Cosa si intende con “Paniere di beni” e perchè se ne sente tanto parlare

La variazione di prezzo nel tempo di un paniere di beni e servizi è misurata dall’indice dei prezzi al consumo (CPI), un indicatore ampiamente utilizzato dell’inflazione. La variazione di prezzo del paniere indica il tasso di inflazione che i consumatori devono affrontare collettivamente e il paniere stesso è una buona rappresentazione delle abitudini di acquisto dei consumatori.

Ad esempio, si può affermare che l’inflazione al consumo ha un tasso annuo del 5% se il prezzo del paniere è cresciuto del 5% nel corso dell’anno. Ogni Paese può avere una definizione e un contenuto del paniere misurato molto diversi.

basket of goods paniere di beni
Adobe Stock

Per mettere insieme il suo paniere rappresentativo, il Bureau of Labor Statistics (BLS) degli Stati Uniti raccoglie ogni mese i prezzi di circa 94.000 articoli da un campione di beni e servizi accuratamente selezionati.

I dati vengono poi ponderati in proporzione alle abitudini di acquisto dei consumatori, determinate da un secondo sondaggio condotto su circa 36.000 persone in un determinato anno, in modo da garantire che le variazioni dei prezzi non riflettano i progressi nella qualità dei prodotti.

Per monitorare le variazioni del costo dei beni e servizi di consumo nel tempo, si utilizza un paniere di articoli che simboleggia la spesa dei consumatori. Il Bureau of Labor Statistics (BLS) monitora ogni mese 94.000 prezzi per oltre 200 categorie di beni e servizi al fine di calcolare l’inflazione. Nel paniere del CPI statunitense è inclusa una ponderazione del 33,3% per le spese di alloggio, in gran parte derivanti dall’affitto e dall’equivalente dei proprietari. Gli aumenti di prezzo che rappresentano i progressi dei prodotti sono filtrati dalle stime dell’IPC, che tengono conto anche della sostituzione da parte dei consumatori dei beni più costosi con prodotti alternativi.

Per una guida completa alla scelta del broker più sicuro e adatto alle proprie esigenze e strategie, oltre ai parametri vitali da valutare nella scelta, corri a leggere il nostro articolo:
Come scegliere il broker per il trading sullo stock market: guida per il 2023

Il Paniere dei beni nel dettaglio

Il BLS utilizza un ampio paniere, campionando 94.000 prezzi ogni mese, per fornire un quadro preciso delle variazioni dei prezzi dei prodotti e dei servizi al consumo in tutta l’economia statunitense.

Le sottocategorie che misurano l’inflazione per qualsiasi cosa, dalle mele alla benzina premium senza piombo, dalla biancheria intima maschile ai funerali, sono incluse in ampie categorie di spesa dei consumatori come cibo, energia, vestiti e servizi.

La fonte principale di informazioni sui prezzi di prodotti e servizi è costituita dai 23.000 punti vendita al dettaglio e di servizi in 75 aree metropolitane visitati dagli addetti alla raccolta dati della BLS.

Ogni punto vendita seleziona i prodotti per il campionamento in modo casuale, utilizzando probabilità proporzionali all’ammontare della spesa che ciascun articolo attira rispetto alle alternative della categoria in termini di marca, varietà, dimensioni o peso.Il campione contiene articoli per un periodo di quattro anni.

Gli affitti equivalenti e gli affitti delle abitazioni dei proprietari sono derivati da un’indagine su 43.000 affitti di unità in affitto.Essi costituiscono la maggior parte della categoria degli alloggi, che ha una ponderazione del 33,3% nell’IPC degli Stati Uniti.

Come viene calcolato il CPI dal governo

Dopo la raccolta dei prezzi, gli specialisti di prodotto del Bureau of Labor Statistics (BLS) apportano le modifiche necessarie per garantire che gli aumenti di prezzo riflettano accuratamente l’inflazione piuttosto che il costo degli aggiornamenti di prodotti come l’elettronica, le automobili e gli elettrodomestici.

I prezzi vengono applicati a 32 zone geografiche che suddividono tutte le aree urbane degli Stati Uniti, al fine di calcolare gli indici di base per 211 categorie di prodotti, servizi e abitazioni.Successivamente, il BLS calcola oltre 7.700 indici di base combinati voce-area, che tengono conto della sostituzione di prodotti meno costosi con altri più costosi sia all’interno che tra le categorie di spesa.

Vengono quindi calcolate due versioni dell’indice dei prezzi al consumo, ponderando tutti questi indici per voce e area in base ai recenti risultati biennali di un’ampia indagine sulla spesa dei consumatori.

Il 93% degli americani che vivono in località in cui il BLS raccoglie dati sui prezzi è rappresentato nel CPI per tutti i consumatori urbani (CPI-U), che rappresenta le loro abitudini di spesa.Serve come base per le notizie relative al tasso di inflazione o al tasso di variazione dei prezzi al consumo.

Il 29% della popolazione è incluso nel CPI per i salariati e gli impiegati urbani (CPI-W), che è disponibile solo per le famiglie la cui fonte primaria di reddito è il lavoro salariato o impiegatizio. Le aliquote dell’imposta federale sul reddito e i pagamenti dovuti ai beneficiari della previdenza sociale, ai veterani delle forze armate e ai pensionati del servizio civile federale sono aggiustati per l’inflazione utilizzando l’IPC-W.

Che rapporto c’è tra inflazione e IPC?

Nonostante la frequente confusione tra i termini CPI e inflazione, il CPI rappresenta esclusivamente l’inflazione a livello dei consumatori. Altre forme di inflazione sono misurate da altre statistiche. L’indice del costo dell’occupazione valuta l’inflazione nel mercato del lavoro, mentre l’indice dei prezzi alla produzione (IPP) tiene conto delle variazioni dei prezzi pagati dai produttori.

Vengono poi calcolate due versioni dell’indice dei prezzi al consumo, ponderando tutti questi indici per voce e area in base ai recenti risultati biennali di un’ampia indagine sulla spesa dei consumatori. Mentre il deflatore dei prezzi del prodotto interno lordo misura l’inflazione dell’intera economia statunitense, comprese le esportazioni ma escluse le importazioni, il BLS monitora anche le variazioni dei prezzi delle importazioni e delle esportazioni.

Gli esempi del mondo reale

L’IPC (abbreviazione della misura CPI-U per tutti i consumatori urbani) negli Stati Uniti è aumentato dell’1,2% nel marzo 2022 dopo essere cresciuto dell’8,5% nell’anno precedente. Con l’invasione dell’Ucraina da parte della Russia, i prezzi della benzina sono aumentati di oltre il 18% a marzo, costituendo più della metà dell’aumento del CPI. A marzo si è registrato un aumento dello 0,3% del cosiddetto CPI core, che è più alto del 6,5% rispetto all’anno precedente ed esclude i costi alimentari ed energetici, generalmente più volatili.

I responsabili politici cercano di tenere sotto controllo l’inflazione, poiché essa comporta conseguenze economiche, come un’ulteriore incertezza. Nel determinare la politica monetaria, utilizzano spesso le variazioni del paniere rappresentativo di beni e servizi misurato dall’IPC come uno dei parametri di riferimento. La Federal Reserve (Fed) degli Stati Uniti ha concluso che un tasso di inflazione annuale del 2% è il più coerente con la sua missione di garantire prezzi stabili e massima occupazione.

A maggio, il Federal Open Market Committee (FOMC) della Federal Reserve ha aumentato l’intervallo di riferimento per il tasso dei federal funds allo 0,75%-1%, affermando di prevedere un ritorno dell’inflazione al 2% “con un appropriato irrigidimento dell’orientamento della politica monetaria”. Il FOMC ha inoltre dichiarato che “nel frattempo saranno appropriati continui aumenti dell’intervallo obiettivo”.

prestiti criptovalute
Adobe Stock

Per una guida completa alle stock, cosa sono e come si negoziano le azioni sui mercati, quali rischi e opportunità comportano e come possiamo partire con il piede giusto evitando gli errori più frequenti, corri a leggere la nostra guida:
Cosa sono le azioni: guida al trading nello stock market

Che cos’è l’Indice dei prezzi al consumo (CPI)

La variazione mensile dei prezzi pagati dai consumatori americani è rilevata dall’Indice dei prezzi al consumo (IPC). Il CPI è determinato dal Bureau of Labor Statistics (BLS) utilizzando una media ponderata dei prezzi di una selezione di prodotti e servizi che sono indicativi di tutta la spesa dei consumatori negli Stati Uniti. Uno degli indicatori di inflazione e deflazione più utilizzati è il CPI. L’indice dei prezzi alla produzione (PPI), che tiene conto delle variazioni dei prezzi percepiti dai produttori americani di prodotti e servizi, non è uguale al rapporto CPI in termini di metodologia di indagine, campioni di prezzi e pesi dell’indice.

Basato su un paniere rappresentativo di beni e servizi, l’Indice dei prezzi al consumo (CPI) calcola la variazione totale dei prezzi al consumo nel tempo. Il modo più diffuso per valutare l’inflazione è il CPI, che viene seguito con attenzione dai mercati finanziari, dalle aziende, dai consumatori e dai responsabili politici. Gli adeguamenti al costo della vita per le prestazioni federali si basano su un indice che comprende i salariati e gli impiegati, mentre il CPI, cui si fa generalmente riferimento, si basa su un indice che copre il 93% della popolazione statunitense.

Il CPI deriva da oltre 80.000 quotazioni di prezzo raccolte ogni mese da circa 23.000 aziende di vendita al dettaglio e di servizi, oltre che da 50.000 case in affitto.
La variazione delle spese di alloggio, comprese le abitazioni occupate dai proprietari, che costituiscono circa un terzo dell’IPC, viene stimata utilizzando gli affitti delle abitazioni.

Come funziona l’Indice dei prezzi al consumo (CPI)

Ogni mese, il BLS ottiene circa 80.000 prezzi da oltre 23.000 punti vendita e servizi. Sebbene il termine “urbano” compaia in entrambi gli indici CPI derivati dai dati, il 93% degli americani è coperto dalla misura più inclusiva e spesso utilizzata.

Un’indagine sui prezzi d’affitto di 50.000 unità abitative serve come base per i prezzi della categoria dei ricoveri, che costituiscono un terzo dell’IPC complessivo. Da qui, l’indagine viene utilizzata per determinare l’aumento dei prezzi degli affitti e degli equivalenti dei proprietari.

Per rappresentare con precisione la parte della spesa dei consumatori destinata ai costi dell’abitazione, la categoria degli equivalenti dei proprietari imita l’equivalente dell’affitto per le case occupate dai proprietari. Le imposte sul reddito e il costo di beni come azioni, obbligazioni e polizze di assicurazione sulla vita sono esclusi dall’IPC, mentre sono inclusi i costi di utilizzo e le imposte sulle vendite o sulle accise.

Gli effetti di sostituzione – la propensione dei consumatori a spostare la spesa da articoli e categorie che sono diventati comparativamente più costosi – sono presi in considerazione quando si calcolano gli indici CPI dai dati. Inoltre, i dati sui prezzi vengono modificati per riflettere le variazioni delle caratteristiche e della qualità del prodotto. La ponderazione degli indici CPI per le varie categorie di prodotti e servizi è in linea con le attuali tendenze di spesa dei consumatori, scoperte attraverso un diverso tipo di indagine.

Nel corso dei 12 mesi terminati a novembre 2023, il CPI-U è aumentato dello 0,1%. L’indice è rimasto invariato rispetto al mese precedente.

Indici dei prezzi al consumo (CPI), i vari tipi

Ogni mese, il BLS rilascia due indici. Il 93% degli americani che non risiedono in località rurali isolate è rappresentato dall’Indice dei prezzi al consumo per tutti i consumatori urbani (CPI-U). La spesa dei residenti in case agricole, istituzioni o postazioni militari non è coperta da questo indice. I dati dell’IPC comunemente pubblicizzati e significativi per i mercati finanziari si basano sull’IPC-U.

L’indice dei prezzi al consumo per i salariati e gli impiegati urbani (CPI-W) è un’altra pubblicazione del BLS. Il 29% degli americani che vivono in case in cui la fonte primaria di reddito è il lavoro a ore o l’impiego impiegatizio è incluso nel CPI-W.

I pagamenti della previdenza sociale, insieme ad altri benefici governativi e alle pensioni, vengono adeguati alle variazioni del costo della vita attraverso l’uso del CPI-W. Inoltre, il CPI-W modifica i dati relativi al costo della vita. Inoltre, modifica gli scaglioni dell’imposta federale sul reddito per evitare che i contribuenti paghino un’aliquota marginale maggiorata a causa dell’inflazione.

 

*NB: Le riflessioni e le analisi condivise sono da intendere ad esclusivo scopo divulgativo. Quanto esposto non vuole quindi essere un consiglio finanziario o di investimento e non va interpretato come tale. Ricorda sempre che le scelte riguardo i propri capitali di rischio devono essere frutto di ricerche e analisi personali. L’invito è pertanto quello di fare sempre le proprie ricerche in autonomia.

Impostazioni privacy