondo è quello di generare reddito o guadagni in conto capitale per gli investitori del fondo.

L?utilizzo dei fondi negoziati in borsa (ETF)

I fondi negoziati in borsa, solitamente noti come ETF, sono un altro tipo di strumento di investimento che segue una tecnica di replica passiva.In genere, i fondi negoziati in borsa (ETF) sono progettati per replicare la performance di un indice, come l’S&P 500 per gli ETF azionari. Il motivo per cui questi exchange-traded funds (ETF) sono considerati fondi a gestione passiva è che investono in tutte le attività che compongono l’indice sottostante.3)

L’unica opportunità per un investitore al dettaglio di investire in un indice è l’acquisto di un fondo passivo. Questo è il metodo di investimento principale. Tuttavia, lo sviluppo dei fondi negoziati in borsa (ETF) ha portato alla nascita di indici smart beta.Le loro capacità sono paragonabili a quelle dei gestori attivi e offrono sistemi di indici personalizzabili. La selezione degli asset da inserire nei portafogli viene effettuata dagli indici smart beta attraverso l’utilizzo di sofisticati algoritmi e di un sistema basato su regole.

Tra un fondo comune di investimento e un fondo negoziato in borsa (ETF), i fondi smart beta rappresentano la via di mezzo.

Per comprendere meglio l’andamento di un portafoglio rispetto ad altre categorie di mercato, si possono utilizzare diversi benchmark.

Controllo del rischio tramite l’uso di benchmark

Per mitigare il rischio, la maggior parte degli investitori mette il proprio denaro in un portafoglio diversificato che contiene un’ampia varietà di classi di attività. In larga misura, investono in obbligazioni e azioni. I rischi associati a questi investimenti possono essere meglio compresi con l’uso di misure di rischio.

I concetti di imprevedibilità e volatilità sono tra i modi più comuni per definire il rischio. La volatilità può essere misurata in base all’entità della variazione del valore del portafoglio. Un livello più elevato di volatilità è associato ai fondi d’investimento che comprendono materie prime che registrano oscillazioni di prezzo complessivamente maggiori, sia verso l’alto che verso il basso. La frequenza della variazione di valore è quella misurata dalla variabile. In generale, il pericolo aumenta in proporzione alla quantità di imprevedibilità.

Il rischio e il rendimento di un portafoglio possono essere valutati con diversi metodi.

La deviazione standard

La misura statistica della volatilità è la deviazione standard. Essa determina il rapporto tra il rendimento medio o medio in un periodo di tempo e la varianza dei movimenti di prezzo di un investimento. Se la differenza tra il prezzo medio dell’investimento e ogni singolo prezzo è più ampia, la forbice dei prezzi, nota anche come deviazione standard, sarà maggiore. Quando la deviazione standard è maggiore, indica un maggior grado di volatilità e rischio.

Il coefficiente Beta

Il coefficiente beta è una misura della volatilità rispetto a un benchmark. Quando il benchmark subisce una variazione, si prevede che un portafoglio con un beta di 1,2 aumenterà o diminuirà di un fattore pari al 120%. È ragionevole prevedere che un portafoglio con un beta più basso sperimenterà una minore volatilità negli alti e bassi rispetto al benchmark. Ai fini del calcolo del beta, come benchmark si utilizza in genere l’S&P 500.

Lo Sharpe Ratio

Nell’ambito del rendimento corretto per il rischio, lo Sharpe Ratio è una statistica molto utilizzata. Si riferisce al rendimento medio superiore a quello di un investimento privo di rischio, come un’obbligazione emessa dal governo degli Stati Uniti.

Quando lo Sharpe ratio è maggiore, indica che il rendimento complessivo corretto per il rischio è superiore alla media. È prassi tipica dei fondi di investimento gestiti e dei fornitori di indici documentare queste metriche nei loro rapporti.

Benchmarking e portafogli di investimento

Le società di fondi utilizzano i benchmark come strumento di misurazione per determinare la performance di un portafoglio rispetto all’universo degli investimenti detenuti dal fondo.Nella maggior parte dei casi, i gestori di portafoglio selezionano un benchmark congruente con l’intero universo di investimenti. I gestori attivi cercano di ottenere risultati migliori dei loro benchmark.Vogliono generare un rendimento superiore a quello generato dal benchmark.

