Pensioni e Reddito di cittadinanza nella bufera: le ipotesi da incubo

Una vera e propria rivoluzione potrebbe presto travolgere coloro i quali risultano interessati a determinate dinamiche.

soldi banconote
Soldi (Adobe)

Tutto gira intorno al denaro piaccia o meno. E’ il motore che rende possibile ogni cosa, che la si veda in un modo oppure in un altro, che si parli di pensioni, di lavoro o di qualsiasi altra azione migliorativa atta a rendere più agibile, per cosi dire, la vita dei cittadini, da parte di un Governo, il tutto gravita sempre e comunque intorno al denaro. Ciò che potrebbe succedere, però, da qui a qualche mese, potrebbe non del tutto piacere ai cittadini italiani interessati. Una vera e propria rivoluzione potrebbe, di fatto, travolgere ogni cosa.

L’ultimo rapporto dell’Ocse riguardante il nostro paese ha evidenziato tre dinamiche in qualche modo considerate delicate. Le pensioni, il lavoro ed il reddito di cittadinanza. In tutte e tre i casi abbiamo a che fare con situazioni, fenomeni, se cosi possiamo intenderli derivanti da una precisa visione politica, di conseguenza va detto che in certi ambiti ogni cosa potrebbe essere modificata, o magari riportata ad una precedente visione, come nel caso di lavoro e pensioni. Per quel che riguarda invece il reddito di cittadinanza la situazione appare molto più complessa.

L’Ocse, conseguentemente al rapporto in cui ha preso in considerazione gli aspetti che in qualche modo caratterizzano la situazione italiana, ha anche provveduto a fornire una serie i indicazioni per fare in modo che l’esecutivo attualmente in carica possa intervenire per migliorare, secondo il suo punto di vista, la situazione generale. Di seguito riportiamo gli spunti forniti, in merito alle situazioni di cui sopra, dalla stessa Ocse:

  • Pensioni: Al centro della discussione Ocse troviamo le  pensioni di reversibilità, Opzione Donna e Quota 100: In merito a quest’ultima opzione il consiglio è quello di terminare il progetto alla fine dell’anno in corso. La cancellazione, inoltre, di Opzione donna, ed una serie di modifiche strutturali in merito alla concezione della pensione di reversibilità completano il quadro degli interventi suggeriti.
  • Reddito di cittadinanza: In merito a quest’iniziativa promossa dal primo Governo Conte, l’Ocse segnala l’esiguo numero di persone che grazie ad essa hanno realmente trovato lavoro. A questo punto, si consiglia, sarebbe opportuno abbassare le soglie di indennizzo da parte dello Stato per consentire agli interessati di provvedere con maggiore assiduità e decisione alla ricerca di una occupazione stabile.
  • Casa: Aumentare la tassazione sulla proprietà, questo consiglia l’Ocse per fare in modo che per i lavoratori di conseguenza si riduca la pressione fiscale.

LEGGI ANCHE >>> Pensioni, a settembre in arrivo i bonus: chi ne avrà diritto

Tutto potrebbe, insomma, essere in discussione. In questo caso, i mesi che verranno potranno essere davvero decisivi per il futuro di una particolare visione delle cose che finora è apparsa indubbiamente dominante.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *