I metodi degli hacker per rubare le tue criptovalute: ecco come difenderti

Se hai avuto l’abilità o la fortuna di riuscire a ottenere un piccolo patrimonio con le criptovalute, hai probabilmente la necessità di sapere quali sono i modi per proteggerlo al meglio.

Truffa internet

Il modo migliore per evitare di perdere il capitale frutto dell’investimento in criptovalute, è evitare il più possibile di affidarsi a terze parti, mantenendo un alto grado di controllo sul tuo deposito o sul tuo portafoglio, occupandoti personalmente della sua protezione.

Esistono due tipi di eventi che possono mettere in pericolo le tue criptovalute:

  • La prima, più frequente, è la perdita di valore a causa del mancato tempismo o di un errata scelta di investimento,
  • La seconda meno frequente ma più insidiosa, è quella di venire derubati o perdere il proprio capitale a causa di un problema tecnico o di un disservizio, hardware o software.

Quali sono i modi sicuri per conservare le criptovalute?

I servizi che permettono di custodire le proprie criptovalute sono detti wallet, il termine in inglese indica semplicemente un portafoglio, ma nel caso specifico questi particolari portafogli permettono di archiviare e custodire le criptovalute con due diversi sistemi.

  • Hot wallet: un portafoglio connesso a Internet che può essere consultato in qualsiasi momento tramite la connessione al servizio, permette facilmente di accedere alle operazioni per trasferire il denaro sul proprio conto o da un conto all’altro. Tra questi ci sono i wallet cloud costituiti da un servizio di archiviazione dati online, come un software o un exchange come Coinbase, tramite il quale è possibile accedere ai fondi da qualsiasi computer o dispositivo.
  • Cold wallet: un portafoglio offline, generalmente più sicuro di un portafoglio connesso alla rete ma meno pratico. Questo genere di wallet consente la sola archiviazione, ma non il trasferimento diretto dei valori da un portafoglio all’altro, tra questi vi sono gli hard wallet ovvero portafogli hardware, sotto forma di hard disk esterni o chiavette usb, paper wallet, portafogli cartacei, sul quale è stampata la chiave pubblica e la chiave privata.

In ogni tipologia di wallet vi sono infatti due codici d’accesso, che permettono rispettivamente di ricevere le criptovalute e di inviarle o comunque disporre a piacimento del vostro saldo.

In sintesi la variabile più importante che può determinare la scelta tra i due sistemi, è la necessità o meno di spostare frequentemente il vostro capitale in criptovalute o utilizzarlo per fare acquisti. Il vantaggio maggiore in questo caso è offerto dal hot wallet, il portafoglio caldo, chiamato così proprio per il fatto che permette comodamente di essere utilizzato attivamente per tutte le operazioni in entrata e in uscita. Diversamente se avete semplicemente bisogno di conservare a lungo termine le vostre criptovalute, un po’ come in una cassaforte, il cold wallet risulta essere quello più sicuro e vantaggioso.

LEGGI ANCHE>> Hacker paralizzano la città, il riscatto in Bitcoin

Come faccio a proteggere le criptovalute nel mio wallet?

Se hai deciso di custodire le tue criptovalute affidandoti a un hot wallet, il miglior modo per assicurarti di scegliere al meglio il servizio al quale affidare il capitale, è che abbia i necessari standard di sicurezza. Tra questi le cose più importanti da verificare sono;

  • come sono conservati i fondi
  • se esiste o meno un servizio di assicurazione per le criptovalute e i depositi
  • che tipo di responsabilità prevede il servizio in caso di furto o smarrimento
  • quali sono i protocolli crittografici utilizzati
  • dove sono custodite le criptovalute, se sono custodite in paesi differenti, o vengono utilizzati servizi di terze parti per la loro custodia
  • se esistono dei backup sicuri degli archivi digitali.

Un ulteriore modo per rendervi responsabili della sicurezza del vostro wallet è quello cercare di tenere offline per quanto possibile le vostre chiavi e i vostri dati di accesso, e naturalmente di creare una password sufficientemente complessa, composta da lettere maiuscole e minuscole, numeri e caratteri speciali, evitando che troppi caratteri di seguito si ripetano tra loro, con una lunghezza che sia almeno tra i dodici e i sedici caratteri.

LEGGI ANCHE>> Criptovalute, cambia tutto: cosa c’è da sapere

Come evitare di essere vittima di una truffa o di un hacker

I modi per contribuire alla propria sicurezza sono tanto elementari, quanto complessi i meccanismi con i quali una truffa può riuscire a celarsi dietro dei sistemi apparentemente innocui. Per divenirne consapevoli, ecco i sistemi più frequenti a cui fare attenzione per evitare di essere ingannati.

Il modo migliore per evitare di cadere vittima di una truffa, è quello di fare molta attenzione quando navigate su internet ai siti malevoli e metodi di phishing. Questi infatti sono i metodo più comuni con i quali si può venire derubati. Il vostro computer o il vostro smartphone possono essere esposti ad applicazioni o siti malevoli, per esempio:

  • Un sito web o un’applicazione che imita esteticamente o ha lo stesso nome dell’applicazione o del sito ufficiale al quale vi affidate per depositare le vostre criptovalute. Gli hacker sono in grado di pubblicare applicazioni false, che si spacciano per wallet, come applicazioni di trading o altre che imitano applicazioni realmente esistenti, come quelle degli di exchange, al fine di rubare i tuoi dati d’accesso una volta che li avrai digitati.
  • Quando navigate su internet state attenti che l’indirizzo al quale vi state connettendo sia quello corretto, cercate di scaricare meno estensioni possibili e affidavi soltanto a quelle che ritenete veramente sicure, controllate che vi siano un numero adeguato di recensioni, anche queste infatti possono essere falsificate.
  • Esistono anche applicazioni malevoli in grado di sostituire l’indirizzo durante l’operazione di copia e incolla, portandovi in un sito differente che tenterà di farvi inserire le chiavi private del wallet. Lo stesso sistema può essere utilizzato attraverso email o messaggi che vi invitano con le scuse più diverse ad accedere al vostro account e al vostro portafoglio.
  • Fai attenzione a chi distribuisce criptovalute gratis, alcune volte titolari di criptovalute esistenti o che si preparano a essere lanciate sul mercato, utilizzano a scopi pubblicitari la distribuzione dei loro token per coinvolgere quanti più utenti possibili nel loro progetto, fai attenzione a quando ti registri sul loro sito e utilizzi il tuo portafoglio per riceverli, in alcuni casi potrebbe essere una truffa e le tue chiavi di accesso potrebbero essere rubate.

L’ultimo consiglio è quello di diversificare i propri fondi custodendoli su diversi wallet. Così anche il vostro investimento, mantenendo una parte delle criptovalute su asset che non sono totalmente correlati al Bitcoin: tra questi per esempio le stablecoin, legate al prezzo del dollaro, dell’euro o dell’oro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *