Canone Rai, 4 giorni per non pagarlo mai più: come fare

La possibilità di evitare il pagamento del canone Rai, flagello degli italiani, secondo molti sempre più ingiusto ed inutile.

soldi 1

Un risparmio non da poco potrebbe arrivare per tutti gli italiani entro il 20 agosto. In quella data potrebbero essere decisi coloro che saranno esonerati dal pagamento del canone Rai. Parliamo di una tassa secondo molti ingiusta, secondo altri inutile, non perfettamente in linea con quello che è di fatto il servizio ricevuto. Una delle tasse più odiata in generale, da qualche anno associata alla bolletta dell’energia elettrica e quindi resa obbligatoria. Ma per alcuni potrebbe arrivare il momento di non pagare più.

Al momento, come si diceva la tassa ammonta a circa 90 euro, suddivisa in 1o rata da 9 euro l’una spalmate all’interno delle varie bollette dell’energia elettrica. Nel caso inoltre di bollette con cadenza bimestrale il pagamento risulterà diviso in 5 rate da 18 euro ciascuna. Di seguito andremo a capire come ottenere l’esonero dal pagamento del canone e della scadenza dei termini per presentare domanda di esenzione, inizialmente prevista per il 31 luglio, poi spostata al 20 agosto.

Canone Rai: quali sono i requisiti necessari all’esonero

Il fisco, chiede determinati requisiti per consentire ai cittadini di essere esonerati dal pagamento del canone, riportiamo di seguito quanto necessario per fare domanda di esenzione:

  • 75 anni di età compiuti entro e non oltre il 31 luglio,
  • Reddito annuo inferiore a 8mila euro
  • Non essere conviventi con soggetti titolari di un reddito proprio, ad eccezioni di colf, badanti o collaboratori domestici,
  • Avere un’apparecchio televisivo all’interno dell’abitazione dove è residente il richiedente.

In questo caso si potrà avere la possibilità di pagare metà tassa. A questo punto, bisognerà compilare un modulo anagrafico fornito dall’Agenzia delle Entrate per confermare il tutto.

LEGGI ANCHE >>> Bollo auto: ottime notizie per gli automobilisti: soldi indietro e annullamento

Parliamo, come detto, di una delle tasse meno sopportate dagli italiani, e prima dell’accorpamento con la bolletta dell’energia elettrica anche forse meno rispettate, in quanto a pagamenti. Oggi, per qualcuno, qualcosa potrebbe cambiare. Una novità di certo interessante per molti, una novità che potrebbe spalancare una nuova prospettiva per milioni di italiani. Non resta che documentarsi ed eventualmente richiedere l’esenzione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *