Hai 10mila euro da investire? Le opportunità da non lasciarsi scappare questo mese

Investire una parte del proprio capitale con un portafoglio dedicato ai settori innovativi, in grado di performare da gennaio 2022, significa accettare di esporsi al rischio della volatilità ma anche al suo risvolto positivo.

Investimenti investire

Un modo per ridurre al minimo il rischio e produrre ricchezza è quello di distribuire i tuoi investimenti su una varietà di classi di attività e settori.

La storia del mercato dei capitali ha mostrato come i rendimenti ottenuti sono sempre relativi al rischio a cui l’investitore accetta di esporre il suo investimento. Sono diverse oggi le attività economiche in grado di sfruttare la convergenza di tendenze capaci di portare le possibilità a nostro favore.

Il miglior modo per progettare un investimento è misurare il rischio ragionando in un contesto di portafoglio. In un orizzonte temporale ristretto al consolidamento di un settore altamente innovativo, è consigliabile investire un capitale minimo che evita l’esposizione del patrimonio complessivo alle sue variazioni. Per rimanere investiti è necessario investire soltanto quanto si è disposti a perdere in maniera coerente alla propria tolleranza al rischio.

Investire con un capitale minimo a partire dal 2022: come costruire il portafoglio

30% AI – Intelligenza artificiale

Un sistema di intelligenza artificiale utilizza la potenza di calcolo dei computer al fine di replicare la capacità umana di apprendere e generare predizioni. Per fare questo è tuttavia necessaria una grande quantità di informazioni che garantisca un’esecuzione il più vicino possibile alla realtà con la quale deve interfacciarsi.

Oggi le realtà su cui questa tecnologia può venire applicata è sempre più vicina agli oggetti di uso quotidiano. Questi aumentano la loro capacità interattiva e diventano sempre più smart, dal cellulare allo smartphone, dalle automobili tradizionali a quelle a guida autonoma, alle applicazioni digitali, in grado adattare le loro funzioni sulla base delle preferenze del consumatore. Già oggi molti siti web utilizzano l’intelligenza artificiale per migliorare il proprio funzionamento, ma le applicazioni più importanti avranno un impatto simile a quello che il motore a vapore o l’elettricità, hanno avuto sulla società nel secolo scorso.

Ci sono molte aziende che hanno interessi diretti nel comparto dell’intelligenza artificiale. Per mantenere una parte del portafoglio allocata su un asset del comparto riducendo al massimo la volatilità è possibile mettere in cima alla lista Alphabet, la holding che possiede anche Google quotata sul NASDAQ.

Tutte le applicazioni di Google sono in grado di fornire più di ogni altra azienda dati aggregati in grado di supportare il funzionamento dell’intelligenza artificiale. I suoi sviluppi potranno riguardare nell’immediato futuro la gestione del traffico di auto a guida assistita o automatica, nonché sistemi in grado di interagire direttamente con l’uomo. Tra questi è noto DeepMind l’azienda di intelligenza artificiale controllata da Alphabet.

DeepMind è formata da ricercatori, architetti e specialisti impegnati a utilizzare l’innovazione per interagire con il mondo del lavoro. Nello specifico questa branca di Alphabet elabora soluzioni basate sulle reti neurali e il machine learning per supportare le decisioni, comprendendo come attuare previsioni attendibili sul futuro.

18% Pagamenti digitali

Il denaro fisico perde gradualmente la sua utilità d’uso, venendo sostituito sempre più da mezzi e metodi di pagamento che utilizzano servizi digitali facendo a meno anche delle banche.

Con la prosecuzione della tendenza in atto, i flussi di cassa per gli istituti di credito sono destinati a diminuire, considerando nel suo complesso lo sviluppo degli asset intangibili e i servizi in grado di supportarli. Questi rendono semplice e immediate le transizioni con la comodità di accedere dal proprio smartphone al proprio portafoglio digitale.

Oltre questi vantaggi le aziende impegnate nel settore dei pagamenti digitali permettono oggi di pagare qualsiasi bene prezzato in un’altra valuta attraverso conversioni istantanee. Questa tendenza accresce le aspettative su aziende come PayPal, quotata sul Nasdaq, è oggi leader nei servizi di deposito e nei pagamenti online con più di 325 milioni di account attivi. PayPal è diventato il mezzo per milioni di persone, di acquistare e accedere in sicurezza a prodotti e servizi online, divenendo quell’intermediario eccezionale che può beneficiare della crescita sia del settore e-commerce sia di quello tecnologico.

Le prospettive a lungo termine per l’azienda rimangono alte visto che il suo sistema è tra i più ampiamente utilizzati a livello globale. PayPal inoltre può oggi venire utilizzata anche per i pagamenti nei negozi fisici, grazie ad applicazioni come Venmo, che ha ad oggi più di 60 milioni di utenti. Nel futuro della finanza quindi non solo le criptovalute, le valute digitali come l’Euro digitale sostituiranno in modo graduale ma inesorabile i contanti e le transazioni, a tutto beneficio di aziende come questa.

7% Genomica

Anche il campo medico è particolare quello della genomica sta cambiando insieme all’evoluzione della tecnologia che la supporta. La capacità di svelare i segreti del DNA sta cambiando l’assistenza sanitaria. Le malattie possono essere diagnosticate in modo più accurato e rapido. Sono in fase di sviluppo terapie che sfruttano il potenziale della genomica per trattare e persino curare le malattie. Questa branca che studia la caratterizzazione molecolare e l’espressione di interi genomi di vari organismi, è in grado di condurre alla creazione di terapie genetiche con un altissimo potenziale economico.

Tra le aziende in grado di emergere in questo settore ci sono Vertex Pharmaceuticals. La società attraverso i suoi investimenti nella ricerca sta sviluppando terapie esclusive nella cura di malattie come la fibrosi cistica. L’azienda prevede di avere ottenere i permessi entro il 2022 per una terapia su base genetica che cura efficacemente alcune malattie del sangue, nonché farmaci per malattie genetiche renali e il diabete di tipo 1. Gli investimenti in questo settore sono per i non addetti ai lavori una scommessa in grado di ripagarli o finire infruttuosi, ed è bene dedicarvi solo una piccola parte del proprio capitale.

30% Settore IT

Molte aziende del settore IT stanno alimentando la rivoluzione digitale, fungendo da catalizzatore globale per le più grandi ambizioni in ambito tecnologico. Dal metaverso all’internet of things, all’intelligenza artificiale, il settore promette ampi margini di crescita. Tra le aziende sicuramente in grado di cogliere pienamente la tendenza c’è Nvidia, in prima linea sia nella vendita di componenti hardware che di progetti incentrati sul metaverso.

Nvidia tramite la sua piattaforma Omniverse fornisce strumenti software di cui le aziende hanno bisogno per sostenere le proprie piattaforme virtuali. L’azienda unisce la sua esperienza nel settore hardware con quella dell’intelligenza artificiale e dei software di simulazione grafica per andare incontro alle necessità dei futuri creatori di contenuti per questi mondi virtuali.

A partire da gennaio la più grande opportunità per Nvidia sarà quella di fornire i chip grafici necessari per alimentare le performance dei sistemi di interazione e di gioco di questi mondi virtuali. Nvidia è una realtà consolidata e punto di riferimento nei sistemi hardware come le schede grafiche necessarie per sostenere processi in grado di diventare sempre più complessi con l’aumento degli utenti e delle loro interazioni.

LEGGI ANCHE>>Settore IT e Cybersicurezza ecco tre aziende su cui puntare nel 2022

15% Azioni del comparto aerospaziale

La sovrappopolazione, l’esaurimento delle risorse sulla terra e il cambiamento climatico sono i tre elementi principali in grado di alimentare la nuova corsa allo spazio. A questo si aggiungono il settore del turismo spaziale e la concorrenza tra le aziende. L’umanità è oggi arrivata ad un punto critico per la stabilità del suo sistema produttivo. Per questo non è lontana la possibilità di sfruttare lo spazio per rendere più vivibile il sistema terrestre.

I progressi nella tecnologia di propulsione, nanotecnologia e intelligenza artificiale hanno dato agli esseri umani la capacità, anche economica, di tornare nello spazio in modo autonomo. Le società private hanno liberato le missioni spaziali dalla dipendenza dei progetti delle agenzie spaziali nazionali. Queste stanno venendo sostituite da aziende come SpaceX, che ricevono oggi gli appalti per le missioni della NASA.

