Fortinet, come la cybersicurezza entra in sinergia con i trend socioeconomici

Fortinet è una società di cybersicurezza leader nel suo settore che ha recentemente affidato la guida del comparto italiano al manager Massimo Palermo.

riservatezza dati

Fortinet con sede in California è stata fondata nel 2000 da Ken Xie e ha oggi uffici in tutto il mondo.

Laureato in Economia presso l’Università La Sapienza di Roma, ha conseguito l’Executive Mba presso l’Università Bocconi di Milano. È stato anche referente associato in Confindustria digitale nello Steering committee piattaforme di filiera e digitalizzazione Pmi.

Negli ultimi anni Massimo Palermo è stato Regional sales director di Avaya Italia, quindi ha ricoperto il ruolo di Country manager & managing director di Avaya Italia e delle legal entities dell’area Southern East Europe e Grecia. Ha iniziato la sua carriera in Peregrine systems e in Hewlett-Packard, dove ha ricoperto con successo diverse posizioni manageriali in varie divisioni, fino ad arrivare a ricoprire il ruolo di Sales director top sales & services partners per il canale Emea.

Massimo Palermo con un’esperienza ventennale in ambito tecnologie dell’informazione, ha oggi il compito di realizzare gli obbiettivi patrimoniali in uno dei mercati più competitivi.

Il contesto operativo di Fortinet

La presenza dell’azienda nel mercato tecnologico si pone l’obbiettivo di superare la concorrenza proteggendo le imprese, le istituzioni pubbliche, i governi e l’economia digitale dal cybercrimine.

In uno spazio quotidiano in cui non c’è più separazione tra la dimensione offline e quella virtuale, la realtà circostante e il nostro modo di vivere è sempre più esposto agli effetti di un potenziale attacco informatico. In questo contesto il cybercrimine diventa un’attività illecita sempre più remunerativa. DI conseguenza le misure atte proteggere gli asset creano un indotto che è occasione di profitto per le aziende come Fortinet.

Paesi come Regno Unito, Stati Uniti, Francia, Giappone, indicano un incremento del 50% della spesa delle aziende atte a proteggersi dagli attacchi e dai guasti tecnici. Queste sono cresciute dal 2018 fino a oggi per un aumento maggiore del 300%.

Tra i settori più colpiti dagli attacchi informatici c’è quello della sanità privata, seguita dal settore governativo. Questo risulta tra i più preparati a livello globale a prevenire incidenti di natura informatica.

Anche l’Italia si è preparata alla gestione di attacchi più o meno sistematici, compresa la possibilità del terrorismo informatico. Questo sarà tanto più probabile tanto più la nostra società proseguirà nel processo di interconnessione tra il settore produttivo e dei servizi con la rete. Il Consiglio dei Ministri italiano ha recentemente costituito l’ACN, l’Agenzia per la cybersicurezza nazionale. Quest’ultima opererà sotto la responsabilità del Presidente del Consiglio e delle autorità competenti in materia e si occuperà di tutto ciò che riguarda la cybersecurity.

LEGGI ANCHE >>> Cybersicurezza: due aziende promettenti in cui investire

Il ruolo di Massimo Palermo nel settore della cibersicurezza.

In questo scenario Fortinet Italy affidata al suo country manager Massimo Palermo, mette in atto strategie atte a supportare la crescita e l’innovazione dei suoi servizi. La difesa delle infrastrutture informatiche parte dagli strumenti più semplici come firewall, antivirus e anti spam rilasciati dall’azienda a partire dal 2002.

Da più di vent’anni il mondo del software ha cominciato a sentire l’esigenza di integrare i propri servizi a strumenti di sicurezza. Oggi la tendenza è rimasta invariata ed è anzi più diffusa la sensazione di un maggiore pericolo rispetto al passato sulle nostre attività economiche. Il settore aziendale così come quello della pubblica amministrazione si stanno rapidamente evolvendo. Aumenta l’utilizzo del cloud computing e dei servizi forniti via Internet, che richiedono soluzioni specifiche per mantenere i dati al sicuro.

Per avere un termine di paragone della tendenza straordinaria basti pensare che mentre le aziende e le organizzazioni tagliavano la produzione e i costi durante il 2020, Fortinet ha avuto una crescita a doppia cifra. L’azienda ha chiuso l’anno con un incremento del fatturato del 16%. Gli asset tecnologici sono una particolare categoria le cui prestazioni sono continuamente esposte ai limiti della loro innovazione. Per questo motivo Fortinet può fare di ogni nuovo progresso tecnologico un’occasione di profitto, aiutando con nuove soluzioni i suoi clienti a mantenere al sicuro le proprie infrastrutture.

Fortinet offre prodotti per la protezione avanzata della rete e del suo contenuto nonché per la sicurezza degli accessi. La società offre un sistema integrato, il Fortinet Security Fabric, che può prevenire e gestire gli attacchi con una tecnologia basata sull’intelligenza artificiale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *