Average True Range (ATR): il miglior alleato per i trader della volatilità

L’indicatore Average True Range (ATR) può essere utilizzato per sviluppare un sistema di trading completo o per fornire segnali di entrata o uscita come componente di una strategia avanzata che tenga conto di confluenze e divergenze su particolari condizioni di mercato o di price action. Nello specifico, l’ATR misura la volatilità e fornisce indicazioni relative ad essa.

Fin dall’inizio del settore del del trading sui mercati finanziari, i professionisti hanno utilizzato questo indicatore di volatilità per migliorare le loro performance di trading. Scoprite come utilizzarlo e i motivi per cui dovreste provarlo.

average true range atr
Adobe Stock

L‘average true range (ATR) è un importante e utilizzato indicatore di volatilità nell’analisi tecnica dei mercati finanziari. La volatilità è una misura della forza del movimento dei prezzi, ma a volte passa inosservata come potenziale indicatore della direzione del mercato. Uno degli indicatori di volatilità più noti è rappresentato dalle Bollinger Bands. Secondo quanto afferma John Bollinger nel suo libro “Bollinger on Bollinger Bands” del 2002, “l’alta volatilità genera il basso e la bassa volatilità genera l’alto”. Poiché l’analisi che è possibile fare tramite questi strumenti riguarda esclusivamente la volatilità e non include il prezzo, siamo in grado di osservare che la volatilità segue un ciclo distinto.

In un determinato momento, il grado di volatilità del prezzo può essere determinato dalla vicinanza delle Bande di Bollinger superiore e inferiore. Sul lato sinistro del grafico, possiamo notare che le linee iniziano a essere piuttosto distanti l’una dall’altra, ma man mano che si avvicinano al centro del grafico, iniziano a convergere. A un periodo di grande volatilità segue un periodo di volatilità moderata, come si vede dal fatto che le linee si dividono nuovamente dopo essersi avvicinate tanto da toccarsi.

Per una guida completa alle stock, cosa sono e come si negoziano le azioni sui mercati, quali rischi e opportunità comportano e come possiamo partire con il piede giusto evitando gli errori più frequenti, corri a leggere la nostra guida:
Cosa sono le azioni: guida al trading nello stock market

Il ruolo cruciale degli indicatori di volatilità nel trading e nell’analisi dei mercati finanziari

Conosciamo bene le Bande di Bollinger, che sono in grado di fornirci molte informazioni su ciò che probabilmente accadrà in futuro. Se siete consapevoli che un titolo è destinato a subire una maggiore volatilità dopo essersi mosso all’interno di un intervallo limitato, allora è una buona idea includere quel titolo in una watchlist di trading. Se si verifica il breakout, è molto probabile che il titolo subisca un movimento significativo. A titolo di esempio, il prezzo di Hansen Natural Corporation, che ora ha cambiato nome in Monster Beverage Corporation (MNST), è praticamente quadruplicato nel corso dei quattro mesi successivi quando è uscito dalla regione di bassa volatilità che si trovava al centro del grafico (come si vede qui sopra).

Un’altra prospettiva sulla volatilità è per l’appunto l’average true range (ATR). Analogamente a quanto osservato con le Bande di Bollinger, il modello ciclico che osserviamo nell’ATR (visualizzato nella metà inferiore del grafico) si ripete di seguito. I grandi movimenti di prezzo seguono tipicamente periodi di bassa volatilità, caratterizzati da bassi valori dell’average true range (ATR).

Come funziona il processo di trading utilizzando l’ATR

La sfida che i trader devono affrontare è capire come trarre profitto dal ciclo della volatilità. Nonostante l’ATR non fornisca alcuna informazione sulla direzione in cui avverrà il breakout, è possibile aggiungerlo al prezzo di chiusura e il trader può acquistare ogni volta che il prezzo del giorno successivo supera quel numero.

I segnali di trading sono estremamente rari. Ma spesso identificano i momenti critici in cui il mercato è in crisi. Secondo il ragionamento che sta alla base di questi segnali, si è verificato uno spostamento della volatilità ogni volta che il prezzo chiude più in alto di un average true range (ATR) rispetto alla chiusura più recente. Quando si prende una posizione long, l’investitore scommette che il titolo continuerà a muoversi al rialzo. Una posizione short è invece una scommessa diametralmente opposta, ove si va a produrre un profitto dal calo delle quotazioni sui mercati.

Il segnale di uscita ATR

I segnali di trading possono essere generati sottraendo il valore dell’average true range (ATR) dal prezzo di chiusura. I trader hanno la possibilità di uscire da queste transazioni. Un cambiamento importante nelle caratteristiche del mercato si è verificato quando il prezzo chiude più di un average true range (ATR) al di sotto della chiusura più recente. Questa regola segue lo stesso ragionamento della precedente. A questo punto, data la probabilità che il titolo entri in un trading range o inverta la direzione, la chiusura di una posizione lunga diventa una scommessa sicura.

Una delle applicazioni più importanti dell’ATR è il meccanismo di uscita, che può essere utilizzato indipendentemente dal processo decisionale utilizzato per determinare l’ammissione. Questo approccio, ideato da Chuck LeBeau, è noto come “chandelier escape” e ha guadagnato molta popolarità. Quando si utilizza l’approccio dell’uscita dal lampadario, il trailing stop viene posizionato al di sotto del massimo raggiunto dal titolo dall’inizio della transazione.

È definito come un multiplo dell’average true range (ATR) che la distanza tra il massimo storico e il livello di stop è certa. A titolo esemplificativo, possiamo prendere il massimo più alto dall’inizio dell’operazione e rimuovere tre volte il valore dell’average true range (ATR) da quel massimo.

Il fatto che si alzi rapidamente verso l’alto in reazione all’attività del mercato è ciò che conferisce a questo trailing stop il suo notevole valore. La parola “lampadario” è stata scelta da LeBeau per il motivo che “proprio come un lampadario pende dal soffitto di una stanza, l’uscita del lampadario pende dal punto alto o dal soffitto del nostro trade”.

Quali sono i vantaggi dell’utilizzo di ATR

Dato che si modificano in base alle caratteristiche del titolo che si sta negoziando, gli ATR sono, per certi versi, preferibili all’utilizzo di una percentuale costante. Questo perché riconoscono che la volatilità varia da un titolo all’altro e dipende dalle condizioni del mercato. La distanza tra lo stop loss e il prezzo di chiusura cambia automaticamente e si sposta a un livello appropriato quando il trading range si espande o si contrae .Questo avviene per trovare un equilibrio tra il desiderio del trader di salvaguardare i guadagni e l’esigenza di permettere al titolo di muoversi all’interno del suo range regolare.

I sistemi di breakout ATR sono adattabili a qualsiasi periodo di tempo e possono essere utilizzati da qualsiasi strategia. In particolare, sono utili quando vengono utilizzati come tattica per il day trading. L’average true range (ATR) viene aggiunto e sottratto al prezzo di chiusura della prima barra di 15 minuti dai day trader che utilizzano un periodo di tempo di 15 minuti.I punti di ingresso per la giornata sono determinati da questo dato e gli stop sono impostati in modo che l’operazione possa essere chiusa con una perdita se i prezzi tornano al punto in cui si trovavano alla fine della prima barra del giorno. È possibile utilizzare qualsiasi intervallo di tempo specifico, come cinque minuti o dieci minuti.

Individuare i momenti di inversione tramite l’atr

Ad esempio, questo metodo può utilizzare un ATR a 10 periodi, che incorpora i dati del giorno precedente.L’utilizzo di numerosi ATR è un’altra varietà che può essere utilizzata.Il numero di ATR può variare da una quantità frazionaria, come la metà, fino a tre. (Inoltre, non ci sono abbastanza transazioni per rendere il sistema redditizio).Toby Crabel ha dimostrato l’efficacia di questo metodo su un’ampia gamma di materie prime e futures finanziari nel suo libro “Day Trading With Short-Term Price Patterns and Opening Range Breakout”, pubblicato nel 1990.

Per individuare i momenti di svolta del mercato, alcuni trader hanno adottato l’approccio delle onde filtrate e ora utilizzano gli intervalli reali medi (ATR) piuttosto che le variazioni percentuali. In base a questa strategia, una nuova onda rialzista inizia quando i prezzi si allontanano di tre average true range dalla chiusura più bassa. Nel momento in cui il prezzo scende di tre intervalli veri medi al di sotto della chiusura più alta dall’inizio dell’onda di rialzo, ha luogo una nuova onda di ribasso.

money flow index
Adobe Stock

Per una guida completa alla scelta del broker più sicuro e adatto alle proprie esigenze e strategie, oltre ai parametri vitali da valutare nella scelta, corri a leggere il nostro articolo:
Come scegliere il broker per il trading sullo stock market: guida per il 2023

L’average true range (ATR)

Una media mobile semplice (SMA) o una media mobile esponenziale dell’intervallo reale comprendono l’average true range (ATR), che è una misura dell’intervallo reale. Per chiarire il concetto, Wilder ha utilizzato un average true range a 14 giorni. Spetta ai trader decidere se impiegare periodi più brevi o più lunghi per il loro trading. Sebbene le durate più brevi possano determinare un aumento dell’attività di trading, i timeframe più lunghi saranno più lenti e porteranno molto probabilmente a una riduzione del numero di segnali di trading.

L’average true range (ATR) attenua i dati, rendendoli più adatti all’uso in un sistema di trading. L’utilizzo di input grezzi per determinare l’intervallo reale porterebbe a segnali imprevedibili.

L’Average True Range (ATR) nella pratica del trading

I trader sono concordi nell’affermare che la volatilità presenta cicli distinti e, sulla base di questa idea, l’Average True Range (ATR) può essere utilizzato per stabilire i segnali di entrata.Al fine di temporizzare le proprie operazioni, i trader a breve termine ricorrono spesso ai metodi di breakout dell’ATR. Quando l’average true range (ATR) o un multiplo dell’ATR viene aggiunto al prezzo di apertura del giorno successivo, questo metodo compra quando i prezzi salgono al di sopra di quel livello.L’inverso è vero per le operazioni short, che prevedono la detrazione dell’average true range (ATR) o di un multiplo dell’ATR dal prezzo di apertura, per poi entrare nel mercato quando il livello viene violato.

Entrando nel mercato all’apertura dopo una giornata che ha chiuso al di sopra della chiusura più l’ATR o al di sotto della chiusura meno l’ATR, la strategia di breakout dell’ATR può essere utilizzata come sistema a più lungo termine. Ciò si ottiene entrando nel mercato all’inizio.

I concetti alla base dell’ATR possono essere utilizzati anche per definire gli stop delle strategie di trading, e questo metodo è in grado di funzionare indipendentemente dal tipo di entrata utilizzata.

La nota tecnica di trading “turtle” prevede stop basati sull’ATR (Average True Range). Un altro esempio di stop che utilizza l’ATR è l'”uscita a lampadario”, inventata da Chuck LeBeau. Questo particolare stop prevede il posizionamento di un trailing stop a partire dal massimo dell’operazione o dalla massima chiusura della transazione.

Un’impostazione tipica per la distanza tra il prezzo massimo e il trailing stop è di tre average true range (ATR). Il prezzo aumenta e viene trasportato verso l’alto. È imperativo che gli stop sulle posizioni lunghe non vengano mai abbassati, poiché ciò sarebbe controproducente per l’obiettivo di avere uno stop in posizione.

Conclusioni

Il trader creativo ha un numero infinito di opportunità di guadagno, tutte rese possibili dal potenziale sconfinato di questo strumento adattabile.Si tratta inoltre di un’indicazione preziosa da seguire per gli investitori di lungo periodo, che dovrebbero prevedere periodi di aumento della volatilità ogni volta che il valore dell’ATR è rimasto ragionevolmente costante per lunghi periodi di tempo.

L’investitore e l’operatore di mercato dovrebbe infatti prevedere periodi di maggiore volatilità. In questo modo, l’investitore sarebbe preparato ad affrontare un andamento irregolare del mercato, evitando di farsi prendere dal panico durante i ribassi o di lasciarsi trasportare da un eccessivo entusiasmo nel caso in cui il mercato dovesse salire.

 

*NB: Le riflessioni e le analisi condivise sono da intendere ad esclusivo scopo divulgativo. Quanto esposto non vuole quindi essere un consiglio finanziario o di investimento e non va interpretato come tale. Ricorda sempre che le scelte riguardo i propri capitali di rischio devono essere frutto di ricerche e analisi personali. L’invito è pertanto quello di fare sempre le proprie ricerche in autonomia.