Dato lo sviluppo del settore e la crescita dell’efficienza, entro il 2030, molti esperti ritengono che trasportare persone e oggetti da e verso lo spazio sarà conveniente e come oggi lo sono i viaggi arei. Tra i mercati correlati in grado di sfruttare la crescita della tendenza ci sono quello delle immagini satellitari e del monitoraggio satellitare.

Maxar Technologies: un azienda che può beneficiare dell’avanzamento tecnologico di veicoli e oggetti

Tra le aziende che prospettano un importante margine di crescita c’è Maxar Technologies. L’azienda operativa nel campo delle immagini satellitari può accrescere il suo giro d’affari qual ora la base di satelliti con cui opera saranno in grado di prestare i suoi servizi ad altri settori. Tra questi, ad esempio la guida autonoma, dispositivi IoT e i veicoli elettrici bisognosi di dati aggiornati in tempo reale. Oltre a questo, il crescente numero e la maggiore disponibilità di viaggi spaziali può favorire l’espansione di Maxar Technologies, in grado di fornire importanti dati sul territorio. Già oggi la società offre informazioni geospaziali, applicazioni e servizi analitici. Serve gli Stati Uniti e altre agenzie governative internazionali di difesa e intelligence, nonché clienti commerciali in vari mercati.

Maxar Technologies Inc. fornisce soluzioni e servizi tramite le sue infrastrutture spaziali. L’azienda opera a livello internazionale oltre che negli Stati Uniti, Asia, Sud America, Europa, Medio Oriente, Australia e Canada. L’azienda ha buone prospettive anche nel settore delle telecomunicazioni. Queste utilizzeranno sempre più i satelliti per diffondere Internet a banda larga nel mondo. Maxar Technologies fornisce infine piattaforme per l’esplorazione spaziale e strumenti di hosting per le scienze della terra. L’azienda è quindi attiva anche nel campo della robotica nonché nell’alimentazione e nella propulsione di sistemi satellitari.

Investire in virgin Galactic: viaggi turistici suborbitali e aerei commerciali supersonici

La correlazione attuale nel comparto è decisa anche dall’andamento societario delle maggiori realtà nel trasporto di persone e merci. Tra queste Virgin Galactic i cui progressi influiranno sulla credibilità e sulle prospettive del settore del turismo e dei viaggi spaziali.

Virgin Galactic rappresenta il primo nome nel settore per i voli spaziali commerciali con investitori del calibro di Boeing. Oltre all’orbita terrestre e allo spazio, infatti, il potenziale della tecnologia di questa società permetterebbe anche viaggi intercontinentali supersonici. Nell’agosto 2020, Virgin Galactic ha firmato un memorandum d’intesa con Rolls-Royce, collaborando alla progettazione e allo sviluppo della tecnologia di propulsione di un motore Mach 3 per velivoli commerciali. Il 2022 dovrebbe aprire al pubblico i servizi della società tra le più innovative e pioneristiche nel settore spaziale.

LEGGI ANCHE>>Bezos, Branson e Musk: ecco i pionieri dell’economia extraterreste

Investire nel settore tecnologico italiano e internazionale con Leonardo

L’ultimo nome tra le aziende che prospettano un ampio margine di crescita nel comparto dell’industria spaziale è Leonardo. Impegnato nella costruzione di sistemi di difesa ma anche in progetti e collaborazioni con autorità internazionali quali ESA e NASA è il nome più illustre nel nostro paese in questo settore.

Leonardo è una delle punte di diamante dell’industria italiana ad altissimo contenuto tecnologico. Il principale azionista di Leonardo Spa è il MEF, Ministero dell’Economia e delle Finanze, che detiene una quota corrispondente al 30,2 per cento. Gli altri azionisti sono poi rappresentati per il 48,8 per cento da investitori istituzionali, per il 17,5 per cento da investitori individuali. Per questo Leonardo ha una grande capacità di produrre soluzioni e avviare collaborazioni con il governo italiano o alleati europei e internazionali. Questi sono finalizzati a diversi obbiettivi che vanno dall’esplorazione spaziale, al rilevamento atmosferico fino all’intelligence.

Le informazioni presenti in questo articolo non sono da intendersi come un invito all’investimento né alla speculazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *