Chi sono i market maker sui mercati finanziari e perchè devi conoscerli

I market maker sono persone o società che quotano attivamente i mercati a due facce di uno specifico titolo, fornendo offerte e proposte (note anche come richieste) insieme alla dimensione di mercato di ciascuna di esse.

Il nome “market maker” si riferisce a questo tipo di operatore di mercato. La differenza tra il prezzo di domanda e quello di offerta è ciò su cui i market maker guadagnano, oltre a fornire liquidità e profondità ai mercati. Essi sono anche in grado di effettuare operazioni di principio, ossia operazioni condotte per conto personale.

market maker
Adobe Stock

Un singolo partecipante o un’azienda membro di una borsa che si impegna attivamente nell’acquisto e nella vendita di titoli per conto proprio viene definito market maker.

Oltre a fornire liquidità e profondità al mercato, i market maker guadagnano anche dalla differenza tra i prezzi di domanda e di offerta. Le forme più diffuse di market maker sono le società di intermediazione, che forniscono agli investitori strumenti per acquistare e vendere titoli. Con la possibilità che il valore di un titolo diminuisca tra il momento in cui viene acquistato e quello in cui viene venduto a un altro acquirente, i market maker vengono ricompensati per il rischio di conservare le attività. È responsabilità degli specialisti pubblicare le offerte e le richieste e garantire che siano riportate in modo appropriato, mentre i broker competono tra loro.

Market maker: i broker del potere di mercato

La maggior parte dei market maker sono spesso società di brokeraggio che offrono servizi di trading agli investitori nel tentativo di mantenere la liquidità dei mercati finanziari. Inoltre, un market maker può essere un singolo trader, più generalmente definito “operatore locale”. A causa delle dimensioni dei titoli che devono consentire il numero di acquisti e vendite, la grande maggioranza dei market maker lavora per conto di grandi istituzioni.

Per una certa quantità di azioni, ogni market maker presenta quotazioni di acquisto e di vendita per le singole azioni. Subito dopo aver ricevuto un ordine da un acquirente, il market maker vende rapidamente la propria posizione di azioni dal proprio inventario. In questo modo sono in grado di concludere l’ordine.

Il lavoro del market maker nella pratica

Un market maker deve impegnarsi a quotare continuamente i prezzi ai quali acquisterà (o offrirà) e venderà (o chiederà) i titoli. Inoltre, i market maker sono tenuti a fornire informazioni sulla quantità di scambi che sono pronti a effettuare, nonché sulla regolarità con cui forniranno quotazioni ai migliori prezzi di acquisto e di vendita.

È indispensabile che i partecipanti al mercato si attengano a queste linee guida in ogni momento e in tutte le prospettive di mercato. È indispensabile che i market maker mantengano la loro disciplina di fronte a condizioni di mercato irregolari o volatili, al fine di continuare a facilitare efficacemente le transazioni senza soluzione di continuità.

Indicare il desiderio di acquistare e vendere i titoli di un certo gruppo di società a società di broker-dealer che sono membri di quella borsa è l’atto di fare un mercato.

Come trae profitto un market maker

Poiché questi operatori possono subire una diminuzione del valore di un titolo dopo che questo è stato acquistato da un venditore e prima che venga venduto a un acquirente, essi vengono ricompensati per il rischio di conservare le attività.

Per questo motivo, è prassi normale che addebitino lo spread specificato in precedenza su ogni titolo che coprono. Nel caso in cui un investitore utilizzi un’attività di brokeraggio su Internet per cercare un’azione, ad esempio, l’investitore può imbattersi in un prezzo di offerta di 100 dollari e in un prezzo di domanda di 100,05 dollari. Ciò indica che il broker offre le azioni ai potenziali acquirenti per 100,05 dollari. Il broker ha prima acquistato l’attività a 100 dollari. Un piccolissimo spread può portare a guadagni giornalieri significativi se combinato con un elevato volume di trading.

È necessario che i market maker svolgano la loro attività in conformità con le regole di una particolare borsa, che sono sancite dall’autorità di regolamentazione dei titoli di una nazione, come la Securities and Exchange Commission (SEC).

Le diverse borse e i diversi tipi di strumenti finanziari, come le opzioni e le azioni, hanno ciascuno una propria serie di diritti e obblighi che questi operatori sono tenuti a rispettare.

rapporto prezzo utili
Adobe Stock

Quali sono le differenze tra Market Makers e Designated Market Makers (DMM)

Alcune borse valori si avvalgono di un sistema di market maker, che competono tra loro per determinare la migliore offerta e il miglior prezzo al fine di assicurarsi gli ordini in arrivo. D’altra parte, diverse organizzazioni, come il New York Stock Exchange (NYSE), utilizzano un sistema che viene altrimenti definito “market maker designato” (Designed Market Maker, DMM).

Precedentemente noti come sistemi specializzati, i DMM sono fondamentalmente market makr solitari che hanno il monopolio sul flusso di ordini di un determinato asset o titolo.Hanno la capacità di prendere decisioni da soli. Gli investitori si impegnano in un processo competitivo di inoltro di offerte e richieste sul New York Stock Exchange (NYSE), che è un mercato ad asta.

Il funzionamento è il seguente: L’esperto pubblica le offerte, chiede che siano rese disponibili a tutto il mercato e si assicura che siano presentate in modo accurato e tempestivo. Inoltre, si assicura che il prezzo migliore sia costantemente mantenuto, che tutte le operazioni negoziabili siano eseguite e che sia mantenuto l’ordine sul pavimento.

Inoltre, l’esperto è responsabile della determinazione del prezzo di partenza del titolo ogni mattina. Questo prezzo può essere diverso dal prezzo di chiusura del giorno precedente a causa di notizie ed eventi successivi. L’esperto analizza il mercato e decide il prezzo appropriato tenendo conto della domanda e dell’offerta.

Chi sono gli operatori di mercato

La fornitura di servizi di trading agli investitori che partecipano al mercato dei titoli è responsabilità dei market maker, come già detto. Le loro azioni generano e aumentano la quantità di liquidità presente sui mercati. Nel mercato globale, questi soggetti sono presenti in tutto il mondo.In molte regioni del mondo, abbiamo evidenziato alcuni dei più popolari che vengono comunemente utilizzati.

NYSE e Nasdaq

Il Nasdaq e il New York Stock Exchange sono le due borse valori più importanti degli Stati Uniti. Entrambe hanno sede nella città di New York.

Un “detentore di ETP o un’azienda che si è registrata” per negoziare titoli con la borsa è considerato un lead market maker, come dichiarato dal New York Stock Exchange (NYSE).

Al Nasdaq, un market maker è considerato una “società membro che acquista e vende titoli ai prezzi che visualizza nel NASDAQ per conto proprio (operazioni principali) e per conto dei clienti (operazioni di agenzia)”.

A New York hanno sede numerosi market makr di spicco, tra cui i seguenti:

  • Credit Suisse.
  • Bank Deutscher AG
  • G. Sachs & CompanyKG Americas Corp.Ci sono sei Timber Hills.Esiste una Borsa di Francoforte (FRA).In Germania ci sono sette borse diverse, e una di queste è la Borsa di Francoforte (FRA).Inoltre, è la più grande del paese. I market maker sono definiti sponsor designati dalla borsa, che è gestita da
  • Deutsche Borse AG.

Di seguito sono elencati alcuni nomi di market maker che partecipano a Xetra, la piattaforma di trading elettronico ospitata dal gruppo di borsa:

  • JPMorgan Chase & Co.
  • UBS Europe 9 nel programma Morgan Stanley Optiver

Il gruppo della Borsa di Londra

Esiste un gruppo borsistico tra i più grandi d’Europa, con sede a Londra. Una delle società che compongono il London Stock Exchange Group è la London Stock Exchange (LSE). Inoltre, la famiglia di indici FTSE Russell e i servizi di compensazione istituiti dall’azienda sono inclusi in questo gruppo.
dieci

Per quanto riguarda la sua regione del mondo, i market maker più importanti sono i seguenti:

  • Luxembourg Capital BNP Paribas GMP Securities Europe Liberium Capital
  • Standard Chartered 11 filiale di Mediobanca

Gruppo della Borsa di Tokyo

Il 2013 è stato l’anno in cui il Tokyo Exchange Group ha fuso con successo la Borsa di Tokyo e l’Osaka Securities Exchange in un’unica entità. Inoltre, l’organizzazione offre “agli utenti del mercato sedi affidabili per la negoziazione di titoli quotati e strumenti derivati”. Questo in aggiunta alle infrastrutture e ai dati che fornisce.

Sulla base delle informazioni fornite da JPX, i nomi più importanti tra i market maker sono i seguenti:

  • Autorizzazione da ABN AMRO
  • Oltre che da Nomura Securities, Nissan Securities
  • Phillip Securities e Societe Generale Securities 13
  • (TSX) indica la Borsa di Toronto.
  • Essendo la sede del più importante mercato azionario del Paese, Toronto è spesso considerata il centro finanziario del Canada. Il TMX Group è il proprietario della Borsa di Toronto (TSX), che è la più grande borsa del Paese.

Le seguenti società sono incluse nell’elenco dei market maker gestito dalla Borsa di Toronto:

  • BMO Nesbitt licenzia Questrade, una società di soluzioni patrimoniali integrali
  • Il numero 14 di Scotia Capital TD Securities

Semplificare l’acquisto e la vendita di titoli da parte di investitori e operatori è uno dei modi in cui il market making contribuisce a garantire un funzionamento più efficiente dei mercati finanziari. Se il market making non esiste, è possibile che le transazioni siano inadeguate e che l’attività di investimento diminuisca.

Come opera un market maker

Per illustrare come opera un market maker, ecco uno scenario ipotetico. Nel caso del titolo XYZ, supponiamo che esista un market maker. Potrebbe offrire una quotazione che va da $10,00 a $10,05 o 100 volte 500. In altre parole, piazza un’offerta che va da $10,00 a $10,05. In altre parole, l’offerta (l’acquisto) è di dieci dollari per cento azioni. Come se non bastasse, venderanno anche 500 azioni al prezzo di 10,05 dollari. Inoltre, gli altri operatori di mercato hanno la possibilità di acquistare (revocare l’offerta) dal MM al prezzo di 10,05 dollari o di vendergliele al prezzo di 10,00 dollari.

In che veste operano i market maker e chi sono?

Quando si parla di mercato dei titoli, un market maker è una persona che partecipa al mercato offrendo servizi di trading agli investitori e aumentando la liquidità del mercato. Essi fanno offerte e rilanci per un determinato titolo, oltre a fornire informazioni sulle dimensioni del mercato per quell’attività. Nella maggior parte dei casi, i market maker sono impiegati da grandi società di intermediazione che guadagnano sulla differenza tra lo spread di domanda e di offerta.

Come si muovono i market maker?

All’interno delle borse valori, ci sono diversi market maker che operano e competono tra loro per accaparrarsi gli investitori stabilendo le offerte di acquisto e vendita più competitive.In alcune circostanze, le borse come il New York Stock Exchange (NYSE) possono utilizzare un sistema di specialisti.

In questo sistema, uno specialista funge da market maker unico, generando tutte le offerte e le richieste visibili al mercato. Esiste una procedura specializzata che viene eseguita per garantire che tutte le operazioni negoziabili vengano effettuate in modo tempestivo a un prezzo equo.

I market maker fanno buoni affari?

I market maker generano un profitto sfruttando lo spread esistente tra il prezzo di domanda e il prezzo di offerta di un titolo. Poiché i market maker sono responsabili della copertura di un determinato titolo, che può subire un calo di prezzo, vengono ricompensati per il rischio che si assumono detenendo gli asset.

Prendiamo ad esempio un potenziale investitore che scopre che il prezzo attuale delle azioni Apple è di 50 dollari, ma il prezzo di offerta attuale è di 50,10 dollari per azione. Ciò indica che il market maker ha acquistato le azioni Apple (AAPL) a un prezzo di 50 dollari e ora le sta vendendo a un prezzo di 50,10 dollari, con un profitto di 0,10 dollari per l’organizzatore del mercato.

Conclusioni

Quando si tratta di far funzionare le cose senza intoppi, il mercato è composto da un’ampia varietà di attività diverse. In questa categoria rientrano entità aziendali, borse valori, operatori e investitori e market maker.

Ciascuna di esse svolge una serie di funzioni: Diverse aziende mettono in vendita le loro azioni sul mercato. Queste transazioni avvengono nelle borse e i trader e gli investitori si trovano a un’estremità dello spettro dei potenziali partecipanti a queste borse. I market maker, invece, svolgono una funzione molto importante in tutto questo. Oltre a fornire offerte e rilanci, queste organizzazioni immettono liquidità nei mercati, cosa di cui c’è un disperato bisogno.

 

*NB: Le riflessioni e le analisi condivise sono da intendere ad esclusivo scopo divulgativo. Quanto esposto non vuole quindi essere un consiglio finanziario o di investimento e non va interpretato come tale. Ricorda sempre che le scelte riguardo i propri capitali di rischio devono essere frutto di ricerche e analisi personali. L’invito è pertanto quello di fare sempre le proprie ricerche in autonomia.