Criptovalute: come averle gratis senza fare nulla, metodo sicuro

La piattaforma nata nel 2012 da un’idea imprenditoriale di Brian Armstrong e Fred Ehrsam è stata tra le prime a offrire un servizio di conversione delle criptovalute.

Coinbase (Adobe Stock)

La finanza decentralizzata e i valori digitali come le criptovalute, hanno visto crescere in modo esponenziale la loro popolarità e di conseguenza il bacino d’utenza delle piattaforme che consentono di acquistare e vendere criptomoneta. È questo che ti permette di fare normalmente un exchange.

Con 56 milioni di utenti e almeno 55 criptovalute accessibili, negli ultimi anni Coinbase ha registrato una crescita record degli utenti attivi, interessati ad acquistare e vendere criptovalute, come BitcoinEthereumBinance coin, Ripple, Dogecoin e tante altre ancora.

Cos’è un wallet, ciò che serve per iniziare a convertire i tuoi euro

Il termine wallet in inglese indica semplicemente un portafoglio, in questo caso specifico si tratta del primo strumento di cui necessitiamo per conservare e quindi utilizzare le criptovalute. Il wallet inteso in questo senso è un software o un hardware grazie al quale possiamo custodire le criptovalute che abbiamo acquistato. A differenza dei portafogli tradizionali o di un conto bancario, è che esso può essere installato su computer o smartphone e permette, senza che nessun dato debba essere salvato sul vostro device, di gestire autonomamente il proprio conto, che farà affidamento unicamente alle transazioni memorizzate nella blockchain.

Ogni wallet si distingue dagli altri per un indirizzo personale, formato in modo simile a un IBAN da un codice alfanumerico personale identificativo, che può essere rappresentato anche sotto forma di codice QR, tramite il quale è possibile ricevere e inviare criptovalute, non chè controllare il saldo e le transazioni effettuate.

Esistono diversi modi per ottenere un wallet. Oltre infatti alla versione desktop,  molto comoda da installare e mantenere nel computer o su altri tipi di supporti come i tablet o gli smartphone, ma vulnerabile ad attacchi informatici, esistono i wallet fisici, hardware dall’aspetto di hard disk esterni o pendrive, sui quali è possibile conservare con la massima sicurezza, senza che il portafoglio sia esposto alla vulnerabilità delle rete internet, le tue criptovalute.

La versione che offre forse i maggiori vantaggi, con caratteristiche a metà tra le due precedenti tipologie di wallet, sono i web wallet, similmente ai conti correnti che possono essere gestiti per mezzo del sito della vostra banca, gli exchange di criptovalute come Coinbase, generano automaticamente al momento dell’iscrizione un wallet, su cui detenere le proprie criptovalute, con la sicurezza della presa in carico e quindi della responsabilità della società, che per mezzo dell’accesso tramite le proprie credenziali permette di effettuare tutti i generi di transazioni sull’exchange o verso altri wallet.

Tre modi per guadagnare usando Coinbase

La prima caratteristica per la quale Coinbase è cresciuta negli anni è la sua capacità di generare fiducia tra gli utenti e rendere trasparenti le quotazioni nonché sicuro il suo utilizzo. Con l’aumentare della liquidità delle criptovalute e i sempre più frequenti depositi, hanno saputo attrarre quegli investitori propensi al rischio, data l’alta volatilità dei prezzi e rendimenti esponenziali. Con un’utenza divenuta negli anni sempre più consapevole e vicina, nel suo approccio alle criptovalute, ai profili di investimento professionale, si è creata la necessità di un servizio che permettesse di agevolare chi faceva di Coinbase una piattaforma per il trading sulle criptovalute.

Coinbase Pro è il servizio che ti permette di investire e fare un vero e proprio trading, con commissioni ridotte rispetto a quelle applicate sugli scambi del servizio Coinbase classico. Tramite Coinbase Pro è possibile accedere a un servizio professionale di grafici con quotazioni in tempo reale e riuscire a fare un’attenta analisi dei volumi consultando il book degli ordini. In questo modo è possibile avvantaggiarsi nell’acquisto o nella vendita delle criptovalute, sfruttando con il massimo tempismo le loro oscillazioni di prezzo.

Grazie al book, invece, vedremo in tempo reale l’entità, il livello di prezzo e la posizione long o short degli ordini che vengono posti a mercato da parte dei partecipanti, compresi ovviamente quelle operazioni che riguardano i portafogli di coloro che stanno semplicemente effettuando una conversione tra valute, per mezzo del sito.

LEGGI ANCHE>> Coinbase si prende Wall Street, le criptovalute volano

Come funziona davvero il trading sulle criptovalute?

Ogni transazione è effettuata a partire dalla scelta di una coppia rappresentata per mezzo di un rapporto, per esempio BTC/USD, con al numeratore la valuta base, detta anche valuta certa perché è quella che corrisponde a un unita base della valuta di riferimento, in questo caso 1 Bitcoin. Al denominatore c’è invece la valuta quotata, il dollaro, quella di cui infatti possiamo leggere il valore quando osserviamo l’evoluzione dell’andamento del Bitcoin. Similmente a quanto avviene nei mercati più tradizionali come il FOREX dove vengono scambiate tra loro le valute internazionali.

trading bitcoin

Per mezzo dei servizi di trading sulle criptovalute è possibile di entrare a mercato in modo diretto, in base al prezzo quotato, oppure per mezzo di ordini pendenti su livelli di prezzo futuri in acquisto o in vendita, come gli ordini limit e gli ordini stop.

Questa soluzione è più vantaggiosa per chi non ha intenzione di mantenere le proprie criptovalute investite a tempo indeterminato o comunque a lungo termine, avvantaggiando quindi chi compie diverse operazioni all’interno della stessa giornata, in modo da compensare con i maggiori guadagni dovuti all’arbitraggio delle differenze di prezzo, i costi dovuti alle commissioni.

Un altro modo per guadagnare e cercare di proteggere allo stesso tempo il proprio capitale è quello di fare trading acquistando una stablecoin, ovvero una criptovaluta il cui valore replica fedelmente il prezzo di una valuta nazionale, come ad esempio USD Coin, il cui valore esprime fedelmente il valore del dollaro. Questo permette di proteggersi dal rischio cambio mantenendo al contempo tutti i vantaggi di avere in portafoglio una criptovaluta, che può essere mantenuta su un conto, senza costi, facilmente riconvertita o utilizzata per fare acquisti.

Quanto costa fare trading sulle criptovalute?

A ogni transazione effettuata viene applicata una commissione. Sul servizio di trading di Coinbase Pro questa equivale allo 0,5%, che vengono decurtati dal saldo sia al momento di apertura della posizione sia nel momento della sua chiusura.

Altri costi sono invece rappresentati dalle commissioni fisse, che in base alla grandezza delle transazioni possono variare da 1,49 euro se l’importo è compreso tra 10 e 25 euro, fino ai 3 euro se il valore della transazione è compreso tra i 50 e 200 euro.

Vi sono tuttavia altri costi associati, come lo spread. Esiste infatti una differenza minima, che può accrescersi in momenti di particolare volatilità del mercato, tra il prezzo proposto di acquisto e quello di vendita, a causa del fatto che non esiste una quotazione ufficiale delle criptovalute ufficiale valida per tutti.

Lo slippage è un altro costo eventuale da prendere in considerazione. Nonostante tutti i requisiti di professionalità di cui un servizio di trading è in grado di dotarsi, c’è sempre la possibilità che un ordine venga eseguito a un prezzo diverso da quello al quale lo abbiamo effettuato, soprattutto su strumenti come le criptovalute, particolarmente volatili e con una liquidità ridotta.

Il vantaggio del trading intraday sulle criptovalute utilizzando un exchange, è il fatto che non è necessario aprire un conto di trading, essendo sufficiente utilizzare il proprio wallet. Inoltre si può disporre di una varietà molto ampia di criptovalute da scambiare, acquistare e detenere in modo diretto, senza avere in portafoglio un derivato. Viceversa se si vuole avere accesso a strumenti di analisi più professionali è più indicato rivolgersi a un broker, tramite il quale è possibile acquistare i CFD ad esempio su Bitcoin, Ethereum e Ripple

Oltre Coinbase Pro, i migliori exchange sui quale è possibile fare trading sulle criptovalute, classificati in base all’ammontare delle transazioni che vengono effettuate, quindi in relazione alla licquidita e affidabilità delle informazioni sui volumi scambiati, sono: Binance, Huobi Global, Kraken.

LEGGI ANCHE>> Criptovalute, quali scegliere? Le più ambite e scambiate sul mercato

Come ottenere criptovalute gratis su Coinbase

Su Coinbase, oltre al tradizionale acquisto e conversione di valuta e criptovalute, è possibile utilizzare Earn Compound, una funzione tramite la quale si può ottenere un pagamento in valuta digitale, in cambio della visione di video a scopo didattico, che spiegano le funzionalità di alcune criptovalute. Gli ideatori infatti, con lo scopo di pubblicizzarle e farle conoscere a un più vasto pubblico, sono disposti a ricompensare gli utenti che guardano e rispondono ad alcune semplici domande in relazione al contenuto dei video.

Non solo pagamenti ma interessi pagati sulle criptovalute. Compound è un servizio basato sulla blockchain Ethereum, tramite il quale è possibile, una volta ottenuta la propria ricompensa in criptovalute, metterla a disposizione nel sistema. Questo consente di effettuare o ottenere dei prestiti senza necessità di intermediari finanziari e senza restrizioni di natura patrimoniale, eccetto che per la quantità di valuta disponibile diversa per ogni criptovaluta chiesta in prestito.

L’intero processo è automatico e gestito dalla blockchain alla quale è affidato il servizio. Compound connette creditori e debitori per mezzo di uno smart contract, è possibile perciò lasciare depositate le proprie monete e vederne fruttare il valore in base ai loro tassi di interesse, in relazione alla quantità disponibile di ogni specifica criptovaluta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *