Queste cose non vanno mai pagate in contanti: attenzione alle conseguenze

Ci sono alcune cose che non vanno pagate mai in contanti, infatti, ci potrebbero essere delle conseguenze molto gravi. Scopriamo insieme di cosa si tratta e a cosa bisogna prestare particolare attenzione quando si effettuano pagamenti in contanti. 

L’utilizzo del contante è ancora molto presente in Italia: i cittadini si adattano a fatica e l’utilizzo di strumenti di pagamento tracciabili nel nostro Paese è ancora assai limitato. Sono moltissimi gli interventi messi in campo dal Governo per agevolare l’adozione di strumenti tracciabili per i pagamenti e limitare l’uso dei contanti per combattere con maggiore forza l’evasione fiscale.

pagamenti in contanti

Tuttavia, sono ancora moltissimi i cittadini che preferiscono la moneta fisica ad una virtuale come quella del pagamento con carta. Proprio per questo motivo, ci sono alcuni pagamenti che non vanno assolutamente effettuati in contanti poiché le conseguenze possono essere davvero gravi. Scopriamo nel dettaglio di cosa si tratta e facciamo un po’ di chiarezza sulla questione.

Ci sono alcune cose che non vanno pagate in contanti, le conseguenze sono gravi: ecco di cosa si tratta

Nel nostro Paese l’utilizzo del contante resti ancora molto presente rispetto agli altri grandi Paesi europei, malgrado ciò, la pandemia ha a suo modo incentivato maggiormente il pagamento mediante l’utilizzo di strumenti di pagamento tracciabili. Infatti, le necessità in periodo di pandemia hanno fatto incrementare drasticamente l’utilizzo di strumenti come: carte di credito, bancomat e bonifici. Come riportato dal quotidiano Libero, infatti, in pandemia l’utilizzo di tali strumenti è passato da una percentuale del 29% ad una del 33% del valore totale dei pagamenti.

Ci sono però ancora moltissimi cittadini che preferiscono pagare la maggior parte delle proprie spese utilizzando i contanti. Tuttavia, bisogna prestare particolare attenzione poiché ci sono alcuni pagamenti che in contanti non vanno mai effettuati. Scopriamo nel dettaglio di cosa si tratta.

I pagamenti da non fare in contanti

Ci sono alcuni pagamenti che non vanno assolutamente fatti in contanti: i rischi per chi infrange alcune regole sono davvero altissimi. Infatti, nel nostro Paese vige la Legge che impone dei limiti allo scambio di denaro. Il tetto all’utilizzo del contante, previsto da tale Legge è di 1999,99 euro fino al prossimo anno quando il limite passerà a 999,99 euro.

Per questo motivo, alcuni pagamenti in tale modalità e che superano tale cifra potrebbero attirare l’attenzione del Fisco e portare a delle conseguenze spiacevoli. Infatti, in questo caso le sanzioni per chi effettua scambi di denaro che superano le cifre previste dalla normativa antiriciclaggio possono incorrere in multe salatissime che partono da 2000 euro ma possono arrivare fino a 50 mila euro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *