L’Arbitraggio nel Forex è un approccio profittevole?

Quando si tratta di investire in valuta estera, l’approccio chiamato arbitraggio consente ai trader di ottenere guadagni acquistando e vendendo simultaneamente uno strumento, una merce o una valuta identici su due piazze di mercato distinte.

L’arbitraggio offre ai trader l’opportunità di trarre profitto dalla disparità dei prezzi che esistono per lo stesso articolo nelle due diverse aree che si trovano su ciascun lato della situazione di trading.

arbitraggio forex
Adobe Stock

L’acquisto di un titolo in un mercato e la sua contemporanea vendita in un altro mercato a un prezzo maggiore è un esempio di arbitraggio. I partecipanti al mercato sono in grado di ottenere profitti grazie al differenziale di prezzo momentaneo che esiste tra i due mercati per lo stesso bene, ad esempio in aree geografiche o in piattaforme di scambio o broker differenti.

I trader di solito cercano di sfruttare l’opportunità di arbitraggio acquistando un titolo su una borsa estera dove il prezzo dell’azione non è ancora stato modificato per tenere conto del tasso di cambio variabile. Un’operazione che coinvolge l’arbitraggio è considerata un’attività generalmente a basso rischio.

Per una guida completa alle stock, cosa sono e come si negoziano le azioni sui mercati, quali rischi e opportunità comportano e come possiamo partire con il piede giusto evitando gli errori più frequenti, corri a leggere la nostra guida:
Cosa sono le azioni: guida al trading nello stock market

Cos’è l’arbitraggio

Il termine “arbitraggio” si riferisce alla pratica di acquistare un titolo in un mercato e poi venderlo in un altro mercato a un prezzo più alto. In questo modo gli investitori possono beneficiare della differenza momentanea del costo per azione dell’attività. Un’ampia varietà di mercati, tra cui quelli per la negoziazione di azioni e quelli per la negoziazione di valute, sono adatti all’uso del metodo dell’arbitraggio.

Acquistando un’azione su una borsa estera dove il prezzo dell’azione non si è ancora adeguato al tasso di cambio, che è in continuo movimento, i trader sono in grado di sfruttare le possibilità di arbitraggio nel mercato azionario. Un confronto tra il prezzo dell’azione sulla borsa locale e quello sulla borsa internazionale rivela che il prezzo della borsa estera è significativamente più basso. Il trader è in grado di trarre vantaggio da questa disparità.

Un’operazione di arbitraggio è una transazione relativamente semplice che si ritiene abbia un basso livello di rischio, nonostante possa sembrare a un principiante una transazione sofisticata.

Un esempio di arbitraggio

Prendiamo in considerazione il seguente esempio di arbitraggio:

TD Bank (TD) è un istituto finanziario che viene negoziato alla Borsa di New York (NYSE) e alla Borsa di Toronto (TSX). Supponiamo innanzitutto che il titolo sia negoziato alla Borsa di Toronto (TSX) a 63,50 dollari canadesi e alla Borsa di New York (NYSE) a 47,00 dollari statunitensi. Supponiamo poi che il tasso di cambio tra il dollaro statunitense e il dollaro canadese sia di 1,37 dollari, il che significa che un dollaro negli Stati Uniti equivale a 1,37 dollari in Canada. Ne consegue che il prezzo dell’azione di 47 dollari USA dovrebbe equivalere a 64,39 dollari CAD alla Borsa di Toronto (TSX) se utilizziamo i prezzi delle azioni delle due piazze. Non è così: il prezzo offerto ora sul mercato di Toronto è inferiore.

La situazione è tale che un trader può acquistare azioni TD sulla Borsa di Toronto (TSX) a 63,50 dollari canadesi e poi vendere lo stesso bene sulla Borsa di New York (NYSE) a 47,00 dollari statunitensi. Tenendo conto del tasso di cambio attuale, il valore di ciascuna azione dovrebbe essere paragonabile a 64,39 dollari canadesi. Per questa particolare operazione, il trader ha ottenuto un profitto di 0,89 dollari per azione, pari a 64,39 dollari meno 63,50 dollari.

Attenzione ai costi delle transazioni

Quando si valutano le prospettive di arbitraggio, è essenziale tenere conto dei costi di transazione. Se questi costi sono eccessivamente elevati, annulleranno i benefici che potrebbero derivare dalle transazioni in questione. A titolo di esempio, nello scenario descritto in precedenza, gli eventuali profitti verrebbero vanificati se il costo di negoziazione per azione fosse superiore a 0,89 dollari in media.

Considerando che le differenze di prezzo tra le piazze di mercato sono spesso di entità trascurabile, le tattiche di arbitraggio sono applicabili solo agli investitori che dispongono di ingenti patrimoni da investire in una singola operazione o transazione.

Come funziona l’arbitraggio

L’arbitraggio è la pratica di acquistare e vendere simultaneamente lo stesso articolo o un articolo comparabile in diverse piazze di mercato, al fine di trarre profitto dalle fluttuazioni del prezzo quotato dell’asset a distanza di pochi secondi. L’arbitraggio sfrutta le fluttuazioni a breve termine dei prezzi di strumenti finanziari uguali o comparabili in diversi mercati o in una varietà di formati. L’esistenza dell’arbitraggio può essere attribuita alle inefficienze esistenti nel mercato e serve sia a sfruttare che a risolvere tali inefficienze.

In sintesi:

  • L’arbitraggio si riferisce alla pratica di acquistare e vendere simultaneamente un articolo in diversi mercati, al fine di trarre vantaggio dalle minime variazioni di prezzo tra tali mercati. Gli scambi di azioni, materie prime e valute sono tutti esempi di operazioni di arbitraggio.
  • Per trarre profitto dalle inevitabili inefficienze che esistono nei mercati, si ricorre all’arbitraggio.L’atto di arbitraggio, d’altra parte, avvicina i mercati all’efficienza sfruttando le inefficienze delle condizioni di mercato.
  • Quando un’azione, una merce o una valuta possono essere acquistate in un mercato a un determinato prezzo e contemporaneamente vendute in un altro mercato a un prezzo maggiore, si può ricorrere all’arbitraggio.
  • L’arbitraggio può essere utilizzato in qualsiasi situazione in cui ciò sia possibile.In queste circostanze, il trader ha la possibilità di ottenere un profitto senza correre alcun rischio.

Guadagnare tramite l’arbitraggio sui mercati

La pratica dell’arbitraggio offre una tecnica che può essere utilizzata per garantire che i prezzi non fluttuino significativamente dal loro valore equo per lunghi periodi di tempo. Grazie agli sviluppi della tecnologia, oggi è incredibilmente difficile trarre profitto dagli errori dei prezzi sul mercato.

Un numero significativo di trader dispone di sistemi di trading automatizzati configurati per seguire le variazioni di strumenti finanziari comparabili. Nella maggior parte dei casi, qualsiasi configurazione di prezzo inefficiente viene prontamente affrontata e l’opportunità viene eliminata, a volte in pochi secondi.

Esempi da considerare

Un chiaro esempio di arbitraggio è il seguente:

Il titolo dell’azienda X è attualmente quotato a 20 dollari alla Borsa di New York (NYSE). Ma allo stesso tempo è quotato a 20,05 dollari alla Borsa di Londra (LSE). Entrambi i prezzi vengono registrati contemporaneamente.

Un trader può ottenere un profitto di cinque centesimi per azione acquistando il titolo alla Borsa di New York (NYSE) e vendendo immediatamente le stesse azioni alla Borsa di Londra (LSE). Questo arbitraggio può essere sfruttato dal trader fino a quando gli esperti del New York Stock Exchange (NYSE) non esauriscono le scorte di azioni della società X, oppure fino a quando gli specialisti del New York Stock Exchange (NYSE) o del London Stock Exchange (LSE) non modificano i loro prezzi per eliminare l’opportunità.

Quando si parla di arbitraggio, ne esistono diversi tipi, alcuni dei quali sono il rischio, il retail, il convertibile, il negativo, lo statistico e il triangolare.

Un esempio di arbitraggio più complesso

Un esempio più complesso può essere visto nei mercati dei cambi o delle valute, dove viene utilizzato l’arbitraggio triangolare. Questo particolare scenario prevede che il trader converta una valuta in un’altra, poi converta la seconda valuta in una terza banca e infine riconverta la terza valuta nella valuta stabilita inizialmente.

Supponiamo di avere un milione di dollari e di avere a disposizione i seguenti tassi di conversione: dollaro/euro pari a 1,1586, sterlina/sterlina pari a 1,4600 e dollaro/sterlina pari a 1,6939. I tassi di cambio attuali offrono un’opportunità di arbitraggio, che è la seguente:

  • Acquistare euro vendendo dollari: 1 milione di dollari moltiplicato per 1,1586 è pari a 863.110 euro.
  • Scambio euro per sterline: 863.100 euro moltiplicati per 1,4600 equivalgono a 591.171 sterline
  • Acquistare sterline in cambio di dollari vendendo:La somma di 591.171 sterline moltiplicata per 1,6939 equivale a 1.001.384 dollari.
  • Per arrivare alla somma finale, dedurre l’investimento iniziale dal totale: 1.384$ è uguale a 1.000.000$ meno 1.001.384$.In base all’ipotesi che non ci siano commissioni o tasse sulle transazioni, si otterrebbe un profitto di 1.384 dollari da questi scambi attraverso l’arbitraggio.
Alphanomics
Adobe Stock

Per una guida completa alla scelta del broker più sicuro e adatto alle proprie esigenze e strategie, oltre ai parametri vitali da valutare nella scelta, corri a leggere il nostro articolo:
Come scegliere il broker per il trading sullo stock market: guida per il 2023

Qual è il processo dietro l’arbitraggio

L’arbitraggio è una forma di trading che sfrutta le minime differenze di prezzo esistenti tra attività identiche o molto simili in due o più mercati. Un trader che si dedica all’arbitraggio acquisterà un’attività in un mercato e poi la venderà contemporaneamente in un altro mercato, al fine di trarre profitto dalla differenza di prezzo tra i due mercati. Esistono altre alternative più sofisticate in questo scenario, ma tutte dipendono dall’individuazione di “inefficienze” nel mercato commerciale.

Le persone che si dedicano al trading di arbitraggio sono chiamate arbitraggisti e lavorano in genere per grandi organizzazioni finanziarie.Nella maggior parte dei casi, si tratta di negoziare una quantità significativa di denaro e le possibilità che si presentano in una frazione di secondo possono essere riconosciute e agite solo con l’aiuto di algoritmi molto sofisticati.

Qual è il senso dell’arbitraggio?

Mentre i trader di arbitraggio lavorano per aumentare i loro profitti, lavorano anche per migliorare l’efficienza dei mercati finanziari. Sono in grado di ridurre le discrepanze di prezzo tra attività identiche o comparabili mentre continuano ad acquistare e vendere.Mentre gli asset con prezzi più alti vengono venduti, quelli con prezzi più bassi vengono fatti salire di prezzo.In questo modo, l’arbitraggio contribuisce a eliminare le inefficienze nei prezzi del mercato e ad aumentare la quantità di liquidità disponibile sul mercato.

L’arbitraggio è uno scenario in cui si è in grado di acquistare e vendere contemporaneamente lo stesso bene o attività comparabile a prezzi diversi, ottenendo un profitto privo di rischi.

Secondo la teoria economica, l’arbitraggio non dovrebbe avere luogo poiché, se i mercati sono efficienti, non ci sarebbe la possibilità di trarre vantaggio dall’arbitraggio.Tuttavia, nel mondo reale, i mercati possono anche essere inefficienti e l’arbitraggio può avere luogo. Gli arbitraggisti, invece, cercano di riportare i prezzi in linea con l’efficienza del mercato quando scoprono e poi correggono prezzi errati di questo tipo (acquistandoli a un prezzo basso e vendendoli a uno alto). Il risultato è che le possibilità di arbitraggio che si presentano sono disponibili solo per un periodo di tempo limitato. Esiste un gran numero di metodi di arbitraggio diversi, alcuni dei quali includono intricate interrelazioni tra vari asset o titoli.

Domande frequenti

L’arbitraggio è una pratica legale?

Per rispondere alla domanda, sì, l’arbitrggio è legale negli Stati Uniti. Il fatto che questo tipo di trading generi liquidità e favorisca l’efficienza del mercato individuando le disparità di prezzo e incoraggiando la convergenza dei prezzi è uno dei motivi per cui molti investitori lo apprezzano.

L’arbitraggio comporta dei rischi?

L’arbitraggio può comportare perdite monetarie. Anche se l’arbitraggio puro non dovrebbe comportare alcun rischio e nonostante il fatto che le discrepanze di prezzo siano spesso minime, l’arbitraggio presenta comunque alcune limitazioni. I trader continuano a essere esposti ai rischi associati all’esecuzione, alla controparte e alla liquidità durante le operazioni di trading.

Cosa caratterizza l’arbitraggio come attività a basso rischio?

L’arbitraggio puro e “da manuale” è considerato a rischio minimo (o forse nullo), poiché non richiede denaro aggiuntivo; consiste semplicemente nell’acquistare in un mercato e vendere in un altro. Poiché la differenza di prezzo è minima, anche la somma di denaro spesso in gioco è piuttosto ridotta. Al contrario, l’arbitraggio nel mondo reale comporta in genere operazioni di grande volume, leva finanziaria, cambiamenti di tempistica e altri elementi che aumentano il rischio. L’arbitraggio può coinvolgere anche altre strategie di trading.

Conclusioni

La definizione convenzionale di arbitraggio è la pratica di acquistare e vendere azioni, materie prime o valute su diversi mercati per trarre vantaggio dalle inevitabili fluttuazioni di prezzo che si verificano tra questi mercati minuto per minuto.

D’altra parte, il termine “arbitraggio” viene occasionalmente utilizzato anche per indicare altri tipi di operazioni di trading. Nel mondo degli hedge fund, un metodo piuttosto popolare è quello dell’arbitraggio sulle fusioni. Questo approccio prevede l’acquisto di azioni di aziende prima dell’annuncio o della previsione di una fusione.

Se tutti i mercati fossero pienamente efficienti e non esistesse il mercato dei cambi, non ci sarebbero altre possibilità di arbitraggio.I trader di arbitraggio, invece, hanno una moltitudine di possibilità di trarre vantaggio dalle differenze di prezzo, poiché i mercati sono raramente impeccabili.