Tuttavia, non è possibile per un investitore investire in tutti i titoli che compongono un indice. Ciò è dovuto al fatto che ogni investimento comporta alcune spese associate che riducono il rendimento generato da un indice.

L’uso degli indici

Inoltre, gli investitori hanno la possibilità di utilizzare determinati indici insieme a misure di rischio per stabilire le allocazioni di portafoglio e condurre analisi di portafoglio. L’analisi e la comprensione dell’ambiente di mercato e delle diverse possibilità di investimento sono spesso realizzate attraverso l’utilizzo di tre benchmark.

  • L’indice S&P 500
    Essendo l’indicatore più accurato delle principali aziende quotate in borsa negli Stati Uniti, lo S&P 500 è una buona scelta per gli investitori da utilizzare come benchmark per gli investimenti azionari. Le azioni vengono misurate rispetto allo S&P, che è il benchmark più utilizzato.Quando si tratta di valutare la performance di un portafoglio o di un fondo, è spesso la cartina di tornasole.
  • Bloomberg Agg.
    Il Bloomberg U.S. Aggregate Bond Index, talvolta noto come Agg, è un indice che valuta la performance di diversi strumenti a reddito fisso. Le obbligazioni societarie, le obbligazioni emesse dal governo degli Stati Uniti, i titoli garantiti da attività e i titoli garantiti da ipoteca commerciale sono tutti esempi di strumenti finanziari derivati negoziati negli Stati Uniti.

Gli operatori obbligazionari, i fondi comuni di investimento e gli exchange-traded fund (ETF) utilizzano l’Agg come benchmark per valutare la performance relativa del mercato obbligazionario o del reddito fisso.

investimento attivo passivo
Adobe Stock

Le note della Federal Reserve (Fed)

I titoli del Tesoro sono obbligazioni normalmente garantite dal Tesoro degli Stati Uniti e pagano un tasso di rendimento fisso.Queste obbligazioni sono note come titoli del Tesoro degli Stati Uniti. Il Tesoro degli Stati Uniti è spesso considerato l’opzione di investimento più sicura disponibile.
dieci

Il benchmark per il tasso di rendimento privo di rischio è spesso costituito da titoli del Tesoro a breve termine, con scadenza a uno o due anni. Questo parametro è utilizzato da un numero significativo di fondi d’investimento e gestori di portafoglio.Nel caso in cui il tasso sia paragonabile a quello di uno strumento del Tesoro con scadenza a un anno e un portafoglio di investimento non produca alcun rendimento, l’investimento non vale il rischio per gli investitori.

Prima di decidere il benchmark d’investimento più adatto, l’investitore deve tenere conto del livello di rischio che è disposto ad assumersi. Se il vostro profilo è un sei su una scala da uno a dieci, un benchmark accettabile potrebbe essere un’allocazione tra il sessanta e il quaranta per cento. Questo sarebbe il caso se siete disposti ad assumere un grado di rischio modesto.

In questo scenario, un investitore utilizzerebbe l’indice Russell 3000 come benchmark per le azioni, mentre il Bloomberg Agg sarebbe utilizzato come benchmark per il reddito fisso. Inoltre, potrebbe voler utilizzare lo Sharpe Ratio per garantire un’adeguata diversificazione e realizzare il massimo profitto possibile in ciascuna allocazione a fronte del rischio assunto.

I rischi nel dettaglio

Ogni decisione di investimento si basa in larga misura sul rischio come considerazione primaria.L’utilizzo delle misure di performance e di rischio di un indice rispetto agli investimenti è un modo semplice per un investitore di comprendere meglio come impiegare i propri investimenti nel modo più sensato.

Gli investimenti azionari, gli investimenti a reddito fisso e gli investimenti di risparmio presentano spesso diversi gradi di rischio.La maggior parte degli investitori con orizzonti temporali più lunghi è disposta a investire più denaro in attività che comportano un livello di rischio più elevato.Un livello di rischio ridotto sarà associato agli investimenti in prodotti a reddito fisso e di risparmio se gli orizzonti temporali sono più brevi, se vi è una maggiore esigenza di liquidità o se vi è la possibilità di convertire in contanti.

Gli investitori possono anche analizzare i loro portafogli nel contesto del macroambiente d’investimento utilizzando misure e indici di rischio. Queste allocazioni possono servire da guida per gli investitori.

Le politiche monetarie e i cicli economici sono due esempi dei principali fattori che possono influire sui livelli di rischio.Gli investitori attivi che si avvalgono di adeguate metodologie di ricerca per il benchmarking sono spesso in una posizione migliore per capitalizzare le opportunità di investimento man mano che si sviluppano.

È inoltre fondamentale confrontare la performance e il rischio dei vari benchmark nell’ambito di un portafoglio completo o, in particolare, dei mandati dei fondi d’investimento, al fine di garantire che si stia investendo in modo ottimale.

Quando si parla di investimenti, che cos’è un indice?

È possibile pensare a un indice come a un benchmark. Utilizzando le statistiche, si tratta di un metodo per determinare la variazione di un mercato mobiliare nel tempo.I fondi indicizzati sono un tipo di strumento di investimento collettivo che segue la performance di particolari indici. Poiché molti fondi negoziati in borsa (ETF) e fondi comuni di investimento monitorano e imitano la performance degli indici, queste forme di investimento sono considerate più sicure di altri tipi di investimento.

Dovrei investire in un Exchange-Traded Fund e cosa significa investire in uno di essi?

Un veicolo di investimento collettivo noto come exchange-traded fund (ETF) è finanziato da un gran numero di investitori che guadagnano ciascuno una percentuale degli interessi del fondo, di norma proporzionale all’importo del loro contributo. Il fondo è spesso amministrato da un’azienda registrata presso la SEC come consulente. Esistono fondi negoziati in borsa (ETF) che sono gestiti in modo passivo e monitorano il mercato. Altri, invece, sono gestiti in modo più attivo e svolgono attività di trading su base più consistente.

È possibile che sia il vostro livello di propensione al rischio a determinare l’opportunità di investire in un fondo negoziato in borsa (ETF) e quale tipo di fondo sia più adatto a voi. Tuttavia, gli ETF sono generalmente considerati tra i tipi di investimento più sicuri.

Cosa significa esattamente che un investimento è volatile?

La misura della frequenza e dell’entità delle fluttuazioni di prezzo che si verificano in un determinato periodo di tempo per un particolare titolo viene definita volatilità. Poiché gli investitori a lungo termine si concentrano sulla crescita per un periodo di anni, la volatilità ha un impatto minore rispetto agli investitori a breve termine. Per gli investitori a breve termine che desiderano entrare o uscire dal mercato in un determinato e immediato periodo, può rendere il percorso più difficile e snervante di quanto sarebbe altrimenti.

Conclusioni

I benchmark sono strumenti che gli investitori possono utilizzare in diversi modi per raggiungere i loro obiettivi. Ogni fondo gestito avrà uno standard predeterminato che funge da benchmark rispetto al quale valutare la performance del fondo.

L’uso del benchmarking può essere esteso anche al di là delle applicazioni convenzionali.Un esempio di uso avanzato del benchmarking è l’utilizzo di indici allo scopo di allocare le attività ai fondi passivi che hanno particolari proporzioni di portafoglio. Gli investitori attivi possono scegliere di seguire una serie di benchmark che coprono lo spettro di rischio. Essi analizzeranno questi benchmark insieme alle caratteristiche di rischio per garantire che i loro investimenti siano adeguatamente posizionati con il minor rischio possibile e le maggiori opportunità di rendimento potenziale.

Gli investitori sono anche in grado di individuare la possibilità di spostare le attività del portafoglio per sfruttare le opportunità del mercato attraverso il monitoraggio dei benchmark e delle metriche di rischio.

Un approccio semplice per tutti i tipi di investitori è quello di prendere in considerazione molti benchmark allo stesso tempo, insieme alle caratteristiche di rischio di ciascuno di essi. L’utilizzo di benchmark può essere di grande utilità sia per l’esame degli asset esistenti sia per i nuovi investimenti. Inoltre, può essere un metodo efficace per garantire che il portafoglio di un investitore sia adeguatamente diversificato e in linea con i suoi obiettivi.