Pagamenti Inps, Reddito di cittadinanza e non solo: tutti le informazioni utili

L’Inps e l’ottobre caldo dei pagamenti. Tra sussidi, pensioni e quant’altro tutte le scadenze dell’ente di previdenza sociale.

Pensione Inps
Pensione Inps (Adobe)

Numerosissimi i pagamenti attesi dai cittadini italiani da parte dell’Inps. Reddito di cittadinanza, reddito di emergenza, assegno unico, tanti i grattacapi per l’ente di previdenza sociale italiano. Le scadenze sono in effetti davvero tante e ci si chiede se l’istituto riuscirà a rispettare tutti i pagamenti considerato inoltre che ci sarebbe da valutare, da comprendere più che altro anche gli arretrati dell’assegno unico che andrà in vigore dal prossimo gennaio. Lo Stato, insomma, alle prese con una preoccupazione non da poco.

La legge di bilancio 2022 in preparazione in questi giorni valuta la soppressione o in alcuni casi la modifica di numerose iniziative passate da parte del Governo. Molte dinamiche sono messe in dubbio, dalla modalità di sistema pensionistico ai bonus ristrutturazione, mobili e quant’altro. Inoltre come anticipato dovrebbe partire dal prossimo gennaio l’assegno unico per le famiglie che andrà a sostituire tutti i precedenti trattamenti previsti in favore degli stessi nuclei familiari da parte dello Stato.

Scadenze e pagamenti: caos scadenze, lo Stato rischia enormi difficoltà

Puntuali dovrebbero inoltre arrivare i pagamenti per quel che riguarda il Reddito di cittadinanza, con l’incognita però del Reddito d’emergenza, altra misura straordinaria prevista dal Governo Draghi. Nel primo caso la scadenza dovrebbe sempre essere quella del 27 ottobre. In merito poi alle false notizie rivelatesi tali purtroppo dopo che quasi tutti gli organi di stampa ne avevano riportato il testo, in merito allo slittamento dei pagamenti proprio del Reddito di cittadinanza, tutti gli aventi diritto possono stare tranquilli.

LEGGI ANCHE >>> Reddito di cittadinanza e assegno unico figli per genitori separati, non sempre è in automatico

Altra scadenza in arrivo per lo Stato è il pagamento del bonus Irpef, previsto intorno al 20 di ottobre. Anche in questo caso gli interessati dovranno informarsi per tempo attraverso i vari canali preposti. Attese novità anche in merito alle pensioni di invalidità che cosi come dichiarato dall’Inps non saranno più cumulabili, per le disabilità meno gravi, con altri redditi. Fine d’anno abbastanza tribolato, insomma per le casse dello Stato, con la speranza che il prossimo anno, in quanto a sostegni e quant’altro possa sorridere ancora di più ai contribuenti e nello stesso modo anche alle stesse casse pubbliche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *