Inps e cessione del quinto: pubblicati i tassi di interesse oggi in vigore

La cessione del quinto è una pratica che sempre più riguarda da vicino milioni di contribuenti italiani, ecco le novità.

Tasso interesse
Tasso interesse (Adobe)

I tassi effettivi globali medi per il IV° trimestre 2021 soni stati di recente pubblicati dal Ministero dell’Economia e delle Finanze (MEF). Parliamo dei tassi applicati dalle banche e dai mediatori finanziari e rilevati dalla Banca d’Italia. Successivamente, poi, l’Inps ha comunicato attraverso il suo messaggio numero 3341 in merito ai tassi da applicare a quelle tipologie di prestito tra i quali rientra anche la cessione del quinto dello stipendio o della pensione. I tassi in questione fanno riferimento al periodo tra i 1°ottobre ed il 31 dicembre.

Con il decreto n. 77147 del 24 settembre scorso, il MEF ha reso noti TEGM che saranno praticati dagli operatori di settore per gli ultimi tre mesi dell’anno 2021. I seguenti tassi, quindi, saranno validi  per i prestiti da estinguersi mediante cessione del quinto dello stipendio e della pensione:

  • importi fino a 15.000 euro, tassi medi  pari all’11,11% e il tasso soglia usura 17,8875%;
  • importi oltre i 15mila euro, tassi medi sono pari al 7,19%, il tasso soglia usura è pari al 12,9875%.

Cessione del quinto: ufficializzate le nuove aliquote di riferimento

In seguito alla pubblicazione dei nuovi tassi di interesse da applicare arrivano anche i nuovi tassi soglia TAEG, per prestiti rimborsabili tramite la cessione del quinto dello stipendio o della pensione. Le aliquote alle quali bisogna fare riferimento, dunque, sono le seguenti:

  • fino a 59 anni: l’8,30% fino a 15.000 euro, mentre il 6,19% per importi superiori;
  • 60–64 anni: il 9,10% fino a 15mila euro, il 6,99% oltre tale soglia;
  • 65–69 anni: il 9,90% fino a 15mila euro, il 7,79% oltre i 15mila euro;
  • 70–74 anni: il 10,60% fino a 15mila euro, mentre sale all’8,49% per importi superiori;
  • 75–79 anni: l’11,40% fino a 15mila euro, e il 9,29% oltre tale importo;
  • maggiore di 79 anni: il 17,8875% fino a 15.000 euro, il 12,9875% oltre.

LEGGI ANCHE >>> Prestito per protestati, oggi è possibile: tutte le soluzioni

L’Inps comunica i nuovi tassi di interesse validi dallo scorso 1°ottobre peri prestiti restituibili attraverso la cessione del quinto di pensione o stipendio. La pratica sempre più diffusa consente di ottenere somme di denaro ad un tasso concordato utilizzando una quota fissa, per l’appunto di stipendio o pensione. I nuovi tassi di interesse, quindi, andranno a motivare le prossime operazioni, le prossime dinamiche in investimento, sotto forma di richiesta prestito. La destinazione delle somme richieste, chiaramente ha diverse utilità, le più svariate. L’ultimo trimestre, insomma, in quanto a tassi d’interesse, è servito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *