Bonus di 1400 euro da spendere al supermercato: verità o fake news? Facciamo un po’ di chiarezza

Nelle ultime settimane si è discusso molto riguardo il bonus di Natale che permetterebbe di avere 1400 euro da spendere al supermercato. Si tratta di verità o di fake news? Facciamo un po’ di chiarezza in merito alla questione.

bonus spesa

Il bonus spesa è un’agevolazione che alcuni Comuni italiani mettono a disposizione delle famiglie più bisognose. In alcune città, però, questo bonus così utile è stato raddoppiato in occasione del Natale: questa decisione permetterà a molte famiglie di affrontare le festività con maggiore serenità senza che manchi nulla in tavola.

Infatti, per il mese di dicembre 2021 il bonus spesa può arrivare fino a 1400 euro: questa notizia sarà vera? Facciamo un po’ di chiarezza in merito così da aiutare le famiglie in difficoltà ad ottenere questi voucher.

Bonus di 1400 euro per la spesa al supermercato: tutte le informazioni utili per le famiglie

Il bonus di 1400 euro per la spesa alimentare al supermercato è un’agevolazione concessa in tutto il territorio italiano, ma ci sono dei dettagli in merito da specificare. Tale bonus, prevede infatti una importo massimo di 1400. Infatti, la cifra in questione non è disponibile in tutti i Comuni italiani: solo alcuni hanno ampliato il valore per il mese di dicembre. Altri, invece, l’hanno lasciato integro.

Inoltre, in questo momento non è accessibile in tutto il territorio: alcuni Comuni italiani presentano un bando ancora attivo e, dunque, anche la possibilità di richiederlo; in altri, invece, il bando è già scaduto. In altri ancora, infine, il bando è ancora attivo ma non si può fare domanda a causa dell’esaurimento dei fondi previsti.

Come richiederlo? Ecco le modalità previste

Constatato che, con le dovute specificazioni, il bonus di 1400 euro da spendere al supermercato non è una fake news, è bene specificare come richiederlo. L’accesso ai voucher previsti da questa agevolazione è subordinato al valore del reddito ISEE: la misura è pensata per le famiglie in difficoltà, quindi per le fasce reddituali più basse.

Una volta verificato il possesso di questi requisiti, si potrà procedere con l’inoltro vero e proprio della richiesta: questa procedura potrà essere tranquillamente svolta presso gli uffici comunali del proprio Comune di residenza. In questo caso, è bene ricordare che bisogna affrettarsi nella richiesta prima che i fondi vadano rapidamente esauriti.

Infine, avranno la priorità per tale beneficio solo coloro che non ricevono altri sussidi o agevolazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *