McGinley Dynamic Indicator: la guida completa per il 2024

Un esempio di media mobile è l’indicatore McGinley Dynamic, sviluppato con l’intento di tracciare il mercato in modo più accurato rispetto agli altri indicatori di media mobile già in uso e aver accesso a dati difficilmente recuperabili in altro modo per implementarle in una strategia di trading.

Si tratta di un indicatore tecnico che rappresenta un miglioramento delle linee di media mobile perché tiene conto dei cambiamenti nell’accelerazione del mercato.John R. McGinley, un tecnico di mercato, è colui che ha avuto l’idea dell’indicatore che porta il suo nome.

McGinley Dynamic indicator trading
Adobe Stock

L’indicatore McGinley Dynamic è un indicatore di medie mobili più elaborato e preciso, sviluppato con l’intento di tracciare il mercato in modo più accurato rispetto agli altri indicatori di media mobile già in uso. Il problema della fluttuazione della velocità del mercato è affrontato da questo indicatore, che incorpora un fattore di aggiustamento automatico nel suo algoritmo.

Questo componente fa sì che l’indicatore acceleri (o rallenti) nei mercati che sono in trend o in ranging simultaneo.
Rispetto alle medie mobili tradizionali, l’indicatore McGinley Dynamic è superiore in quanto riduce il numero di separazioni dei prezzi e le violente oscillazioni, contribuendo così a una rappresentazione più accurata dell’attività dei prezzi.

Per una guida completa alla scelta del broker più sicuro e adatto alle proprie esigenze e strategie, oltre ai parametri vitali da valutare nella scelta, corri a leggere il nostro articolo:
Come scegliere il broker per il trading sullo stock market: guida per il 2023

Cos’è l’indicatore McGinley Dynamic

Le medie mobili che impiegano durate prestabilite presentano una difficoltà, che l’indicatore McGinley Dynamic tenta di attenuare. Il problema fondamentale è che il mercato, essendo un potente meccanismo di attualizzazione, reagisce agli eventi a una velocità che una media mobile non è in grado di gestire. Questa è la base dell’attuale dilemma.Non esiste alcun tipo di media mobile, sia essa semplice (SMA), esponenziale (EMA) o ponderata (LWMA), che non risenta di questo problema.

Questo problema viene definito “lag” e richiede un’attenzione particolare. Date le circostanze, non sorprende che l’affidabilità della media mobile venga messa in dubbio. Per visualizzare una linea di media mobile più fluida e reattiva, l’indicatore McGinley Dynamic prende in considerazione le variazioni di velocità che si verificano in un mercato (da qui il termine “dinamico”).

Come funziona il McGinley Dynamic Indicator

La velocità del mercato non è costante, ma si alterna regolarmente tra accelerazioni e decelerazioni. Si tratta di una caratteristica del mercato che non viene presa in considerazione dalle medie mobili tradizionali, come una media mobile semplice o una media mobile esponenziale.Includendo un elemento di smoothing automatico nel suo algoritmo, l’indicatore McGinley Dynamic è in grado di affrontare questa difficoltà. Ciò consente all’indicatore di rispondere alle mutevoli condizioni di mercato. Di conseguenza, l’indicatore si muove più rapidamente o più lentamente nei mercati in trend o in range.

Con questo non intendiamo dire che il problema del ritardo, descritto in precedenza, sia stato eliminato, ma solo che la risposta all’attività del mercato è più rapida. La cosa più importante da tenere a mente è che, grazie alla sua costante di lisciatura, sarà più reattiva rispetto ad altre medie mobili. L’utente ha la possibilità di personalizzare questa indicazione selezionando il numero di periodi, che viene indicato con la lettera N.

Il McGinley Dynamic Indicator in rapporto agli altri indicatori di medie mobili

Rispetto alle medie mobili tradizionali, questo indicatore è superiore in quanto riduce il numero di separazioni dei prezzi e di violente oscillazioni, garantendo così una rappresentazione più precisa del movimento dei prezzi. L’indicatore McGinley Dynamic può subire un’accelerazione o un rallentamento semplicemente in base al movimento del prezzo del titolo, poiché la formula consente questa modifica.

L’intenzione originaria di McGinley per la sua indicazione era quella di ridurre al minimo la latenza tra l’indicatore e il mercato. Il ragionamento alla base di questa scelta era che una media mobile a tracciamento rapido sarebbe stata più credibile nel creare segnali di trading. Nonostante il fatto che i trader possano utilizzare la linea per giudicare se acquistare o vendere, l’indicatore di McGinley è stato inizialmente progettato per ridurre il ritardo.

Come è nato il McGinley Indicator

John R. McGinley, tecnico di mercato abilitato ed ex redattore del Journal of Technical Analysis pubblicato dalla Market Technicians Association, è il creatore del McGinley Dynamic, un indicatore poco conosciuto ma estremamente affidabile. Per tutto il decennio degli anni ’90, McGinley ha lavorato nel quadro delle medie mobili nel tentativo di sviluppare un indicatore reattivo che si adattasse automaticamente al ritmo del mercato.

Il suo Dynamic, che porta il suo nome, è una media mobile basica ed esponenziale con un time frame di 10 giorni che viene smussata da un filtro per evitare le oscillazioni. È stata pubblicata inizialmente sul Journal of Technical Analysis nel 1997.

L’indicatore tecnico di mercato John R. McGinley è noto per il suo lavoro con le tattiche tecniche di mercato e gli approcci al trading. Ha conseguito la certificazione di tecnico di mercato. Negli anni ’90 ha sviluppato un indicatore di media mobile che è poi diventato noto come McGinley Dynamic. Questo indicatore è stato progettato per adattarsi automaticamente al ritmo dei mercati finanziari.

La propensione a utilizzare le medie mobili in modo improprio può essere affrontata con l’aiuto di questa strategia.Inoltre, è utile per tenere conto del divario che spesso appare tra le linee delle medie mobili e i prezzi.

Media mobile esponenziale (EMA) contro media mobile semplice (SMA): Qual è la migliore?

Attraverso il processo di calcolo dei prezzi di chiusura precedenti e la divisione di tale numero per il numero totale di periodi, una media mobile semplice (SMA) è in grado di smussare l’attività dei prezzi.Una media mobile semplice per dieci giorni può essere calcolata sommando i prezzi di chiusura dei dieci giorni precedenti e dividendo il totale per dieci. Quando la media mobile è più fluida, rallenta il suo tempo di reazione alle variazioni di prezzo.

Le medie mobili di 50 giorni si muovono più lentamente di quelle di 10 giorni. In alcune circostanze, le medie mobili a 10 e 20 giorni possono essere soggette alla volatilità dei prezzi, il che può rendere più difficile la comprensione del loro comportamento. In alcuni momenti, è possibile che si verifichino falsi segnali, con conseguenti perdite dovute al fatto che i prezzi possono muoversi troppo in anticipo rispetto al mercato.

La media mobile esponenziale (EMA)

Rispetto a una media mobile standard, una media mobile esponenziale (EMA) reagisce alle variazioni di prezzo in modo molto più rapido. Il risultato è dovuto al fatto che l’EMA assegna un peso maggiore ai dati più recenti piuttosto che a quelli precedenti. I trader utilizzano contemporaneamente le medie mobili semplici ed esponenziali per le strategie di entrata e di uscita, poiché rappresentano una buona indicazione per il breve termine e un ottimo strumento per individuare le tendenze a breve termine. Questo è il motivo per cui i trader utilizzano entrambi i tipi di medie mobili. D’altra parte, è anche in grado di lasciare indietro i dati.

capitalizzazione di mercato
Adobe Stock

Per una guida completa alle stock, cosa sono e come si negoziano le azioni sui mercati, quali rischi e opportunità comportano e come possiamo partire con il piede giusto evitando gli errori più frequenti, corri a leggere la nostra guida:
Cosa sono le azioni: guida al trading nello stock market

Cos’è una media mobile

La media mobile (MA) è un indicatore azionario che viene spesso utilizzato nell’analisi tecnica nel campo della finanza. La media mobile di un’azione viene calcolata per aiutare a smussare i dati di prezzo generando un prezzo medio che viene continuamente aggiornato.

Gli effetti delle variazioni casuali e a breve termine sul prezzo di un’azione in un determinato periodo di tempo possono essere ridotti grazie all’utilizzo della media mobile durante i calcoli. È importante notare che le medie mobili semplici (SMA) utilizzano una semplice media aritmetica dei prezzi in un determinato periodo di tempo, mentre le medie mobili esponenziali (EMA) danno maggior peso ai valori più recenti rispetto a quelli più vecchi nello stesso periodo di tempo.

Nel campo dell’analisi tecnica, la media mobile (MA) è un indicatore azionario molto utilizzato e apprezzato. Generando un prezzo medio continuamente aggiornato, la media mobile è in grado di aiutare nel processo di livellamento dei dati di prezzo in un determinato periodo di tempo. La media aritmetica di un certo insieme di prezzi su un numero predeterminato di giorni nel passato è il valore che viene utilizzato nel calcolo noto come media mobile semplice (SMA). Si tratta di una media ponderata che fornisce un valore più elevato al prezzo di un’azione nei giorni più recenti, il che la rende un indicatore più sensibile alle informazioni fresche.La media mobile esponenziale, spesso nota come EMA, è un tipo di medie di questo tipo.

Le medie mobili presentano una serie di problematiche

Durante la sua indagine, McGinley scoprì che le medie mobili presentavano numerosi problemi. In primo luogo, venivano somministrate in modo estremamente inadeguato. La misura in cui le medie mobili in diversi periodi di tempo agiscono in mercati diversi varia da mercato a mercato. Come si fa, ad esempio, a stabilire se una media mobile a 10, 20 o 50 giorni sia appropriata da utilizzare in un mercato veloce o lento? Il McGinley Dynamic Indicator è stato sviluppato per adattarsi automaticamente al ritmo del mercato, in modo da superare la difficoltà di selezionare la lunghezza appropriata della media mobile. Questo è stato implementato per risolvere il problema.

Secondo McGinley, le medie mobili non dovrebbero essere utilizzate come metodo di trading o come generatore di segnali. Ma solo come tecnica per attenuare le fluttuazioni. Nello specifico, si tratta di un monitor di tendenza. Inoltre, McGinley scoprì che le medie mobili non seguivano i prezzi, dato che di solito ci sono degli scarti sostanziali tra le linee in cui vengono calcolate le medie mobili e i prezzi stessi.

Per ovviare a questi problemi, McGinley ideò un indicatore in grado di seguire i prezzi più da vicino, di evitare la separazione dei prezzi e le oscillazioni e di seguire automaticamente i prezzi indipendentemente dal fatto che il mercato si muovesse rapidamente o lentamente.

Come funzionano i calcoli dietro il McGinley Dynamic Indicator

Si tratta di una tecnica di analisi e rielaborazione dei prezzi che si rivela di gran lunga migliore di qualsiasi media mobile, nonostante il fatto che la McGinley Dynamic Indicator sembri essere una linea di media mobile. In questo modo, riduce la probabilità di una separazione dei prezzi e di scosse di prezzo, avvicinando notevolmente i prezzi tra loro.Inoltre, questa operazione viene eseguita automaticamente come componente della formula utilizzata.

Il calcolo fa sì che la Dynamic Line si muova più rapidamente nei mercati al ribasso perché segue i prezzi, mentre si muove più lentamente nei mercati al rialzo perché segue i prezzi. L’obiettivo è quello di vendere rapidamente in un mercato in calo e, allo stesso tempo, cavalcare un mercato in rialzo il più a lungo possibile. Quando si utilizza la costante N, si determina il grado in cui la Dynamic segue l’indice o l’azione. Ad esempio, se si cerca di simulare una media mobile di 20 giorni, si dovrebbe scegliere un numero di N pari alla metà della media mobile, che in questo caso è 10.

La capacità della Dynamic Line di seguire e allinearsi automaticamente ai prezzi di qualsiasi mercato, indipendentemente dalla velocità o dalla lentezza con cui il mercato si muove, evita in modo significativo le oscillazioni. Ciò è analogo al sistema di sterzo di un’automobile, che è in grado di rispondere alle mutevoli circostanze della strada. I trader possono fare affidamento su questo sistema per formulare giudizi e per programmare le loro entrate e uscite.

Conclusioni

Il Dynamic è stato inizialmente sviluppato da McGinley con l’intenzione di servire come strumento di mercato piuttosto che come indicatore di trading. Tuttavia, indipendentemente dal fatto che si parli di strumento o di indicatore, il McGinley Dynamic è uno strumento estremamente interessante, sviluppato da uno specialista del mercato che segue e studia i mercati e gli indicatori da quasi quarant’anni.

Nel processo di sviluppo del Dynamic, McGinley ha cercato di mettere a punto uno strumento tecnico che fosse più sensibile ai dati grezzi rispetto alle medie mobili di base o esponenziali.

 

*NB: Le riflessioni e le analisi condivise sono da intendere ad esclusivo scopo divulgativo. Quanto esposto non vuole quindi essere un consiglio finanziario o di investimento e non va interpretato come tale. Ricorda sempre che le scelte riguardo i propri capitali di rischio devono essere frutto di ricerche e analisi personali. L’invito è pertanto quello di fare sempre le proprie ricerche in autonomia.
L’autore, al momento della stesura, detiene esposizioni in Bitcoin e altri asset crittografici, anche legati a quanto trattato nell’articolo.