Monete, avete mai visto questo disegno? Meglio controllare: quanto valgono

Monete che forse non avremmo mai definito preziose e che invece nascondono tutta la loro originalità e l’elevato valore in alcuni casi.

10 cent Botticelli
10 cent Botticelli (Adobe)

Quasi vent’anni di euro ed abitudini del tutto cambiate, almeno per noi italiani. Abituati, com’eravamo a tagli dal valore nominale molto più alto, almeno numericamente, con l’avvento dei centesimi, più di tutti siamo in qualche modo tornati ad un concetto assai sconosciuto rispetto ai tagli della moneta che man mano avrebbe conquistato le nostre abitudini e passo passo ogni aspetto della nostra vita. Oggi a distanza di quasi vent’anni, ragionare in centesimi può sembrare la cosa più naturale di questo mondo.

Tra le monete più particolari, tra quelle che nel corso degli anni si sono avvicendate, per la verità poche, abbiamo quella da 10 cent definita “Botticelli”, per la raffigurazione della Venere che ne caratterizza una delle due facciate. In quel caso, in alcuni paesi, quella moneta può avere un valore molto al di sopra di quello suo classico, nominale insomma. E’ il cado sella moneta maltese, che può arrivare a valere anche 1 euro. Certo può sembrare non tantissimo, ma consideriamo che parliamo di 10 volte il valore iniziale.

10 cent Botticelli: errori di conio che possono valere oro

Altro fattore che potrebbe determinare un aumento inaspettato del valore di una moneta, chiaramente di ogni moneta, ed in questo caso specifico di quella da 10 cent definita Botticelli, è lo stato di conservazione. Fattore ancora più determinante può essere rappresentato dall’eventualità di una versione stampata male in fase di conio. In questo possiamo far presente l’esempio della serie coniata proprio nel 2002 che in alcune monete portava un grossolano errore di stampa.

La scritta, per l’appunto, 10 cent, risultava in qualche modo spostata di 180°, questo particolare, per niente irrilevanti ha portato quella specifica serie, nei suoi pochi esemplari ad avere un valore molto vicino ai 230 euro, tantissimo se consideriamo il fatto che la moneta è tutt’ora incorso, ed il suo valore nominale è sempre 10 cent.

LEGGI ANCHE >>> Una moneta unica, 2 euro che valgono sempre di più: 2500 motivi per averla

Ad ogni moneta un particolare degno di nota, insomma. Valutazioni spesso considerate poco rilevanti ma che invece nascondono forse anche tutto il potenziale futuro della moneta stessa. Riflessioni da fare, da considerare, molto interessanti ed ipoteticamente fruttuose.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *