High-frequency trading (HFT): come funziona il trading automatico

Una tecnica di trading chiamata High frequency trading (HFT) è un particolare tipo di operatività speculativa sui mercati finanziari che prevede l’utilizzo di potenti programmi informatici per eseguire in modo automatico e senza supervisione umana un elevato numero di ordini in un tempo molto ridotto. 

L’High frequency trading (HFT) impiega algoritmi complessi per valutare i vari mercati ed eseguire gli ordini in base alle circostanze del mercato. I trader che hanno la capacità di eseguire gli ordini nel più breve tempo possibile guadagnano di più di quelli che hanno tassi di esecuzione più lenti. Inoltre, il High frequency trading (HFT) si distingue per gli elevati tassi di rotazione e per i rapporti order-to-trade.

hft high frequency trading
Adobe Stock

L’High frequency trading (HFT) è una forma di trading algoritmico che prevede l’esecuzione di un numero elevato di ordini in un momento. I piccoli spread bid-ask vengono eliminati e i mercati ricevono di conseguenza un aumento della liquidità. L’High frequency trading (HFT) è spesso criticato per il fatto di dare un vantaggio alle grandi compagnie nel mercato del trading, che fanno profitti a discapito dei piccolo operatori.

Un’altra preoccupazione è che la liquidità generata da questo tipo di trading è solo temporanea: svanisce in pochi secondi, rendendo difficile per i trader approfittarne. Inoltre, questo tipo di pratica automatizzata di operare a mercato, è vista da molti come un importante vantaggio sleale ai danni dei piccoli investitori e operatori finanziari che non hanno i mezzi per creare e gestire macchine di tale potenza e difficoltà di programmazione.

Per una guida completa alla scelta del broker più sicuro e adatto alle proprie esigenze e strategie, oltre ai parametri vitali da valutare nella scelta, corri a leggere il nostro articolo:
Come scegliere il broker per il trading sullo stock market: guida per il 2023

Cos’è il trading algoritmico

Il trading basato su algoritmi, noto anche come trading automatizzato, black-box trading o algo-trading, è un metodo di trading che prevede l’uso di un programma informatico che esegue un’operazione in base a un insieme di istruzioni predeterminate. Questo elenco di istruzioni automatiche è ciò che comunemente viene definito come algoritmo.In linea di principio, l’operazione ha il potenziale di generare profitti a un ritmo e a una frequenza impensabili per un trader umano.

Le serie di istruzioni indicate si basano su qualsiasi modello matematico, tra cui, a titolo esemplificativo, tempistica, prezzo, quantità e così via. Oltre a fornire prospettive di profitto al trader, il trading algoritmico rende i mercati più liquidi e il trading più sistematico, eliminando l’influenza delle emozioni umane sulle operazioni di trading.

Perchè si usa il trading algoritmico

L’uso del trading algoritmico, che mescola la programmazione informatica e i mercati finanziari, consente di effettuare operazioni in periodi precisi. Uno degli obiettivi del trading algoritmico è quello di eliminare l’influenza delle emozioni sulle decisioni di trading. Inoltre, garantisce l’esecuzione più efficace di un’operazione, invia gli ordini istantaneamente e ha il potenziale di ridurre le spese di trading.

Le tattiche di trend-following, le possibilità di arbitraggio e il ribilanciamento dei fondi indicizzati sono tutti esempi di strategie di trading comuni. Gli algoritmi di trading possono essere implementati anche in base al volume degli scambi (prezzo medio ponderato per il volume) o al trascorrere del tempo (prezzo medio ponderato per il tempo). Entrambi questi metodi sono esempi di prezzi dinamici.

Per iniziare a fare trading algoritmico, è necessario avere accesso a un computer, una connessione alla rete, una conoscenza del mercato finanziario e la capacità di scrivere codici.

Come funziona il trading algoritmico nella pratica

Supponiamo che un trader si attenga ai seguenti semplici criteri di trading:

  • Quando la media mobile a 50 giorni di un’azienda sale al di sopra della media mobile a 200 giorni, è il momento giusto per acquistare cinquanta azioni di quel titolo.Il termine “media mobile” si riferisce a una media di dati storici che viene utilizzata per attenuare le variazioni giornaliere dei prezzi e, di conseguenza, per identificare i modelli.
  • Quando la media mobile a 50 giorni della società scende al di sotto della media mobile a 200 giorni, è il momento di vendere altre azioni del titolo.

Non appena si verificano le circostanze prestabilite, un software monitorerà automaticamente il prezzo delle azioni (insieme agli indicatori della media mobile) e piazzerà gli ordini di acquisto e di vendita. Tutto ciò avviene seguendo queste due semplici istruzioni.

Non è più necessario che il trader inserisca manualmente gli ordini o che monitori i prezzi e i grafici in tempo reale sul proprio computer. Il sistema di trading algoritmico esegue questa procedura in modo automatico, individuando con precisione l’opportunità di trading.

Cos’è l’High frequency trading (HFT) e come funziona

Esiste una sottocategoria del trading algoritmico nota come High frequency trading (HFT). Il termine High frequency trading (HFT) si riferisce al processo con cui i trader esaminano dati significativi per effettuare scelte ed eseguire operazioni in pochi secondi. L’High frequency trading (HFT) facilita l’esecuzione di elevati volumi di transazioni in un breve periodo di tempo, monitorando i movimenti del mercato e individuando le possibilità di arbitraggio.

Di seguito andiamo ad elencare alcune delle caratteristiche principali del High frequency trading (HFT):

  • Conduzione dell’attività ad un ritmo rapido
  • L’esecuzione di un numero significativo di transazioni
  • Prospettive di investimento a breve termine
  • A causa della complessità e delle sfumature associate al High frequency trading (HFT), non deve sorprendere che banche, altre istituzioni finanziarie e investitori istituzionali vi facciano spesso ricorso.

Le borse hanno iniziato a fornire incentivi alle società per aumentare la liquidità del mercato, il che ha portato alla sua crescita di popolarità. Per esempio, il New York Stock Exchange (NYSE) ha un gruppo di fornitori di liquidità noto come supplemental liquidity provider (SLP), che lavora per aumentare la concorrenza e la liquidità delle quotazioni già disponibili in borsa.

Nel 2008, quando gli investitori erano molto preoccupati per la liquidità, lo SLP è stato sviluppato come risposta al fallimento di Lehman Brothers. Per fornire liquidità alle società, il New York Stock Exchange (NYSE) paga una tassa o uno sconto a tali società. Dal momento che ogni giorno avvengono milioni di transazioni, ciò si traduce in un guadagno significativo. Le società Tower Research, Citadel LLC e Virtu Financial sono tra le più note organizzazioni di High frequency trading (HFT).

trading futures
Adobe Stock

Per una guida completa alle stock, cosa sono e come si negoziano le azioni sui mercati, quali rischi e opportunità comportano e come possiamo partire con il piede giusto evitando gli errori più frequenti, corri a leggere la nostra guida:
Cosa sono le azioni: guida al trading nello stock market

Quali sono vantaggi e vantaggi del High frequency trading (HFT)

Uno dei vantaggi più significativi del High frequency trading (HFT) è la semplicità e la velocità con cui le transazioni possono essere effettuate all’interno del mercato. L’esecuzione di un gran numero di transazioni in un breve lasso di tempo, tipicamente in pochi secondi, è un’operazione che le banche e gli altri operatori sono in grado di rendere possibile.

Grazie al High frequency trading (HFT), la liquidità del mercato è aumentata e gli spread bid-ask che prima erano troppo bassi sono stati eliminati. Per verificarlo, sono state aggiunte delle commissioni al High frequency trading (HFT), che hanno provocato un aumento dei bid-ask spread. Una ricerca ha analizzato l’impatto che la decisione del governo di imporre commissioni sul High frequency trading (HFT) ha avuto sugli spread bid-ask in Canada. Secondo i risultati, gli spread bid-ask nell’intero mercato sono aumentati del 13%, mentre gli spread al dettaglio sono aumentati del 9%.

D’altra parte, Il sistema di High frequency trading (HFT) è stato oggetto di numerose critiche. Il sistema, che ha soppiantato numerosi broker-dealer, impiega modelli matematici e algoritmi per esprimere giudizi, eliminando così dall’equazione il potenziale contatto umano e il processo decisionale.

Dal momento che le decisioni vengono prese in pochi millisecondi, il mercato può registrare movimenti significativi senza una causa apparente.A titolo di esempio, il 6 maggio 2010 il Dow Jones Industrial Average (DJIA) ha registrato il più grande calo di punti intraday fino a quel momento, quando è sceso di 1.000 punti e ha perso il 10% in soli venti minuti, prima di risalire fino a raggiungere il livello precedente. Un esame condotto dal governo ha stabilito che il crollo è stato causato da un enorme ordine che ha provocato un sell-off.

Un’altra critica mossa al High frequency trading (HFT) è che consente alle grandi aziende di realizzare profitti a scapito delle imprese più piccole. Viene anche criticato per la cosiddetta “liquidità fantasma”. Rendendo disponibile al mercato la liquidità offerta dal High frequency trading (HFT) per un secondo e poi scomparendo il secondo successivo, si impedisce ai trader di essere realmente in grado di negoziare questa liquidità.

I principali vantaggi del High frequency trading (HFT)

  • Un numero elevato di transazioni tutte insieme è positivo.
  • Il processo è semplice e veloce.
  • Aumenta la liquidità del mercato
  • Elimina gli spread bid-ask più piccoli

Gli aspetti negativi del High frequency trading (HFT)

  • Elimina la necessità di un contatto umano e di un processo decisionale non algoritmico.
  • Le transazioni rapide possono potenzialmente provocare significativi spostamenti del mercato.
  • La liquidità non può essere scambiata dai trader.

Domande frequenti

Qual è il processo alla base del High frequency trading (HFT)?

Il trading automatizzato ad alta intensità è un tipo di trading chiamato appuntoHigh frequency trading (HFT). L’identificazione delle opportunità di trading avviene attraverso l’utilizzo di algoritmi. Le banche, le altre istituzioni finanziarie e gli investitori istituzionali sono utenti comuni del High frequency trading (HFT).

Questa soluzione rende possibile a queste entità la capacità di condurre enormi lotti di operazioni in tempi brevi. Il fatto che tutto sia automatizzato rende il trading più semplice. L’High frequency trading (HFT) conferisce liquidità al mercato.Tuttavia, può portare a cambiamenti significativi nel mercato ed elimina l’elemento dell’interazione umana dall’equazione.

Le strategie di High frequency trading (HFT) sono utilizzate nel mercato delle criptovalute?

Si, senza ombra di dubbio, il High frequency trading (HFT) è qualcosa che ha luogo nel mercato dei bitcoin. Funziona come il High frequency trading (HFT) in altri mercati. Attraverso l’utilizzo di algoritmi, esegue un’analisi dei dati crittografici e consente di eseguire un numero elevato di operazioni simultaneamente in un breve periodo di tempo, tipicamente in pochi secondi.

A che velocità avviene un’operazione di High frequency trading (HFT)?

Il High frequency trading (HFT) è un processo rapido. Può avvenire in appena dieci millisecondi. Ci sono situazioni in cui il costo dell’esecuzione di un gran numero di operazioni può essere significativamente inferiore.

Conclusioni

Un gran numero di aspetti dell’attività finanziaria, compreso il mondo del trading, ha potuto progredire grazie ai progressi tecnologici.Grazie ai computer e agli algoritmi, oggi è molto più semplice individuare le opportunità e il trading è diventato molto più efficiente. Il High frequency trading (HFT) consente a importanti organizzazioni di trading di eseguire ordini di grandi dimensioni in tempi molto brevi.

Nonostante la semplificazione, il High frequency trading (HFT) (e altre forme di trading algoritmico) presenta alcuni aspetti negativi. Uno di questi è il rischio di generare movimenti di mercato massicci, come quello che si è verificato nel 2010, quando il Dow ha subito un significativo calo intraday.

 

*NB: Le riflessioni e le analisi condivise sono da intendere ad esclusivo scopo divulgativo. Quanto esposto non vuole quindi essere un consiglio finanziario o di investimento e non va interpretato come tale. Ricorda sempre che le scelte riguardo i propri capitali di rischio devono essere frutto di ricerche e analisi personali. L’invito è pertanto quello di fare sempre le proprie ricerche in autonomia.