eBay raggiunge in borsa il massimo storico degli ultimi vent’anni

Il noto e-commerce ha venduto la sua quota in Corea a E-Mart group, la più grande catena di negozi al dettaglio quello nel paese asiatico.

applicazioni e-commerce

La combinazione tra la catena di negozi con 160 punti vendita e eBay, porterà E-Mart a essere la compagnia leader nel settore della Corea del Sud.

E-Mart avrà ora a disposizione un giro d’affari equivalente a circa un decimo dei rendimenti complessivi di Ebay e utilizzerà ulteriore capitale al fine di rafforzare, grazie alle vendite online per mezzo di eBay, la sua capillarità sul territorio coreano.

Il trend nelle vendite di eBay e la crescita delle sue quotazioni

L’accordo tra il gigante dell’e-commerce USA e la catena di negozi coreana è in linea con le politiche aziendali di eBay, in un trend che sta portando la società USA presente on line dal 1995 a vendere parte dei suoi asset aumentando la sua liquidità per miliardi di dollari.

Nel 2015 eBay si era scorporata con successo da PayPal Holdings Inc. al fine di permettere la crescita indipendente di quest’ultima. Traendo spunto dalla sua capacità di approfittare con il giusto tempismo delle tendenze di mercato, le vendite degli asset dell’ultimo anno hanno fatto guadagnare a eBay più di 13 miliardi di dollari, complice anche la crescita della sua valutazione data dai record di vendite online, causati dalle restrizioni dell’emergenza sanitaria, con l’incremento straordinario delle sue quotazioni che solo nell’ultimo anno sono passate dai 48 dollari fino ai 66,57 con una crescita del 40%.

LEGGI ANCHE>>E-commerce, viaggi e tecnologia: ripartiamo da qui?

eBay supera i massimi storici degli ultimi 20 anni

Dal punto di vista tecnico, le quotazioni di eBay da maggio 2020 hanno superato quelli che erano i massimi storici degli ultimi 20 anni posti a 42,8 dollari. Successivamente la sua price action ha seguito dei movimenti sinusoidali e ciclici, in un range compreso tra i 49 e i 64 dollari. L’ultima parte del trend long iniziata il 10 novembre ha raggiunto il 4 febbraio quota 64,77 dollari, succeduta da un secondo massimo il 16 febbraio. Il doppio massimo è stato superato 8 giugno, confermando la continuazione della tendenza che prosegue nonostante i volumi dal 27 maggio siano in progressivo calo, all’interno di quelle che sono state le conferme date dai supporti di prezzo posti rispettivamente a 58,85 e 61,64 dollari.

A dispetto del sostanzioso incremento del suo giro d’affari, la crescita di eBay ha continuato a essere inferiore a quella dei suoi più diretti competitori come Amazon, capace di essere particolarmente concorrenziale grazie anche alle sue politiche di reso, la particolare attenzione al cliente e le consegne gratuite, accessibili in un pacchetto in abbonamento comprensivo di Amazon video prime, che consente la fruizione del cinema in streaming.

LEGGI ANCHE>>La mossa che sta facendo tremare Netflix e Disney Plus

Nonostante questo la competizione di Amazon.com potrebbe lasciare a eBay qualche margine di vantaggio. L’antitrust del Regno Unito sta infatti portando avanti in questi giorni un indagine, nel tentativo di portare alla luce il fenomeno delle false recensioni presenti sugli articoli di Amazon. L’autorità del Regno Unito a protezione del consumatore teme ci siano gli estremi per la violazione delle norme a causa del disinteresse di Amazon nel tutelare i propri clienti, regolando e verificando le recensioni sul suo sito, particolarmente seguite dal consumatore e in grado di incidere in modo diretto sulla scelta dei prodotti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *