Bonus per chi compra un’auto: gli incentivi sono sempre più vicini

Manca davvero poco alla attivazione del bonus per chi compra un’auto. Di fatto, ci vogliono ancora due passaggi per l’attivazione dell’incentivo.

Il Governo ha stanziato fondi che verranno erogati sotto forma di bonus rivolto a chi compra un’auto ibrida o a bassa emissione. L’incentivo sarà erogato in favore dei cittadini che acquisto un’auto e moto con particolari caratteristiche tecniche.

Bonus per chi compra un'auto

Il “decreto Automotive” è stato emanato dal Ministro dello Sviluppo Economico Giancarlo Giorgetti ed è stato già registrato dalla Corte dei Conti. Mancano ancora due passaggi per l’attivazione del bonus: la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale e l’aggiornamento della piattaforma web.

Dunque, nel corso delle prossime settimane potrebbe arrivare quest’importante novità tramite la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale. I fondi stanziati ammontano ad un valore di 650 milioni di euro per il triennio 2022/24.

Le risorse complessive messe a disposizione sono 2 miliardi di euro.

Bonus per chi compra un’auto: cosa prevede l’incentivo

La transazione ecologica è in atto, per questo motivo il Governo, nella persona del Ministro Giancarlo Giorgetti, ha stanziato 2 miliardi di euro, erogati in 3 anni, in favore di chi acquista auto elettriche.

Si tratta di un incentivo che intende favorire l’utilizzo di auto ibride o elettriche con un prezzo fino a €35.000 più IVA.

I cittadini avranno la possibilità di chiedere un contributo di €3.000. A tale somma, sarà possibile aggiungere altri €2.000, in caso di rottamazione di un’auto omologata in una classe inferiore a Euro 5.

I finanziamenti stanziati per questa categoria di Ecobonus sono circa 220 milioni nel 2022, 230 milioni di euro nel 2023 e 245 milioni di euro nel 2024.

In sostanza, le risorse economiche verranno erogate in tre tranche nell’ambito del triennio che va dal 2022 al 2024.

Cosa cambia per i veicoli ibridi plug-in

I fondi stanziati dal Governo, per facilitare la transazione ecologica e favorire l‘acquisto di macchine ibride o elettriche, riguarderà anche i veicoli ibridi plug-in. In questo caso il prezzo di acquisto deve essere inferiore a €45.000 più IVA.

I cittadini avranno la possibilità di accedere ad un contributo di €2.000, ai quali andranno sommati ulteriori €2.000 in caso di rottamazione di un’auto inferiore alla classe euro 5.

Per quanto, invece, riguarda le auto endotermiche, ovvero quelle definite a basse emissioni, i requisiti per accedere all’incentivo prevedono che il valore della vettura non superi i 35.000 più IVA.

In questo caso, il cittadino avrà la possibilità di accedere ad un contributo pari a €2.000. Tuttavia, per beneficiare delle suddette risorse economiche è necessario che l’acquisto della vettura endotermica avvenga contestualmente alla rottamazione di un’auto omologata in una classe inferiore a Euro 5.

Chi può accedere al bonus

Per accedere al bonus Automotive, che sarà disponibile tra poche settimane, è necessario acquistare veicoli elettrici, ibridi, plugin e endotermici. L’incentivo è concesso solo ed esclusivamente alle persone fisiche, pertanto non è possibile accedervi per le personalità giuridiche.

Una piccola parte delle risorse stanziate saranno riservate alle società del carsharing. Anche in questo caso, lo scopo è quello di incentivare le ad acquistare veicoli elettrici, ibridi o plugin.

Inoltre, il decreto prevede contributi rivolti anche alle piccole e medie imprese per l’acquisto di veicoli commerciali nuovi elettrici. Anche in tal caso, per poter beneficiare degli incentivi occorre che all’acquisto di un veicolo elettrico corrisponda la rottamazione di uno omologato in una classe inferiore a Euro 4.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *