Tutto quello che hai sempre voluto sapere sull’Analisi Qualitativa (Qualitative Analysis)

Quando parliamo di business e di management, l’analisi qualitativa è un metodo che utilizza il giudizio soggettivo per valutare il valore o le prospettive di un’azienda sulla base di informazioni non quantificabili.

Tra le informazioni non quantificabili che possiamo estrarre tramite l’analisi qualitativa, troviamo la competenza del management, i cicli del settore, la forza della ricerca e dello sviluppo e i rapporti di lavoro.

analisi qualitativa
Adobe Stock

D’altra parte, l’analisi quantitativa, che si concentra sui dati che si possono trovare in relazioni come i bilanci, si differenzia dall’analisi qualitativa. I due metodi, d’altra parte, sono spesso utilizzati insieme per studiare le operazioni di un’azienda e valutare la redditività dell’organizzazione come opportunità di investimento.

La valutazione soggettiva basata su fatti “morbidi” o non quantificabili è l’essenza dell’analisi qualitativa.

Quando si tratta di informazioni difficili da acquisire e misurare, l’analisi qualitativa si occupa di informazioni eteree e imprecise.
Poiché gli intangibili non possono essere caratterizzati da quantità numeriche, l’analisi qualitativa è difficile da realizzare per le macchine.
La comprensione degli individui e delle culture aziendali è essenziale per l’analisi qualitativa. Nell’analisi qualitativa è utile esaminare un’azienda dalla prospettiva di un consumatore e acquisire una conoscenza del vantaggio competitivo che l’organizzazione possiede.

Una definizione di analisi qualitativa è la valutazione delle qualità intangibili di un’organizzazione, come lo stile di gestione e la fedeltà dei dipendenti.

Per una guida completa alla scelta del broker più sicuro e adatto alle proprie esigenze e strategie, oltre ai parametri vitali da valutare nella scelta, corri a leggere il nostro articolo:
Come scegliere il broker per il trading sullo stock market: guida per il 2023

Cos’è l’analisi qualitativa

Il contrasto tra tecniche qualitative e quantitative è paragonabile alla distinzione tra intelligenza umana e intelligenza artificiale. Nell’analisi quantitativa si utilizzano input precisi, tra cui, a titolo esemplificativo, i margini di profitto, i rapporti di indebitamento, i multipli degli utili e altre metriche simili. Il fair value di un’azienda o una proiezione di crescita degli utili sono due esempi del tipo di risultati che si possono ottenere inserendo questi dati in un modello computerizzato e ottenendo una risposta esatta.

Senza dubbio, per il momento, il software che esegue i calcoli su queste cifre deve essere creato e scritto da un individuo umano. Questo processo richiede una notevole quantità di giudizio soggettivo. I computer, d’altra parte, sono in grado di eseguire analisi quantitative in una frazione di secondo dopo essere stati programmati, ma anche gli esseri umani più talentuosi e ben addestrati possono impiegare minuti o ore per fare esattamente la stessa cosa.

Analisi qualitativa vs analisi quantitativa

Rispetto all’analisi quantitativa, l’analisi qualitativa si occupa di questioni intangibili e imprecise, più strettamente associate all’ambito sociale ed esperienziale che a quello matematico. Poiché elementi come le associazioni positive con un marchio, l’affidabilità del management, la felicità dei clienti, il vantaggio competitivo e le trasformazioni culturali sono difficili, se non impossibili, da catturare con input numerici, questa tecnica dipende da un tipo di intelligenza che le macchine (al momento) non possiedono.

L’analisi qualitativa è utilizzata nella ricerca condotta da un numero significativo di scienziati sociali, tra cui spiccano gli antropologi e i sociologi.

Capire le persone attraverso la ricerca qualitativa

È possibile che l’analisi qualitativa sembri praticamente identica all'”ascoltare l’istinto”, e in effetti molti analisti qualitativi sostengono che i sentimenti dell’istinto hanno un posto nel processo. Tuttavia, questo non significa che non sia un metodo che si attiene a standard rigorosi. In effetti, potrebbe richiedere una quantità di tempo e di sforzi molto maggiore rispetto all’analisi quantitativa.

Nella ricerca qualitativa, le persone sono il fattore più importante. Un investitore può iniziare a conoscere il management di un’azienda, compresa la sua storia formativa e professionale. Il livello di esperienza nel settore è uno degli aspetti più importanti da considerare. In senso più generale, hanno una storia di impegno diligente e di decisioni sensate, oppure hanno una maggiore capacità di conoscere le persone giuste o di essere associati ad esse? Inoltre, la loro reputazione è molto importante: i loro colleghi e coetanei li apprezzano? I legami che hanno con i loro partner commerciali sono un altro aspetto da indagare, poiché potrebbero avere un’influenza diretta sui processi.

Cultura dell’organizzazione e ricerca qualitativa

È importante il modo in cui i dipendenti vedono l’azienda e la gestione dell’organizzazione. Sono soddisfatti e motivati o nutrono risentimento nei confronti dei loro superiori? Il tasso di turnover dei dipendenti può essere utilizzato per determinare se i dipendenti sono fedeli o meno ai loro datori di lavoro.

Che cosa rivela dell’organizzazione la cultura del luogo di lavoro? Un’atmosfera stanca e poco ispirata potrebbe indicare che i dipendenti si preoccupano solo di timbrare il cartellino. Un ambiente d’ufficio eccessivamente gerarchico contribuisce allo sviluppo di intrighi e competitività, che a loro volta sottraggono energia produttiva. Una cultura ideale sarebbe quella dinamica, innovativa e che attira i migliori talenti possibili.

Dati di natura qualitativa

Ci sono casi in cui può essere difficile raccogliere dati per l’analisi qualitativa. Gli amministratori delegati delle aziende che fanno parte di Fortune 500 non sono noti per avere conversazioni con gli investitori al dettaglio o per guidarli negli uffici delle loro aziende. Un motivo importante per cui Warren Buffett è in grado di utilizzare con successo l’analisi qualitativa è che le persone sono desiderose di fornirgli l’accesso al loro tempo e alle loro conoscenze. Quando si tratta di comprendere i registri, i piani e le ideologie dei manager, il resto di noi è costretto a passare al setaccio i notiziari e i documenti delle società.

Sia la parte relativa alla discussione e all’analisi del management (MD&A) del documento 10-K di un’azienda, sia le conference call trimestrali sugli utili offrono uno sguardo sulle strategie e sulle abitudini di comunicazione dell’azienda. Una comunicazione chiara e onesta, così come tecniche coerenti, sono utili.In misura minore, le parole d’ordine, l’evasività e il breve termine sono problematici.

È inoltre possibile acquisire dati qualitativi utilizzando una serie di metodi diversi, come la conduzione di interviste, la partecipazione a tavole rotonde, l’etnografia (osservazione dei partecipanti), la ricerca d’archivio o l’analisi dei documenti.È prassi comune studiare attentamente i dati qualitativi e poi codificarli tematicamente per scoprire temi, schemi e tendenze.

Quali sono i metodi di analisi qualitativa

L’unico gruppo più importante del management e del personale per il successo di un’azienda è quello dei clienti, che sono la fonte di reddito dell’azienda. È ironico che un’azienda che dà priorità agli interessi dei clienti rispetto a quelli degli azionisti possa essere un investimento migliore nel lungo periodo.

È una buona idea avere la possibilità di essere un cliente, se è possibile farlo. Supponiamo che stiate pensando di fare un investimento in una compagnia aerea che è riuscita a tenere sotto controllo le spese, ha superato le previsioni di profitto per tre trimestri consecutivi e ha in programma di riacquistare azioni. D’altra parte, quando cercate di utilizzare la compagnia aerea, scoprite che il sito web è pieno di bug, il personale addetto all’assistenza clienti è irritabile, i prezzi aggiuntivi sono esigui e i vostri compagni di viaggio sono ostili.

È importante esercitare cautela prima di effettuare un investimento nella compagnia aerea, poiché la spiacevole esperienza rivela che l’azienda non pone grande attenzione alla soddisfazione dei suoi consumatori. Nell’analisi qualitativa, il modello di business di un’azienda e il vantaggio competitivo che possiede sono componenti altrettanto importanti. Che cosa permette all’azienda di ottenere un vantaggio a lungo termine rispetto ai suoi concorrenti? È in grado di proporre una nuova tecnologia difficile da copiare per i concorrenti o protetta da proprietà intellettuale? Esiste un metodo distintivo che l’azienda utilizza per risolvere un problema dei suoi clienti?

Il suo marchio è riconoscibile in tutto il mondo e in modo positivo? Che tipo di risonanza culturale ha il suo prodotto e ha una qualità nostalgica? Se aspettassimo vent’anni, ci sarebbe ancora una domanda per il vostro prodotto? È possibile che la barriera all’ingresso sia troppo bassa se è possibile immaginare che un’altra impresa entri nel mercato e svolga le stesse funzioni di questa, anche se con prestazioni superiori. Perché un’impresa che non si è ancora affermata sarà quella che costruirà o sconvolgerà il mercato che ha scelto e perché non sarà sostituita da un’altra impresa?

Un esempio di analisi qualitativa nel business

Lo scopo dell’analisi quantitativa è quello di effettuare misurazioni, mentre l’obiettivo dell’analisi qualitativa è quello di ottenere una comprensione dell’argomento. Per quest’ultima sono necessarie una prospettiva globale e una narrazione generale fondata sui fatti. Il contesto è importante

Il contesto è importante. Un esempio di segnale rosso sarebbe un CEO che non ha completato la propria formazione universitaria. Tuttavia, ci sono notevoli eccezioni a questa regola, come Mark Zuckerberg e Steve Jobs. La Silicon Valley è un animale a parte, sia in positivo che in negativo.

Se aveste dato un’occhiata ai dati finanziari di McDonald’s Corporation (MCD) qualche anno fa, non avreste ottenuto alcuna informazione su un’imminente reazione contro il cibo poco costoso e poco salutare.Una tecnica esclusivamente qualitativa, invece, è suscettibile di essere distorta da punti ciechi e pregiudizi personali del ricercatore.Queste inclinazioni possono essere controllate da metriche quantitative, che possono fungere da controllo.

valore intrinseco mercato
Adobe Stock

Per una guida completa alla scelta del broker più sicuro e adatto alle proprie esigenze e strategie, oltre ai parametri vitali da valutare nella scelta, corri a leggere il nostro articolo:
Come scegliere il broker per il trading sullo stock market: guida per il 2023

La differenza tra analisi quantitativa e qualitativa

Una descrizione completa e una comprensione approfondita dell’argomento in esame sono componenti essenziali dell’analisi qualitativa. Questi elementi possono essere raccolti attraverso interviste approfondite, osservazioni e/o letture attente del testo. Gli studi di caso sono spesso il fulcro di questo tipo di analisi, che può essere intrapresa per comprendere gli eventi locali.

L’analisi quantitativa, invece, si basa su analisi statistiche di dati numerici raccolti tramite sondaggi, esperimenti o registri amministrativi. Da questi dati si possono trarre inferenze e indagare le correlazioni tra le variabili, per comprendere meglio fenomeni più generalizzati.

Quali sono le fasi dell’analisi qualitativa

Sebbene i processi specifici possano differire l’uno dall’altro, la maggior parte dei ricercatori e degli analisti che si dedicano all’analisi qualitativa si atterranno alle seguenti fasi:

  • Stabilire le proprie aspirazioni e i propri obiettivi.
  • Raccolta o acquisizione di dati qualitativi
  • I dati devono essere analizzati per fornire i primi codici tematici.
  • Determinare eventuali temi o schemi ricorrenti nella codifica.
  • I codici devono essere rivisti e modificati in base al primo studio.
  • Mettere per iscritto i risultati.

Nell’analisi qualitativa, quali sono le categorie di metodi utilizzati

Per quanto riguarda i metodi e le procedure di ricerca, la ricerca qualitativa prevede un’ampia varietà di approcci. Di seguito sono elencati alcuni dei più comuni:

  • Le interviste
  • L’etnografia partecipativa (nota anche come etnografia)
  • L’esame di narrazioni o discorsi
  • Discussioni di gruppo
  • Esame di documenti e archivi

Domande Frequenti

Quali sono gli esempi di dati qualitativi?

Esiste un’ampia varietà di tipi di dati qualitativi. Tra le varietà più comuni vi sono le trascrizioni prodotte da interviste individuali, le risposte a testo libero nei sondaggi, le narrazioni, le citazioni, i documenti di testo, le fotografie o le osservazioni annotate in un quaderno o in un diario di ricerca.

In quali contesti viene utilizzata l’analisi qualitativa?

L’uso dell’analisi qualitativa è applicabile a un’ampia varietà di argomenti di studio e di ambienti pratici. È più utile se si è interessati a studiare il comportamento umano dalla prospettiva di un informatore o di un partecipante, al fine di ottenere una comprensione più profonda di ciò che accade nell’ambiente sociale di cui si fa parte.